Apple prepara l'addio a tutti i prodotti professionali?


Macitynet
 Share

Recommended Posts

beh, l'andazzo è questo anche da prima che ci fosse l'addio a xserve...mah.

non rimane che stare a guardare, anche se pare, dicono, si facciano più soldi a vendere giochi per lanciare uccelli contro maiali che pensare a reinventare qualcosa nel settore delle soluzioni IT.

Link to comment
Share on other sites

Beh... no.

Capisco investire 1$ e ottenerne 0,5... ma se comunque guadagna, perché chiudere un settore?

Il caso Xserve è strano... il prodotto era valido, ma non vendeva secondo le aspettative (nota ufficiale)... non mi pare che i Mac Pro vendano sotto le aspettative... che sia giunto il momento di un prodotto intermedio tra gli all-in-one e i pro? in fondo ci sono sistemi di aziende e società basate su Mac pro, software apple che sono dei veri gioielli... sarebbe un peccato buttare tutto alle ortiche. Sarebbe una cosa peraltro discutibile per una società che cresce in modo esponenziale e che non è in crisi!

Link to comment
Share on other sites

Apple è una società per azioni e come tale deve rendere conto agli azionisti: se il management rileva che investire 1$ in prodotti "pro" rende 2$, mentre investire 1$ nel consumer rende 4$, è suo dovere perseguire la seconda delle due strade.

senza dubbio; ma seguendo la stessa logica, se fossi un'azionista Apple rimprovererei all'azienda le scelte commerciali errate, che l'hanno portata ad avere un volume d'affari che è un terzo di quello di HP...

di un PC non se ne parla...sarebbe l'occasione per tornare all'analogico.

Link to comment
Share on other sites

Beh... no.

Capisco investire 1$ e ottenerne 0,5... ma se comunque guadagna, perché chiudere un settore?

Beh è una questione matematica, se tu hai 2$, investi 1$ nel ramo A e prendi 2$, più un dollaro nel ramo B e ne prendi 4$, totale 6$ a fronte di 2$. Se invece butti entrambi nel ramo B, ne ricavi 8$. Questa è una visione estremamente semplificata di come viene valutata la redditività dei rami di azienda, e non deve essere considerata nel breve termine, ma nel lungo termine.

E non si deve fare l'errore di fare i conti a risorse infinite (i $ dell'esempio sopra), quando invece non lo sono. Per risorse intendo non solo la liquidità, ma principalmente la struttura societaria, il management, gli ingegneri, la rete di sviluppo, produzione e di vendita. Se il management vede che un certo ramo di azienda ha una redditività sensibilmente inferiore ad altri, si fa la domanda: è un ramo strategico? ci interessa strategicamente rimanere in quel mercato? Se la risposta è no, si disinveste e si buttano tutte le risorse in quello molto più redditivo.

Che sia umanamente e tecnicamente un peccato sono d'accordo al 110%.

Link to comment
Share on other sites

Un settore ne tira un altro, un prodotto ottimo crea sempre attenzione all'intero marchio, è per questo motivo che si vendono più mac, perchè sono moltissimi ormai quelli che non erano macuser che usano iPhone/iPod/iPad, e poi comprano un mac, e il fatturato "aggiuntivo" di incremento dato dal passaggio da un prodotto all'altro è difficilmente quantificabile, se ne accorgeranno quando è troppo tardi, anche non se parliamo certo di alte percentuali. Se non hanno capito questo fino ad ora non hanno capito niente. Chiudere un settore, che non è direttamente remunerativo, ma forse lo è indirettamente, che certo non farà fallire la Apple, con 50 miliardi di dollari di liquidità per non parlare del fatturato è totalmente gratuito e stupido.

Ma io non credo sinceramente che il taglio si estenderà ai Mac Pro, sarebbe proprio il colmo, anche perchè oggi non fanno niente per renderlo più vendibile. Usano il mono xeon, che costa più del doppio di un i7 di fascia alta, e va più lento, non gliene frega niente di ampliare la scelta di schede grafiche ( basta vedere tra gli hackintosh la disponibilità di un ampio numero di schede con poche modifiche). E potrei continuare. Sono tantissimi quelli che per avere una maggiore scelta hardware, quindi anche un minor costo a parità di prestazioni che non acquistano un MacPro. Con meno di duemila euro si può fare una workstation mono cpu con componenti di qualità compreso case in alluminio di alta gamma.

E poi scusate, e tutti i sw professionali? L'editing video lo facciamo sull'iMac? Siemens NX, Autocad 3d, Houdini, Maya, Lightwave, i render ecc? Non penserà mica la Apple che un utente pro cambi l'iMac ogni due anni per stare al passo con le prestazioni, che comunque non saranno mai paragonabili ad un Mac Pro, fino all'inusabilità? Credono che siamo tutti milionari?

Link to comment
Share on other sites

se sei ben posizionato nei vari settori in cui operi non è solo un peccato dal punto di vista umano e tecnico, ma è anche un inconsulto gesto scellerato dal punto di vista strategico...se il settore in cui ti sei lanciato va in crisi, o la concorrenza si sveglia e erode quote di mercato, c'è anche la possibilità che vai a casa con 8$ in tasca e niente di più.

Link to comment
Share on other sites

Beh è una questione matematica, se tu hai 2$, investi 1$ nel ramo A e prendi 2$, più un dollaro nel ramo B e ne prendi 4$, totale 6$ a fronte di 2$. Se invece butti entrambi nel ramo B, ne ricavi 8$. Questa è una visione estremamente semplificata di come viene valutata la redditività dei rami di azienda, e non deve essere considerata nel breve termine, ma nel lungo termine.

E non si deve fare l'errore di fare i conti a risorse infinite (i $ dell'esempio sopra), quando invece non lo sono. Per risorse intendo non solo la liquidità, ma principalmente la struttura societaria, il management, gli ingegneri, la rete di sviluppo, produzione e di vendita. Se il management vede che un certo ramo di azienda ha una redditività sensibilmente inferiore ad altri, si fa la domanda: è un ramo strategico? ci interessa strategicamente rimanere in quel mercato? Se la risposta è no, si disinveste e si buttano tutte le risorse in quello molto più redditivo.

Che sia umanamente e tecnicamente un peccato sono d'accordo al 110%.

Seguendo questo ragionamento però MS avrebbe dovuto chiudere praticamente il 95% dei suoi settori, ad esclusione di IE (una volta), Windows e Office.

La realtà è che la diversificazione permette di tenere i piedi in più mercati, scegliere dove investire per avere profitto o investire per avere mercato (non sempre le due cose sono correlate... si veda la suddetta MS con il lancio di Xbox che in USA era venduta sottocosto!).

Ripeto, il settore "pro" non mi pare in perdita, sicuramente non genera profitti come il settore consumer (da suddividere poi in iPhone, iPod, computer e musica), ma li genera e contribuisce a dare lustro all'azienda (prodotti altamente tecnologici).

Questa voce mi sembra sempre più assurda.

Link to comment
Share on other sites

Io non stavo facendo le pulci a Apple, stavo solamente spiegando la possibile logica dietro a certe decisioni. Però per curiosità sono andato a vedermi il financial report del 2010 e se ne deduce che i ricavi derivanti dal mondo "mobile" sono 4 volte superiori a quelli di "mac + software", con tassi di crescita tra l'altro sensibilmente a davore del mondo "mobile".

Non è un caso se Tim Cook ha detto pubblicamente: Apple Is “A Mobile-Device Companyâ€.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share