Sign in to follow this  
Olomarcolino

Mac In Town a Roma. Se solo Jobs sapesse....

Recommended Posts

In Italia siete poco abituati a lamentarvi "concretamente" quando qualcosa non va, basta vedere come lasciate condurre la nazione senza fare nulla.

Come in molte altre cose, anche riguardo ai problemi di questo negozio ho potuto vedere i clienti che si lamentano ad alta voce tra di loro ma preferiscono cambiare punto vendita piuttosto che sollevare polemiche o contattare magari la casa madre, come invece ho fatto personalmente in un paio di occasioni.

Sono d'accordo. Sono italiano anch'io, ma è assolutamente vero che in Italia spesso si guarda dall'altra parte invece che affrontare le cose direttamente, e si possono fare tanti esempi.

Di dove sei, per curiosità?

Share this post


Link to post
Share on other sites

In Italia siete poco abituati a lamentarvi "concretamente" quando qualcosa non va, basta vedere come lasciate condurre la nazione senza fare nulla.

Tutto vero purtroppo...

Qualche mese fa portai un imac 2007 in assistenza (PSU bruciata) dove l'avevo comprato, un noto cash&carry.

Un burbero uomo al bancone dell'assistenza mi disse: "ah è un apple, questo è il numero da chiamare, regolati con loro". Ho risposto che lì l'avevo comprato e lì avrei avuto assistenza. Mi rispose "con lei ho finito di parlare".

Presi lo scatolone del mac, andai vicino alle casse ed a voce ben alta dissi (forse anche urlai): "un anno e mezzo fa ho comprato questo computer da 1729€ in questo stesso negozio, ora non funziona e mi stanno negando l'assistenza, vi consiglio di ragionare bene prima di fare il vostro acquisto".

Tempo venti picosecondi ed arriva il responsabile di tutta la baracca che si scusa a nome dell'impiegato, prende in custodia la macchina e dopo un mese me la restituirono riparata. Spese a mio carico ovviamente perché il care non l'avevo fatto ma porcapu77ana me lo riparate voi, punto.

Il giorno che mi presentai a ritirarlo c'era sempre il burbero. Mi venne un ghigno in faccia e dissi "hai visto che alla fine l'avete riparato, VOI?". Non mi disse niente, si limitò a girarsi e fare finta di parlare al telefono. Che soddisfazione. :)

Quanti altri avrebbero solo borbottato qualche imprecazione e scrollando le spalle avrebbero fatto il numerino di telefono sobbarcandosi poi spedizioni o viaggio in macchina al capoluogo di provincia?

Purtroppo hai ragione, gli italiani hanno preso l'abitudine a farsi trattare a pesci in faccia, che sia un negoziante, che sia alle poste, che sia dalle forze dell'ordine o davanti ad un contratto di lavoro con paghe da raccoglitori di cotone...che sia addrittura il proprio inno insultato dai politici, che poi vanno a votare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In Italia siete poco abituati a lamentarvi "concretamente" quando qualcosa non va, basta vedere come lasciate condurre la nazione senza fare nulla.

Come in molte altre cose, anche riguardo ai problemi di questo negozio ho potuto vedere i clienti che si lamentano ad alta voce tra di loro ma preferiscono cambiare punto vendita piuttosto che sollevare polemiche o contattare magari la casa madre, come invece ho fatto personalmente in un paio di occasioni.

Anch'io sono cresciuto all'estero, in GBR per la precisione, nazione per disgrazia della quale ho imparato il rispetto delle regole e, soprattutto, degli altri. Disgraziatamente perché, come te probabilmente, mi trovo con un bagaglio di civilità e di educazione straordinaria al confronto dei miei connazionali. E vivo molto male nella maleducata ed imbrogliona Roma.

A chi hai scritto te? Sono sicuro che, al contratrio di un qualsiasi imprenditore made in Italy, mr Jobs sarebbe felice di raccogliere le mie lamentele (nell'interesse del suo business) e prendere opportuni provvedimenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se in un reseller Apple cercate scortesia, aprofessionalità e sguardo saccente, recatevi all'Eur al Mac Intown di viale Oceano Atlantico..........

......

......

Da noi (lavoro nel marketing di un'azienda con 3.000 dipendentei e che ha 70 punti vendita su tutta Italia) i venditori o gli addetti all'assistenza vengono formati sul prodotto ma anche, soprattutto, sull'educazione ed il rispetto per il cliente.

Anch'io ho avuto un'esperienza negativa con quel negozio...

mi volevano far pagare 100 e passa euro per un difetto di conformità riconosciuto dalla apple, per il macbook..

insomma ho cambiato negozio, e in meno di 24 ore avevo il mio macbook riparato..

cmq oramai mi rivolgo sempre a roma est, solo almeno io so che bisogna prendere appuntamenti.. sono celeri ed efficienti.. e ti cambiano il pezzo in loco!

Share this post


Link to post
Share on other sites

anche il mio giudizio è negativo: ho una time capsule che si è rotta a gennaio, dopo 18 mesi (fuori granzia). Da Mac in town eur mi dicono che non si ripara ma si sostituisce al costo di 300eur, fuori garanzia. Mi consigliano di comprarla nuova a 270eur.

Rispondo che il problema è già noto, sono morte molte time capsule, io sono un tecnico, il problema è un alimentatore da 5eur che si surriscalda: decido di riparare da solo la time capsule. Cambio due condensatori: spesa 0,5eur + 5eur per la saldatura professionale.

Ieri, dopo altri 9 mesi, la time capsule muore di nuovo: da luglio esiste una risoluzione apple che riconosce il problema di produzione alle macchine col mio numero seriale, e fornisce una garanzia con sostituzione fino a 3 anni dall'acquisto.

Torno da Mac in Town: la tipa mi risponde che avendo io aperto la time capsule, ho perso ogni garanzia.

Tento di spiegare che non avevo altra scelta a febbraio, tra buttare un oggetto o tentare di ripararlo.

Spiego che ora che il problema è stato riconosciuto, è giusto che la macchina venga cambiata, visto che era un problema di fabbrica, anche la prima volta.

Mi risponde di chiamare apple... ma come non sono in un negozio apple?!?.. chiedo che chiamino loro, essendo io in un negozio apple... che razza di servizio... mi si risponde di andare a roma est, dalla apple.

Tento di parlare con un altro responsabile, la tipa si avvicina e lo invita bruscamente a non rispondermi.

Indignato vado a Roma Est, dove scopro... che è necessaria la prenotazione!

non vi dico la disperazione, io che vengo dall'eur e che ho passato due ore nel traffico ed ormai è orario di chiusura.

Tento di spiegare che mi hanno mandato quelli dell'eur, e non mi avevano avvisato della prenotazione.

Poco conta, il prossimo appuntamento è per il giorno dopo.

Spiego che vorrei solo capire se il time capsule può essere sostituito e per fortuna trovo due tecnici che capiscono il mio problema e, dopo qualche insistenza, lo risolvono applicando semplicemente i criteri delle regole e del buon senso.

Da oggi ho una nuova time capsule riprogettata con un nuovo alimentatore che non dovrebbe surriscaldarsi, a detta del tecnico: cmq la vecchia l'ho riparata grazie all' ottimo sito internet lapastenague

Non tornerò mai più a Mac in Town, ed inviterò i miei amici a non andarci.

Share this post


Link to post
Share on other sites

quello è un negozio che vende roba dell'apple da sempre.

prima era un negozietto dove trovavi gentilezza e competenza,e se qualcosa non sapevano,ti chiamavano il tecnico .

poi ha cambiato sede si è ingrandito ha aperto una sede a santa maria maggiore,il negozio dell'eur è pieno di commessi acidi e incompetenti,bisogna rivolgersi ai padroni

se sai chi sono,un po meglio quello al centro che ha le caratteristiche del negozietto che un po coccola il cliente.

io da mac in tow ci ho preso tutto il mio mondo mac,ma oramai da vecchio cliente vi posso confermare che non sono più quelli di un tempo!

Andate a romaest,,non sempre trovi competenza ai massimi livelli,ma come gentilezza sono unici.

Share this post


Link to post
Share on other sites

buongiorno ragazzi vi racconto quello che è successo.( sono un nuovo utente,ma basta che andate su qualche forum col mio nick per cercare i miei interventi e capire che nn sono un troll o quanto altro)

in data 14dicembre mi reco presso inTown all'eur perchè ero prossimo all'aquisto di un imac,ma ero ancora indeciso se 21 o 27(questioni di spazio). ero intenzionato a prendere anche la moshi ilynx e anche se nn avevo il computer per paura di nn trovarla vado direttamente a cercarla. praticamente ce ne era una sola e la scatola era rovinata. decido ( sono un pignolo) di non prenderla. mentre chiedo info per l'imac la mia lei chiede se c'era la moshi( regalo dei sui genitori)..la commessa gliela va a prendere e la mette nella busta...e la mia lei paga 60euro per un prodotto che poi scoprirete cosa essere...

il 24sera mi viene dato il regalo e già alla scatola rovinata in quel modo storcio la bocca...appena torno a casa noto subito:

1. cavi rovinati;

2.il sotto della moshi sporco;

3. nastro che avvolge i cavi rincollati con attak;

4 appena spengo il pc la moshi rimane accesa...visto che nn mi va che il mac rimanga anche se spento acceso dalla moshi...stacco la ciabatta( ha il pulsante)..al riaccendere la ciabatta salta la luce...

potete immaginarvi il rodimento di chiapet....aspetto il 27 pomeriggio e vado al negozio. praticamente mi si dice che verrà rispedita all'importatore ADL( che avevo già avvertito per mezzo mail)e che se la sbrigherà lui...attesa 20 giorni lavorativi.appena esco chiamo adl e mi consigliano di mandare mail all'assistenza e ad un responsabile.

l'indomani chiamo adl e chiedo di parlare con questo signore che mi spiega che faranno il reintrego dei soldi o di una nuova moshi....parlando emerge che nel loro sito riservato ai rivenditori esiste una sezione OCCASIONE/ex DEMO in cui mettono in vendita oggetti usati da rivendere come occasioni. riesco a estorcergli parlando che inTown ha acquistato prodotti usati e probabilmente il mio sia uno di quelli...rivenduto ovviamente nuovo come da scontrino fiscale...

mi reco da inTown e incavolato riesco ad ottenere il rimborso per mezzo buono. il tutto avallato dalla loro cortesia in quanto prodotti con scatole cosi rovinate nn li riprendono..però li vendono... decido di prendere il buono e ieri sera passo a ritirare uno shuffle( sigillato e quindi sono tranquillo)

il moshi sono andato a prenderlo dal resellers FLi DATA..gestione familiare...molto cordiali e professionali.

ora ho il mio moshi nuovo e funzionante.

mi sono tenuto il nastro avvolgitore in quanto è la palese condizioni di vendita di un usato.

quindi signori miei meditate dove andare a comprare.....ho parlato con un legale e potevo fare una denuncia per truffa...ma è natale sono buono....la giusta punizione sarà quella di usare il mondo internet e gli amici per fargli la pubblicità che gli spetta...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ahhh, che gusto trovare questo forum dove parlano del MAC in TOWN all'Eur... per un attimo ho pensato di essere strano io: ogni volta che vado in quel posto arrivo carico di aspettative e di voglia di comprare ma ne esco deluso e inc***to come una bestia.

Ma andiamo per ordine: la prima volta che ci sono andato, circa un mese fa, ho chiesto ad un commesso, un ragazzo giovane, se il nuovo Ipad ha veramente problemi con lo schermo o no. Sapete, prima di comprare un oggetto da 700 euro uno si informa su internet e se leggi che c'e' un problema il minimo che puoi fare e' chiedere maggiori dettagli al negoziante.

La risposta e' stata uno sbuffo poi "Ma tutti oggi mi devono capitare??... sei la quarta persona che mi chiede di questo problema..." non vi dico il seguito per non tediarvi ma a ogni domanda che gli facevo sembrava che mi facesse una cortesia a rispondermi...

Una maleducazione incredibile...

Poi ho prenotato un IPAD 2 a meta' Aprile, mi era stato detto che sarebbe stato disponibile in 1 settimana e a distanza di un mese ancora non mi e' arrivato, sono passato a chiedere cortesemente se ce l'avevano e ho beccato di nuovo questo ragazzo che sbuffava e mi diceva stizzito che dovevo aspettare aggiungendo "se ti abbiamo chiesto il numero di telefono significa che ti chiamiamo noi quando arriva"... inutile dire che non mettero' mai piu' piede in questo negozio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

sempre peggio...l'importante è che manteniamo il punto nel non andare a regalargli i soldi.....e finire magari a roma est....forse con un calo di vendite capiranno...più siamo meglio è...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this