Sign in to follow this  
admin

La biografia di Steve Jobs: pareri e pensieri

Recommended Posts

E' uscita il 24 Ottobre

Macity: Biografia di Jobs, disponibile e scaricabile da iBookstore Italia

E' il primo libro di un certo peso (parlo di numero di pagine) che leggo su iPad e devo dire che regolando luminosità non è cosi' faticoso per gli occhi come dicono. Certo che uno schermo retina aiuterebbe... Su iPhone 4 è confortevolissimo e il passaggio da uno all'altro aggeggio è sicuramente una delle feature che rende geniale il lavoro di Apple.

Il libro si legge tutto d'un fiato e il lavoro di intersezione tra la storia dei prodotti e i ricordi dei protagonisti da entrambi i lati è perfetto.

La storia della malattia e l'analisi della personalità di steve jobs raccontati senza filtri sono qualche volta spiazzanti ma catturano ed evitano di farne una epopea delle magnifiche sorti di Apple e della grandezza del suo fondatore.

E' una biografia autorizzata per modo di dire... l'autore ha scritto quel che voleva ma ha avuto l'accesso ad informazioni dirette anche del protagonista e della famiglia.

Insomma un bellissimo modo per congedarsi affidato da Jobs ad un eccellente esperto, un po' come accade per le creazioni studiate insieme ad Ive e al resto di Apple.

Per chi ha seguito la lunga storia di Steve Jobs prima come utente, poi come appassionato e infine come cronista è un modo di ripercorrere un lungo cammino scoprendo viste e paesaggi che alla prima visita non si erano potuti cogliere.

E voi dopo averlo letto cosa ne pensate? Quali sono i passaggi e i temi che vi hanno incuriosito, interessato, stimolato di più anche rispetto alla storia di Apple per come la conoscevate?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho ordinato il libro su Amazone ma temo aspetteremo in tanti, sembra esaurito.

Ho anche scaricato l'inizio dallo Store, convinto che leggerlo sul 3GS mi sarebbe stato impossibile, invece mi sono bevuto senza sosta le quasi 300 pagine "ingrandite". Al momento sono indeciso se acquistarlo anche online. Meglio per iDevice o per Mac? Propenderei per la seconda, ma Kindle Store non lo fornisce ... ancora ... poi sembra costare persino più che quello cartaceo...

Bella la non-recensione. Nulla di più di altre, ma il non-sensazionalismo è talmente raro parlando di Apple e dintorni che da solo merita l'encomio. Speriamo che Macity faccia tesoro dell'esempio e riduca l'enfasi sui rumor che sminuisce la testata al livello dei "parvenu".

___________________________________________

Ricerche con Google nel Forum e nel Sito MacityNet

Share this post


Link to post
Share on other sites

in un sito che fa recensioni, reportage, prove e tanto altro per un totale di 25-35 articoli al giorno 2 o 3 rumors al di' sono pure divertenti da leggere e in alcuni casi sono pure utili o curiosi e, come sempre diciamo sono riportati sempre come tali. Se qualcuno non sa valutare le differenza non è colpa nostra.

Ma siamo off topic.

Share this post


Link to post
Share on other sites

sto leggendo il libro, comperato in libreria la settimana scorsa.

sono all'immediato dopo-lancio mac.

finora mi piace la schiettezza: nulla nascosto, nemmeno i commenti, le sensazioni dell'autore. ci sono tutte le parti (vedi commenti jobs-gates riguardo alla collaborazione ms-apple), pure quelle meno lusinghiere.

direi, così, a naso, che era un genialissimo gran bel pezzo di *****, ma aspetto la fine per confermare o smentire il giudizio.

certo, senza di lui (ed alcuni, pochi, altri...) il mondo oggi sarebbe parecchio diverso...

Share this post


Link to post
Share on other sites

finito oggi.

gran bel libro, gran bella storia.

steve jobs era decisamente un gran pezzo di ***** ma sapeva essere anche amabile, affabile, un mentore. era tanto crudo e diretto quanto leale, coraggioso. e ci metteva sempre faccia e ****. ce ne vorrebbero di più, di facce di ***** così.

si capisce parecchio della filosofia apple da quelle pagine, ecco perchè nel futuro prevedo un Ipod ed un Iphone ad affiancare il mio amato nokia N8 insieme a lazzaro, il mio macbook pro.

“Cos’è che mi ha dato la spinta? Penso che la maggior parte delle persone creative desiderino esprimere la propria gratitudine per aver potuto beneficiare dell’opera di chi ci ha preceduto. Non sono stato io a inventare la lingua o la matematica che uso. Produco poco di quello che mangio, nulla di quello che indosso. Ogni mia realizzazione è debitrice ad altri membri della nostra specia, sulle cui spalle poggiano i nostri piedi. E una parte cospicua del nostro animo desidera restituire qualcosa alla nostra specie e aggiungere qualcosa al percorso… cerchiamo di usare i talenti che abbiamo per esprimere il nostro sentire più profondo, per esternare la nostra ammirazione per i contributi di chi è venuto prima di noi, e per aggiungere qualcosa a quel percorso. È questo che mi ha dato la spinta.â€

steve jobs

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono a circa un terzo.

Mi sembra una biografia senza peli sulla lingua, piuttosto "sincera".

Cosa mi ha colpito per adesso?

- Niente compromessi, dritti verso l'idea, la visione, usando l'intuito un po' orientale e un po' stile Simenon.

- Profondo senso di gratitudine nei confronti di chi lo ha sopportato per anni. ;)

- La vera potenza è stata quella di saper mettere insieme le idee, non di crearle dal nulla. E credo che nessuno le crei mai dal nulla.

- Incredibile quante delle cose che usiamo oggi quotidianamente su PC e Mac sono nate da questa storia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this