Sign in to follow this  
admin

Server Aruba giù: problemi per Macitynet

Recommended Posts

Andate a leggere i messaggi su twitter per avere una idea della tristezza della situazione...

Twitter

Altro articolo:

Aruba, i motivi del black-out | Webnews

Non si possono definire articoli, soprattutto se partono da utenze twitter, facebook ecc. dove cani e porci possono esporre il loro parere nascosti dietro la tastiera, ben diverso sarebbe se dovessero parlare faccia a faccia con quelli di aruba o con altre persone, stai sereno che calerebbero la cresta.

Il secondo è nettamente più logico e non da l'idea di nessuna tristezza, ma di un tentativo di ripristinare prima possibile.

Su certi italiani sono d'accordo con u.go, ma su quelli che di norma non fanno, non producono e protestano a vanvera.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da totale inesperto osservo che aver sviluppato una farm con la ridondanza al piano superiore dello stesso edificio, quindi attingendo alla medesima alimentazione elettrica ed utilizzando un unico punto d'accesso alla rete, abbia poco a che vedere non dico con l'eccellenza, ma nemmeno con il normale buonsenso.

Che l'enorme ritardo nel riattivare MacityNet sia legato ad una migrazione dei contenuti in altri lidi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Come fai a dire che sia la migliore farm in Italia?

Io ne ho visitate parecchie nel corso degli anni e di Aruba posso solo dire che e' una delle più cariche e sature.

Inet a Milano ma anche altre farm (Telecity, Ibm ecc) sono un passo avanti.

Certo l'ambiente ad Arezzo e' esternamente ordinato, ma non c'e' garanzia di ridondanza geografica, l'assistenza latita, le risposte non sono adeguate e il presidio scarso.

A livello di linee è tutto concentrato su un unico punto di accesso che rappresenta almeno come design un enorme point of failure (così mi fu spiegato meno di un anno fa).

stradaccordo, anche se io aggiungo le Server Farm di Telecom Italia, hai mai visto quella di Pomezia o di Rozzano?

a QB che trovo molto entusiasta di Aruba, vorrei far notare che due fault così grandi nel giro di due mesi sono per un'azienda a dir poco intollerabili. Se vuoi valorizzare l'ingegno italiano (cosa che approvo) poi sempre rivolgerti ad altri Provider. Se parliamo seriamente ci sono certificazioni e livelli di servizio che per essere garantiti, costano tanti soldi e tanta fatica, ovviamente questi costi si riflettono poi sul cliente finale. Se Banca d'Italia, Certification Autorithy, e le più grandi aziende italiane non sono su Aruba ci sarà un motivo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

ALlora mi attengo solo al commento dello staff di macity, che è INEQUIVOCABILE:

Twitter

"Chiusa l'emergenza valuteremo su quanto accaduto e trarremo le conseguenze su un episodio mai accaduto in 15 anni di storia del ns sito"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pomezia e Rozzano le conosco solo sulla carta, quindi non mi permetto di giudicare.

Ne ho sentito parlare bene ma solo da personale telecom, e' un po come chiedere all'oste se il vino e' buono...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bene.

Fine delle chiacchiere, era ora.

Strano Forum è a volte Macity, dove gente che tutto sommato sa abbastanza di Mac non si sporca i polpastrelli per dare una semplice soluzione a qualche inesperto che ha difficoltà.

Fosse il fastidio soltanto quello di andare 20 secondi a controllare se per caso non ci sia qualche altra cosa che ci sfugge.

Ma dove, se c'è da dare un parere, anche se non espressamente richiesto, senza andare neanche a documentarsi approfonditamente, non ci si risparmia.

E giù di brutto, riversando chilometri di parole in libertà.

Anche senza saperne nulla, anche senza documentarsi o solo dopo aver letto non informazioni ma solo altre opinioni non di tecnici ma di opinionisti.

Per giorni e giorni, anche in contraddizione e con toni accesi, quasi ci fosse dell'interesse personale in ballo.

Polemizzando addirittura e con toni accesi, fino a sfiorare la rissa.

Piace a noi tutti italiani, come ci piace parlare di calcio, di auto, di viaggi.

Anche, e forse di più, a quelli che si vergognano di esserlo, come se si vergognassero di essere figli di una madre dai costumi non ripettabili e magari avendo anche ragione.

Tanto le parole, anche all'ingrosso, non costano nulla.

Infatti molto spesso è così perché non valgono nulla

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this