Sign in to follow this  
johnirving---1972

Ripristinare una finestra ridotta ad icona?????

Recommended Posts

...Rimaneva solo il problema del perché la finestra non rimaneva nel dock, come succede con le altre applicazioni, e kibiz mi ha chiarito anche questo aspetto.

Mi sfugge questa cosa.

Se la finestra non va nel Dock di sinistra, dentro l'icona dell'applicazione e visibile cliccando col tasto alternativo, allora va nel Dock di destra come icona a se stante. Comunque imperdibile ... tanto è bella grossa ed evidente.

Woz nel 1981 (3 anni prima della commercializzazione del Mac) si schiantò col suo ultraleggero, perse temporaneamente la memoria e non fu più lo stesso dei 2 decenni precedenti (era un bambino prodigio). Ha lasciato Apple mesi prima della crisi Jobs-Sculley e non aveva avuto nulla a che fare con Lisa, col Mac e con la rivisitazione dell'interfaccia grafica. Inoltre non ha avuto nulla a che fare con HyperCard (nemmeno Jobs) che invece fu una delle più grandi invenzioni software di Apple e che al di là delle fortune specifiche ha dato e poi lasciato quell'impronta 'differente' all'azienda che ora sembra si stia un po' perdendo. L'anima di HyperCard è ciò che più di ogni altra cosa ha contribuito a rendere il computer, in senso lato, accessibile a tutti: sia come fruizione che come programmazione/impostazione di utility personalizzate.

Aggiungo: fu Bill Atkinson, genio troppo spesso in ombra rispetto a Woz, ad inventare HyperCard ed a volerlo un software gratuito (poi Apple lo mise in vendita). Fu HyperCard che ispirò in Ward Cunningham molte caratteristiche di wiki. Io penso che anche nello sviluppare del WWW e dei browser molti avessero ben presente tutto ciò che HyperCard aveva rappresentato per un'infinità di utenti negli anni precedenti.

42 Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites

Johnirving---1972, quando rispondi senza spiegare a che cosa rispondi, usa Replica con citazione, il quote.

Altrimenti solo tu sai cosa stai dicendo, gli altri non capiscono.

In quanto a Woz, bah, forse è meglio che se ne sia andato subito...

Share this post


Link to post
Share on other sites

No io ho un solo dock e lo tengo al centro sotto.

Cmq ho risolto col suggerimento di Kibiz, guardando nelle preferenze del dock. Io invece prima guardavo solo nelle preferenze di Safari.

Parlavo infatti del primissimo Wozniak, proprio il ragazzino che andava all'Homebrew computer. Alzo le mani su Bill, ma il primissimo Steve W. era un'altro pianeta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Johnirving---1972, quando rispondi senza spiegare a che cosa rispondi, usa Replica con citazione, il quote.

Altrimenti solo tu sai cosa stai dicendo, gli altri non capiscono.

In quanto a Woz, bah, forse è meglio che se ne sia andato subito...

Visto come sono andate poi le cose è chiaro che lui è stato "sconfitto", voleva assolutamente che il computer non fosse un oggetto intorno al quale si muovessero capitali e interessi enormi, come poi è successo, magari era un utopia, ma lo ha dichiarato lui stesso piu' volte che il motivo del suo abbandono era questo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non vedo perché il computer si dovrebbe sottrarre, solo lui, a quello che succede per tutto.

Una visione romantica e assolutamente parziale della vita.

Addirittura, se vogliamo, distorta ed egoistica, quella di Wozniak.

In un mondo in cui si muovono capitali e interessi sullo sfruttamento esseri umani, l'indebitamento tramite la schiavitù monetaria, l'asservimento imperialista.

In un mondo in cui non sfugge nulla alla logica detta sopra, tutto quello che viene ritenuto commerciabile ed altro ancora, lo è.

Salute, acqua, cibo, casa, mezzi di comunicazione ed espressione.

Le automobili, le macchine industriali, le sementi agricole, le vie di comunicazione e tutto il resto.

Perché mai dover investire la propria esistenza e giustificare l'abbandono per pretendere che il computer sia l'ostia nel tabernacolo del mondo?

Ci sarebbero ben altre motivazioni per intraprendere battaglie contro questo mondo e questa cultura.

Questo dimostra che era è solo un perdente, per propria incapacità di avere una visione più vasta delle cose.

Forse anche simpatico ed una brava persona.

Ma proprio da non da indicare come modello, né da celebrare

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non vedo perché il computer si dovrebbe sottrarre, solo lui, a quello che succede per tutto.

Una visione romantica e assolutamente parziale della vita.

Addirittura, se vogliamo, distorta ed egoistica, quella di Wozniak.

In un mondo in cui si muovono capitali e interessi sullo sfruttamento esseri umani, l'indebitamento tramite la schiavitù monetaria, l'asservimento imperialista.

In un mondo in cui non sfugge nulla alla logica detta sopra, tutto quello che viene ritenuto commerciabile ed altro ancora, lo è.

Salute, acqua, cibo, casa, mezzi di comunicazione ed espressione.

Le automobili, le macchine industriali, le sementi agricole, le vie di comunicazione e tutto il resto.

Perché mai dover investire la propria esistenza e giustificare l'abbandono per pretendere che il computer sia l'ostia nel tabernacolo del mondo?

Ci sarebbero ben altre motivazioni per intraprendere battaglie contro questo mondo e questa cultura.

Questo dimostra che era è solo un perdente, per propria incapacità di avere una visione più vasta delle cose.

Forse anche simpatico ed una brava persona.

Ma proprio da non da indicare come modello, né da celebrare

Era proprio quello che volevo dire quando ho scritto "Visto come sono andate le cose....."

Pero' è anche vero che presa di per se, la sua non era una cattiva idea....è cattiva se confrontata con i tempi che attraversiamo.

Ma non credo che lui avesse la palla di cristallo per prevedere che andava così, e in ogni caso nella vita è tutto relativo.

Ecco perché credo che modello da celebrare o no, sia stato un bel personaggio, almeno più di un Bill G. o uno Sculley.

Se si vede il film Fuoco nella valle, tratto dall'omonimo libro, i vari caratteri sono mostrati molto bene.

Share this post


Link to post
Share on other sites

No io ho un solo dock e lo tengo al centro sotto.

Cmq ho risolto col suggerimento di Kibiz, guardando nelle preferenze del dock. Io invece prima guardavo solo nelle preferenze di Safari.

Non che sia una questione preminente. Il Dock è uno solo, ovviamente, ma è diviso in due da un separatore. A sinistra ci possono stare solo le icone delle Applicazioni, mentre a destra ci possono stare le più svariate icone di Cartelle. Se non viene attivata l'opzione ben evidenziata da kibiz le finestre contratte vanno a collocarsi nella parte destra del Dock come icone standard. Sono grandi come le altre e tutt'altro che invisibili e di scarso ingombro. Per questo Apple ha appunto introdotto la possibilità di condensarle in un menu nell'icona del programma che, ripeto, si evidenzia cliccando col tasto alternativo del mouse o con la gesture equivalente sul thrackpad.

Parlavo infatti del primissimo Wozniak, proprio il ragazzino che andava all'Homebrew computer. Alzo le mani su Bill, ma il primissimo Steve W. era un'altro pianeta.

...

Visto come sono andate poi le cose è chiaro che lui è stato "sconfitto", voleva assolutamente che il computer non fosse un oggetto intorno al quale si muovessero capitali e interessi enormi, come poi è successo, magari era un utopia, ma lo ha dichiarato lui stesso piu' volte che il motivo del suo abbandono era questo.

Non vedo perché il computer si dovrebbe sottrarre, solo lui, a quello che succede per tutto.

Una visione romantica e assolutamente parziale della vita.

Addirittura, se vogliamo, distorta ed egoistica, quella di Wozniak.

...

Questo dimostra che era è solo un perdente, per propria incapacità di avere una visione più vasta delle cose.

Forse anche simpatico ed una brava persona.

Ma proprio da non da indicare come modello, né da celebrare

Ho ricordato che Woz nel 1981 subì un grave stop alla propria evoluzione personale a causa di un grave incidente. Secondo me ora parliamo di una persona diversa da quella che 'avrebbe potuto diventare'.

Scrivo 'diventare' perché anche Jobs si è chiaramente evoluto parecchio rispetto allo schizofrenico hippie/trafficone/genialoide degli esordi. Lo ha spiegato lui stesso come il passare dalle stelle alle stalle (si fa per dire) gli ha permesso una maturazione che altrimenti non si sa se ci sarebbe stata.

Invece Woz è come se si fosse spento. Restano appunto le sue declamazioni in favore di un anarcoidismo molto velleitario e più che altro fine a se stesso. Invece in termini sia imprenditoriali che d'inventiva non è più stato in grado di dare nessun apporto significativo e forse nemmeno degno di menzione. Se Apple non avesse fatto la strada che ha fatto, nel bene e nel male, forse Woz nemmeno nell'immaginario collettivo sarebbe quel personaggio ricercato e citato che è ... pure a sproposito.

Secondo me però una volta superato lo scoglio di concepire e realizzare l'insieme Hardware Software come prodotto in scala artigianale, e non esclusivamente 'corporate' stile IBM, Woz non è detto che avrebbe saputo andare molto oltre.

Le persone che hanno contribuito di più all'evoluzione del computing, in generale e non esclusivamente personale, sono stati i Douglas Engelbart e quindi i Bill Atkinson, Ward Cunningham, Tim Berners-Lee ed i manager che ne hanno saputo convogliare la creatività verso concretizzazioni utili. Gli ingegneri ed i tecnici in generale cui dobbiamo il progresso dell'hardware secondo me sono intercambiabili e solo marginalmente influenti. I limiti tecnologici, sempre troppo grandi e lenti da superare, li mantengono tutti ad un livello pressoché omogeneo.

42 Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non che sia una questione preminente. Il Dock è uno solo, ovviamente, ma è diviso in due da un separatore. A sinistra ci possono stare solo le icone delle Applicazioni, mentre a destra ci possono stare le più svariate icone di Cartelle. Se non viene attivata l'opzione ben evidenziata da kibiz le finestre contratte vanno a collocarsi nella parte destra del Dock come icone standard. Sono grandi come le altre e tutt'altro che invisibili e di scarso ingombro. Per questo Apple ha appunto introdotto la possibilità di condensarle in un menu nell'icona del programma che, ripeto, si evidenzia cliccando col tasto alternativo del mouse o con la gesture equivalente sul thrackpad.

Ho ricordato che Woz nel 1981 subì un grave stop alla propria evoluzione personale a causa di un grave incidente. Secondo me ora parliamo di una persona diversa da quella che 'avrebbe potuto diventare'.

Scrivo 'diventare' perché anche Jobs si è chiaramente evoluto parecchio rispetto allo schizofrenico hippie/trafficone/genialoide degli esordi. Lo ha spiegato lui stesso come il passare dalle stelle alle stalle (si fa per dire) gli ha permesso una maturazione che altrimenti non si sa se ci sarebbe stata.

Invece Woz è come se si fosse spento. Restano appunto le sue declamazioni in favore di un anarcoidismo molto velleitario e più che altro fine a se stesso. Invece in termini sia imprenditoriali che d'inventiva non è più stato in grado di dare nessun apporto significativo e forse nemmeno degno di menzione. Se Apple non avesse fatto la strada che ha fatto, nel bene e nel male, forse Woz nemmeno nell'immaginario collettivo sarebbe quel personaggio ricercato e citato che è ... pure a sproposito.

Secondo me però una volta superato lo scoglio di concepire e realizzare l'insieme Hardware Software come prodotto in scala artigianale, e non esclusivamente 'corporate' stile IBM, Woz non è detto che avrebbe saputo andare molto oltre.

Le persone che hanno contribuito di più all'evoluzione del computing, in generale e non esclusivamente personale, sono stati i Douglas Engelbart e quindi i Bill Atkinson, Ward Cunningham, Tim Berners-Lee ed i manager che ne hanno saputo convogliare la creatività verso concretizzazioni utili. Gli ingegneri ed i tecnici in generale cui dobbiamo il progresso dell'hardware secondo me sono intercambiabili e solo marginalmente influenti. I limiti tecnologici, sempre troppo grandi e lenti da superare, li mantengono tutti ad un livello pressoché omogeneo.

42 Posted Image

Premetto, tutto è nato da quella che era semplicemente una mi battuta, perchè dicendo che Woz, il cui obiettivo era rendere il computer accessibile a tutti, era andato via troppo presto, volevo dire che se rimaneva anocra un po' il computer era ancora piu' facile da usare, e anche uno come me non avrebbe avuto problemi a superare l'ostacolo delle finestre ridotte ad icona!!!!

Però ripeto 2 punti fondamentali secondo me:

1 Un fenomeno che si evolve, lo fa attraverso tanti passaggi che pero' sono legati tra di loro e non indipendenti, per cui non riesco proprio a non parlare dell'Homebrew Computer Club, senza il quale i vari Ive, Atkinson & Co. magari neanche esistevano.

L'atmosfera che regnava la descrive molto bene Federico Mello nel suo libro su Steve J.

2 Nella vita è tutto relativo....le idee di Woz sono tutto quello che volete, assurde, fallimentari, ridicole, infantili,ma solo se confrontate a quello che poi è successo in seguito, con il solito senno del poi. Di per se' rimangono validissime.

Tra l'altro se leggete qualsiasi intervista a Tim Berners Lee, specie se degli ultimi 2 anni, tutto è tranne che felice di come è usato internet, di come è lontano da come l'aveva pensato lui..

Vale per tutti quello che dice nel documentario (in 4 puntate, lui credo sia nella seconda) appena andato in on da su Rai 5, dal titolo Virtual Revolution.

Insomma non è che Woz fosse l'unico pazzo anarcoide in giro, e inoltre non era dotato di palla di cristallo per prevedere che il futuro fosse questo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this