Sign in to follow this  
creativedefender

wireless legale o non legale

Recommended Posts

SI TRATTA DI CAPIRE QUESTA SENTENZA DELLA CASSAZIONE

IL CASO DA ME TRATTATO è IL CASO DI UNA WI FI SENZA PASSWORD CHE NON NECESSITA DI NESSUNA FORZATURA PER L ACCESSO E CHE NON PREVEDE CHE SI VADA IN GIRO A CACCIA DI WI FI LIBERE MA DEL VICINO ******** CHE SCROCCA.

Inoltre il sistema deve essere protetto da "misure di sicurezza", dovendosi intendere

per esse (secondo la relazione ministeriale di accompagnamento alla legge 547/93) quei mezzi

di protezione logici o fisici, materiali o personali, che rivelino la volontà del titolare dello ius

excludendi di riservare l’accesso e/o la permanenza nel sistema alle sole persone da lui

autorizzate. Così in tale ampio concetto di m.d.s. rientrano senza dubbio le cd. protezioni

logiche atte a proteggere l’elaboratore sia da accessi da vicino (es. le chiavi elettroniche, le

password, le sequenze alfa-numeriche, i codici d’accesso, i certificati digitali, le caratteristiche

biometriche…), sia da accessi da remoto (es. il "firewall"9), ma vi rientrano altresì le protezioni

"fisiche"10 come l’adozione di un servizio di vigilanza o di sistemi di videosorveglianza ovvero di

porte blindate, chiavi fisiche, lucchetti etc. La S.C. ha chiarito che ha al riguardo rilevanza

«qualsiasi meccanismo di selezione dei soggetti abilitati all’accesso al sistema informatico,

anche quando si tratti di strumenti esterni al sistema e meramente organizzativi, in quanto

destinati regolare l’ingresso stesso nei locali in cui gli impianti sono custoditi»11.

A questo punto si impongono talune precisazioni. In primis, tenendo conto anche della

lettera della norma, non è richiesta una particolare efficacia o adeguatezza delle m.d.s. stesse,

ergo basterebbe un qualunque strumento di protezione, anche banale o facilmente aggirabile,

e ciò in quanto il legislatore, nel richiedere (ai fini della configurabilità del reato) la sussistenza

di m.d.s., ha voluto solo specificare che esse debbono considerarsi quale elemento in grado di

rendere esplicita o comunque inequivoca la volontà di riservare l’accesso a determinate

persone12. La violazione dei dispositivi di protezione, se vista in tale ottica, sembrerebbe non

assumere rilevanza di per sé, «bensì solo come manifestazione di una volontà contraria a

quella di chi del sistema legittimamente dispone. Non si tratta, perciò, di un illecito

caratterizzato dall’effrazione dei sistemi protettivi, perché altrimenti non avrebbe rilevanza la

condotta di chi, dopo essere legittimamente e ntrato nel sistema informatico, vi si mantenga

contro le disposizioni del titolare»13.

È pur vero comunque che un qualche strumento, hardware o software, ovvero fisico, o

altresì una particolare procedura organizzativa, deve sussistere acciocché si possa parlare di

accesso abusivo ex art. 615ter cp14; insomma debbono esservi m.d.s.15, quali che esse siano e

quale che ne sia l’idoneità, sempre che ovviamente siano "attuali"16, i.e. attive e funzionanti,

altrimenti il delitto non sarebbe oggettivamente perfetto in tutti i suoi elementi costitutivi. E

infatti la stessa S.C., con una decisione che stranamente non ha avuto la giusta eco che invece

le sarebbe spettata, sembra aver abbandonato la precedente impostazione sull’importanza

delle m.d.s. solo come "manifestazione di una volontà contraria a quella di chi del sistema

legittimamente dispone", e ha invece affermato che «non è ravvisabile la condotta contestata

(quella di cui all’art. 615ter cp, n.d.r.) in quanto il sistema informatico nel quale l'imputato si

inseriva abusivamente non risulta obiettivamente (…) protetto da misure di sicurezza, essendo

anzi tale sistema a disposizione dell'imputato in virtù delle mansioni affidategli per ragioni di

ufficio»17.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Assolutamente no!!!

Tu navighi ma non cerchi di forzare una sua postazione per entrare nei suoi computer o sì??

Ma che c'entra!!!! Stai usando una CONNESSIONE ALTRUI.... Telecom o qualsiasi ISP, quando eroga un IP del suo pool ad un cliente, sotto chiare clausole contrattuali PROIBISCE che l'uso di questo IP (quindi della connessione) venga usato da chiunque eccetto da chi sottoscrive il contratto. (1) E poi al di la' del danno fiscale all'ISP, ti inserisci FISICAMENTE (sin dal momento in cui il tuo Mac address viene aggiunto alle periferiche connesse a quel router) nella rete di qualcun altro. Guarda che se parlo non dico cose a caso, la mia professione fa si che io sia a contatto giorno dopo giorno con esperienze coem queste. Il warwalking e il wardriving sono reati, e' reato informatico, e' violazione della privacy, e' violazione di una rete TELEMATICA senza autorizzazione. C'e' un avvocato in questo forum? Magari a lui crederete.. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

:P MICHELE io sto cercando di capire perche il moroso di mia sorella(avvocato) dice che è reato poi ha letto questa sentenza e dice che probabilmente non lo è poi sono andato a avvocati.it e mi hanno detto di no poi tu dici di si ma insomma sta c.zzo di sentenza della cassazione secondo voi che dice?(quella che ho scritto nell messaggio di prima) mah ;)

perche vedi sembra,in base a questa sentenza, che per commettere un reato tu debbaentrare in una lan in cui sia chiaro che non si vogliano intrusi in questo caso manifestare di non volere nessuno dentro la tua lan..

come dire se non voglio nessuno in casa mia devo chiudere la porta perche se la lascio aperta e qualcuno entra e sta li nella mia poltrona massaggiante e io non dico niente non posso un bel giorno farlo entrare e appena è entrato chiamare la polizia e dire io avevo la porta aperta lui è entrato si è accomoddato sulla mia sedia (la sta usando) e quindi deve andare in galera...oppure è come dire io ho un bar lo lascio aperto ma chiamo la polizia se entra qualcuno perche io non ci voglio nessuno dentro....cioè almeno scrivi che il bar è chiuso se non vuoi che la gentevenga dentro e usi i tuoi tavolini sedie etc

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guarda io non sono Dio (x fortuna :P) e sopratutto non sono presuntuoso, posso sbagliare, restano mie opinioni ma so solamente che tutti quelli che conosco (avvocati e non) mi hanno sempre assicurato che e' un reato, mi hanno detto che articoli si violano, ed effettivamente se l'italiano non e' un'opinione il ragionamento non fa una piega. Io ti consiglierei di fidarti del ragazzo di tua sorella, non dico che su avvocati.it non sanno quello che scrivono, ma magari la situazione che hai letto presenta dei retroscena non bene in vista, non sai il l'inherit della situazione quale sia per filo e per segno.... io ti sto dicendo che in generale nero su bianco se ti connetti abusivamente (=senza permesso) ad una connessione WiFi, sei reo :) saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites

" che c'entra!!!! Stai usando una CONNESSIONE ALTRUI.."

C'entra. Come c'entra quando entri in un access poin, o fruisci di una rete wireless.

Se ho scrtitto che oggi Telecom fornisce il servizio wireless senza limitazioni sul numero di computer che possono accedere, vuol dire che, contrariamente a quanto avveniva prima (es. di Fastweb), e visto che si poteva aggirare con router o Airport (sconosciuta ai peecee), non limità l'accessibilità. Starà quindi al "proprietario" premunisi di chiudere la porta con una password. Se uno tenterà di accedervi forzando la password, allorà potrà essere perseguito.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guarda io non sono Dio (x fortuna :P) e sopratutto non sono presuntuoso, posso sbagliare, restano mie opinioni ma so solamente che tutti quelli che conosco (avvocati e non) mi hanno sempre assicurato che e' un reato, mi hanno detto che articoli si violano, ed effettivamente se l'italiano non e' un'opinione il ragionamento non fa una piega. Io ti consiglierei di fidarti del ragazzo di tua sorella, non dico che su avvocati.it non sanno quello che scrivono, ma magari la situazione che hai letto presenta dei retroscena non bene in vista, non sai il l'inherit della situazione quale sia per filo e per segno.... io ti sto dicendo che in generale nero su bianco se ti connetti abusivamente (=senza permesso) ad una connessione WiFi, sei reo :) saluti

guarda michele la mia non è una critica nei tuoi confronti, anzi è vero il contrario, cioè a me fa piacere che tu scriva il tuo punto di vista ma io sto solo cercando di capire. il fatto è questo alcuni dicono si altri dicono no. io ho solo riportato un pezzo della sentenza della cassazione e vorrei saper P.r.o mondo che diavolo significa vince il si o il no? :P :p :P :p

comunque se uno si vuole leggere tutta sta pappardella ma il pezzo che ho riportato io mi sembra il piu significativo(letta ultra veloce=possibile errore di interpretazione)

http://www.computerlaw.it/entry.asp?ENTRY_ID=207

Share this post


Link to post
Share on other sites

Temo che nessuno di noi ti possa dare in merito una risposta sicura al 100% perché,

alla fine, è un giudice che decide se tu hai commesso un reato più o meno grave, ci

sono sempre le aggravanti; certamente la pronuncia della cassazione è importante

perché costituisce un precedente ma non vale sempre e ovunque allo stesso modo.

Non dimentichiamoci anche che chi è chiamato a giudicare su questo tipo di reati

spesso non distngue, perché non ne è in grado, tra il client per la posta elettronica

ed il browser; non mi stupirei se alla fine non dovesse neanche riuscire a capire

cos'hai fatto realmente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

" che c'entra!!!! Stai usando una CONNESSIONE ALTRUI.."

C'entra. Come c'entra quando entri in un access poin, o fruisci di una rete wireless.

Se ho scrtitto che oggi Telecom fornisce il servizio wireless senza limitazioni sul numero di computer che possono accedere....

Ok, ma rimane il fatto che violi una rete telematica altrui.... che sia protetta o meno da password non importa, e' come se parcheggi l'auto in proprieta' privata, mi spiego? Guarda, dall'andamento della discussione puo' sembrare che voglia avere per forza ragione.... non e' cosi'.... ci terrei solo a chiarire la *disinformazione* che nel nostro paese come nel resto del mondo grava su questo fatto. Hai presente quando nei film gli hacker entrano in un server ed esce scritta la classica avvertenza: "WARNING: UNAUTHORIZED ACCESS, PLEASE LEAVE IMMEDIATELY".... qui siamo nell'esatto contrario: gli hotspot che dici tu (aereoporti, internet point, universita') esibiscono *apertamente* il consenso a collegarsi alla loro rete WiFi. Per fare di nuovo un esempio banale, che pero' rende l'idea: se giochi a pallone in un parco pubblico nessuno ti dice niente, perche' *e' permesso* starvi.... se invece cammini per strada, trovi una casa con la porta APERTA (perche' il padrone e' incauto e non chiude a chiave), ed entri, ti metti a cucinare, ti siedi sul suo divano guardi la sua tv.... commetti reato. Comunque sia se sto dicendo un mare di fesserie vuol dire che un mucchio di gente sbaglia, come me.... prosit :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caro amico, io posso darti pareri (perche' tutte le opinioni sono opinabili in quanto tali, scusa la cacofonia), ma non essendo un avvocato c'e' una possibilita' su N che io stia dicendo un cumulo di fesserie, in ambito GIURIDICO (perche' non e' il mio campo, seppure ho avuto esperienze di persone che come ti dicevo hanno subito un processo per aver commesso un reato informatico). In campo INFORMATICO, e qui posso parlare senza ombra di dubbio alcuna (pur rimanendo nei limiti dell'umanita' ovviamente) che, una rete telematica NON PROTETTA da password, appartiene al legittimo proprietario della medesima rete, e a nessun altro. In quanto "proprieta' privata", il criterio in base al quale altri utenti possono collegarsi a suddetta rete e' a sola discrezione del sys admin. A maggior ragione se non e' chiaramente CONCESSO l'utilizzo (e non il contrario), cio' implica una totale estreneita' dell'amministratore di rete a voler condividere la sua (W)LAN con il resto del mondo.

Io di piu' non so. Questo pero' te lo posso mettere per iscritto, nero su bianco :)

Buone cose

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this