Antigen

Quale indirizzo email suggerite?

Recommended Posts

Ciao a tutti,

 

volevo chiedere un parere, sto valutando di abbandonare Gmail per motivi di privacy, specie leggendo le varie spiegazioni date anche dalla stessa Apple sulla privacy.

Voi quale provider suggerite?

E come nome utente invece?

Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gmail è probabilmente uno dei migliori e più completi servizi di mail oggi esistenti.

Internet, di suo, da' molti segni di poter/voler diventare qualcosa di simile ad un luogo pubblico, per cui gli utenti in generale devono prima o poi riflettere su cosa sia la privacy, l'anonimato, e sulle ragioni per cui uno dovrebbe/vorrebbe proteggere la propria identità.

Non avendo tu chiarito le ragioni di questa necessità, credo che la soluzione non sia la scelta del provider, ma il tuo modo di gestire gli indirizzi email.

Al giorno d'oggi avere un indirizzo [email protected] è utile perché come cittadini potremo usufruire di sempre più servizi dalle istituzioni.

Un indirizzo del genere quindi verrebbe usato solo per comunicazioni ufficiali e istituzionali.

Se uno ha un attività professionale che richiede una corrispondenza specifica e "canalizzata", può avere un senso il creare un

[email protected]

 

Dopodiché se si ha una vita in rete anche di frequentazione più "social-oriented" che si vuol tener separata dalle identità precedenti,

è sufficiente creare degli indirizzi ad hoc, poco importa il provider.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il discorso non è l'avere o meno un identità su internet, quanto far arricchire queste mega corporazioni che scansionano ed usano i nostri dati personali, come fa google con gmail e tutti i restanti servizi del gigante di mountain view che usa ogni nostro dato per fare sempre più soldi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se è un problema specifico di avversione verso l'azienda Google, si risolve facilmente rivolgendosi ad altre aziende più piccole magari che si ritengono più corrette rispetto al trattamento dei dati.

E' probabile però che occorra rivolgersi a servizi a pagamento.

L'unico indirizzo dal quale non ricevo quasi mai dello spam è proprio quello di gmail, anche se è vero che loro incrociano i dati e così magari se hai scritto una mail ad un amico puoi ricevere una notifica da un sito sul quale non sei mai stato ma magari l'amico sì....per semplificare....

In generale lo studio dei comportamenti degli utenti è un business praticato da tutti i grossi i portali, per cui se uno ama agire e interagire nel web deve aspettarsi e (forse) accettare il fatto che qualcun altro sia interessato a osservare/catalogare/utilizzare quel tipo di interazione.

Per stare fuori il più possibile da questi meccanismi occorre essere non convenzionali, valutando però i pro e i contro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stiamo parlando di un servizio, il servizio di posta. Se vogliamo avere un servizio, dobbiamo pagarlo. La via "normale", che ormai non è più tanto normale, è di scegliere un provider, ad esempio Aruba o Register.it o uno dei mille anche locali, ed acquistare un "pacchetto" di nome a dominio + mail + SMTP + quel che serve. Si valuta il servizio, si valuta il prezzo, e si decide. A fronte di un servizio, si paga un prezzo. Quello che pochi valutano, oggi, è che anche Google ti fa pagare un prezzo: non è esplicito, ma a mio avviso è ben più oneroso dei 36 euro all'anno che sai di pagare a una ditta sul mercato.

Di sicuro due cose:

1) il nome è mio e fa parte del mio patrimonio. Pretendo un dominio mionome.ext e le mail [email protected], anche decidessi di cambiare provider non cambieranno. così sono libero di scegliere il prossimo provider.

2) la gestione dei dati deve avvenire all'interno della Unione Europea. Sono cittadino europeo, e pretendo che vengano tutelati dalla MIA legislazione, non vadano in un paese extracomunitario come gli USA.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie anche del tuo parere sgnao.

 

A tuo avviso dunque un dominio   nomecognome.it oppure .eu sarebbe l'ideale?

Non si mette a repentaglio la propria privacy essendo così rintracciabile da tutti?

Anche io penso che affidarsi a google, sia pagare un enorme prezzo... quello di fargli leggere tutto della mia vita.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now