Sign in to follow this  
Teddy_17

Template Joomla in DW?

Recommended Posts

Ciao a tutti,

prima di presentarmi chiedo venia se ho sbagliato a postare il messaggio:p

Sono una neofita di Dreamweaver e sto cercando pian pianino di districarmi nel complicato mondo dei CSS.

Sono qui per chiedervi alcune informazioni. Utilizzo Joomla! per la costruzione dei miei siti e mi trovo parecchio bene, avendoci ormai preso la mano. La domanda a tal proposito è: è possibile utilizzare i template di Joomla con Dreamweaver? In poche parole, li posso esportare all'interno di DW?

Un'altra domanda, se me la concedete, è sapere se esiste un sito (o più) dove si possono trovare i miglior plugin per DW. Magari gratuiti visto che sto sperimentando le mie capacità.

Vi ringrazio in anticipo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non mi risulta, ed è anche un controsenso.

Se vuoi lavorare in Joomla! usa il CMS, scegli un template e lo riempi di contenuti nei moduli e negli articoli.

Il codice è già scritto, lo devi solo implementare con menù, posizioni ed estensioni.

Se invece vuoi lavorare con Joomla! (ma anche Drupal, Wordpress ecc) creativamente, con i tuoi metodi e con un template originale fatto su misura, dove ti scegli moduli e posizioni funzionali al tuo progetto, usa applicazioni tipo Artisteer.

Usare un CMS invece di stare a compilare da zero ti permette di badare al risultato e lavorare organizzato, perché mai vorresti annullare il vantaggio?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non mi risulta, ed è anche un controsenso.

Se vuoi lavorare in Joomla! usa il CMS, scegli un template e lo riempi di contenuti nei moduli e negli articoli.

Il codice è già scritto, lo devi solo implementare con menù, posizioni ed estensioni.

Se invece vuoi lavorare con Joomla! (ma anche Drupal, Wordpress ecc) creativamente, con i tuoi metodi e con un template originale fatto su misura, dove ti scegli moduli e posizioni funzionali al tuo progetto, usa applicazioni tipo Artisteer.

Usare un CMS invece di stare a compilare da zero ti permette di badare al risultato e lavorare organizzato, perché mai vorresti annullare il vantaggio?

Grazie per avermi consigliato Artisteer, non lo conoscevo. Adesso scarico e provo a dilettarmi.

Volevo usare un template di Joomla per il semplice fatto di voler imparare qualcosa in più su DW. Quindi speravo di utilizzare come base il template per poi modificarlo a mio piacimento e realizzare il sito usato DW e non i vari pluging e componenti di Joomla.

Non pensavo fosse così controsenso :P

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per avermi consigliato Artisteer, non lo conoscevo. Adesso scarico e provo a dilettarmi.

Volevo usare un template di Joomla per il semplice fatto di voler imparare qualcosa in più su DW. Quindi speravo di utilizzare come base il template per poi modificarlo a mio piacimento e realizzare il sito usato DW e non i vari pluging e componenti di Joomla.

Non pensavo fosse così controsenso :P

Sono diversi modi di vedere la stessa cosa ed avere lo stesso risultato percorrendo strade diverse.

Tra l'altro i template in Joomla! sono un po' ingessati.

È vero che usando il CMS hai una grandissima quantità di moduli,

ma devi considerare che la scelta delle posizioni è scarsa e che i template a disposizione per quanto belli

e professionalmente validi, non offrono la possibilità immediata di creazioni artistiche e originali.

Non lo offrono facilmente, perché o ti fai tutto da solo, template, componenti dello sfondo e dell'header,

abbinamento dei componenti, plugin ed estensioni, tutti cesellati a mano con interventi frequenti sui CSS ed i file php,

sia per implementare funzioni che per eliminare conflitti.

Inoltre l'impaginazione degli articoli soffre della poverissima capacità dell'incolonnamento anche nel formato blog di prima pagina.

I punti di forza di Joomla! (soprattutto la nuova 1.6 e l'ultima di Drupal, entrambe completamente rinnovate negli ultimi mesi) sono la gestione degli utenti,

l'indicizzazione e la sicurezza, oltre che la grandissima quantità di componenti open source o a pagamento, la possibilità dell'e-commerce professionale

e la rapidità nella creazione e montaggio di un sito senza neanche la minima necessità si lavorare in locale.

In più la caratteristica principale dei CMS che è l'estrema flessibilità per qualsiasi variazione o modifica di contenuti e di impostazioni.

Sì, Artisteer è decente, ormai sono al terzo rinnovo della licenza, e nella versione 3 (stabile in Windows e alla rc per OSX) sta raggiungendo la bontà.

Ha alcuni difetti il cui principale è l'introduzione nel codice di una grandissima quantità di elementi inutili insieme alla sintassi personalizzata

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quello volevo spostarsi su DW, ma a differenza di Joomla, che ormai so dove trovare i vari moduli e plugin e come trovarli, per quanto riguarda DW non so nemmeno da dove iniziare.

Non so se esiste un sito che offre componenti gratuiti ecc ecc. Il template, senza enormi pretese, me lo sono sempre preparato su PS, ma dopo un po' mi sono scoraggiata proprio per questo motivo. Non so dove cercare e a volte anche cosa cercare ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono due metodi diversi, con Dreamweaver fai i siti in html, con Joomla! li fai con un CMS.

Se usi già Joomla! è assolutamente inutile che impari ad usare Dreamweaver, che non ti servirà a niente.

A meno che tu non voglia imparare un altro metodo, il che è sempre positivo.

Sono entrambi mondi professionali, devi trovare quello che a te è più congeniale per esprimerti e creare risultati

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esatto. Il punto è proprio quello di voler imparare un altro metodo.

Devo dire che da quando "gioco" con DW ho imparato a muovermi (almeno un po') tra i CSS mentre con Joomla questo non è accaduto.

Domanda: non è più professionale utilizzare DW invece di Joomla? Nel senso, se hai delle buone capacità e ti commissionano un sito, non è più professionale farlo con DW?

Share this post


Link to post
Share on other sites

... Devo dire che da quando "gioco" con DW ho imparato a muovermi (almeno un po') tra i CSS mentre con Joomla questo non è accaduto.

Domanda: non è più professionale utilizzare DW invece di Joomla? Nel senso, se hai delle buone capacità e ti commissionano un sito, non è più professionale farlo con DW?

Dipende da come usi Joomla!, se ti fai i template da solo o modifichi adattando al tuo progetto soprattutto i temi classici come Beez o JA Purity, i Css li devi maneggiare tanto.

Spesso in fase di immissione dei contenuti, direttamente dal cpanel o da ftp, tanto che alla fine ti fai la copia dei documenti dal sito al tuo desktop.

Se poi lavori con un wysiwyg evoluto e puoi scegliere se editare secondo i CSS del template o dell'articolo bisogna che conosci bene i fogli stile che hai immesso.

Idem se non accontenti dei font standard ed i colori sono tutti personalizzati.

Più professionale DreamWiever? Io lo trovo limitante...

Per quanto io lavori per i siti in un team di tre persone e non mi occupo molto della parte codici ed estensioni, trovo comunque DW noiosissimo.

Qualcuno non sarà d'accordo, ma è troppo legato ad un modo di lavorare fatto di suite professionali e di produzioni standardizzate, dove prevale lo stile sulla creatività e lo standard sulla ricerca di soluzioni.

Adobe Flash, Adobe Dreamweaver, Adobe Acrobat, Adobe illustrator, Adobe Photoshop... niente più?

La professionalità non è tremila euro di suite.

Non lo è neanche saper maneggiare un CMS, InkScape, Gimp, javascript e plugin, se è per questo.

E neanche la professionalità è tutto, tout court, almeno per i siti.

Dove spesso manca, ma dove, anche quando c'è, ancora più spesso non è sufficiente

Share this post


Link to post
Share on other sites

Devo dire che questa discussione sta prendendo una piega interessante.

Ritenevo Joomla poco professionale perché spesso i plugin o le componenti che scarico riportano, giustamente, i credits e in alcuni casi sono davvero invasivi. Immagino che dietro al pagamento di un corrispettivo questo non dovrebbe accadere, o sbaglio?

I template, ammetto, li scarico belli e fatti e poi li modifico. Ultimamente, visto che ho preso confidenza, cerco di stravolgerli il più possibile. Mi fanno comodo le posizioni già impostate visto che più di una volta ho trovato ostica la procedura per crearle.

A questo punto credo che approfondirò il più possibile il discorso CSS e mi dedicherò a Joomla e in alternativa a Wordpress che, credo, sia il CMS più utilizzato tra i web designer.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per i credit, quando sono invasivi, o li compro (10-30 $ in media) o se possibile li elimino e li riporto nella pagina disclaimer, note legali e privacy.

Se possibile è una mia interpretazione quando non c'è l'obbligo esplicito ma è solo una riga o un link da cancellare celato in qualche file php, poi magari faccio una piccola donazione con la carta elettronica.

Dato che i siti li vendo e mediamente un'estensione secondaria la valuto circa 200 € in preventivo, mi sembra abbastanza corretto che chi mi permette di lavorare comodo, sia pure senza supporto diretto, abbia il suo corrispondente profitto.

Ovviamente roba così non è neanche perfetta e spesso devi intervenire manualmente nel codici per eliminare piccoli conflitti, quasi sempre ti devi compilare il file in lingua italiana (raramente supera i 50-100 vocaboli che poi metti a disposizione inviandolo al produttore o a joomla.it se di interesse generale).

Una volta per un'agenzia immobiliare locale, non trovando adeguate le estensioni real estate tutte provenienti dagli Usa (lì usano il sistema dell'immobile legato all'agente e non alla agenzia, con una serie di plugin legati alla borsa immobiliare) ho trovato opportuno usare un'estensione per negozi on line di affitto film adattandola al mio caso.

Le estensioni importanti vanno acquistate, vedi per esempio per i negozi on line e l'e-commerce, lascia perdere l'elefante VirtueMart che pure ho usato ed è una follia, ma anche cose meno elefantiache e più dinamiche, personalizzabili ed usabili anche con template non dedicati, come per esempio, Tienda (che uso attualmente), Magento o RedShop, senza supporto fai poco.

I template se hai imparato a modificarli, li farai ancor meglio con Artisteer, e anche lì devi sempre modificare a mano, a partire dalle trasparenze e sfumature nella header che, se anche ottimizzate per il web, non vengono caricate dall'applicazione come tali e devi farlo sul sito tramite ftp.

Però per tutti i CSS relativi ai menù e menù secondari, gli articoli e i font è una macchina da guerra, i 150 $ sono veramente ben spesi, i rinnovi costano la metà ed hai anche le beta usabili, due installazioni lecite e mobili, che significa che puoi usare contemporaneamente due computer a tua scelta, anche di sistema operativo diverso.

Per esempio io uso la 2.5 e la 3 su Windows e la 2.5 e la 3 r.c. su OSX.

Joomla! ha possibilità molto più estese di WordPress, e infatti all'inizio è un po' più difficile, ma è compensato dal fatto che puoi fare un sacco di cose impossibili o difficili da realizzare con altri CMS.

Pare che anche l'ultima versione di Drupal sia abbastanza buona, dopo che hanno eliminato delle procedure molto complesse che lo facevano preferire a chi aveva esperienza più strutturata di codici.

In più Drupal ha minori problematiche per la sicurezza, non avendo due porte di accesso ma solo il frontend accessibile.

Un'altro problema reale è che con tutto questo rigoroso open source è una smazzatura infinita per via del fatto che tutto quello che non è Joomla progetto, ma di fatto è Joomla indispensabile te lo devi cercare, capire e installare a parte.

Appena caricato Joomla! tramite browser, già subito prima ancora del template devi caricare i tuoi attrezzi personalizzati con il suo uploader, quanto meno un wysiwyg evoluto, un gestore di link, un gestore di immagini, un gestore di backup, un SEO, un SEC, i plugin per i browser, tre o quattro cosette per la sicurezza, un site map, ecc, ecc, ecc.

Solo dopo puoi metterti a caricare template, estensioni specifiche ed i contenuti.

In più se spendi un solo euro per qualcosa di commerciale relativo a Joomla! puoi scordarti qualsiasi supporto nei forum e nei siti ufficiali

Edited by faxus

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'handicap di DW è di essere un prodotto vecchio anche se si è adattato all'evoluzione delle tecniche applicate. E' nato prima dei CSS e lo dimostra supportandoli in modo molto meno diretto e sistematico di Expression Web che, a mio avviso, è oggi il miglior tool di sviluppo orientato al designer in circolazione, specialmente con il supporto di Visual Studio (e di un coder).

I CSS sono comunque destinati a lasciare il posto all' HTML5. Il bisogno di separare la presentazione dal contenuto è nato infatti per la sopravvenuta inadeguatezza dell'HTML4 a gestire i contenuti multimediali una volta diventati parte fondamentale del Web.

Ci sono poi i CMS ed anche a questo riguardo devo continuare l'apologia di Microsoft che mette a disposizione due strumenti gratuiti eccellenti, uno per la gestione on-line - Live Writer (della Suite "Live") ed un altro per la creazione di siti in locale da installare presso qualsivoglia Web Hosting: Web Matrix.

Il secondo permette l'utilizzo trasparente di tutti i CMS esistenti e delle loro estensioni, ha un server incorporato ed un FTP.

Sono strumenti che nel mondo Apple mancano e farebbero molto comodo.

Un'ultima cosa: esistono diversi, ottimi negozi on-line open source. Per esempio nopCommerce, Kartris, mojoPortal. Oppure il giapponese EC-CUBE.

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie, mi state dando tante dritte e soprattutto sto facendo un po' di chiarezza.

Non sapevo che i credit potessero essere tolti ed inseriti in un'altra pagina. Effettivamente così è molto più comodo e di fatto non fai un torto alla persona che, giustamente, c'ha lavorato. Bella trovata, mi farò comodo.

Quanto dura l'abbonamento, se di abbonamento si può parlare, di Artisteer? L'ho scaricato in versione trial, ma non l'ho ancora provato perché sono dietro ad un altro sito.

A proposito di questo. Mi è stato commissionato un sito da parte di una piccola società sportiva. So che sto per addentrarmi in un argomento che, solitamente, non è visto di buon occhio da parte dei web designer professionisti. Capisco che non è possibile preventivare a priori il costo per la realizzazione di un sito,ma mi chiedevo, viste le mie abilità (non eccelse, ma i risultati solitamente sono più che buoni) quanto potrei chiedere di base a chi mi commissiona questi siti.

Per il momento non mi viene in mente altro, ma sono davvero grata per questa piacevole chiacchierata che sta risultando utilissima!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this