Sign in to follow this  
DaniFerra

Consiglio su acquisto HD esterno

Recommended Posts

Grazie sem, molto preciso e completo: proprio perché ho compreso il rischio sto cercando di correre ai ripari, aggiornando l'OS con l'occasione a SL.

Sono costretto, per mia petulanza, a chiedere alcune precisazioni:

- dal primo capoverso ("Posti all'interno ... Thunderbolt") capisco che Firewire non è più prevista tra le interfacce; al secondo capoverso invece sì;

- per interfacciare hd interno e nuovo hd esterno mi basta acquistare un semplice cavo USB (2 o 3)?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie J.T., anche e soprattutto per le indicazioni a un anziano neofita come me; a questo riguardo mi potresti indicare anche le modalità che dovrò seguire per avviare il clone (Tiger, su hd esterno) da SL (su iMac, hd interno)?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti,

dopo 4 anni che possiedo un mac ormai la memoria (160 GB) è satura e sto pensando di acquistare un HD esterno; troppe volte ho rimandato questa spesa che considero ora irrinunciabile e buona pratica (il backup) per la sicurezza dei dati.

Ho letto più post, tra cui anche questo

http://www.macitynet.it/forum/imac-emac/121763-consiglio-su-acquisto-hd-esterno-2.html#post1384579

qui su Macitynet e vorrei avere consigli per gli acquisti.

Di seguito cerco di darvi maggiori informazioni.

Possiedo un Macbook Unibody late 2008 (per intenderci il 1° e forse l'ultimo macbook con il case in alluminio), con processore Intel Core 2 Duo 2,0 GHz, 2GB di DDR3 Memoria e 160 GB e OS X Leopard. Come porte esterne ho 2 USB (immagino 2.0) ed ethernet, quindi manca Firewire e quant'altro.

La mia esigenza è sostanzialmente quella di un back-up saltuario (per interderci non alla "time machine").

Sarei orientato verso l'acquisto di un hd esterno da 2,5 pollici per privilegiare la portabilità nel caso dovesse servirmi in futuro, memoria totale da 1 a 1,5 Tera, budget dagli 80 ai 120 € (per il disco di capacità 1 T, da stabilire per il disco con memoria superiore).

Inoltre vorrei capire:

- vi sono differenze in termini di affidabilità tra un hard disk da 3,5' e uno da 2,5'?

- quali marche, oltre WD, iomega e Lacie, mi consigliate (Toshiba e seagate)?

- cosa significa quando che i prodotti riportano la compatibilità con il mac? è davvero necessaria?

- quali altre caratteristiche dovrei guardare?

Potete consigliarmi e darmi delle dritte?

Sono stato un po' prolisso, aspetto vostri lumi.

Grazie mille.

Buona giornata

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao e benvenuto,

dovresti continuare proprio nel 3d che hai indicato.

E' buona norma non moltiplicare le discussioni che hanno lo stesso argomento.

Per quanto riguarda la richiesta, le marche che hai indicato vanno più che bene... ricorda che però WD, Iomega o LaCie realizzano prodotti, non fabbricano dischi (come invece fanno principalmente Toshiba e Seagate).

Poiché ritengo che un disco per il backup sia da assegnare solo a quel compito, ti consiglio un HD da 3,5", il più capiente possibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Macteo, grazie per la tua risposta ma vorrei approfondire un po' di più l'argomento.

Tolto il fatto che resto ancora sull'idea del disco da 2,5 pollici e della capienza che ho indicato, a livello di qualità gli hd esterni delle 5 marche che ho indicato si equivalgono o vi sono differenze? cosa c'entra la distinzione tra produttori e gli altri? e poi la storia della compatibilità, che significa?

grazie ancora

Share this post


Link to post
Share on other sites

mpgati, ho accorpato la discussione poiché l'argomento è lo stesso.

In futuro, per favore, segui il regolamento e le indicazioni dei moderatori.

Grazie.

Per quanto riguarda le domande: io ti ho portato la mia esperienza, soprattutto per quanto riguarda la questione backup... usare il disco dedicato al backup anche per altro significa introdurre variabili di rischio che fanno venire meno la funzione sicurezza.

Per cui viene meno anche la questione portabilità, a favore però di costi inferiori.

In secondo luogo, sia che tu voglia fare un backup manuale che automatico, lo spazio non è mai abbastanza e corri il rischio che dopo 1 anno tu debba prendere un disco più capiente, anche se dipende molto da quello che archivi nel backup e la frequenza con cui lo fai.

In base alle mie esperienze, non posso supportare completamente le tue idee, ma se preferisci fare così non c'è alcun tipo di problema.

Aggiungo che per il budget previsto, siamo davvero al limite se non oltre per quanto riguarda il costo degli HD da 2,5".

Per quanto riguarda l'affidabilità, non lo so: anche se ho avuto decine di HD esterni, nessuno è mai "morto" prima che smettessi di usarlo per "anzianità di servizio"...

La distinzione tra le marche è semplice: i produttori di hard disk come Seagate e Toshiba tendenzialmente fanno solo hard disk "nudi e crudi", mentre le altre marche utilizzano i dischi dei produttori per confezionare i loro dischi esterni... per cui, non è possibile fare un confronto tra 5 marche perché 3 (LaCie, Iomega e WD) utilizzano gli stessi dischi che producono Seagate e Toshiba. Poiché è impossibile sapere a priori quali dischi vengono installati, bisogna basarsi sulla qualità della marca.

Io ho una preferenza per LaCie e a seguire per WD.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Macteo, grazie ancora di aver condiviso la tua esperienza.

Vorrei però fare presente che non credo che portabilità significhi "introdurre variabili di rischio che fanno venire meno la funzione sicurezza", ma significa solamente richiedere che l'hd abbia dimensioni compatibili e opportune per dei viaggi.

Per quanto riguarda la capienza del disco, concordo con te che non è mai abbastanza: se guardo a pochi anni fa 500 GB mi sembravano un'esagerazione, ora invece sono scarsi. Considerando che faccio controlli e cernite abbastanza accurati e selettivi di ciò che salvo, e che in 4 anni ho riempito 160 GB, non credo di aver bisogno di un disco superiore ai 1,5 Tera. Poi comunque c'è anche un trade-off con il budget che ho scelto di allocare per questa spesa (e ripeto, si tratta di una scelta mia, condivisibile o meno).

Per quanto riguarda le marche citate, mi era già chiara la distinzione tra produttori e assemblatori di dischi. Questo fatto però non aggiunge nulla di utile alla scelta, tanto vale parlare di affidabilità e di prezzo. Personalmente sto valutando WD e Toshiba, LaCie è fuori portata per il mio budget, Iomega non ne ho mai sentito parlare.

Ultima cosa che ancora non ho capito: la compatibilità con mac cosa riguarda? time machine?

Abbi pazienza Macteo, i dubbi erano tanti, forse più sulle marche e sulla compatibilità.

Grazie mille

mpgati

Share this post


Link to post
Share on other sites

La compatibilità con Mac non esiste. Tutti gli HD sono prodotti da associati a IDEMA che hanno stabilito caratteristiche standard per tutti i prodotti. I marchi non corrispondono ai costruttori e nemmeno ai produttori. Ad esempio Apple ha montato negli anni molto spesso dischi HITACHI (anche nell'ultimo iMac ad esempio) e sebbene il comparto HD di questo marchio sia stato acquistato da Western Digital le sue peculiarità tecniche sono ancora le stesse come pure il nome sull'etichetta.

Se opterai per un HD da 2.5" Hitachi, o altro, ma di tipo interno, poi potresti montarlo in questo case che è molto comodamente privo di viti.

È USB 3, ma retrocompatibile USB 2, e costa 20€ + spedizione.

Posted Image

Un HD Hitachi di qualità (quello del nuovo iMac 21.5") è il SATA 3 da 1TB che gira a 5400rpm: il Travelstar 5k1000 (per dati e confronti leggiti la discussione su questo thread). Su Amazon ora costa 70€.

Quindi con 90€ + spese di spedizione avresti un HD portatile molto buono per rapporto consumi/rumore/performance e in grado di seguirti in futuro perché già negli standard SATA 3 ed USB 3.

Time Machine può usare qualsiasi HD, anche SSD oppure chiavette USB e persino schede di memoria Secure Digital ecc. La tecnologia prescinde dal supporto.

Time machine conserva un backup per ogni ora del giorno trascorso, uno per ogni giorno della settimana trascorsa ed uno per ogni mese degli anni trascorsi. Ovviamente quando finisce lo spazio libero cancella i backup più vecchi ... al ritmo di uno mensile per ogni ora che trascorre! Da questo elementare computo (pressapochista) capirai perché macteo sottolineava l'importanza di avere spazio abbondante a disposizione.

Poi, se tu volessi, finché i backup non sono ancora ingombranti lo spazio libero dell'HD resta accessibile ed utilizzabile ... sempre con un'incremento di rischi sull'affidabilità generale.

42 Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites

Macteo, grazie ancora di aver condiviso la tua esperienza.

Vorrei però fare presente che non credo che portabilità significhi "introdurre variabili di rischio che fanno venire meno la funzione sicurezza", ma significa solamente richiedere che l'hd abbia dimensioni compatibili e opportune per dei viaggi.

Per quanto riguarda la capienza del disco, concordo con te che non è mai abbastanza: se guardo a pochi anni fa 500 GB mi sembravano un'esagerazione, ora invece sono scarsi. Considerando che faccio controlli e cernite abbastanza accurati e selettivi di ciò che salvo, e che in 4 anni ho riempito 160 GB, non credo di aver bisogno di un disco superiore ai 1,5 Tera. Poi comunque c'è anche un trade-off con il budget che ho scelto di allocare per questa spesa (e ripeto, si tratta di una scelta mia, condivisibile o meno).

Per quanto riguarda le marche citate, mi era già chiara la distinzione tra produttori e assemblatori di dischi. Questo fatto però non aggiunge nulla di utile alla scelta, tanto vale parlare di affidabilità e di prezzo. Personalmente sto valutando WD e Toshiba, LaCie è fuori portata per il mio budget, Iomega non ne ho mai sentito parlare.

Ultima cosa che ancora non ho capito: la compatibilità con mac cosa riguarda? time machine?

Abbi pazienza Macteo, i dubbi erano tanti, forse più sulle marche e sulla compatibilità.

Grazie mille

mpgati

perdonami, ma io ho scritto questo:

usare il disco dedicato al backup anche per altro significa introdurre variabili di rischio che fanno venire meno la funzione sicurezza.

Per cui viene meno anche la questione portabilità, a favore però di costi inferiori.

Non che un HD portatile introduca fattori di rischio di per sé, ma l'utilizzo combinato con altre funzioni (libreria iTunes o iPhoto, archivio film, ecc...).

Gli HD sono teoricamente tutti compatibili con Mac.

Normalmente tutti i dischi di Iomega, WD e LaCie sono compatibili con Mac. Per altri produttori di soluzioni esterne non ho esperienza, ma non dovrebbero esserci grandi problemi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this