Sign in to follow this  
Harbour

Data Rescue 10.4.3 localizzato in italiano

Recommended Posts

Prova con Data Rescue.

Mi è successa una cosa simile di recente.

Da un giorno all'altro il D2 non veniva montato sulla scrivania.

Però Utility Disco lo vedeva e lo "riteneva" a posto... l'icona del volume però era un foglio bianco (soprattutto, non vedeva né documenti né cartelle); seguendo le indicazioni del supporto tecnico, ho provato sia con DiskWarrior (anche questo programma portava a termine con "successo" le operazioni ma non montava il disco) che con Data Rescue: con questo sono riuscito a recuperare tutti i dati e poi ho riformattato il disco.

Nel mio caso, ritengo si fosse corrotto un file necessario al sistema per caricare il disco (tipo il Catalog B-Tree o qualcosa di simile)... infatti il contenuto era intonso.

Potresti provare anche tu... tentar non nuoce.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prova con Data Rescue.

Mi è successa una cosa simile di recente.

Da un giorno all'altro il D2 non veniva montato sulla scrivania.

Però Utility Disco lo vedeva e lo "riteneva" a posto... l'icona del volume però era un foglio bianco (soprattutto, non vedeva né documenti né cartelle); seguendo le indicazioni del supporto tecnico, ho provato sia con DiskWarrior (anche questo programma portava a termine con "successo" le operazioni ma non montava il disco) che con Data Rescue: con questo sono riuscito a recuperare tutti i dati e poi ho riformattato il disco.

Nel mio caso, ritengo si fosse corrotto un file necessario al sistema per caricare il disco (tipo il Catalog B-Tree o qualcosa di simile)... infatti il contenuto era intonso.

Potresti provare anche tu... tentar non nuoce.

Cavolo Teo, e DiskWarrior non metteva a posto la cosa?

E' veramente strano perchè DW è l'unico che non ripara ma ricostruisce le directories.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cavolo Teo, e DiskWarrior non metteva a posto la cosa?

E' veramente strano perchè DW è l'unico che non ripara ma ricostruisce le directories.

Disk Warrior eseguiva le sue operazioni con successo... è questa la cosa strana.

Tutti i programmi utilizzati (compreso TechTool) vedevano il disco e non riscontravano problemi, ma non riuscivano evidentemente a riparare quel file corrotto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Attualmente DiskUtility lo vede ma si rifiutadi ripararlo o analizzarlo, Dw mi dice che ci sono alune directory che per essere riparate bisogna fare il boot dal suo cd, se lo faccio mi dice che è tutto a posto ( ma non è vero)... Cmq allo stato attuale il disco è tornato a montarsi sulla scrivania, è velocissimo, i files ci sono tutti, le icone sono corrette, le dimensioni sono giuste ma nessuno ( tranne i pdf) si apre...i messaggi sono sempre gli stessi: "Marcatore jpg non corretto" "header illeggibile" oppure file inesistente"...

...Sono sempre più angosciato...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo software della Prosoft Engineering Inc. non dovrebbe mancare ad un macuser che ha la passione o la necessità di espandere il proprio mac con un 2°, un 3° hard disk e/o con hard disk esterni collegabili in vario modo al o ai computer. Giusto un anno fa ho localizzato la vecchia versione di Data Rescue, che non finirò mai di ringraziare per avermi recuperato completamente un hard disk di backup (massacrato con le Norton) sul quale avevo immagazzinato qualche anno di lavoro, in segno di riconoscenza per avermi salvato da una “brutta fineâ€.

In questi ultimi tempi ho ricevuto diverse mail da parte di macuser alle prese con problemi analoghi a quello che ho avuto personalmente, so pertanto di fare cosa particolarmente gradita nel presentare la localizzazione dell’ultima versione di Data Rescue II 1.1 che aiuta sicuramente a comprendere meglio le molte opzioni di utilizzo del software.

Per coloro che ancora non conoscono questo formidabile software riporto di seguito le caratteristiche illustrative così come le descrive lo sviluppatore:

“Data Rescue della Prosoft Engineering è un programma di facile utilizzo che aiuta il recupero dei tuoi files e cartelle da un hard drive crashato o corrotto, da floppy drive, I dati recuperati sono salvati su un altro volume, lasciando intatto il drive originario.

La strategia di Data Rescue per trovare files persi è differente e migliore dalle strategie usate da altri tools. Non solo troverà i tuoi dati in situazioni dove gli altri tools falliscono, ma li recupererà, inoltre, in condizioni migliori, ripristinando le icone, le date ed, in molti casi, persino la gerarchia delle cartele.

Data Rescue si focalizza sul recupero dei dati in contrasto con la riparazione del hard drive. Il tuo intero hard drive sarà esaminato per il contenuto dei files, ignorando le directory corrotte. Questa è una delle ragioni del perchè Data Rescue ha maggior successo rispetto alle 'riparazioni' di molte utilities presenti sul mercato. I dati del drive sono esaminati scrupolosamente e i files sono meticolosamente immagazzinati in una posizione sicura. Con una intensa valutazione manuale, o per mezzo dei potenti tools ed help del software, questo è il processo di recupero dati che i professionisti usano abitualmente per ripristinare i dati dei loro clienti.

Perchè? Poichè questo è il solo mezzo certo per un recupero sicuro dei tuoi dati.â€

Data Rescue II 1.1 (gia compilato in UB) richiede Mac OS X 10.2.7 si può provare come demo recuperando un file fino a 5 Mega ed è acquistabile per un pieno utilizzo per $ 99.

Rispetto alla vecchia versione i miglioramenti sono di grande qualità, oltre ad una capacità di ricerca e recupero ancora migliorata, è stata introdotta la possibilitè di recuperare file erroneamente cancellati (non tutti) e la capacità di clonare hard disk.

Sappiamo che gli hard disk rappresentano l’anello debole fra i dispositivi di registrazione di dati, perché sono soggetti a logoramento (personalmente mi è anche capitato di acquistare un Seagate da 400 G che si è piantato dopo due giorni!) e che pertanto si tratta solo di stabilire “quando†ma prima o dopo succederà che ci lasciano nel guano, per cui prima di tutto backup , backup ed ancora backup, ma se per caso succede quello che pensiamo non debba mai succedere, sapere che c’è un software del genere non può che fare piacere.

La localizzazione in italiano è stata particolarmente lunga (sono più di 1200 stringhe) perché comprende anche informazioni (tradotte) sulle diverse forme di recupero dei files, cosa particolarmente utili per individuare la migliore soluzione da adottare, in ogni caso è liberamente scaricabile, nella sezione download, a partire dal link:

http://www.pierinodonati.it/index.php

Cordiali saluti.

Pierino Donati

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusate ma non riesco a capire. Ho cancellato un cartella importante e ho svuotato il cestino. Purtroppo non ho cancellatto tutto ma è rimasta un'immagine gif in una sotto cartella.

Ora mi domando è possibile che tutti i file rinchiusi all'interno della cartella si siano dispersi qua e la? Che dovrei fare cancellare anche l'ultimo file e "liberare" tutte le cartelle collegate o semplicemnte ripristinare tutti i giga recuperati e poi spulciarli alla ricerca di quello che mi serve?

Qlc si è mai torvato con una cancellazione parziale?

Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo software della Prosoft Engineering Inc. non dovrebbe mancare ad un macuser che ha la passione o la necessità di espandere il proprio mac con un 2°, un 3° hard disk e/o con hard disk esterni collegabili in vario modo al o ai computer. Giusto un anno fa ho localizzato la vecchia versione di Data Rescue, che non finirò mai di ringraziare per avermi recuperato completamente un hard disk di backup (massacrato con le Norton) sul quale avevo immagazzinato qualche anno di lavoro, in segno di riconoscenza per avermi salvato da una “brutta fineâ€.

In questi ultimi tempi ho ricevuto diverse mail da parte di macuser alle prese con problemi analoghi a quello che ho avuto personalmente, so pertanto di fare cosa particolarmente gradita nel presentare la localizzazione dell’ultima versione di Data Rescue II 1.1 che aiuta sicuramente a comprendere meglio le molte opzioni di utilizzo del software.

Per coloro che ancora non conoscono questo formidabile software riporto di seguito le caratteristiche illustrative così come le descrive lo sviluppatore:

“Data Rescue della Prosoft Engineering è un programma di facile utilizzo che aiuta il recupero dei tuoi files e cartelle da un hard drive crashato o corrotto, da floppy drive, I dati recuperati sono salvati su un altro volume, lasciando intatto il drive originario.

La strategia di Data Rescue per trovare files persi è differente e migliore dalle strategie usate da altri tools. Non solo troverà i tuoi dati in situazioni dove gli altri tools falliscono, ma li recupererà, inoltre, in condizioni migliori, ripristinando le icone, le date ed, in molti casi, persino la gerarchia delle cartele.

Data Rescue si focalizza sul recupero dei dati in contrasto con la riparazione del hard drive. Il tuo intero hard drive sarà esaminato per il contenuto dei files, ignorando le directory corrotte. Questa è una delle ragioni del perchè Data Rescue ha maggior successo rispetto alle 'riparazioni' di molte utilities presenti sul mercato. I dati del drive sono esaminati scrupolosamente e i files sono meticolosamente immagazzinati in una posizione sicura. Con una intensa valutazione manuale, o per mezzo dei potenti tools ed help del software, questo è il processo di recupero dati che i professionisti usano abitualmente per ripristinare i dati dei loro clienti.

Perchè? Poichè questo è il solo mezzo certo per un recupero sicuro dei tuoi dati.â€

Data Rescue II 1.1 (gia compilato in UB) richiede Mac OS X 10.2.7 si può provare come demo recuperando un file fino a 5 Mega ed è acquistabile per un pieno utilizzo per $ 99.

Rispetto alla vecchia versione i miglioramenti sono di grande qualità, oltre ad una capacità di ricerca e recupero ancora migliorata, è stata introdotta la possibilitè di recuperare file erroneamente cancellati (non tutti) e la capacità di clonare hard disk.

Sappiamo che gli hard disk rappresentano l’anello debole fra i dispositivi di registrazione di dati, perché sono soggetti a logoramento (personalmente mi è anche capitato di acquistare un Seagate da 400 G che si è piantato dopo due giorni!) e che pertanto si tratta solo di stabilire “quando†ma prima o dopo succederà che ci lasciano nel guano, per cui prima di tutto backup , backup ed ancora backup, ma se per caso succede quello che pensiamo non debba mai succedere, sapere che c’è un software del genere non può che fare piacere.

La localizzazione in italiano è stata particolarmente lunga (sono più di 1200 stringhe) perché comprende anche informazioni (tradotte) sulle diverse forme di recupero dei files, cosa particolarmente utili per individuare la migliore soluzione da adottare, in ogni caso è liberamente scaricabile, nella sezione download, a partire dal link:

http://www.pierinodonati.it/index.php

Cordiali saluti.

Pierino Donati

che tu sappia questo software è in grado quindi anche di farti recuperare il file contenente la libreria di iTunes erroneamente cancellato dopo una sincronizzazione od altro?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riporto quanto ho già postato in risposta ad una richiesta similare alla tua:

Rimaneva DataRescue II che è stato migliorato moltissimo ed infatti ha una sezione apposita per il recupero dei files cancellati, non tutti però, ed ecco quelli (per tua informazione) che ho potuto verificare:

- Archivi: tutti i files .dmq, .gz .sit e .zip

- Audio: i files .aiff, .mp3, .wav e .m4a

- Documenti: i files di Excel, di FileMaker Pro, .htm, di Microsoft Office (tutte le configurazioni), .pdf, .rtf,

- Immagini: i files .eps, .gif, .jpeg, .png, e i files di Photoshop, .tiff

- Mail: i files di Mail e di Entourage

- Misc: i files .pef, .rsrc e le librerie di iTunes in .xml

- Movie: i files .swf, .mpg, .mov, e .iMovieProj

Che tu sia fra i fortunati?

In bocca al lupo!

Ciao

Pierino

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con questo aggiornamento minore la Prosoft Engineering Inc. ha introdotto alcuni ulteriori miglioramenti che anche se non sono di grandissima rilevanza consolidano ancora di più la grande popolarità di cui gode uno dei migliori software, per il recupero dati, mai realizzati per Mac.

Ho personalmente potuto constatare le grandi capacità nel recuperare file di cui è dotato Data Rescue quando mi ha recuperato un intero Hard Disk che sembrava irrimediabilmente perso.

Le numerose mail che ho poi ricevuto, in questi ultimi mesi, da parte di molti altri mac user che si sono salvati proprio grazie a questo software mi ha spinto a aggiornare immediatamente la localizzazione predisposta per la precedente versione per renderla compatibile con la 1.1.1, rilasciata da pochi giorni.

Anzi con l’occasione ho completato la traduzione di alcuni file di help che nella precedente versione erano rimasti da localizzare.

Per coloro che ancora non fossero a conoscenza delle caratteristiche principali di questo formidabile software le riporto qui di seguito così come indicate sul sito dello sviluppatore:

“Data Rescue della Prosoft Engineering è un programma di facile utilizzo che aiuta il recupero dei tuoi files e cartelle da un hard drive crashato o corrotto, da floppy drive, I dati recuperati sono salvati su un altro volume, lasciando intatto il drive originario.

La strategia di Data Rescue per trovare files persi è differente e migliore dalle strategie usate da altri tools. Non solo troverà i tuoi dati in situazioni dove gli altri tools falliscono, ma li recupererà, inoltre, in condizioni migliori, ripristinando le icone, le date ed, in molti casi, persino la gerarchia delle cartelle.

Data Rescue si focalizza sul recupero dei dati in contrasto con la riparazione del hard drive. Il tuo intero hard drive sarà esaminato per il contenuto dei files, ignorando le directory corrotte. Questa è una delle ragioni del perchè Data Rescue ha maggior successo rispetto alle 'riparazioni' di molte utilities presenti sul mercato. I dati del drive sono esaminati scrupolosamente e i files sono meticolosamente immagazzinati in una posizione sicura. Con una intensa valutazione manuale, o per mezzo dei potenti tools ed help del software, questo è il processo di recupero dati che i professionisti usano abitualmente per ripristinare i dati dei loro clienti.

Perchè? Poichè questo è il solo mezzo certo per un recupero sicuro dei tuoi dati.â€

Con la 1.1.1 sono stati introdotti i seguenti miglioramenti:

- sono stati apportati cambiamenti per facilitare le localizzazioni,

- sono stati eseguiti bug-fix minori ed altri miglioramenti per aumentare la robustezza,

- è ora supportato il booting con i computer più recenti.

Data Rescue II 1.1.1 richiede Mac OS X 10.2.7 si può provare come dimostrativo recuperando un file fino a 5 Mega ed è acquistabile per un pieno utilizzo per $ 99.

Sappiamo che gli hard disk rappresentano l’anello debole di un computer, perché sono soggetti a logoramento, per cui si tratta solo di stabilire “quando†ma prima o poi succede che ci lasciano nella disperazione più nera, pertanto pur sapendo che un regolare backup è sempre la soluzione migliore, sapere che esiste Data Rescue non può che essere di conforto.

La localizzazione in italiano (piuttosto complessa) comprende ora la completa traduzione delle informazioni relative alle diverse forme di recupero che ci vengono fornite dall’assistente, informazioni molto utili per individuare la migliore soluzione da adottare per il recupero dei file.

Curiosamente, nonostante fossero presenti le stringhe, non è stato possibile localizzare la finestra delle preferenze.

La cartella della localizzazione (un po’ pesantina) è liberamente scaricabile, nella sezione download, a partire dal link:

http://www.pierinodonati.it/index.php

Anche in questo caso informo che per evidenti motivi di sicurezza è preventivamente richiesta la registrazione, similmente a quanto hanno dovuto fare molti altri siti che consentono all’utente di interagire con il sito stesso.

Cordiali saluti.

Pierino Donati

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti!

Disperazione... ieri ho per sbaglio cancellato circa 500 MB di foto dal mio powerbook (tra l'altro foto di miei amici in visita!!!). Dopo aver visitato un po' il forum, ho provato con datarescue II, ma nonostante mi abbia recuperato circa 100 MB di foto, i file sono tutti danneggiati e mi mostrano solo metà foto, o foto pieni di righe. Devo mettere da parte ogni speranza o posso provare con qualche altro programma, tipo Filesalvage (o altro?). O mi conviene provare a recuperare dalla scheda della macchina fotografica (che però è stata usata in questi giorni)? Aspetto con ansia qualche consiglio... Grazie!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusa, riguardo a Data Rescue,

- hai cercato di recuperare subito i file cancellati?

- immagino poi che hai, in ogni caso, usato (oltre all'ultima versione del software) la scansione completa o file cancellati e non la veloce.

La prima domanda è fatta per capire se hai già sovrascritto altri file sull'HD, cosa evidentemente da evitare prima di aver completato il recupero dei file.

Quanto alla domanda se si può usare un'altro software per tentare il recupero, certo che si può fare, l'importante è sempre non scrivere altri file sopra l'HD 'incriminato'

Ciao

Pierino

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this