Sign in to follow this  
algida

grafico da due soldi VS due soldi di grafico

Recommended Posts

ma non sto facendo pratica,il problema è quello!io sono disordinato,sconclusionato e ragiono in modo contorto.creatività zero.logica da programmatore,inferiore allo zero.

il mio lavoro ideale (VEEERGOGNA)sarebbe stare "in laboratorio" in qualche negozio di computer,assemblare,testare hardware e simili.quello mi piace.

i siti...le paginette che faccio sono tutte esperimenti tecnologici,oppure mere liste di link a questo o quello,come i filmati che ho fatto.linkati in una pagina di bruttura indicibile,ma che si carica anche prima di aprirla :-P

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma non sto facendo pratica,il problema è quello!io sono disordinato,sconclusionato e ragiono in modo contorto.creatività zero.logica da programmatore,inferiore allo zero.

il mio lavoro ideale (VEEERGOGNA)sarebbe stare "in laboratorio" in qualche negozio di computer,assemblare,testare hardware e simili.quello mi piace.

i siti...le paginette che faccio sono tutte esperimenti tecnologici,oppure mere liste di link a questo o quello,come i filmati che ho fatto.linkati in una pagina di bruttura indicibile,ma che si carica anche prima di aprirla :-P

non parlei di prospettive a lungo termine, ma di assemblatori ingiro c'è carenza. se poi vuoi "svoltare" cerca un grossista che ti tratti bene e poi ti assembli il computer finito da vendere ad amici+conoscenti+amici di conoscenti+conoscenti di amici

Share this post


Link to post
Share on other sites

purtroppo è un pò complicato,qui dove sto io ci sono negozi di computer,negozi di cellulari e quindi anche supermercati ecc.per un buco di città,ci sono circa 5 negozi di computer(tutti rigorosamente sul corso....sigh.poi ovviamente anche gli altri in giro per viottoli dispersi)e un paio di echos e trony.no comment per i cellulari,che ce ne sono anche 4 affiancati:vodafone,wind,tre e tim. :-\

Share this post


Link to post
Share on other sites

mc100, dici cose sacrosante. sono daccordo al 100% con quello che dici.

soprattutto sul discorso di offrire qualcosa in più. io, ripeto, ho la fortuna di non dover andare a caccia di clienti, essendo stato assunto in un'azienda piuttosto grande. ma ogni giorno devo giustificare la mia presenza qui, non essendo il mio ruolo percepito come fondamentale per un'ospedale (ed in effetti non lo è, probabilmente).

non posso limitarmi a fare il compitino impaginando i poster e i pieghevoli dei convegni o buttando giù due suggerimenti per rinnovare la segnaletica. devo saper scrivere un progetto che parli di costi e benefici, che esprima in termini semplici e immediati a cosa servono certe cose e perchè si fanno, scegliere cosa fare e cosa non fare e come farlo. soprattutto devo interfacciarmi con persone che non sanno nulla del lavoro che faccio e dall'alto della loro superiorità di professoroni ti guardano con quell'aria paternalistica e pensano che tu sia l'ennesimo capriccio del direttore.

questa gente non la puoi convincere se non ci sai parlare insieme, se non riesci a entrare nella loro ottica e dimostrargli che il lavoro che fai tu è utile anche a loro e, soprattutto, ai loro pazienti. e che la qualità percepita è data anche dagli aspetti di immagine e comunicazione. certo, è molto più comodo in un posto dove il discorso introiti non è direttamente collegato alla promozione dell'immagine, ma sotto alcuni aspetti può rivelarsi persino più difficile.

detto ciò rimane il problema dell'atteggiamento di sufficienza con cui certe professioni vengono viste. e quando dico "creativo" lo faccio solo per semplificare, per racchiudere in una parola una serie di professioni per certi versi simili, non certo per indicare la natura profonda del lavoro.. io più che un creativo sono un consulente/project manager, mi occupo anche degli aspetti creativi solo perchè non c'è nessun altro che lo fa, ma considero in generale la mia professione abbastanza vicina a quella di un grafico o di chi si occupa di video o di webdesign..

io ho gran rispetto per un lavoro come il tuo...

ma tu sarai d'accordo con me che i professoroni in un ospedale sono in grado di salvare vite umane ed esguire interventi al limite della possibilità umana. a quelli in fondo poco importa della grafica comunicativa tra reparti e ospedali, visto che il fulcro dell'efficienza e del buon funzionamento di un ospedale si basa su medici competenti ed infermieri volenterosi. niente di più.poi che trovi spazio all'interno della struttura anche il creativo che come te si occupa che la resa grafica della comunicazione cartacea sia al top... beh, è un plus, una chicca dei nostri tempi. al medico che si è fatto il mazzo all'università e che ci rimette la faccia, la carriera e che ha in mano la vita del paziente, non credo interessi molto.

non ho detto questo per dire che hanno ragione, bensì che comprendo il loro punto di vista e che sono tipi tosti da convincere. come anche comprendo il tuo che dai il tuo contributo affinchè l'efficienza ospedaliera sia migliore, e che svolgi il tuo di lavoro. e in quanto tale deve essere rispettato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

theskyscared, non fraintendermi, sono conscio dell'importanza relativa di una figura come la mia in un ospedale. rispetto moltissimo il lavoro dei medici e degli infermieri, proprio perchè vedo tutti i giorni come lavorano e quanto lavorano.

proprio per questo quello che devo fare io è dare a loro la possibilità di lavorare il meglio possibile. questo significa ridurre le code e le richieste di informazioni inutili grazie ad una strategia comunicativa efficace ed efficiente, che permetta ai medici e (soprattutto) agli infermieri di fare il loro lavoro e non quello degli altri. una guida ai servizi impostata in un certo modo, con le informazioni essenziali ben disposte e studiate attentamente diventa uno strumento fondamentale per sgravare chi lavora nei reparti da tutta una serie di incombenze. per farla leggere a più persone possibile inoltre deve essere graficamente accattivante e inserita in un quadro comunicativo più ampio.

questo solo per fare un esempio banale, ovviamente. perchè non dimentichiamoci che gli ospedali, in ogni caso, vivono grazie ai finanziamenti regionali e alle attività in libera professione, e che necessitano di interventi di marketing mirati e studiati per ampliare la propria utenza o per promuovere tecnologie nuove su cui molto si è investito. un ospedale più frequentato, a patto di avere una gestione sanitaria e amministrativa all'altezza, è anche un ospedale con maggiori possibilità di cura e di investimento nella sperimentazione e nella ricerca scientifica.

oggi non è più sufficiente solo il medico o il professionista della salute per "fare" un ospedale. tutte le figure professionali, dal tecnico manutentore al primario, devono lavorare in sinergia per raggiungere un unico obiettivo: il miglioramento del trattamento del paziente e l'attenzione assoluta verso la persona.

ooops, scusate il pistolotto, mi sono lasciato andare! e sono pure OT!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Idea banale: non esiste in ospedale uno sportello informazioni? E mi pare esista anche un qualcosa relativo ai diritti del malato, giusto?

Io inzierei a monitorare le richieste e le lamentele pervenute nell'arco di 3 mesi. Cercherei di catalogarle e archiviarle e quindi inizierei una strategia mirata ad abbattere le voci piu' frequenti di entrambi i servizi.

Successivi monitoraggi potranno dare la misura dell'efficacia degli interventi svolti.

Se funziona, hai la stima del tuo lavoro e liberi risorse aziendali per altre attivita'.

Just my 2 cents, non essendo del mestiere e non conoscendo gli ospedali.

Share this post


Link to post
Share on other sites

non vorrei scoraggiarti, ma la professione di assemblatore IMHO non ha futuro.

Se guardi i prezzi dei pc di marca ti renderai conto che non ha piu' senso rivolgersi al brandless, che oltretutto offre garanzie ben minori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

oggi non è più sufficiente solo il medico o il professionista della salute per "fare" un ospedale. tutte le figure professionali, dal tecnico manutentore al primario, devono lavorare in sinergia per raggiungere un unico obiettivo: il miglioramento del trattamento del paziente e l'attenzione assoluta verso la persona.

è quello che intendo io infatti...

soltanto che un medico, che è la punta di diamante, dà praticamente per scontato che l'ospedale dove lavora sia efficiente a livello organizzativo e gestionale.... ti dico così perchè conosco un sacco di medici, e quasi tutti di gran livello: sono tutti dei narcisisti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Idea banale: non esiste in ospedale uno sportello informazioni? E mi pare esista anche un qualcosa relativo ai diritti del malato, giusto?

Io inzierei a monitorare le richieste e le lamentele pervenute nell'arco di 3 mesi. Cercherei di catalogarle e archiviarle e quindi inizierei una strategia mirata ad abbattere le voci piu' frequenti di entrambi i servizi.

Successivi monitoraggi potranno dare la misura dell'efficacia degli interventi svolti.

Se funziona, hai la stima del tuo lavoro e liberi risorse aziendali per altre attivita'.

Just my 2 cents, non essendo del mestiere e non conoscendo gli ospedali.

2 cents centrati. è proprio quello che si fa con il sistema qualità e l'urp. sono i primi passi da fare, ma spesso affidarsi solamente ai reclami non è sufficiente a migliorare il grado di qualità percepita e di soddisfazione della persona.

cmq ora stop, che siamo veramente OT.. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

non vorrei scoraggiarti, ma la professione di assemblatore IMHO non ha futuro.

Se guardi i prezzi dei pc di marca ti renderai conto che non ha piu' senso rivolgersi al brandless, che oltretutto offre garanzie ben minori.

assolutamente sì ma il pc di marca a parità di prezzo con l'assemblato non monta gli stessi componenti. quanti hp o dell hanno la grafica in sli? quanti montano l'fx di ultima generazione? d'accordissimo sulle garanzie ma tu pagheresti 200euro per una "maggiore" garanzia? sono scettico nei confronti del pc di marca. prenderlo di marca depauperizza il vantaggio dei componenti in libereo mercato

Share this post


Link to post
Share on other sites

è quello che intendo io infatti...

soltanto che un medico, che è la punta di diamante, dà praticamente per scontato che l'ospedale dove lavora sia efficiente a livello organizzativo e gestionale.... ti dico così perchè conosco un sacco di medici, e quasi tutti di gran livello: sono tutti dei narcisisti.

benché la mia tiroide sia prossima all'esplosione dell'ospedale ho una visione quale centro servizi più che stile E.R.

prescindendo dalla percezione dello staff medico la struttura da dei servizi e i servizi partono dalla presentazione che di loro si dà. non dico come marketing, ma come usabilità. a livello di singolo utente l'ospedale lo fai più tu con le informazione che barnard coi trapianti (sappiate declinare la frase) :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

>assolutamente sì ma il pc di marca a parità di prezzo con l'assemblato non monta gli stessi componenti. quanti hp o dell hanno la grafica in sli?

le workstation grafiche di hp e dell hanno le schede video migliori sul mercato.

Le macchine da casa hanno schede normali.

>quanti montano l'fx di ultima generazione? d'accordissimo sulle garanzie ma tu pagheresti 200euro per una "maggiore" garanzia? sono scettico nei confronti del pc di marca. prenderlo di marca depauperizza il vantaggio dei componenti in libereo mercato

guarda, io ho smesso di comperare assemblati (o di assemblare da me) da circa 2 anni.

Oggi un buon pc di "marca" costa poco piu' di un cassone assemblato, funziona senza rogne strane, ha un case piu' accessibile ed è meno rumoroso. Soprattutto quando devi fargli assistenza non devi sbatterti a cercare il driver giusto per ore e comunque non ti capita il conflitto scheda video / audo a 3000 canali che per scoprirlo devi squartare un pollo e berne il sangue la prima notte di plenilunio.

Magari se sei uno smanettone, per te in casa tua è tutto ok, ma appena sei un utente normale o una piccola impresa, l'assemblato non ha piu' senso.

Guarda i prezzi di dell con 3 anni di garanzia on-site...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this