perche' non ci sono virus su Mac OS X?


magum
 Share

Recommended Posts

Esempio concreto: quando mossi da curiosità ai tempi degli albori di Safari (ancora non ufficialmente rilasciato) c' era una corsa a scambiarsi versioni più "recenti" c' era un file che faceva appunto questo: Reset della cartella utente e un pò di documenti andavano a farsi benedire.

Ora il problema non esiste più. Di safari sono liberamente scaricabili le nightly build :)

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 85
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

qualcuno mi ha confessato che il mac e' immune dai virus perche' chi programma i virus non reputa gli utenti mac un target, in quanto non si trovano nei ministeri negli uffici delle aziende ecc, ecc.

E anche perche' spesso i programmatori di virus sono persone che comunque hanno a che fare con il mondo mac e reputano La Apple come un qualcosa di intoccabile.

Allora... qui c'è un grosso equivoco. Anzi, più d'uno.

1) MacOS NON è immune da virus, ma ci sono pochissimi virus per MacOS... ed è diversa la cosa.

2) Non viene reputato obiettivo interessante perché ha una quota di installato del 3%. Non si spreca tempo non pagato per una nicchia.

3) Un paio d'anni fa la Difesa US ha cambiato molti server web interni passando a XServe, il tutto dopo aver subito l'ennesimo DOS (denial of service) attack. Ciò a dimostrazione della sicurezza maggiore del sistema. E stiamo parlando della Difesa US, non della FIAT o della Ferramenta Scaccabarozzi. Il mondo universitario US è pieno di Apple. Anche a livello aziendale è molto usato (sempre in US).

Ma i numeri si fanno con l'informatizzazione di massa, quella personale.

4) I programmatori di Virus hanno a che fare con il mondo Apple? Se così fosse sarebbero già stati reclutati dalle software houses che scarseggiano di gente con le palle.

In realta la percentuale di programmatori su piattaforma OSX è molto bassa rispetto alla piattaforma Win, ovviamente.

C'è stato un boom dopo l'uscita di X, che ha portato nuove energie ed idee provenienti dal mondo dei programmatori Unix-Linux-BSD.

Ma comunque ci sono sempre più virus per Win... e più che credere a questa favoletta del programatori Mac che fanno virus per Win, prenderei più in considerazione il fatto che molte SWhouses Win stanno in piedi grazie ai virus Win, moltissime società di assistenza SW lo stesso.

In fondo i Virus stanno dando lavoro a molta gente.

Ti sei mai chiesto perché?

Non dico che li fanno loro (ma non lo escluderei), ma sicuramente traggono vantaggi economici dalle rotture di scatole degli utenti.

Link to comment
Share on other sites

Fabio,

i pochi virus per Mac sono, nel 99,9% dei casi, per OS 9 e precedenti: per OS X c'è (o c'era), forse, 1 caso di file tipo eseguibile che dimostrava la vulnerabilità parziale del sistema, ma è stato risolto con gli aggiornamenti di sicurezza.

Macteooooooooooo!!!!!

Quant'è che non ti leggo..... :)

Lo so, è verissimo il tuo discorso. Io non ne ho mai visti (forse uno) ed uso mac dalla fine dell'84.

Su X nulla.

Ma ciò non toglie che possano essere fatti. Quel malware che sfruttava punti vulnerabili è stato reso innoquo da aggiornamenti, infatti.

Spiegavo solo perché non ci sono... ma ho dimenticato una cosa.

Fino a pochi anni fa il Mac era usato quasi esclusivamente da gente che ci LAVORAVA (DTP, grafica, quacosina di CAD), tutti professionisti che non hanno tempo libero da dedicare al cazzèggio per creare virus.

Mentre virus, programmini scemi vari, sono fatti quando uno strumento diventa "di uso comune"... in mano a tutti (come la piattaforma Win).

Teniamo anche conto del fatto che, sempre fino a qualche anno fa, un Mac costava fino a 3 volte un PC (ricordate i listini ai tempi del Plus?).

Quale programmatore si prende una macchina così costosa per buttare via il tempo a far cose che non danno guadagno economico?

Link to comment
Share on other sites

Allora fatemi capire una cosa: il mio utente è Amministratore ma non Root, questo mi permetterebbe (in teoria) di danneggiare il sistema? No perchè non sono root o sì perchè sono ammiistratore? a quanto ho capto in win non c'è differenza tra aministratore e root, mentre in linux (e immagino anche in Mac) sì

Link to comment
Share on other sites

Anche tu, Fabio sei stato assente per molto, no?

Non sono completamente d'accordo con la tua analisi: sicuramente il costo di accesso ad una piattaforma ha costituito una barriera notevole alla creazione di virus per mac, però gli ultimi virus sono stati fatti quando il mac costava il doppio di un PC.

Inoltre, esiste molta feccia di software (worm, malware, virus, ecc...) fatti per colpire la massa e quindi l'utente normale, ma il virus informatico colpisce in primis le strutture più grosse: vedasi gli hacker per entrare in sistemi protetti, vedasi virus per congestionare la posta elettronica, ecc...

Certo, con il 95% del mercato, Windows si ritrova tutti i tipi di virus: per aziende, per server, per utenti professionali e casalinghi...

Link to comment
Share on other sites

jeby, l'utente unix "root" e l'utente windows "administrator" grossomodo si equivalgono (non è proprio vero in assoluto, ma a grandi linee).

Su qualsiasi sistema unix come prima regola viene insegnato a non loggarsi mai come root, se non per questioni strettamente indispensabili e temporanee. Normalmente si usa il comando sudo, che permette di eseguire una operazione con i privilegi di root (es. sudo pico /etc/resolv.conf permette di editare il file resolv.conf che contiene gli indirizzi dei dns servers ed è accessibile solo con certi privilegi). Il comando sudo richiede l'inserimento della password e richiede anche che l'utente che lo lancia sia inserito nello speciale elenco dei sudoers, vedi quindi che diventa abbastanza complesso compiere disastri inavvertitamente. Ad esempio, senza eseguire un sudo, puoi far fuori tutto il contenuto della tua home, ma non puoi distruggere un file di sistema.

Sotto windows la gestione degli account è simile (non uguale, visto che occorre distinguere tra utenti locali e di dominio e che comunque la gestione dei permessi su files e cartelle è molto piu' completa e complessa).

Una differenza importante è che fino a ieri erano ben pochi i manuali che insistevano sulla necessita' usare il sistema con bassi privilegi, e persino nelle aziende ancora oggi, molti amministratori lasciano che gli utenti usino il computer con un account amministrativo locale. Le cose stanno cambiando: ho frequentato recentemente un carso di aggiornamento a windows server 2003, e devo dire che ora MS insiste moltissimo su questo aspetto, anche a scapito della comodita' di uso dell'amministratore.

Su windows puoi eseguire i programmi impersonificandoti in un altro utente usando il comando runas.

Link to comment
Share on other sites

runas = run as, capito!

Però su windows o sei root o sei "normale", non c'è la via di mezzo "Amministratore" che c'è su mac...ho capito Bene?

magari in Vista, cambieranno questa cosa, ma probabilmente l'utente medio non sa neanche cos'è! (io stesso non sapevo che in windows ci fossero i privilegi, e l'ho usato per 8 anni almeno! L'ho scoperto sul professional del portaitile dell'azienda di mio padre, infatti non riuscivo a formattare un drive usb!)

Link to comment
Share on other sites

>Però su windows o sei root o sei "normale", non c'è la via di mezzo "Amministratore" che c'è su mac...ho capito Bene?

non è vero.

Ci sono molti profili predefiniti: user, power users, backuo operator ecc.

Il punto comunque non è questo: i permessi sui files e sulle directory sono accordati in base all'utente e alla sua alla appartenenza a certi gruppi.

Facendo fine tuning con permessi di acceso, permessi di condivisione e gruppi puoi fare qualsiasi cosa.

Certo, non è semplicissimo (del resto non puo esserlo).

Link to comment
Share on other sites

>Però su windows o sei root o sei "normale", non c'è la via di mezzo "Amministratore" che c'è su mac...ho capito Bene?

non è vero.

Ci sono molti profili predefiniti: user, power users, backuo operator ecc.

Il punto comunque non è questo: i permessi sui files e sulle directory sono accordati in base all'utente e alla sua alla appartenenza a certi gruppi.

Facendo fine tuning con permessi di acceso, permessi di condivisione e gruppi puoi fare qualsiasi cosa.

Certo, non è semplicissimo (del resto non puo esserlo).

vedi, e io neanche lo sapevo!! Cioè su XP HOME EDITION c'è user, power user ecc? mai visto!

Link to comment
Share on other sites

anzitutto il filesystem deve essere ntfs.

Poi,(prendi con le molle, uso solo xp pro e praticamente non ho mai usato home), da shell puoi usare clacs per determinare i permessi a files e cartelle.

Da gui, su xp home, non trovi la linguetta protezione neille proprieta'. Devi riavviare in modalita' provvisoria per vederla (è una cazzata, lo so).

Mi pare esista anche una utility che permetta di abilitare questa funzione.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share