Sign in to follow this  
xtradar

MacBook: si prepara la dismissione?

Recommended Posts

In accordo a quello che dice MacRumors sulla sua Buyer's Guide il MacBook è assolutamente da non comprare, ha un bel pallino rosso, perchè aggiornato l'ultima volta una vita fa (tecnologicamente parlando): 18 Maggio 2010. Che succede? Come mai questo portatile non è stato più toccato? In giro non c'è neanche un rumor su questa macchina, che ci sia qualche progetto per far sparire questo computer entry level?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io dico la mia. Non so se ci sia un "piano oscuro" per eliminare il MacBook, ma penso che il nuovo Air da 11 pollici sia molto piu' appetibile del MB bianco e rubi quote di mercato. Con poco di piu' ci si prendo il MB Pro. Quindi, a mio parere, o abbassano il prezzo (e di tanto) oppure il MB non ha piu' ragione di esistere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per me è un'ovvia e destinata conclusione.

È una macchina che ha poco senso, il futuro più attuale che prossimo, del portatile da disimpegno, è l'Air.

Per tutto il resto c'è l'iPad.

Neanche come entry level credo sia adeguato all'immagine e strategie Apple.

Ha ormai fatto la sua storia, né scintillante né piena di trofei come quella del Pro.

Non l'hanno messo in pensione ufficialmente.

Gli hanno dato un'impegno di tutto riposo, un po' defilato.

Così quando sarà definitivamente pensionato non creerà rimpianti e tanti non se ne accorgeranno neppure...

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'Air .................._.. 1,290 $ Core 2 Duo 1,86 GHz SSD 128 GB

MacBook .................. 999 $ Core 2 Duo 2,4 GHz . HD 250 GB

MacBook Pro 13 .._.. 1,199 $ .... Core i5 2.3 GHz . HD 320 GB

Il MacBook è schiacciato fra i diretti concorrenti. A mio parere più dal Pro che dall'Air.

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me sembra ripetersi esattamente la stessa storia di diversi anni fa con l'eMac, che pur rimanendo a listino non venne più aggiornato per mesi e mesi prima di sparire lentamente e senza clamori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho capito, si spinge l'Air, insomma. Io comunque lo lascerei ancora un annetto, magari risistemato un po', a prezzo ancora più basso diciamo a €699, sono convinto che venderebbe molto. Non credo possa farsi concorrenza con iPad in quanto prodotti diversi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Apple ormai non ha interesse ad espandersi "seriamente" nel mercato dei computer. Volesse farlo piazzerebbe il MacBook bianco (avrei anche un certo discorso da fare sul MacMini...) ad un prezzo aggressivo (e potrebbe farlo viste le componenti non certo da urlo e i costi ormai più che rientrati per la sua produzione), concordo anch'io sui 699 euro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Apple ormai non ha interesse ad espandersi "seriamente" nel mercato dei computer.

Il punto è precisamente definire oggi, nel 2011, il termine "computer".

Secondo Apple, nel futuro, in campo consumer non vi sarà alcun senso per un computer come lo intendiamo noi vecchietti. Un cellulare non è un computer? Un tablet non è un computer? Non permettono forse di fare le stesse cose che fa la stragrande maggioranza delle persone con un "computer"?

Da un certo punto di vista condivido questa visione, prendo alcuni esempi tra i tanti che mi vengono in mente: io non trovo ragioni che giustifichino ad un utente normale la conoscenza dei permessi di un file system, o del fatto che si debba avere in casa o nella borsa un sistema quad core per andare su facebook, leggere la posta e vedere un paio di video, non ha senso. E' anche uno spreco di risorse energetiche, costruttive, tecnologiche e come impatti ambientali.

Quello che condivido molto meno, anzi per nulla, è il perché chiudere l'utente in ambienti così ristretti come lo è iOS, ma la logica della pecunia la vince sopra qualunque etica hacker che ormai è del tutto dimenticata nelle logiche di mercato odierne.

Il computer come lo intendiamo noi, il cosidetto calcolatore, continuerà ad esistere, ma sarà confinato in ambienti dove veramente si richiede la flessibilità, la potenza di calcolo e l'espandibilità, ambienti tra l'altro dove si possa gestire la complessità intrinseca.

Già oggi i desktop sono quasi scomparsi dalle case, i normali portatili permettono di fare tutto il necessario (quasi almeno), la stessa cosa succederà ai portatili quando questi nuovi device saranno in gradi di collegarsi ad un monitor da 24" e far girare degli ambienti di sviluppo piuttosto che suite di produzione multimediali, programmi CAD e chissà cos'altro, e forse ci vorrà molto meno di quanto possiamo immaginare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il punto è precisamente definire oggi, nel 2011, il termine "computer".

Credo non ci siano dubbi su cosa sia un personal computer ... infatti Apple si riferisce ai nuovi dispositivi in termini di era "post pc" :-)

Il computer come lo intendiamo noi, il cosidetto calcolatore, continuerà ad esistere, ma sarà confinato in ambienti dove veramente si richiede la flessibilità, la potenza di calcolo e l'espandibilità, ambienti tra l'altro dove si possa gestire la complessità intrinseca.

Mah, non lo so ... anche il semplice editing amatoriale di una foto è difficoltosa su uno smartphone o un tablet. OK ci sono dei programmi veramente ben fatti (penso in primis ad iMovie per iPad) ... tuttavia ribadisco: immagina di voler editare una semplice foto: ti serve un Mac/PC per scaricare la foto dalla macchina fotografica, la trasferisci sul dispositivo e poi? Non c'è niente di lontanamente paragonabile ad iPhoto ... senza scomodare software come Photoshop Elements :-)

iPhone, iPad sono strumenti eccellenti, ma sono (nella stragrande maggioranza dei casi) fruitori di contenuti: a chiunque di noi, per lavoro, hobby o divertimento è necessario creare contenuto :-)

e forse ci vorrà molto meno di quanto possiamo immaginare.

Ed a quel punto l'iCoso non sarà altro che un Mac con un OS diverso ... e torniamo al computer :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah, non lo so ... anche il semplice editing amatoriale di una foto è difficoltosa su uno smartphone o un tablet. OK ci sono dei programmi veramente ben fatti (penso in primis ad iMovie per iPad) ... tuttavia ribadisco: immagina di voler editare una semplice foto: ti serve un Mac/PC per scaricare la foto dalla macchina fotografica, la trasferisci sul dispositivo e poi? Non c'è niente di lontanamente paragonabile ad iPhoto ... senza scomodare software come Photoshop Elements :-)

Ma sono d'accordo, infatti ho posto come condizione che debbano crescere in hardware e in possibilità di collegare periferiche esterne, cosa che al momento non avviene ma che succederà, si useranno non solo per fruire ma appunto anche creare contenuti.

Ed a quel punto l'iCoso non sarà altro che un Mac con un OS diverso ... e torniamo al computer :D

Si ma un computer diverso. Se tu potessi pantografare un iPad con un monitor da 21.5" con tastiera e mouse non avresti un mac.

Quante volte abbiamo letto o sentito dire "il PC è morto" ? Si dava per spacciato quando si pensava che il futuro fossero i thin client, poi si è data per scontata la sua morte quando spuntarono le console, poi si è dato per morto quando agli albori di internet si pensava che si potesse navigare dalla tv.

Niente di tutto questo, è arrivata la rivoluzione digitale, tutti ci siamo riempiti di contenuti come foto, audio, video ed il PC è diventato un nodo centrale della vita digitale di tutti.

Ora si sta cercando di scardinare questa logica, il nodo centrale si vuole spostare nella nuvoletta. I rami del glifo diventeranno le infrastruttura di rete e le foglie saranno tanti piccoli device sincronizzati al volo, senza contenuto fisico.

Secondo me è ancora presto per capirlo ma, a differenza delle altre rivoluzioni che ha visto il PC reinventarsi sempre, questa è fortemente spinta dai grandi veicolatori di contenuti e credo proprio che ci riusciranno, se ci pensi è pur vero che Apple ci guadagna con chi si compra un Mac ma guadagnerebbe molto di più se tutto il software passasse da app store, se tutti i contenuti passassero da app store e se tutti i contenuti dessero il famigerato 30% di app store. La spinta è da quella parte, non certo alla libertà di OSX, un cliente su OSX non è scontato che generi guadagni dopo l'acquisto, un cliente su iOS non ha scelta.;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this