Microfono per speakeraggio


edwood
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti,

collaborando con una radio, devo inviare ogni settimana un file mp3 che registro in casa. Ho fatto delle prove con il mio MacBook, ma c'è molto rimbombo e la qualità è scarsa. Sto quindi pensando di comprare un microfono da poter collegare al Mac per registrare i miei speakeraggi. Non vorrei superare però i 50 euro: cosa mi consigliate?

Grazie!

Link to comment
Share on other sites

  • 2 months later...

Se hai bisogno di qualità professionale ti consiglio un PZM, sono dei particolari microfoni saldati su di una "piastra" quadrata. Perfetti per questo tipo di utilizzo. Costano un bel po'. Altrimenti se non ti interessa la qualità va bene qualsiasi microfono a Condensatore, dato che hanno un diaframma più largo (di solito) e rispondono meglio alle basse frequenze. Uno tra tanti, Sontronics STC-2. 140 Euro. Con 50 euro ci prendi (forse) un Samson C-1.

P.S.: Quoto però macita, per fare degli speakerati buoni necessiti prima di tutto di un ottimo ambiente ben insonorizzato e poi di un ottimo microfono nonchè - ovviamente - di talento (quello si presuppone che tu lo abbia).

Link to comment
Share on other sites

Forse tenevi il microfono troppo vicino alla bocca. Allontanalo una spanna. Se ti piace molto "presente" portalo sotto il naso od in alternativa sul mento. Un microfono dinamico da 50€ è già scadente ed in più va preamplificato laddove il preampli dell'ingresso mic di un computer è spazzatura.

Volendo spendere pochissimo credo ti convenga un microfono USB (che incorpora pre e convertitore 16bit/44.1-48kHz) tipo il Samson C01U. L'ho usato per fare un tutorial di Sony Vegas e posso dire che nel parlato ha un suono decoroso.

Link to comment
Share on other sites

Un microfono dinamico da 50 € è gia scadente dici... mmh... direi che non è una regola... sicuramente piu' sali di prezzo piu' (spesso) la qualità sale, ma se ci pensi lo Shure SM57 (pluripremiato e versatile) costa 90 €, non è un abisso di più.

Il fatto è che come dicevo prima i microfono a Condensatore sono i più adatti per questo tipo di utilizzo di solito, quelli dinamici hanno la membrana più piccola e di solito hanno una risposta in frequenza più attenuata nelle basse (salvo casi eccezionali come l'AKG D-112).

Link to comment
Share on other sites

[...] di solito, quelli dinamici hanno la membrana più piccola e di solito hanno una risposta in frequenza più attenuata nelle basse

Di solito. il Meuman 183 ha una membrana molto piccola ed è a condensatore mentre il Sennheiser MD 421 l'ha grande ed è dinamico.

Per quanto riguarda le basse frequenze lo Shure SM 57 - dinamico da te citato, ha una membrana molto piccola e tuttavia è strausato per registrare la cassa della batteria.

E poi ci sono i microfoni bidirezionali, a nastro, che quando a valvola hanno un suono caratteristico e morbido.

Altrimenti puoi collegarti anche un paio di cuffie all'ingresso mic. Il segnale è basso ma in casi di emergenza la qualità può bastare:-)

Link to comment
Share on other sites

Mmmh, grancasse riprese con un sm57 sinceramente non ne ho mai viste, parlo di contesti professionali. Forse intendi in contesti tipo locali al chiuso et similia... Ma qui stiamo andando ot. Per la cassa iondi solito utilizzo Un akg 112 o la tripletta BV PL20 e MD 421 fuori o pzm dentro. L'sm57 non e'in grado di gestire la dinamica della grancassa,ti va in clip subito... Forse solamente nel Jazz si potrebbe pensare ad una cosa del genere,ma usato in neo "creativo" più che altro. Al contrario l'sms 57 e' ottimo sui rullanti,sui tom e sulle percussioni.. Per tornare sulla voce,hai bisogno di un microfono che supporti la dinamica vocale che e'una delle dinamiche piu'ampie... Ecco perche'di solito si preferisce il condenser... Conta che quando passano il segnale in radioesso subisce deterioramenti dovuti al broadcasting...quindi quanto più il segnale e'potente e limpido ingresso,tanto più verra'deteriorato *meno*.

Link to comment
Share on other sites

Per tornare sulla voce, hai bisogno di un microfono che supporti la dinamica vocale che e' una delle dinamiche piu'ampie...

Questo mi fa ricordare il professor Novara di diritto del lavoro il cui tono monocorde aveva l'effetto dello Rohypnol e la dinamica di un clacson.

Conta che quando passano il segnale in radioesso subisce deterioramenti dovuti al broadcasting....

Più che altro la compressione.

Ciao.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share