Trinitx

I migliori scatti. Vediamo di cosa siete capaci!

Recommended Posts

Mi spieghi dove e perché sono astratte? E addirittura «completamente».

Per me sono solo una visione, non umana, di una realtà concreta.

Non le considero fotografie ma immagini grafiche realizzate distorcendo una fotografia usata come semplice punto di partenza. Se la 'ricalcassi' con forme vettoriali in Illustrator mi piacerebbe di più.

Poi:

Non puoi conoscere altra visione che quella umana e non puoi chiamare la distorsione di questa una visione non umana. Sebbene tutto sia possibile, la puoi solo ipotizzare.

-

Gli avverbi sono un mio difetto. Dovrei usarne di meno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non le considero fotografie ma immagini grafiche realizzate distorcendo una fotografia usata come semplice punto di partenza. Se la 'ricalcassi' con forme vettoriali in Illustrator mi piacerebbe di più.

Si, ti capisco, ma non me ne frega proprio nulla - non di quello che pensi, quello sempre m'interessa, ma che alla fine non siano (sarebbero) più fotografie - anche se per me sempre lo sono.

Più che altro, per quello che mi riguarda, si tratta di una ricerca, di una sperimentazione, di un gioco anche.

Il fatto che tizio pensa sia una fotografia e Caio pensa non ne sia una non cambia assolutamente nulla per me.

Pensino quello che li pare, non mi cambia la vita… (Magari la cambia più a loro……)

Al limite, seguendo il tuo ragionamento all'estremo nessuna fotografia è una fotografia quindi, poiché non credo esista un obiettivo totalmente privo di ogni tipo di distorsione.

Dove sta il limite?

I limiti estremi del campo visivo monoculare (poiché parliamo di foto in 2D) sono in media 50-60° dalla parte del naso, 80 a 90° sul lato opposto, di 45 a 50° verso l'alto e di 60-80° verso il basso. (Non sono assolutamente certo di questi dati comunque).

Quindi (considerando che i dati sopra siano quelli giusti) ogni fotografia scattata con un obiettivo avente un angolo di campo più largo di questi (150º x 130º secondo i dati sopra) non è una fotografia poiché non rientra più nei criteri di corrispondenza alla visione umana?

Su queste cose si polemizzare inutilmente fino all'infinito (e francamente non ne ho più voglia).

Sono discorsi che mi hanno proprio stufato, come quello sulla «realtà» dei colori, che sono già stati fatti tante volte e che non hanno mai avuto nessuna uscita.

Io mi tengo alla semplice definizione di fotografia:

fotografia

[fo-to-gra-fì-a] s.f., anche abbr. foto

  • 1 La tecnica e l'arte di ottenere immagini durature mediante l'azione esercitata dalla luce su determinati materiali…

Quindi, anche se distorte a piacere (o a dispiacere - secondo i gusti) sono sempre immagini fotografiche.

Poi:

Non puoi conoscere altra visione che quella umana e non puoi chiamare la distorsione di questa una visione non umana. Sebbene tutto sia possibile, la puoi solo ipotizzare.

Allora ipotizziamola… ;)

•••••

Con la palla di Escher hai proprio colpito nel segno.

Sono anni che penso di realizzare un'immagine similare fotograficamente!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si, ti capisco, ma non me ne frega proprio nulla - non di quello che pensi, quello sempre m'interessa, ma che alla fine non siano (sarebbero) più fotografie - anche se per me sempre lo sono.[...]

Ci sono limiti convenzionali che separano le arti visuali come tutte le cose del mondo. Lo scopo è più pratico che concettuale ed infatti chi si inoltri per le differenze concettuali capisce presto di non poter arrivare in alcun luogo.

Non di meno servono. A separare l'impressione termica, dovuta ai raggi infrarossi, da quella propriamente derivante dalla radiazione dello spettro visibile all'occhio umano; oppure quella causata dalla variazione della pressione atmosferica dalle onde elettromeccaniche percepite dal sistema uditivo e quest'ultime dalla musica.

Prima che fra diversi generi musicali cosa distingue un segnale percepito di tonalità variabile dalla musica propriamente intesa? La cacofonia? La casualità?

Le risposte sono contestuali, mutevoli eppure ancora utili.

Il discorso che fai sui rapporti fra angolo di campo e distanza di visione è sbagliato perchè non tiene conto di due fattori determinanti: (1) la dimensione della stampa visionata e (2) la distanza di visione.

La modifica di questi ripristina l'equilibrio iniziale ma non è questo il punto giacché si tratta sempre di variazioni marginali, molto all'interno dei limiti convenzionalmente riconosciuti al concetto di fotografia.

Poi c'è la sfera di Escher, si, che puoi replicare fotograficamente (forse) usando una grande sfera da giardino come questa. La dimensione è importante perché volendo ricomprendere l'ambiente esterno ti serve un'ottica grandangolare. Bisogna vedere, però, non è facile previsualizzare.

Se invece vuoi solo fare un'immagine di 360°x180° puoi cercare una sfera di acciaio inossidabile di precisione. La lavorazione di precisione è necessaria perché ogni asperità si trasforma in relativa distorsione geometrica dell'immagine finale.

Usi un tele macro, 100 o 200mm sul pieno formato, e riempi l'inquadratura. Poi i programmi capaci di rimappare una proiezione sferica sono molti; a partire dallo storico plug in di Helmut Dersch per Photoshop.

E' una tecnica molto usata per realizzare le mappe di riflessione ambientale usate nella modellazione 3D.

A titolo di curiosità metto i link ai seguenti sistemi di foto panoramica/cattura ambientale 360°x180° a singolo scatto che usano, appunto, la tecnica in parola.

0-360 - Giroptic - GoPano - Girocam.

Share this post


Link to post
Share on other sites

È un normale foglio A4, di quelli che si usano per le fotocopie o le stampe laser.

L'ideale sarebbe un laminato opaco o una buona carta patinata opaca, ma non ne avevo sotto mano.

••

Questa è leggermente più pepata…

Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites

Interessante 'sta cosa del foglio di carta, la voglio provare anch'io, tra l'altro mi serve per delle foto che devo fare! Mi spieghi un po' meglio il funzionamento in linguaggio terra-terra?

:D

Intanto, carrellata di foto vacanziere varie:

Grasso di sugna

Posted Image

Populonia's coast

Posted Image

Giochi di luce

Posted Image

Fiammate

Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now