Recommended Posts

No , non hai sbagliato affatto. Poiché è del 2010 il tuo HD comincia ad essere a rischio e quindi è utile avere una partizione per OS ed Applicazioni più molto spazio libero per il funzionamento. L'altra sarà da destinarsi ai Documenti e i due spazi andrebbero invertiti al prossimo upgrade di OS X per rimescolare periodicamente le locazioni ed il loro impiego. Questa azione poi in pratica deframmenta i file, la cosa si può vedere chiaramente con iDefrag demo, ed anche questo è un aspetto positivo del metodo...

 

Questa di suddividere i dischi tante partizioni, come fosse una fisarmonica, è sempre stata una tua mania.

 

Nulla da dire, ognuno fa quello che vuole del suo disco e del suo sistema.

Io stesso lo faccio in modo intensivo e a volte spericolato.

 

Ma non lo vado a consigliare agli altri, soprattutto se neofiti che sanno a malapena cosa sono dischi, volumi, partizioni.

Forse per te avrà una validità, hai le conoscenze tecniche per farlo nel migliore dei modi e forse ti interessa in modo particolare un livello di sicurezza dei dati molto superiore alla media e alle necessità degli utenti.

Sai anche come ottimizzare le prestazioni senza farle decadere, forse, e vai attuando nel modo più pignolo possibile le tue convinzioni di perfezione.

 

Io non trovo molti esempi nel web e nell'utenza Apple di questa tua convinzione.

Tra l'altro, se così fosse la questione, mi domando perché mai Apple non ne faccia uno standard.

 

Almeno aggiungi, quando consigli questa stravagante bizzarria, che non è uno standard e che è una tua convinzione.

Pur avvalorata da elementi tecnici e dati significativi, oltre che essere un esercizio di stile.

In questo caso lo leggerei con piacere, stimo le tue conoscenze e apprezzo i tuoi contributi

Link to comment
Share on other sites

La mia intenzione era quella, di suddividere l' hdd in due volumi, appunto una per os x e app e l'altra destinata ai dati, ma durante la reinstallazione de os x 10.6 mi rimandava il computer automaticamente in riavvio espellendomi il dvdrom dopo aver fatto click su ok al messaggio di errore ( come scritto in post precedenti ) Rinominando il disco come default in un unico volume sono riuscito a portare l'installazione a termine senza errori ( come scritto in post precedenti ) Quindi alla fine rientra tutto nei canoni dettati da apple.


 


Sotto una screen di Utility Disco


ud.tiff

Link to comment
Share on other sites

La mia intenzione era quella, di suddividere l' hdd in due volumi, appunto una per os x e app e l'altra destinata ai dati, ma durante la reinstallazione de os x 10.6 mi rimandava il computer automaticamente in riavvio espellendomi il dvdrom dopo aver fatto click su ok al messaggio di errore ( come scritto in post precedenti ) Rinominando il disco come default in un unico volume sono riuscito a portare l'installazione a termine senza errori ( come scritto in post precedenti ) Quindi alla fine rientra tutto nei canoni dettati da apple.

 

Se puoi apri Terminale, digita diskutil list e copia/incolla il risultato.

 

42 6.gif

Link to comment
Share on other sites

/dev/disk0

   #:                       TYPE NAME                    SIZE       IDENTIFIER

   0:      GUID_partition_scheme                        *1.0 TB     disk0

   1:                        EFI                         209.7 MB   disk0s1

   2:                  Apple_HFS Macintosh HD            999.9 GB   disk0s2
Link to comment
Share on other sites

Posizione e dimensione dell'EFI sono corrette e manca la partizione Recovery HD, quindi l'inizializzazione ha avuto successo e sei perfettamente nelle condizioni tipiche di Snow Leopard. Se non riuscivi ad iinstallare probabilmente l'HD non era ancora stato ripulito davvero.
 
Ora se tu volessi realizzare un partizionamento lo potresti fare seguendo le indicazioni dell'Aiuto di Utility Disco. Ti linko l'unico in rete che è di Lion, ma le differenze sono minime per non dire nulle: Creare nuove partizioni su un disco. Finché l'installazione è fresca e lo spazio occupato è così poco non ci sarebbe problema anche a crearne più di due. Solo che se tu avessi intenzione di realizzare una partizione Boot Camp per Windows lo dovresti fare come prima cosa perché quella procedura non è possibile se è in essere un partizionamento precedente. Comunque di norma è sempre possibile selezionare una partizione e dividerla. non sempre se ne riesce a creare una grande quanto si vorrebbe perché anche OSX frammenta e sparge pezzi di file un po' dovunque.

 

Questo è un articolo sull'utilizzo di più dischi (o partizioni) OSX: gestione avanzata della home utente - SlideToMac Blog

E questo è il mio metodo.


42 6.gif
Link to comment
Share on other sites

Ho dato un occhiata al tuo metodo, non si può rendere "Archivio" direttamente scrivibile, magari spostandolo  dalle opzioni avanzate in account del menù preferenze di sistema. Non so se la cosasi possa fare però almeno il disco eventualmente i dischi subirebbero meno stress, insomma senza dover creare "Lavori"


 


Nella versione del mio modello a quanto pare da qualche parte l' ssd con apposito kit sono riusciti a montarlo sotto il superdrive. Bello


Link to comment
Share on other sites

Ho dato un occhiata al tuo metodo, non si può rendere "Archivio" direttamente scrivibile, magari spostandolo  dalle opzioni avanzate in account del menù preferenze di sistema. Non so se la cosasi possa fare però almeno il disco eventualmente i dischi subirebbero meno stress, insomma senza dover creare "Lavori"

 

Nella versione del mio modello a quanto pare da qualche parte l' ssd con apposito kit sono riusciti a montarlo sotto il superdrive. Bello

 

Sinceramente non ho capito cosa intendi, puoi chiarirmi meglio?

 

Il tuo iMac 27 mid 2010 credo sia stato il primo in cui è stato possibile installare un SSD interno in aggiunta ad HD e Superdrive. C'era qualche perplessità sulla velocità della seconda porta SATA 2, inizialmente, ma la pratica ha dato ragione a chi sosteneva che essa dipendeva dalla periferica connessa. Nella massa dei video io ho in archivio questa guida di OWC  27-Inch iMac Mid 2010 SSD Installation Video - YouTube e questa guida in italiano installare ssd in imac 27" passo dopo passo - YouTube.

 

42 6.gif

Link to comment
Share on other sites

Sinceramente non ho capito cosa intendi, puoi chiarirmi meglio?

Il tuo iMac 27 mid 2010 credo sia stato il primo in cui è stato possibile installare un SSD interno in aggiunta ad HD e Superdrive. C'era qualche perplessità sulla velocità della seconda porta SATA 2, inizialmente, ma la pratica ha dato ragione a chi sosteneva che essa dipendeva dalla periferica connessa. Nella massa dei video io ho in archivio questa guida di OWC 27-Inch iMac Mid 2010 SSD Installation Video - YouTube e questa guida in italiano installare ssd in imac 27" passo dopo passo - YouTube.

42 6.gif

Usare il volume dei dati direttamente, senza dover ricorrere ai copia e incolla o app per la sincronizzazione. montarlo es. in /Users/Nome Utente quando Nome Utente è l'intero volume

Parlo per il Mac, che per iCosi non ne ho titolo.

E qui queste tue osservazioni sono fuori luogo perché non ci sarà discussione sul fatto che siano possibili o no.

Nessuno mette in dubbio che tu abbia avuto delle prestazioni rallentate e scattosità nell'uso del tuo Mac dopo l'installazione di 10.9.

Però le conclusioni che trai sono sbagliate.

L'errore sta nel fatto che fai della tua situazione, un evidente cattiva installazione o conflitto con elementi preesistenti, un fatto generale.

Anche un Mac un po' vecchiotto, e il tuo non lo è molto, trae giovamento dall'installazione dell'ultimo sistema.

Come dire: mi son preso un brutto raffreddore, è evidente che la salute degli italiani è notevolmente peggiorata negli ultimi giorni.

Oppure ho cambiato le gomme alla macchina e ho bucato, rimetto subito le gomme vecchie...

Oltretutto fai queste considerazioni non conoscendo la morfologia di OS X e del disco.

Ne è un esempio questo:

L'altro a che ti serve?

A contenere i dati, forse?

Non ti sei chiesto se questa pratica non ortodossa o mal realizzata sia alla radice dei problemi che hai avuto?

Il Sistema è stato sempre installato nello stesso modo in cui vi è stato mostrata la reistallazione dello stesso. Ossia da default. L'Upgrade a Mavericks è avvenuto tramite App Store.

Link to comment
Share on other sites

Usare il volume dei dati direttamente, senza dover ricorrere ai copia e incolla o app per la sincronizzazione. montarlo es. in /Users/Nome Utente quando Nome Utente è l'intero volume

 

Se si tratta di partizioni di un HD la cosa è fattibile, perdendo però le salvaguardie in fatto di sicurezza evidenziate in rosso in quello schema.

 

Però l'esempio si fonda sul Dual Drive di SSD + HD ed allora una cosa è trattare un file residente sull'SSD d'avvio e tutt'altra è trattare un file che risiede su altro supporto (e questo è un bene perché l'accesso è anche meccanicamente indipendente) che appunto per essere un HD ha tutt'altra velocità d'accesso soprattutto in scrittura.

 

42 6.gif

Link to comment
Share on other sites

... Il Sistema è stato sempre installato nello stesso modo in cui vi è stato mostrata la reistallazione dello stesso. Ossia da default. L'Upgrade a Maverick è avvenuto tramite App Store.

 

Nessuno lo mette in dubbio.

 

Ma non è la prima volta in cui si verifica un errore nell'aggiornamento o in cui il sistema caricato presenta delle corruzioni.

E non è neanche la prima volta in cui c'è un errore dovuto a programmi di terze parti che influiscono sul comportamento del nuovo sistema.

 

Per esempio, hai effettuato un reset della NVRAM prima di effettuare l'aggiornamento?

Apple difficilmente te lo chiede, a loro non sembra normale occuparsi di qualcosa che non contemplano.

A me sembra normale.

 

La mia considerazione fondamentale resta che se una cosa non funziona al primo tentativo, non la si deve buttare, si riprova, punto e basta.

Altre considerazioni sono viziate nella logica e nella pratica.

 

L'astinenza non è un'alternativa, è una negazione

Link to comment
Share on other sites

Nessuno lo mette in dubbio.

Ma non è la prima volta in cui si verifica un errore nell'aggiornamento o in cui il sistema caricato presenta delle corruzioni.

E non è neanche la prima volta in cui c'è un errore dovuto a programmi di terze parti che influiscono sul comportamento del nuovo sistema.

Per esempio, hai effettuato un reset della NVRAM prima di effettuare l'aggiornamento?

Apple difficilmente te lo chiede, a loro non sembra normale occuparsi di qualcosa che non contemplano.

A me sembra normale.

La mia considerazione fondamentale resta che se una cosa non funziona al primo tentativo, non la si deve buttare, si riprova, punto e basta.

Altre considerazioni sono viziate nella logica e nella pratica.

L'astinenza non è un'alternativa, è una negazione

Sono d'accordo del fatto. Ma tutta via penso che Mavericks sia predisposto per hardware più recenti. Mavericks và installato, sopratutto per i miei "iCosi", ma proveró ad installarlo seguendo alcune guide che prevedono l'installazione da zero da supporto usb. Mi sa devo approfondire la ricerca, quelle che ho visto erano per il 10.7.x. Conoscete qualcosa a riguardo?

Quando avevo Mavericks mi sono imbattuto in un altro problemino, time machine non effettuava più il backup su disco server (OpenMediaVault) ricorreva esclusivamente alla ricerca di TimeCapsule. Anche con comando da terminale.

Link to comment
Share on other sites

Mi sà che non avevo torto... calcolo lento e surriscaldamento eccessivo


Modificato per aggiungere che lè durato meno della precedente installazione...


Se si fà un giro su store.apple.comsi vede che viene venduto abbinato ad un  i7 quad-core a 3,5GHz, Turbo Boost fino a 3,9GHz 16GB DDR3 1600MHz 2GB di memoria GDDR5 Una bomba di come equipaggia il mio mid '10


Obsoleto o non il "Gatto" vuole la sua macchina


Edited by thelastvice
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share