Mac OS X 10.7 Lion: cosa vi aspettate


admin
 Share

Recommended Posts

  • Replies 115
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Posted Images

Soprattutto dopo decenni che si spiegava alla gente proveniente da Windows che era un'oscenità che un'applicazione si permettesse di monopolizzare tutto lo schermo. Boh?

ancora una volta, dopo itunes 10 sono state violentate le Human Interface Guidelines.

Apple Human Interface Guidelines

Oh, non illuderti. E' chiaramente lì che puntano: fidati di noi, possiamo scegliere al posto tuo. Sistemi sempre più bloccati, coperti di brevetti e sigillati: non toccare, non sei certificato ISO 9006, tu non sai, non hai il patentino, non sei affidabile. D'altronde, questa è pure l'anima storica del Mac: un sistema chiuso. Per aprire un Mac del 1984 ci vogliono dei cacciaviti non facili da reperire e questo è stato fatto apposta anche all'epoca.

Quello che mi fa paura è che la voglia di controllo, mascherata da "user experience", alla fine è guidata solo da $$$ (il famoso 30%). Poi un bel giorno si svegliano e Jobs dice qualcosa del tipo:

"the mac app store, in the last year, has been a great super way to install apps, so from now on all mac apps will be consolidated in there, in a super easy way to you to install you see? boom, that's it, installed."

non lo credo probabile, visto che in meno di un picosecondo si scatenerebbe un polverone alzato da tutte le grandi che su questa piattaforma ci sviluppano e ho come il sentore che non sarebbero proprio ben disposte a lasciare un 30% così, aggratisse.

Poi il terrore, più che fondato di avere, anzi, di dover subire, iAd. Non potrei mai sopportare una cosa del genere. Vedremo tra 90 giorni.

Comunque, se "back to the mac" è stato vedere qualche spezzone video con l'audio normalizzato, un altro che traffica con le foto su feisbuc, qualche animazione lanciata da un mouse touch (pure con qualche tentativo di troppo), ecco se questo è "back to the mac" allora sono sempre più convinto che il mac, come lo conosciamo noi, non sia più una priorità a Cupertino.

Edited by LeoTM
typo
Link to comment
Share on other sites

Sto cercando quel mio post di mesi fa quando dissi che Apple avrebbe fatto un App Store anche per le applicazioni del Mac e in molti mi risposero che non sarebbe mai avvenuto, che sarebbe una specie di palladium, che nessun produttore avrebbe mai acconsentito di fare un cosa del genere. :D

E infatti....

Alla fine ribadisco la mia idea già espressa a suo tempo: ai produttori di sw conviene eccome, perché pone praticamente fine alla pirateria o, quanto meno, la rende molto più difficile.

Adobe ha tutto l'interesse a vendere Photoshop via App store e guadagnarci solo 700, anziché mille, perché le copie vendute gireranno (se lo store funzionerà come per gli iphone o gli ipad) solo su quei computer e non potranno finire nei canali di download illegali.

E forse l'app store sarà anche conveniente per gli utenti, se i prezzi del software caleranno.

Ho come l'impressione che il futuro della distribuzione software sia questa, per tutti non solo per apple.

Certo che, almeno per il momento, le applicazioni molto pesanti non potranno facilmente essere distribuite via App Store (voglio vedere a scaricare qualche Gb di roba).

Anche a me lascia molto perplesso la gestione a tutto schermo delle applicazioni. Io son abituato a far interagire tra loro molti programmi e se Lion non me lo permetterà, allora saran dolori.

Vuol dire che passerò a windows!

Link to comment
Share on other sites

Sinceramente non mi preoccuperei più di tanto del Mac App Store... sicuramente non sarà l'unico modo per installare le applicazioni. Per Lion non mi voglio pronunciare perchè le feaure presentate sono carine (a parte il LasunchPad che trovo inutile) ma sono solo la punta dell'iceberg: mi aspetto grandi cose da questo aggiornamento. La cosa più deludente du questo keynote è stato iLife: nessuna novità (a parte la regolazione audio in iMovie che sognavo da quando abbandonai la mitica versione 2006) perchè l'aggiornamento è stato un puro lifting all'interfaccia -neanche troppo marcato. Dove sono finiti i famosi 64bit!!!??!?!?

Per ultimo vorrei riportare la riflessione che ho letto sul blog "Saggiamente": mettiamo insieme LaunchPad e l'interfaccia del nuovo iLife. La modalità fullscreen di iPhoto ha pulsanti molto grandi e molto somiglianti con iOS e le applicazioni in LaunchPad sono molto distanziate tra loro. Il fatto che queste possano essere avvisaglie di un futuro multitouch nel Mac mi sembra un'osservazione molto azzeccata...

Salut!

Edit: c'è ache da dire, a discolpa di Apple, che è molto difficile migliorare qualcosa di già perfetto -questo in riferimento sia al sistema operativo che ad iLife...

Link to comment
Share on other sites

In effetti ho riguardato meglio la parte del Keynote che riguarda la funzione full screen. (ieri sera l'ho vistamentre preparavo cena...) e le cose sembrano meno drammatiche di quanto sembra.

La possibilità di utilizzare le singole finestre per le applicazioni esiste ancora, e la gestione non è uguale all'iphone o all'ipad.

Il tizio ha fatto pure la battuta sul fatto che gli piace lavorare con windows...

Meno male, altrimenti sarebbe stato veramente inutilizzabile.

Link to comment
Share on other sites

sebbene abbia superato il 20% di market share, il Mac rappresenta ormai solo il 30% del volume delle entrate di Apple e credo che abbiamo tutti dei fondati motivi di credere che la percentuale è destinata a diminuire. ricordo che chi, come me, ha sentito "puzza di bruciato" quando è scomparsa la parola Computers dal marchio è stato anche tacciato di essere un conservatore e un "nostalgico"...

ho quasi l'impressione che, anche quando si parla di Mac, l'interlocutore di Apple non sia l'utente Mac, ma quello di iPhone...e, se da una parte c'è la forte tendenza a

determinare e decidere cosa ti serva, dall'altro c'è quella di seguire e assecondare le tue attuali esigenze: non ti serve una maggiore e migliore possibilità di intervento sull'immagine in iPhoto, ma un maggior numero di templates di album e cartoline, fra le quali potrai scegliere quello da COMPRARE.

...

da un po' di tempo mi frulla per il capo un'idea scellerata, demenziale...assolutamente priva di senso, difficilmente traducibile in termini razionali; una cosa del tipo "Perché Apple non lascia libero il Mac?"...

Link to comment
Share on other sites

In effetti ho riguardato meglio la parte del Keynote che riguarda la funzione full screen. (ieri sera l'ho vistamentre preparavo cena...) e le cose sembrano meno drammatiche di quanto sembra.

La possibilità di utilizzare le singole finestre per le applicazioni esiste ancora, e la gestione non è uguale all'iphone o all'ipad.

Il tizio ha fatto pure la battuta sul fatto che gli piace lavorare con windows...

Meno male, altrimenti sarebbe stato veramente inutilizzabile.

vero, non c'è niente di drammatico nell'uso; di inquietante (perché palesa una evidente sottovalutazione delle capacità intellettuali di chi ascolta, un calo di neuroni in chi parla...oppure entrambe le cose) è la motivazione addotta: Dato che tutte le applicazioni per iPhone e iPad lavorano eccetera...

non so, ma ho la vaga impressione che qualcosa di diverso ci sia fra lo schermo di un iPhone e il 30" con il quale lavoro o il 27" utilizzato da una bella fetta di coloro i quali si sono comprati gli ultimi iMac...non so di preciso cosa sia, ma sono certo che non sia solo nel touch che gli schermi differiscano fra loro. ancora mi sfugge, ma sono certo che nell'arco di un mese, forse due, sarò in grado di avvicinarmi alla soluzione del mistero...

Link to comment
Share on other sites

renato, considera che Apple è cresciuta, è diventata grande, non solo di età ma di importanza e mercato.

quando era "solo" Apple Computers fatturava 10 e il Mac era 7, oggi fattura 100 e il Mac è 30 e rotti...

E' davvero una cosa così pessima? Io non credo.

Diciamo che Apple ha scelto di uscire dai suoi confini (la famosa nicchia, elitaria, che tanto ci piaceva e ci faceva sentire davvero unici) per tentare una strada più globale e più rischiosa.

Siamo tutti liberi di decidere se era meglio prima o dopo (per noi e per Apple).

E aggiungo che, purtroppo o per fortuna, il futuro non potrà essere legato sempre e solo allo schema mouse-puntatore-finestra del primo System.

Dal 1984, come interfacce sono state introdotti i trackpad, i touchpad, le ghiere cliccabili, il dito... e vorremmo che tutto ruotasse ancora intorno alla metafora del puntatore?

Non so cosa sia giusto, ma è certo che l'interfaccia dei computer è destinata a rinnovarsi profondamente... quasi 30 anni di mouse e finestre sono un'era geologica.

Link to comment
Share on other sites

Io sono d'accordo con kibiz, chi si lamenta lo fa sul nulla, sul fumo. La funzione delle applicazioni a tutto schermo sarà solo un modo di visualizzazione in più, se si vuole si potrà usare MacOS X come si è sempre fatto... Stesso discorso per appstore per Mac, sarà solo un modo in più per acquistare applicazioni per la nostra piattaforma, i sistemi classici via CD/DVD o dmg rimarranno identici a oggi. Insomma, Apple offre delle cose in più e tutti a preoccuparsi - senza alcun motivo concreto - che tolgano le cose che già ci sono... Ma che modo di ragionare è, questo? Mah, davvero non capisco!

Riguardo a Lion, è ovvio che quanto mostrato ieri è solo la punta di diamante, puro marketing per fare ingolosire la massa, le novità e migliorie saranno ben altre ma verranno presentate solo a tempo debito. E' stato così per tutte le precedenti versioni di OS X, con funzioni "superficiali" ma di impatto mostrate con largo anticipo e le vere innovazioni svelate solo all'uscita dell'OS, sarà così anche per Lion.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share