Windows per ARM, Microsoft vuole sbarcare sul mondo nuovo


Macitynet
 Share

Recommended Posts

"... L’ispirazione arriva ancora una volta dalla sua anamnesi, quella Apple imitando la quale, seppure con un ritardo pesante, Bill Gates era arrivato a dominare il mondo. La strategia funzionerà ancora?"

I meccanismi della storia, quelli validi e consolidati, valgono sempre in qualsiasi sua applicazione.

Ci sono regimi che finiscono sconfitti perché incapaci di trasformarsi e vengono inizialmente sostituiti da integralisti rivoluzionari.

Ci sono regimi pressocché assoluti che diventano costituzionali per sopravvivere agli assalti degli oppositori.

Credo che l'obiettivo di Microsoft sarò quello di costituzionalizzarsi, nella speranza di continuare a dominare dovrà fare molte concessioni e perdere i privilegi acquisiti, nel processo di trasformazione.

D'altra parte anche i rivoluzionari della Apple si sono molto imborghesiti, il think different e i PPC sono un ricordo ormai lontano

Link to comment
Share on other sites

Windows per ARM, secondo me, è completamente fuori luogo, oltre ad essere un doppione di WindowsPhone7 (esattamente come ChromeOS sarà presto abbandonato perchè si sovrappone troppo con Android). Per rendere il paragone, è come se Apple facesse un MacOsX per ARM, in diretta competizione con iOS.

Link to comment
Share on other sites

L'articolo è per certi versi sorprendente ... perché

1) Windows NT, di cui Windows 7 è solo l'ultimo esponente nasce "piattaforma indipendente". Infatti le prime versioni di Windows NT funzionavano anche su processori PowerPC e Alpha oltre che Intel/AMD/Cyrix ecc. ecc. Se vogliamo, la scelta di NeXT di rendere indipendente dalla piattaforma NeXTStep fu dettata dal fallimento commerciale dei Cube vari e non da chissà quali altre idee.

2) Microsoft dispone di .NET, che è l'ambiente di sviluppo primario per Windows (supportato XP in poi), Windows Mobile 6.x e CE tramite il Compact Framework ed ora (tramite SilverLight) anche per Windows Phone 7, quindi teoricamente, scrivendo l'opportuno runtime per qualunque OS già ora(*) le app sarebbero multipiattaforma come dice il caro Steve Jobs "by design".

Tutto questo mi fa un po' riflettere sulle frasi del tipo:

Nei suoi laboratori Redmond non sarà più costretta a ridisegnare interamente il sistema operativo come accade ora o andare incontro a compromessi su prestazioni e consumo energetico, ma potrà in maniera flessibile adeguarlo a varie situazioni.

Chi crede che Apple prende il sorgente di OS X e lo ricompila con target "iOS" è un po' ingenuo :-)

Fino ad oggi le mosse di Redmond in risposta a questa rivoluzione che sta mettendo in pericolo molte certezze e scuotendo alle fondamenta regni che sembravano invincibili, sono state impacciate e poco efficaci affidate sostanzialmente alla bontà di cuore di alcuni produttori impavidi che hanno cercato di adattare, spesso con scarso successo, i loro dispositivi, come i tablet, al monolitico Windows 7. Consapevole che oggi, e domani sempre di più, la buona volontà di chi per restare fedele (per convinzione o mancanza di alternative) a Microsoft lancia prodotti scarsamente efficienti dal punto di vista funzionale o energetico non è più sufficiente a garantire alle Finestre un futuro che non sia quello di essere relegato in una nicchia ristretta di mercato, il colosso del software prova così ad uscire dall’angolo offrendo prodotti compatibili con le piattaforme del futuro e rivolti a quel mondo nuovo nato di fatto sulla scorta del boom di iPhone e iPad.

Chiaro che un po' di sano campanilismo non fa mai male. Ovvio che Microsoft ha perso completamente un ciclo di sviluppo in ambiente mobile, ma parlare di fondamenta minate è un po' eccessivo anche su portali come questo! :-)

L’ispirazione arriva ancora una volta dalla sua anamnesi, quella Apple imitando la quale, seppure con un ritardo pesante, Bill Gates era arrivato a dominare il mondo. La strategia funzionerà ancora?

Ricordo solo che Microsoft dominava il mondo già con l'MS-DOS quindi ben prima di "imitare" Apple.

Ad ogni modo la domanda è: "quale strategia"? Chi ha detto (1) che Microsoft porterà Windows su ARM? Chi ha detto che l'idea di sviluppare CHIP ARM non sia legata al fatto che Microsoft intenda produrre propri cellulari/tablet con una versione ad hoc di Windows Phone (quindi senza andare a riscrivere il Windows "tradizionale")?

Link to comment
Share on other sites

Un Windows per ARM esiste dal lontano '96 e si chiama Windows CE da cui derivano tutte le varie versione per palmari e SmartPhone.

Di certo si sono accorti della forza di ARM nel settore Tablet e non possono permettersi di rimanerne fuori, penso che useranno il cuore del recente Windows Phone 7 per farne una versione specifica per Tablet su piattaforma ARM.

Ciao

Link to comment
Share on other sites

Un Windows per ARM esiste dal lontano '96 e si chiama Windows CE da cui derivano tutte le varie versione per palmari e SmartPhone.

Di certo si sono accorti della forza di ARM nel settore Tablet e non possono permettersi di rimanerne fuori, penso che useranno il cuore del recente Windows Phone 7 per farne una versione specifica per Tablet su piattaforma ARM.

Però WindowsCe non è mai stato "Windows ricompilato per ARM" (per usare l'espressione molto azzeccata di gennaro). Solo il vetusto NT ha avuto come vero e proprio target alternativo i processori DEC Alpha.

WindowsCE è stato riscritto da zero ed è WindowsPhone7, che non ha NIENTE a che vedere con il codebase di Windows.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share