Sign in to follow this  
stege

Mac-fotografi discutiamo dei nostri workflow

Recommended Posts

li fa anche aperture con questo plug in (forse per aperture 2..)

E ti assicuro che se devi fare un HDR o qualche ulteriore modifica (contrato/luminosita'/bilanciamento colore) e' meglio farla senza bordi. Io utilizzo il classico bordo bianco e nero (vedi qualche foto in "I migliori scatti") e se facessi le correzioni con i bordi gia' presenti, questi diventerebbero grigi :)

Comunque si', utilizz(iam)o software diversi per ovviare alle mancanze di altri programmi. Anche se, con un po' di pazienza, si potrebbe fare tutto con un solo programma.

Share this post


Link to post
Share on other sites

io sono al di fuori di questo discorso, poiché non modifico le foto.. al massimo ho applicato un filtro come l'ultima postata.. e faccio ogni tanto esperimenti, ma niente di che..

il plug in l'ho trovato sul sito apple, cercando info su aperture 3.. ecco tutto..

pensavo potesse servire a voi, non a me...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il metodo che seguivo fino ad adesso, ma forse cambierò con la versione definitiva di Lightroom 3

1) Copio direttamente i file raw (non scatto mai in altri formati) dalla scheda ad una cartella, nominata in modo chiaro e preciso (lavoro, data, etc.), posta sul mio HD interno, e ne faccio subito una copia su un HD esterno riservato all'archivio delle mie foto. Per questo uso sempre un card-reader e non trasferisco mai i file direttamente dalla macchina fotografica (un ottimo modo per allungare la vita del card-reader delle macchine fotografiche)

2) Trascino quindi il folder sull'icona di Expression Media situata nel doc. Il programma si apre, le anteprime delle foto appaiono. Le seleziono tutte e ci abbino i tag più rappresentativo già esistenti oppure ne creo dei nuovi. In seguito guardo le immagini una ad una e vi metto un voto in stelline, da zero a cinque. Poi ripasso tutte le immagini segnate da quattro e cinque stelle per scegliere quali sviluppare in seguito. Mi può capitare di scegliere ultimamente queste foto attribuendole anche un colore. Per esempio una foto a 5 stelle potrebbe essere molto buona, ma un dettaglio di una foto a quattro stelle potrebbe essere migliore e quindi usato in seguito in fase di fotomontaggio quindi le segno tutte e due con lo stesso colore.

Perché uso EM questo software che probabilmente nessuno di voi usa?

Semplicemente perché come catalogatore di media (non solo di foto) non hanno ancora fatto di meglio. È velocissimo nella creazione delle anteprime, anche di grandi dimensioni, gestisce le parole chiave gerarchiche (e solo per questo ne fa un must), permette di visualizzare l'aspetto di un'immagine corretta con un editore esterno con le correzioni (nessun altro lo fa). Per esempio se correggo una foto con Capture NX, in Expression Media vedo il file NEF corretto (in Lightroom o Aperture lo vedrei totalmente grezzo). Inoltre permette di condividere la libreria su più posti di lavoro (si può aprire il file su più computer contemporaneamente) cosa notevole per il lavoro di gruppo (e pure questo non lo fa nessun altro). Ad ogni modo con Snow Leopard c'è un bug che non permette più di visualizzare le foto corrette in Capture NX con le correzioni, ragione per la quale sto aspettando la versione finale di Lightroom 3 per potere decidere come comportarmi in futuro, poiché sembra che alla Microsoft non stiano facendo nulla per risolvere il problema...

3) Direttamente da EM scelgo con quale editor aprire l'immagine.

Uso NikonCapture NX2, Lightroom 2 e 3 beta, Photoshop, secondo i casi e le necessità.

Generalmente uso NikonCapture NX2, ma ultimamente sto usando sempre di più Lightroom 3 beta.

Aperture lo uso solo se mi serve per fare il tethering di qualche macchina fotografica strana (Canon per esempio) poiché Lightroom non ti dà (per il momento) questa possibilità, almeno non semplicemente.

4) Quindi effettuo gli aggiustamenti necessari con uno dei programmi citati precedentemente, e poi, se non era già in Photoshop, registro il file sempre in Tiff a 16bit (parlo di lavori pro, per gli altri m'accontento spesso di 8 bit) per apportare le ultime correzioni e ritocchi in Photoshop.

5) Una volta finite tutte le lavorazioni e correzioni in Photoshop, registro le foto nel formato appropriato alle necessità successive (print, press, web, mail, etc.), a volte in diversi formati e comunque sempre in Tif LZW con i layers compressi poiché è l'unica immagine finale che terrò sul mio disco di archivio esterno una volta il lavoro finito e utilizzato (il folder situato sul mio HD interno va quindi definitivamente cancellato).

6) Faccio subito un back-up su un'altro HD esterno e periodicamente anche su DVD (così ho sempre [almeno] tre copie di tutto...)

Share this post


Link to post
Share on other sites

uhm... anche a me da fastidio perdere le correzioni di NX in Aperture :( o Anteprima...

Il tuo flusso di lavoro Alain penso sia efficace se ti dedichi ad un progetto alla volta... mi sembra che si intraveda il fatto che lo fai di professioni per cui ragioni piú per "cliente" esatto? nella tua organizzazione.

In effetti é il modo in cui mi trovo a "lavorare" (piú o meno) quando "lavoro" su progetti specifici (competizioni fotografiche o progetti particolari)

Peró, se si salta da un "progetto" all'altro trovo che sia meglio affidarsi a programmi quali Aperture e Lightroom...

Una domanda, che intendi con parole chiave gerarchiche? e poi le keyword sono "importate" anche in Lightroom/Aperture?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Molto interessante Alain, grazie per la dettagliata spiegazione.

Cosa intendete che non potete visualizzare le modifiche fatte con NX?

Io quando salvo sia che esporto in jpeg sia che lo faccia in TIF le modifiche comunque mi vengono salvate, e se poi apro il file con un altro programma le vedo, o no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si stege, il problema é se vuoi continuare a lavorare sul RAW

Nonostante il RAW sia ottimizzato da NX se lo importi in Aperture o lo visualizzi con Anteprima lo visualizzi come se non fosse stata fatta alcuna modifica

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una domanda, che intendi con parole chiave gerarchiche? e poi le keyword sono "importate" anche in Lightroom/Aperture?

Questo

Posted Image

Diventa poi velocissimo fare una ricerca

Per aggiungere i tag basta fare un drag&drop sulle iconcine. Se per esempio lo faccio su "Dettaglio" avrò automaticamente i tag Ilalia, Belvedere Fogliense e Dettaglio.

Non so se c'è un limite alla nidificazione, non ho mai provato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Molto interessante Alain, grazie per la dettagliata spiegazione.

Cosa intendete che non potete visualizzare le modifiche fatte con NX?

Io quando salvo sia che esporto in jpeg sia che lo faccia in TIF le modifiche comunque mi vengono salvate, e se poi apro il file con un altro programma le vedo, o no?

Significa che usando il motore del produttore vedo in EM le foto come sono con le correzioni effettuate con i software nativi dei vari produttori.

Posted Image

Purtroppo con Snow Leopard non funziona più per via di un bug non ancora risolto...

Se salvi in un formato diverso dal raw (tif, jpeg, png, etc.) vedi la foto esattamente com'è poiché hai modificato i pixel effettivi dell'immagine.

Quando fai una correzione su un raw non modifichi i pixel del file originale, ma solo un file incorporato (o anche un xml esterno) di descrizione delle correzioni effettuate. Il motore di rendering di EM non fa altro che leggere questo file di correzione e quindi ti fa vedere le foto con il risultato ottenuto con software nativo (Capture NX, Capture, etc)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo averli snobbati per anni ho rivalutato il trittico di applicazioni Nikon.

1) scatto solo in raw (.nef)

2) importazione (da lettore di schede, mai direttamente dalla fotocamera) delle foto con Nikon Transfer, con salvataggio in cartella nominata automaticamente con la data corrente e numero progressivo su disco interno dedicato solo alle foto.

Questo sarà il "magazzino" dei file raw.

I file vengono salvati in automatico anche su un'altra posizione (disco esterno usb) come backup.

3) alla fine del trasferimento i file vengono automaticamente aperti in Nikon View. A tutto schermo li visiono uno a uno velocemente e applico loro un "bollino" di colori diversi: rosso=scartare - verde=ok - blu=da rivedere

Alla fine della visione seleziono i rossi e li cancello.

4) apro la cartella appena creata in Capture NX2.

Se ci sono gruppi omogenei di foto che non abbisognano di interventi decisi sull'esposizione, applico in batch delle regolazioni standard che ho salvato. Esempio: per le foto di mia figlia in interno ho un preset con WB, pre-sharpening, contrasto e saturazione leggerissimi.

Foto particolari vengono trattate singolarmente.

I file vengono salvati in jpg alla massima qualità in una cartella situata all'interno della cartella stessa dei raw.

Immagini che so già verranno ulteriormente ritoccate con PS, vengono salvate in Tiff.

4) la cartelle delle immagini convertite in jpg o tiff vengono trascinate all'interno di Lightroom che provvede automaticamente ad archiviarle e dividerle per data di scatto.

5) in Lightroom applico i tag e procedo al ritocco eventuale con Photoshop.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this