Sign in to follow this  
WhiteNoise

Progetto del MIT per il Terzo Mondo snobba Apple

Recommended Posts

Negroponte snobba Apple, il terzo mondo è open

Nicholas Negroponte, il "marketer" ambulante del MIT nonché suo celeberrimo fondatore, ha rispettato la scadenza per il lancio dei nuovi laptop da 100 dollari, espressamente sviluppati per far fronte alle esigenze dei paesi in via di sviluppo. E a dir la verità ha fatto di più perché in questo ultimo anno è riuscito a coagulare ingenti fondi per sostenere il suo progetto "One Laptop Per Child", coinvolgendo aziende del calibro di Google, AMD, News Corp. e Brightstar Corp. Il tutto percorrendo una strada difficile come quella dell'open source. Già, perché se l'hardware sfrutterà l'architettura AMD il sistema operativo sarà Linux, o meglio una versione particolare fornita da Red Hat. Di conseguenza, costi ridotti e sufficienti funzionalità per i paesi in via di sviluppo.

Steve Jobs, CEO di Apple, aveva offerto copie gratuite del suo sistema operativo Mac OS X ma Negroponte e il suo team hanno rifiutato. "Abbiamo declinato perché non è open source, gli sviluppatori hanno bisogno di operare liberamente", ha confermato Seymour Papert, docente presso il MIT e co-fondatore del progetto.

[fontE]

Share this post


Link to post
Share on other sites

concordo, per la filosofia su cui è impostata tutta l'operazione penso sia preferibile software open; non voglio scatenare flame, anche perchè magari jobs aveva le migliori intenzioni caritatevoli di questo mondo, ma offrirti qualcosa di gratis oggi vincolandoti ad una piattaforma inerentemente proprietaria domani (qual'è quella apple, i cui rapporti con la comunità open source vivono fasi alterne ... ci sarebbe da aprire un thread a parte su questo) potrebbe ricordare -udite udite- certe politiche microsoft con le scuole che hanno portato alla situazione attuale...

magari offrendo solo darwin la cosa poteva starci (anzi, nemmeno doveva offrirlo jobs visto che di suo è open), però pensiamo anche al clima di collaborazione che l'ampia comunità linux offre...come supporto "post installazione" e soprattutto per le app varie linux è vincente in questo caso

Share this post


Link to post
Share on other sites

S. Papert: "We declined because it's not open source."

N. Negroponte: "The machine will run anything, including Windows."

:-O

Non è una contraddizione, indica solo le capacità tecniche della macchina, del resto spiegami come potevano fare una macchina su cui girasse solo Linux.

E se Apple rilasciasse OS X come puro os ci girerebbe anche quello.

Share this post


Link to post
Share on other sites

>

> Non è una contraddizione...

>

Mah... non so... mi chiedo pero' perche' non hanno permesso allora che Apple ci potesse far girare ANCHE il suo S.O. ?

Potevano dire: "Si, puoi farci anche girare il tuo O.S. Te lo permettiamo. Pero' non impediamo che, chi voglia, possa farci girare Linux e Windows.".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non hanno impedito niente a nessuno, Linux è la scelta d' elezione per svariati motivi, semmai sarà Apple che impedirà al suo os di girare su macchine non Apple, in caso contrario, come ci girano win e Linux ci girerà OS X.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this