SIEGFRIED

Scelta Disco rigido esterno e sue funzioni

Recommended Posts

Salve,


Ho un iMac 27 pollici del 2011.


Utility Disco da alcuni giorni indica la scritta in rosso: Stato S.M.A.R.T. non funzionante. Per provare a risolvere il problema ho intenzione di re-inizializzazione l' HD.


Anche per tale ragione ho necessità di un disco rigido esterno, non ho però esatta cognizione riguardo alle sue funzioni ed al suo uso.


Avrei perciò bisogno di alcune informazioni. In particolare desidero sapere:


- se sia possibile istallare sull'HD esterno un sistema operativo ( ad es. OSX 10.10 ) e farlo funzionare regolarmente per ogni attività e  come disco di avvio in sostituzione dell'HD interno.


- Considerando che ( per non occupare troppo spazio, ed a parità di prestazioni ) preferirei un disco di 2.5'', desidererei conoscere le differenze fondamentali tra un disco di 2,5'' ed uno di 3,5'' e tra le loro prestazioni.


- Desidererei che mi venissero consigliati i migliori HD esterni da 1 o 2 TB ( ed anche i più solidi, preferibilmente con rivestimento di metallo ) considerando che preferirei spendere circa 150 euro non vorrei superare i 200 euro.


- Desidererei avere un' opinione sul seguente:


  http://store.apple.com/it/product/HF150ZM/A/disco-rigido-mobile-da-2tb-di-lacie-porsche-design-p9223-usb-30?fnode=5f 


Ogni altro consiglio sarà per me utile.


 


 


Share this post


Link to post
Share on other sites

Probabilmente riceverai più di un consiglio basato sull'esperienza.


Io ti do il mio che va sicuramente fuori dal coro oltre che dalle tue aspettative.


 


Docking station + disco/i nudo/ii scelto/i con cura.


 


Di Docking Station ce n'è di tutti i tipi (ovviamente quelle USB di tipo 2 sono cose vecchie e da evitare) ma te ne segnalo un paio particolari:


 


Una che lavora coi dischi in orizzontale: ORICO-6518US3-alimentatore


Una che lavora anche con 2 dischi StarTech-SATDOCKU3FEU-Docking-Station-SuperSpeed.


 


Con una docking station potrai anche avere uno specifico disco per tenere il backup che è quella cosa che ora ti manca e che forse non riuscirai a realizzare nelle attuali condizioni. Non serve un disco veloce, ma serve che sia almeno una volta e mezza quello che deve proteggere, meglio il doppio.


 


Come dischi io suggerisco quelli di HGST (ex HITACHI ora WD) che sono spesso stati usati da Apple ed ancora oggi si trovano negli ultimi iMac


i modelli Travelstar sono da 2,5" (alcuni prezzi) e da 1 TB a 5400 rpm si trova nell'iMac 21,5"


I modelli Dekstar sono da 3.5" ed i modelli da 1 e da 3 TB a 7200 rpm si trovano nell'iMac 27"


 


Per le Docking Station il formato è indifferente. I dischi da 3,5" sono più robusti ed affidabili e reggono decisamente meglio le velocità più alte da 7200 rpm o superiori (tipi enterprise ecc.).


 


Avendo un iMac ricorrere ad un HD piccolo da 2,5", tipicamente portatile, mi sembrerebbe inutile, relativamente più rischioso ed a parità di capacità più costoso. Comunque fra quelli standard ce n'è di capienti ed economici: WD Elements Portable 2TB USB 3.0, Hard Disk ad Alta Capacità. Di che qualità siano però non saprei.


 


Per alloggiare qualunque cosa fuori dai piedi: BackPack for iMac - Twelve South


TwelveSouth-BackPack-Shelf-.jpg


42 6.gif


 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ringrazio per la risposta. Immaginavo che tra i dischi da 2,5'' e 3,5'' ci fossero differenze di prestazioni, perciò sceglierò un HD da 3,5'' e guarderò con attenzione ciò che mi hai consigliato.


 


Forse puoi darmi un ulteriore aiuto sia per una domanda che avevo posto ( ovvero se sia possibile istallare un sistema operativo sull'HD esterno per farlo funzionare a tutti gli effetti in sostituzione dell'HD interno ), sia per il mio attuale problema che provo a spiegare.


 


Io avevo diviso l' HD in due volumi. Recentemente il primo volume è stato indicato da Utility Disco come non più riparabile. Però sia lo stato S.M.A.R.T. sia il secondo volume erano indicati come funzionanti.


Poiché non sapevo esattamente che cosa fare, ho lasciato passare del tempo. Il risultato è stato che anche lo stato S.M.A.R.T. è stato indicato come non funzionante.


Ho re-inizializzato il primo volume ed in seguito a ciò esso è stato indicato come perfettamente funzionante ( il volume Macintosh è OK ). Pertanto ora entrambi i volumi funzionano perfettamente, però lo stato S.M.A.R.T. seguita ad essere indicato come non funzionante.


Mi piacerebbe sapere quali conclusioni si possono trarre da tale stato e che cosa è opportuno fare.


Share this post


Link to post
Share on other sites

Probabilmente riceverai più di un consiglio basato sull'esperienza.

Io ti do il mio che va sicuramente fuori dal coro oltre che dalle tue aspettative.

 

Docking station + disco/i nudo/ii scelto/i con cura.

 

Di Docking Station ce n'è di tutti i tipi (ovviamente quelle USB di tipo 2 sono cose vecchie e da evitare) ma te ne segnalo un paio particolari:

 

Una che lavora coi dischi in orizzontale: ORICO-6518US3-alimentatore

Una che lavora anche con 2 dischi StarTech-SATDOCKU3FEU-Docking-Station-SuperSpeed.

 

Con una docking station potrai anche avere uno specifico disco per tenere il backup che è quella cosa che ora ti manca e che forse non riuscirai a realizzare nelle attuali condizioni. Non serve un disco veloce, ma serve che sia almeno una volta e mezza quello che deve proteggere, meglio il doppio.

 

Come dischi io suggerisco quelli di HGST (ex HITACHI ora WD) che sono spesso stati usati da Apple ed ancora oggi si trovano negli ultimi iMac

i modelli Travelstar sono da 2,5" (alcuni prezzi) e da 1 TB a 5400 rpm si trova nell'iMac 21,5"

I modelli Dekstar sono da 3.5" ed i modelli da 1 e da 3 TB a 7200 rpm si trovano nell'iMac 27"

 

Per le Docking Station il formato è indifferente. I dischi da 3,5" sono più robusti ed affidabili e reggono decisamente meglio le velocità più alte da 7200 rpm o superiori (tipi enterprise ecc.).

 

Avendo un iMac ricorrere ad un HD piccolo da 2,5", tipicamente portatile, mi sembrerebbe inutile, relativamente più rischioso ed a parità di capacità più costoso. Comunque fra quelli standard ce n'è di capienti ed economici: WD Elements Portable 2TB USB 3.0, Hard Disk ad Alta Capacità. Di che qualità siano però non saprei.

 

Per alloggiare qualunque cosa fuori dai piedi: BackPack for iMac - Twelve South

TwelveSouth-BackPack-Shelf-.jpg

42 6.gif

Ringrazio per la risposta. Immaginavo che tra i dischi da 2,5'' e 3,5'' ci fossero differenze di prestazioni, perciò sceglierò un HD da 3,5'' e guarderò con attenzione ciò che mi hai consigliato.

 

Forse puoi darmi un ulteriore aiuto sia per una domanda che avevo posto ( ovvero se sia possibile istallare un sistema operativo sull'HD esterno per farlo funzionare a tutti gli effetti in sostituzione dell'HD interno ), sia per il mio attuale problema che provo a spiegare.

 

Io avevo diviso l' HD in due volumi. Recentemente il primo volume è stato indicato da Utility Disco come non più riparabile. Però sia lo stato S.M.A.R.T. sia il secondo volume erano indicati come funzionanti.

Poiché non sapevo esattamente che cosa fare, ho lasciato passare del tempo. Il risultato è stato che anche lo stato S.M.A.R.T. è stato indicato come non funzionante.

Ho re-inizializzato il primo volume ed in seguito a ciò esso è stato indicato come perfettamente funzionante ( il volume Macintosh è OK ). Pertanto ora entrambi i volumi funzionano perfettamente, però lo stato S.M.A.R.T. seguita ad essere indicato come non funzionante.

 

Mi piacerebbe sapere quali conclusioni si possono trarre da tale stato e che cosa è opportuno fare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il tuo disco è a rischio e lo sono anche i tuoi dati, la cosa più sensata da fare è procurarti un disco esterno e fare backup regolari.


 


Puoi usare time machine o Carbon Copy Cloner per clonare il disco interno e rendere avviabile il volume/partizione relativo.


Il clone ti permette di rimanere operativo anche in caso di guasto del disco interno.


 


Backup significa avere 2 copie dei file su 2 HD diversi:


 


a- disco interno + disco esterno


b- 2 dischi esterni e puoi cancellare il file da quello interno per fare spazio.


 


Io ho tutti dischi Lacie e mi trovo bene, su tutti ho almeno un clone + dati.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il tuo disco è a rischio e lo sono anche i tuoi dati, la cosa più sensata da fare è procurarti un disco esterno e fare backup regolari.

 

Puoi usare time machine o Carbon Copy Cloner per clonare il disco interno e rendere avviabile il volume/partizione relativo.

Il clone ti permette di rimanere operativo anche in caso di guasto del disco interno.

 

Backup significa avere 2 copie dei file su 2 HD diversi:

 

a- disco interno + disco esterno

b- 2 dischi esterni e puoi cancellare il file da quello interno per fare spazio.

 

Io ho tutti dischi Lacie e mi trovo bene, su tutti ho almeno un clone + dati.

Grazie, sei stato molto chiaro.

Riguardo alla scelta tra HD da  2,5'' o da  3,5'' immagino che anche tu mi confermi di scegliere un HD da 3,5''.

Riguardo alla marca dell'HD sarei orientato tra WD e Lacie.

Gradirei una tua opinione riguardo al seguente da 3 TB:

http://store.apple.com/it/product/H9379ZM/A/lacie-2tb-porsche-design-p9233-usb-3-desktop-hard-drive?fnode=5f

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io avevo diviso l' HD in due volumi. Recentemente il primo volume è stato indicato da Utility Disco come non più riparabile. Però sia lo stato S.M.A.R.T. sia il secondo volume erano indicati come funzionanti.

Poiché non sapevo esattamente che cosa fare, ho lasciato passare del tempo. Il risultato è stato che anche lo stato S.M.A.R.T. è stato indicato come non funzionante.

Ho re-inizializzato il primo volume ed in seguito a ciò esso è stato indicato come perfettamente funzionante ( il volume Macintosh è OK ). Pertanto ora entrambi i volumi funzionano perfettamente, però lo stato S.M.A.R.T. seguita ad essere indicato come non funzionante.

 

Mi piacerebbe sapere quali conclusioni si possono trarre da tale stato e che cosa è opportuno fare.

 

Qualsiasi disco esterno può essere reso disco di boot semplicemente installandoci OS X e poi scegliendolo sia provvisoriamente avviando con alt premuto, sia definitivamente selezionandolo nelle Preferenze di Sistema/Disco d'avvio:

OS X: installazione di OS X su un volume esterno

La velocità a cui funzionerà il disco esterno dipenderà dalla sua connessione. Via USB 2 questa velocità è nell'ordine di un terzo di quella garantita dalla connessione interna SATA.

 

 

Fra le varie funzioni che vengono svolte dal software residente nell'hardware del disco una è tenere un database dei settori che nel tempo cessano di essere scrivibili e leggibili. Quando ciò accade lo S.M.A.R.T. li sostituisce con dei settori che precedentemente erano stati riservati in una collocazione specifica (software) che si chiama Spare Area.

 

Ad un certo punto della vita di un disco questi settori di riserva si esauriscono ed il disco cessa di funzionare correttamente perché non potendo più essere spostata (riallocata) una data porzione di un file, tutto quanto quel file diventa inutilizzabile. Se poi questo accade ad un file di sistema tutto quanto l'OS può diventare inservibile.

 

In genere questo capita quando un disco, ancor più frequentemente una sua partizione, viene mantenuto costantemente pieno ed il sistema finisce per lavorare pesantemente con un numero di settori a disposizione sempre più piccolo.

 

Ora tu hai saturato prima una partizione poi l'altra, ma che se le hai reinizializzate comunque il tuo disco non ha più settori di riserva e quindi qualsiasi cosa tu faccia stai solo rischiando di perdere documenti e ti avvicini al tracollo definitivo a velocità sempre crescente.

 

Comportarsi così senza avere un backup è un comportamento scriteriato "informaticamente adolescenziale".

 

Ci sarebbe stato modo di ricostruire sia il database dei settori sia la Spare Area (avresti dovuto inizializzare l'intero disco e con l'opzione di sicurezza che scrive una volta 0 in ogni locazione di memoria) ma dalla tua descrizione credo che quel disco sia ormai pronto per il pensionamento. Dopo 4 anni di funzionamento come disco d'avvio qualsiasi disco va considerato "a rischio". Tu, avendo partizionato lo spazio a disposizione, sembra abbia anche inciso su quella durata che comunque è una "media".

 

42 6.gif

 

EDIT: vedo che sei molto intrigato dalle offerte commerciali dell'Apple Store. Acquistare una qualsiasi periferica "rivenduta" da Apple non presenta nessuna garanzia qualitativa maggiore, mentre garantisce una spesa superiore ed ingiustificata.

Inoltre tu hai un iMac che ha solo porte USB di tipo 2 (lentissime) e mi sono sbagliato nel consigliarti quelle docking station USB 3. Tu avresti bisogno di box o docking station Fire Wire per incrementare la velocità di circa 2-3 volte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cerca gli stessi dischi anche su altri negozi on line, potresti trovarli a prezzi migliori.


 


Se acquisti dischi nudi su amazon devi fare attenzione alla spedizione, ti portebbe arrivare in una busta di cartone senza protezione dagli urti. In tale caso se lo trovi rumoroso o vibra, fallo presente e fattelo cambiare.


I dischi Tipo i lacie o WD che hanno il case, vengono spediti nella loro confezione che ha già le protezioni.


 


Quello da te segnalato è venduto su amazon a 145 ma da altro venditore,


lo stesso modello venduto e spedito da amazon viene 165, quindi i 149 dello store apple mi sembrano una soluzione migliore.


Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualsiasi disco esterno può essere reso disco di boot semplicemente installandoci OS X e poi scegliendolo sia provvisoriamente avviando con alt premuto, sia definitivamente selezionandolo nelle Preferenze di Sistema/Disco d'avvio:

OS X: installazione di OS X su un volume esterno

La velocità a cui funzionerà il disco esterno dipenderà dalla sua connessione. Via USB 2 questa velocità è nell'ordine di un terzo di quella garantita dalla connessione interna SATA.

 

 

Fra le varie funzioni che vengono svolte dal software residente nell'hardware del disco una è tenere un database dei settori che nel tempo cessano di essere scrivibili e leggibili. Quando ciò accade lo S.M.A.R.T. li sostituisce con dei settori che precedentemente erano stati riservati in una collocazione specifica (software) che si chiama Spare Area.

 

Ad un certo punto della vita di un disco questi settori di riserva si esauriscono ed il disco cessa di funzionare correttamente perché non potendo più essere spostata (riallocata) una data porzione di un file, tutto quanto quel file diventa inutilizzabile. Se poi questo accade ad un file di sistema tutto quanto l'OS può diventare inservibile.

 

In genere questo capita quando un disco, ancor più frequentemente una sua partizione, viene mantenuto costantemente pieno ed il sistema finisce per lavorare pesantemente con un numero di settori a disposizione sempre più piccolo.

 

Ora tu hai saturato prima una partizione poi l'altra, ma che se le hai reinizializzate comunque il tuo disco non ha più settori di riserva e quindi qualsiasi cosa tu faccia stai solo rischiando di perdere documenti e ti avvicini al tracollo definitivo a velocità sempre crescente.

 

Comportarsi così senza avere un backup è un comportamento scriteriato "informaticamente adolescenziale".

 

Ci sarebbe stato modo di ricostruire sia il database dei settori sia la Spare Area (avresti dovuto inizializzare l'intero disco e con l'opzione di sicurezza che scrive una volta 0 in ogni locazione di memoria) ma dalla tua descrizione credo che quel disco sia ormai pronto per il pensionamento. Dopo 4 anni di funzionamento come disco d'avvio qualsiasi disco va considerato "a rischio". Tu, avendo partizionato lo spazio a disposizione, sembra abbia anche inciso su quella durata che comunque è una "media".

 

42 6.gif

42, debbo farti i miei complimenti, sia per la chiarezza della spiegazione, sia per la precisione e l' esattezza.

 

Infatti è accaduto esattamente ciò che tu hai descritto. Io ho commesso la serie di errori di cui tu parli, in pericolare, dopo aver diviso il disco in due volumi, ho lasciato il secondo pressoché vuoto ed ho sovraccaricato, invece, il primo proprio come tu hai intuito, il risultato è ormai tristemente noto.

Perciò, come tu dici, c' è stato un lasso di tempo entro cui si sarebbe potuto salvare l'HD con una inizializzazione ( infatti per un periodo lo stato S.M.A.R.T. è rimasto funzionante ). 

 

Riguardo alla marca dell'HD esterno propendo per WD e Lacie, potresti darmi un tuo parere sul seguente da 3 TB:

http://store.apple.com/it/product/H9379ZM/A/lacie-2tb-porsche-design-p9233-usb-3-desktop-hard-drive?fnode=5f

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now