Ciao a tutti


Pino
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti, mi presento, sono Pino, possiedo un Mac dal 1984; si avete letto bene MILLENOVECENTOOTTANTAQUATTRO!!!!

Il punto è che lo possiedo ancora. Naturalmente ne ho comprati degli altri nel frattempo.

Si tratta di un Mac della prima anzi primissima serie, disco da 3,5 pollici e 64K di memoria.

È il numero di serie 006, di quelli che, se togli lo chassis, vedi all'interno le firme autografe dei progettisti, incluso Steve Jobs.

Naturalmente costruiti a Cuppertino!

Una delle cose che vorrei scoprire è che valore (a parte quello mio affettivo) può avere questa macchina, ad esempio se può interessare a qualche museo o simili.

Non vorrei trascendere o essere frainteso; vorrei solo capire se devo "rottamarlo" (non credo) o lo tengo perchè può diventare/essere di interesse per qualcosa/qualcuno.

Come si fa a scoprirlo?

Link to comment
Share on other sites

Come vedi ti ho già risposto nell'altro thread.

Rottamare mai, è un valore comunque affettivo, anche se le quotazioni di mercato potrebbero deluderti.

E ad un museo di tecnologia o proprio di Mac può senz'altro interessare, ma in genere sono donazioni.

In ogni caso tutti i Macintosh delle prime serie avevano all'interno del guscio le firme dei progettisti e non esistono serie speciali che danno maggiore o minore valore, ed erano tutti costruiti nella stessa fabbrica.

In qualche caso le valutazioni possono arrivare a migliaia di euro, ma sono casi rari.

In pratica dovrebbe essere mai usato, in scatola originale con tutti gli accessori e manuali, il colore dovrebbe essere grigio chiaro.

Mentre in genere sono usati, senza tutti gli accessori, senza manuali o dischetti originali, il software in copia, con tastiere e mouse con piccoli problemi e tracce di riparazioni, consumati dall'uso sui tasti e nelle parti che venivano usate.

Quasi tutti quelli funzionanti non hanno la motherboard originale ma sostituita e risaldata, quasi sempre sostituita da una 512.

Quasi sempre hanno l'alimentatore sostituito e risaldato con evidenti tracce.

Se è sempre stato in tuo possesso lo dovresti sapere.

Il colore, data la qualità della plastica come minimo è giallino, se non ocra o addirittura marrone.

Vedi sul retro, inoltre, se trovi scritto original 128k è una serie successiva alle prime.

In ogni caso sono cose che puoi esplorare in rete, ci sono mercatini, al di là dei soliti ebay e simili, che sono specializzati in old's Mac con relativi forum di esperti amatori e conoscitori

Link to comment
Share on other sites

Come riflessione secondaria, Pino, mi sembra strano che tu queste cose, soprattutto se dici che successivamente ne hai comprati altri, non le sappia.

Dovresti ben sapere che il Macintosh è 128k e non 64, che tutti i primi Macintosh avevano all'interno del case (e non chassis), le firme dello staff che nel 1982 ha partecipato allo sviluppo del progetto, non solo i progettisti.

Ovvio che ci sia quella di Jobs, che dirigeva il progetto.

Per esempio c'è anche la firma di Susan Care che ha creato parte dell'iconografia (anche il disegno originale del mio avatar) e quelli che hanno creato la grafica della gui e delle quattro applicazioni di default.

Le firme sono in rilievo sullo stampo della plastica, non certo a mano.

Non sono accessibili dall'utente, le scoprii (allora non si sapeva) quando fattomi fabbricare un cacciavite speciale da 35 cm con punta a stella esagonale lo smontai per qualche necessità che non ricordo.

Il numero del modello è M0001, il numero della serie che hai lo 006 non è il numero del modello prodotto, non so a cosa corrisponda, ma dovrebbe essere della sesta linea di produzione.

Lo hai comprato in Italia?

Sono stato uno dei primissimi a comprarlo a Roma, non mi ricordo la serie che non mi pare fosse un fatto rilevante, ma nel mondo già lo avevano comprato qualche centinaia di migliaia di utenti.

È un prodotto industriale diffuso in tutto il mondo, lanciato con un grande impegno pubblicitario e prodotto in serie, non è un prodotto artigianale come l'Apple 1 che l'anno scorso è stato acquistato da un italiano all'asta per circa 150.000 euro.

Hai il tastierino numerico, il lettore esterno da 400k, la borsa? Cose di cui quasi tutti ci siamo dotati e vengono ricercate, aumenta il valore.

E i manuali e la cavetteria originale con il software su dischi originali? Introvabili quasi perché in genere sostituiti o in copia, se ci sono

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share