Mac Pro Rumors...


giubio
 Share

Recommended Posts

  • Replies 89
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Una cosa che ben pochi rilevano è che finalmente i Mac Pro avranno il controller per gestire gli HD a velocità SATA 3.0, cioè a 4,8 Gbit/s effettivi, come già fanno i "piccoli" iMac ecc.:

[TABLE=class: grid, width: 500]

[TR]

[TH=class: wikitable, bgcolor: #F2F2F2, align: center]Tipo[/TH]

[TH=class: wikitable, bgcolor: #F2F2F2, align: center]Prestazioni teoriche[/TH]

[TH=class: wikitable, bgcolor: #F2F2F2, align: center]Prestazioni effettive[/TH]

[/TR]

[TR]

[TD]SATA 1.0[/TD]

[TD]1,5 Gbit/s (192 MB/s)[/TD]

[TD]1,2 Gbit/s (150 MB/s)[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]SATA 2.0[/TD]

[TD]3 Gbit/s (384 MB/s)[/TD]

[TD]2,4 Gbit/s (300 MB/s)[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]SATA 3.0[/TD]

[TD]6 Gbit/s (768 MB/s)[/TD]

[TD]4,8 Gbit/s (600 MB/s)[/TD]

[/TR]

[/TABLE]

Da Wikipedia

Io comunque (da sognatore) mi auguro che venga sviluppato presto (o che sia in sviluppo) un Mac Pro con questo processore di cui è già circolato un: engineering sample di CPU Ivy Bridge con architettura a 10 core.

___________________________________________

Ricerche con Google nel Forum e nel Sito MacityNet

Link to comment
Share on other sites

Molto bene per il SATA 3.0, ma per quanto riguarda la CPU attendere nuove versioni potrebbe essere un errore strategico. Attendere sempre (come sto facendo io) alla lunga ci porta tutti a diventare vecchi con le tecnologie del millennio precedente.

2 anni per un mercato solitamente popolato da professionisti che hanno bisogno di potenza e velocità é un limite per me invalicabile.

Ottima la scelta di Apple di mantenere tutti al tiro di corda senza informazioni così che "più se ne parla e più si desidera l' oggetto" ma ad un certo punto bisogna avere un prodotto disponibile, altrimenti il professionista se ne va a fare spesa altrove (magari spendendo meno).

Speriamo che entro poche settimane vedremo finalmente questo nuovo Mac Pro.

Ora ne ho proprio bisogno.

Lo acquisterò con almeno 64GB, 12 o 16 core, 2.7...3.2GHz e - forse - con un HD statico.

Roba da accendere un mutuo, ma almeno non ci penserò più per almeno......3 anni (sig !)

Link to comment
Share on other sites

Apple non attenderà altre CPU per questa serie di Mac Pro, ma forse rifletterà se attendere ancora i tempi tecnici di Intel (che secondo me sono commerciali perché è alle prese con una complessiva riduzione dei volumi di vendita) oppure se per il futuro entrerà nell'ordine d'idee di "usare altro".

Se rifletti l'adozione dei processori x86 ha modificato molto più la mentalità di Intel che quella Apple. Prima a Santa Clara inseguivano MHz e GHz e tenevano in poco conto calore e consumi, ora dopo 7 anni di "collaborazione" se leggi le specifiche dei nuovi Ivy Bridge non troverai altro che l'applicazione delle caratteristiche cercate da Apple nell'evoluzione dei PPC che non c'è mai stata.

Ora che "quasi" accade che siano disponibili prima i "successori" dei Sandy Bridge rispetto alle loro evoluzioni "E" (i prossimi Xeon), c'è da chiedersi quanto in realtà non sarebbe più performante ed economico un Dual (o più) Ivy Bridge ben ingegnerizzato che potrebbe essere disponibile solo qualche mese dopo la sospirata disponibilità di questi Xeon.

... per non ricordare ancora l'architettura Arm che sarà disponibile a 64 bit nel 2014.

Dimenticavo: la concorrenza PC non ha a disposizione processori più performanti. Ha solo la chance di guadagnare meno di Apple su ogni singolo computer venduto. Infatti di massima assemblano Work Station estreme, tirate per il collo, raffreddate a liquido ecc. e poi non troppo economiche nel rapporto complesso costi/prestazioni/affidabilità/durata ... se poi consideri l'esperienza d'uso che fai? Aspetti!

___________________________________________

Ricerche con Google nel Forum e nel sito MacityNet

Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...

Io mi ero stufato di aspettare. Ho trovato un MacPro ancora in garanzia, ben carrozzato di RAM (20 GB) e HD (3x1TB) ad un prezzo molto interessante e l'ho comprato. Per adesso sono contento.

Magari quando usciranno i MacPro nuovi mi sparerò in un piede, però mi ero proprio stufato e il G5 non mi permetteva più troppe cose...

Link to comment
Share on other sites

Faxus,

Saggia risposta !

Spero di non dovermene pentire.

Se anche questa volta il Mac Pro rimane al palo significa che la Apple non ha intenzione di rinnovare questa linea di prodotto.

Diversamente mi prendo un nuovo iMAC e lo arricchisco con la cpu max disponibile, RAM max disponibile e doppio monitor, HD 2TB + HD statico

Però, sono fiducioso.

Mi sa che questa sia la volta buona.

Mi sembra impossibile che la Apple abbandoni la linea Mac Pro.

Link to comment
Share on other sites

Al di là della mia attuale scelta, spero proprio che Apple non dismetta la linea "Pro", che di fatto impedirebbe a diversi settori professionali di utilizzare un Mac.

Per carità, credo loro sappiano fare i conti meglio di me, però mi spiacerebbe davvero al prossimo acquisto (fra qualche anno...) dovermi buttare su un iCoso... e non lo dico per snbbare la linea Consumer, lo dico perché a certi livelli un iMac è improponibile :(

Link to comment
Share on other sites

… però mi spiacerebbe davvero al prossimo acquisto (fra qualche anno...) dovermi buttare su un iCoso... e non lo dico per snbbare la linea Consumer, lo dico perché a certi livelli un iMac è improponibile :(

Spero proprio che i Mac Pro evolvano e non scompaiano (per un sacco di ragioni, anche conservatrici e nostalgiche) ma ho la sensazione che in pochi abbiano ancora chiaro il futuro che prospetta la connessione Thunderbolt.

Il concetto di computer col form factor "Tower" sta per andare in pensione superato dalla modularità consentita dalle connessioni veloci.

Ora conosciamo la Thunderbolt esistente (2 canali da 10 Gbit/s di transfer rate l'uno, cioè un flusso dati per governare 6 schermi FullHD su un canale e 2 SSD SATA3 a pieno regime in contemporanea sull'altro) ma in prospettiva con una connessione ottica, che è dietro l'angolo, si decuplicherà (100 Gbit/s) questa larghezza di banda. Moltiplicando i controller poi chissà … mentre lato CPU le evoluzioni "E" dei nuovi Ivi Bridge si annunciano da 10 core e più, quindi ipotetici multiprocessori in un case da Mac Mini (tanto per superare l'iCoso) nel giro di un paio d'anni da oggi potrebbero ridicolizzare gli attuali MacPro "a qualsiasi livello".

Inoltre in questo stesso lasso di tempo i processori Arm arriveranno ai 64bit ed a processi produttivi del livello degli attuali x86 (22nm ed a breve meno) quindi quel che è successo in 10 anni potrebbe accadere in molto meno tempo:

Posted Image

Advanced Media Manipulation with AV Foundation

Ora si parla di modifica del connettore degli iCosi (a partire dal prossimo iPhone) e sembra che sarà una riduzione dell'attuale, ma coi 30 pin ora disponibili si potrebbe comodamente realizzare una connessione Thunderbolt anche dagli iCosi.

I progressi ipotizzabili in futuro sembrano sicuramente più impressionanti di quello che già vediamo guardando a ritroso il recente passato.

___________________________________________

Ricerche con Google nel Forum e nel sito MacityNet

Link to comment
Share on other sites

Spero proprio che i Mac Pro evolvano e non scompaiano (per un sacco di ragioni, anche conservatrici e nostalgiche) ma ho la sensazione che in pochi abbiano ancora chiaro il futuro che prospetta la connessione Thunderbolt.

Il concetto di computer col form factor "Tower" sta per andare in pensione superato dalla modularità consentita dalle connessioni veloci.

Ora conosciamo la Thunderbolt esistente (2 canali da 10 Gbit/s di transfer rate l'uno, cioè un flusso dati per governare 6 schermi FullHD su un canale e 2 SSD SATA3 a pieno regime in contemporanea sull'altro) ma in prospettiva con una connessione ottica, che è dietro l'angolo, si decuplicherà (100 Gbit/s) questa larghezza di banda. Moltiplicando i controller poi chissà … mentre lato CPU le evoluzioni "E" dei nuovi Ivi Bridge si annunciano da 10 core e più, quindi ipotetici multiprocessori in un case da Mac Mini (tanto per superare l'iCoso) nel giro di un paio d'anni da oggi potrebbero ridicolizzare gli attuali MacPro "a qualsiasi livello".

[...]

Ora si parla di modifica del connettore degli iCosi (a partire dal prossimo iPhone) e sembra che sarà una riduzione dell'attuale, ma coi 30 pin ora disponibili si potrebbe comodamente realizzare una connessione Thunderbolt anche dagli iCosi.

I progressi ipotizzabili in futuro sembrano sicuramente più impressionanti di quello che già vediamo guardando a ritroso il recente passato.

Io non sono affezionato al case in alluminio da 26 chili (o quel che è) dei Mac Pro: se domani mi daranno la stessa possibilità di espandere e configurare che mi dà un Mac Pro con un Mac mini, farò i salti di gioia e recupererò un sacco di spazio sulla scrivania (oltre a potermi portare in giro "la bestia", in caso di necessità, senza usare il muletto).

Quello che non mi va, in questo momento, è che se uno si compra un iMac, ha uno schermo bello grande del quale, per certe applicazioni, non se ne fa nulla e deve collegarne un altro; se gli serve una possibilità più ampia di archiviazione rispetto a quella offerta dall'iMac, si fa una bella pila di HD esterni con relativi acavi e cavetti che conferiscono ad uno studio quell'aspetto "garagistico" molto molto "in" (ma che io detesto); se volesse installare qualche scheda aggiuntiva, è meglio che lasci perdere...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share