SSD + HD su macbook pro


Antony82
 Share

Recommended Posts

Molti programmi Apple (iPhoto, iTunes, Aperture) aprendoli col tasto alt premuto propongono una finestra che consente di scegliere fra le varie librerie accessibili e da la possibilità di crearne di nuove. Quindi potresti tenere sull'HD sia una (o più) libreria degli originali, una (o più) libreria dei definitivi, mentre sull'SSD potresti appunto tenere quella di lavoro.

 

In una configurazione Dual Disk (che io pratico da tempo immemorabile prima con 3 partizioni: 2 per versioni di OS X, quella di lavoro e quella 'nuova in prova', e la terza per i DATI) i documenti stanno sul disco dell'OS solo per il tempo del loro trattamento, dopodiché lasciano libero lo spazio di lavoro e vanno archiviati fra i DATI. Percorso a ritroso quando un documento dev'essere rimesso in lavorazione. Solo le cartelle predefinite di alcuni programmi Apple pongono problemi di adattamento a questa logica, tipicamente iMovie.

 

Ti ripropongo quello schema che non riesco a linkare. Le cartelle che definisco Lavori in Corso possono tranquillamente essere le cartelle standard generate di default dai programmi nella Home dell'utente.

______________________________________________________ 

  • documenti risiedono nell'Archivio che si trova sull'HD;
  • OS X e le Applicazioni si trovano sull'SSD (disco d'avvio) con tanto Spazio di lavoro libero;
  • quando si vuole modificare un documento lo si copia dall'Archivio dell'HD allo Spazio di lavoro dell'SSD;
  • il file di partenza quindi resta in Archivio;
  • nello Spazio di lavoro il documento si pone in una cartella, ad es., Lavori in Corso;
  • nell'HD si crea una cartella che si chiamerà Copia di Lavori in Corso;
  • queste 2 cartelle si tengono sincronizzano con SyncTwoFolder (o altra utility del genere) con la cadenza preferita e fino ad ogni singolo minuto;
  • il documento in lavorazione si modifica quanto e come si vuole e lo si avrà costantemente in copia sull'HD (è anche una tranquillizzazione per chi dubita degli SSD);
  • dopo un test di funzionalità l'esemplare del documento in Copia... si potrà archiviare* a seconda dei bisogni in sostituzione o in aggiunta all'esemplare originale;
  • quando si sarà testato ed archiviato l'esemplare del documento modificato il file di lavoro sull'SSD potrà essere cancellato*.

* Ci sono implicazioni da valutare in merito alla conservazione o meno di in file che 'Versioni' di OS X ingigantisce tenendone tutti i successivi passi evolutivi salvati.

l'HD (non d'avvio) quando servisse per risparmiarne i consumi può essere smontato dalla scrivania come se fosse un HD esterno. Lo si riavvierà con l'apposito pulsante in Utility Disco.

______________________________________________________ 

 

A questo metodo corrisponde anche un metodo di backup. Io tengo con Time Machine solo il backup dell'HD con i DATI mentre del contenuto dell'SSD tengo (sul medesimo disco di Time Machine) un Clone realizzato con Carbon Copy Cloner. Questo, oltre a rendere disco d'avvio d'emergenza il disco di backup, in caso di problemi grossi consente eventualmente di clonare a rovescio tutto il disco d'avvio (con tutte le Applicazioni perfettamente installate) e di ripartire in una mezzoretta.

 

L'unica particolarità in aggiunta a questo semplice schema è tenere sull'HD, con SyncTwoFolder, una copia sincronizzata della Libreria Utente in modo da non perdere l'attualizzazione della posta di Mail, gli appuntamenti di Calendario ed i Contatti nella Rubrica (oltre ad altre impostazioni personali, sempre che non siano esse la causa del malfunzionamento).

 

Il metodo è ottimo per i laptop che non hanno sempre l'HD di backup connesso (e Time Machine attivo su un portatile si alloca spesso 'troppo' spazio per i backup temporanei ed inutili in caso di guasto), ma funziona comodamente anche per i desktop lasciando libertà di effettuare manualmente un solo backup giornaliero.

 

Ovviamente chi è assuefatto agli automatismi 'deresponsabilizzanti' di Apple troverà tutto quanto complicato, ma impazzirà ogni volta che tenterà di risolvere un problema ripristinando e quindi, 90 su 100, ripristinando pure i problemi od i loro prodromi.

 

42 6.gif

Link to comment
Share on other sites

Dios mio...
Questo è da studiare ed "interiorizzare" per bene, vediamo se ci riesco...

Solo un chiarimento tecnico sugli SSD che ho linkato nel primo post: leggendo tra le caratteristiche (sul sito del produttore, perché quelle messe in descrizione su Amazon sono errate) ho visto che hanno velocità di scrittura/lettura diverse. Come è possibile se si tratta dello stesso modello? È normale?
In definitiva (scusami se sono "pesante" :P), valutando le eventuali differenze tra i due, ed i programmi che installerò, mi continui a consigliare quello da 120?

Link to comment
Share on other sites

Il procedimento 'alla carlona' che la maggior parte degli utenti utilizza quando ha un SSD abbastanza capiente consiste nel trattarlo come se fosse un normale disco unico, quindi con le librerie di iTunes ed iPhoto/Aperture su di esso, e poi usarel'HD per spostarci i documenti poco importanti o molto pesanti.


 


Questo metodo rende il Mac totalmente dipendente dalla tenuta continua e frequente del backup completo. La cosa è banale se si usa un desktop mentre è assai più complessa quando si tratta di un laptop usato davvero ed intensamente in mobilità. La situazione è ancor più complessa quando si usano entrambi e si vogliono archivi ed installazioni del tutto equivalenti. Io quando rientro in studio chiudo e metto in ordine il lavoro svolto in mobilità ma contemporaneamente ne realizzo il backup con l'adeguamento degli archivi dati sul desktop che è come fosse un ulteriore backup. Le installazioni sono del tutto identiche e non vengono praticamente mai toccate se non che per i normali aggiornamenti e per nuove installazioni che però sono rarissime dato che quando giochicchio o esperimento lo faccio su dischi esterni e non certo su quelli con cui devo lavorare. Ovviamente io non uso la nuvola in alcun modo, tratto troppi dati conto terzi e non mi fido, quindi resto alle mie abitudini ed alle mie connessioni 3G forzatamente lente.


 


Tu ragiona in base al tuo utilizzo ed ai tuoi bisogni e scegli, o metti a punto, un metodo di conseguenza.


 


Per quanto riguarda le velocità è del tutto normale che la lettura sia più veloce della scrittura. Molto genericamente: quando scrive un SSD deve leggere tutto il settore per verificarne l'integrità, cancellarlo, scriverlo e quindi ricontrollarlo, infine deve eventualmente rifare in un altro settore quel che non passa la verifica. Quando lettura e scrittura tendono ad equilibrarsi probabilmente è la velocità della connessione a diventare determinante ed a limitare la velocità di lettura. Poi le attività reali e singolarmente prese sono sempre meno veloci dei dati di targa. Basta guardare i dati specifici di un benchmark per chiedersi ingenuamentei da dove spunti il valore  proposto come risultato:


 


Speed_DiskTest_2.2.jpg


MacBook Air 2013 + SATA Express = SSD Samsung fulg, sur MacBidouille.com


 


42 6.gif


Link to comment
Share on other sites

Uhmm... forse mi sono spiegato male...
Volevo dire che la lettura/scrittura dell'SSD da 120 GB è diversa dalla lettura/scrittura di quello da 240 GB:
 

  • Specs: Crucial M500 240GB SATA 6Gbps 2.5" Internal SSD • 500 MB/s Read / 250 MB/s Write
  • Specs: Crucial M500 120GB SATA 6Gbps 2.5" Internal SSD • 500 MB/s Read / 130 MB/s Write

     
Link to comment
Share on other sites

Sarebbe meglio tu postassi i link per evitare faticate ...


 


A me risulta che quelle performance corrispondano a quelle di un SSD in formato mSATA:


Crucial M500 120GB mSATA Internal SSD | Crucial IT Store


... mentre quello che tu intendi acquistare, e che si trova su Amazon, è in formato 2.5":


Crucial M550 128GB 2.5-inch Internal SSD | Crucial IT Store


e le sue specifiche sono: 


Specs: Crucial M550 128GB SATA 6Gbps 2.5" Internal SSD • 550 MB/s Read, 350 MB/s Write


 


Controlla bene partendo da questa pagina http://it.crucial.com/ita/it/ssd perché anche di SSD da 256 GB ce ne sono più d'uno, con caratteristiche parecchio diverse e migliori di quelle che riporti.


Spero tu non ti aspetti che per poche decine di euro tu possa acquistare i migliori prodotti disponibili sul mercato.


 


Ora immagino capirai perché inizialmente non ho voluto esprimermi sull'SSD, è un terno al lotto e solo chi li ha davvero provati tutti potrebbe esprimersi con cognizione di causa. In rete è pieno di consigli di 'enthusiast' di questo o quello, ma io non credo a nessuno se non che (sbilanciandomi molto) ad AnandTech, Tom'sHardware (rigorosamente sito USA, che quello italiano...) e MacBidouille. Però non faccio l'eco di nessuno perché di disastri se ne leggono a carico di tutti. Ovviamente, come tutta l'elettronica, i disastri capitano quasi sempre in garanzia (fortunatamente).


 


In linea di massima sono preferibili SSD realizzati con tecnologia MultiLevelCell (rari e più costosi) piuttosto che TripleLevelCell (più economici ma meno longevi).


SSD, un futuro incerto e con diversi problemi da risolvere


Samsung 840 250GB | 3. SLC, MLC, TLC: quali le differenze?


 


42 6.gif


Link to comment
Share on other sites

Scusami, forse ho fatto un po' di confusione, pensavo di aver linkato 2 SSD nel primo post..

 

Per fugare ogni dubbio: uno qualsiasi di questi 2 andrebbe bene per il mio Macbook Pro?

  1. http://www.amazon.es/Crucial-CT120M500SSD1-s%C3%B3lido-interno-Serial/dp/B00BQ4F9ZA/ref=sr_1_107?s=computers&ie=UTF8&qid=1399028830&sr=1-107
  2. http://www.amazon.es/Crucial-CT240M500SSD1-Disco-duro-interno/dp/B00BQ8RM1A/ref=sr_1_61?s=computers&ie=UTF8&qid=1399029652&sr=1-61

PS: avevo cercato le specifiche di questi 2 (inserendo i loro codici) sul sito della Crucial (SSD 120 e SSD 240), e mi uscivano velocità di scrittura differenti. Il chè mi sembrava un po' strano perché pensavo fossero lo stesso modello, e che solo cambiasse la capacità.

PPS: in caso, per tagliare la testa al toro, dato che non so quali sono le specifiche che dovrebbe avere un SSD (velocità di trasferimento etc..) mi consiglieresti tu uno da 120 ed uno da 240?

Link to comment
Share on other sites

Come ho già scritto io NON ti indicherò uno specifico SSD.
 
Se tu mi linki Amazon spagnola o stai sbagliando qualcosa oppure risiedi in Spagna e dovresti precisarlo meglio. Comunque gli SSD si individuano per il loro numero di codice e quindi da 120-128GB sul sito Crucial.It se ne trovano più d'uno e tu ne hai linkate le proposte Amazon.es 1 all'inizio aggiungendone una seconda ora:

e da 240-256

Limitatamente ai 2 linkati da te io escluderei decisamente quello da 120GB per la velocità d'accesso in scrittura improponibile: 130 MB/s Write.

 

42 6.gif

Link to comment
Share on other sites

Definitivamente, sperando che 120-128GB siano più che sufficienti per SO+programmi, ho deciso che sceglierò tra uno di questi 2:

con una leggera predilezione per il Crucial che dovrebbe godere di una vita maggiore.
Ho le velocità di lettura/scrittura del Crucial, ma non sono riuscito a trovare quelle del Samsung senza l'utilizzo della tecnologia TurboWrite (che da quanto ho capito non funziona su computer senza windows). Tu hai questi dati?

Ancora grazie

Link to comment
Share on other sites

Articolo di TH USA tradotto e pubblicato da TH Italia.


Crucial M500 contro Samsung 840 EVO: SSD all'ultima sfida


 


Un tantino vecchio come articolo ma utile in senso lato. Sembra non prendere in considerazione il Crucial che avrebbe la velocità di lettura da 350MB/s ma solo quello lento che ho escluso a priori. Sui 240GB la lentezza relativa dei Crucial resta evidente, solo che la differenza fra TLC dei Samsung e MLC dei Crucial depone per una maggiore longevità di questi ultimi.


 


Samsung 840 EVO mSATA: test dei modelli da 120, 250, 500 e 1000 GB (sempre USA tradotto).


 


42 6.gif


Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By frank
      Salve a tutti
      Ho un problemino con la mia nuova tavoletta grafica della wacom intuos..
      Possiedo un mac book pro con sistema operativo big sure 11.1 e tale sistema operativo blocca la periferica wacom 
      Ho scaricato i driver per mac ma continua a bloccare l'uso... che consigli mi date?
      In allegato ho aggiunto due screenshot del messaggio di blocco
      Grazie per la pazienza! 😀 


    • By Paolo_71
      Buonasera a tutti,
      ho il nuovo MBP 13 con processore M1, il computer va benissimo ed è veloce, ma ho notato che se guardo in streaming video di rai tre per esempio la batteria consuma in modo molto veloce, mi chiedo è normale-'
       
      Grazie mille
    • By dremedio
      Ciao a tutti,
      da un po' di tempo all'avvio del mac mi appare questa schermata di errore che allego al post.
      Ho provato a rimuovere una ram per volta per verificare che funzionassero e a collegare esternamente l'hd per verificare che non ci fossero problemi di cavi. Il problema rimane.
      Oltre alla schermata di errore, il computer emette anche una serie di "bip". Talvolta si avvia fino a caricare il desktop e poi va in crash.
      Qualcuno sa dirmi cosa potrebbe essere?
      Grazie
    • By David TSI
      Buongiorno a tutti,
      premetto che ho cercato un po' nel forum e, più in generale, in internet ma non ho trovato nulla.
      Possiedo un iMac 5K Retina 27 pollici, Fine 2014 con Fusion Drive da 3TB che risulta essere pieno al 10/15%.
      Ho una vasta libreria di font gestita da Libro Font (614 totali, 355 utente) e quando installo una nuova font noto che sempre più spesso Libro Font tende a rallentare il processo di installazione, quello di visualizzazione dell'antemprima e quello, nel caso, di eliminazione.
      Mi sono accorto di questo rallentamento man mano che procedevo con le installazioni. Va da sè che:
      – o Libro Font non è nato per gestire così "tante" font e quindi necessito di un Font manager evoluto.
      – o oggettivamente il sistema gestisce lentamente "tutte queste" font e necessito di un SSD su cui spostarle tutte.
      Se la soluzione fosse la prima, tranne per il fatto che dovrei studiare come non creare conflitti e trovare un Font Manager buono, non ci sarebbero troppi problemi.
      Se la soluzione fosse la seconda, esiste un modo per spostare SOLO la libreria Font dell'utente su un SSD esterno? Tipo libreria iTunes su HDD esterno?
      Grazie in anticipo.
    • By mav3r1ck
      Ciao a tutti,
      ho un macbook pro early 2011 che ho upgradato con SSD da 500 gb e 16 MB di RAM a 1600 Mhz (mi pare di ricordare che questo mac accettasse anche ram più veloce di quella in dotazione, magari dico una stupidaggine).
      Va tutto benissimo, fa il suo lavoro e vorrei evitare di spendere 2000 euro per avere uno di quelli nuovi con stesso hd e ram, magari un processore migliore, ma senza porte USB.
      La cosa più stressante che ci faccio è ritoccare e convertire foto con Lightroom, che comporta importarle nella libreria, esportarle, up e download dal cloud di Adobe.
      Ecco in questi casi, la CPU va a palla e il mac si surriscalda, quasi non si riesce a tenere sulle gambe. Idem a volte se apro parecchie pagine web.... Per darvi un'idea allego un print screen del mio monitoraggio attività attuale e delle temperature rilevate da macs fan control
      Insomma ho il sospetto che o 1) ho aggiornato tutto e non il processore, ed è quello che soffre di più o 2) la ventola non raffredda più bene, magari sporca, e quindi gira fortissimo e in vano.
       
      Che ne pensate? c'è un modo per capire delle due l'una? Immagino il processore non sia sostituibile.... non in modo casalingo almeno