Sign in to follow this  
svulazz

Permesso di utilizzo di un pezzo musicale?!?

Recommended Posts

chiedo:

- in teatro, quando si utilizza un brano di qualsiasi genere, è necessario indicarlo nel borderò punto e stop e, su quello, si paga per l'utilizzo.

- per i servizi televisivi, che spesso utlizzano brani famosissimi ed 'intoccabili' devono chiedere liberatorie particolari per l'utilizzo?

Non è che le disciminanti sono proprio l'utlizzo ed il valore commerciale o meno dello stesso?

PS il borderò teatrale chiede di indicare i brani la cui esecuzione supera i 30 secondi... mi viene da pensare che i diritti si paghino dopo il 30°

per Garage Band... è proprio uno dei motivi per cui prenderò un Mac anche per casa

Share this post


Link to post
Share on other sites

non è che sono liberi i pezzi creati quando nn esisteva la siae ;) ..per essere precisi devono essere passati 70anni dalla more dell'autore.. insomma devono essere biodegradati o in avanzato stato di decomposizione.. senza andare a scoperchiare tombe cercate la data di morte :o

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mamma mia quanta confusione!

Svulaz, ma tu hai uno studio di produzione e non hai mai gestito queste pratiche?

Il sito della SIAE è abbastanza chiaro, e se non lo è basta chiamare la propria sede _regionale_ (mai quella locale).

Un super super riassunto:

- qualsiasi prodotto audiovisivo realizzato non per uso personale (ovvero se lo vedranno più di cinque persone) _deve_ avere la certificazione SIAE (bollino), anche se venisse distribuito aggratis

- nel caso di utilizzo di pezzi registrati, per richiedere i bollini occorre presentare anche la liberatoria all'utilizzo della casa discografica (se i pezzi sono registrati alla SIAE), oppure una semplice liberatoria dell'artista (se non lo sono)

- se si usa un pezzo che non ha più diritti d'autore, tipo musica classica, i permessi _devono_ essere richiesti all'esecutore

Ovvero, Svulaz, ti consiglio di cambiare tutti i pezzi, a meno che tu non abbia decine di migliaia di euro da spendere per acquistare il diritto d'uso dalle case di produzione. In seguito, ti consiglio di contattare case discografiche emergenti, e chiedere di poter utilizzare alcuni loro artisti emergenti gratuitamente. Oppure, per le piccole cosette, GarageBand o Soundtrack Pro sono due app interessanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eh si, caro Ubik, hai proprio ragione, di queste cose qui non ne sapevo proprio nulla! :D

Tu come fai? A chi ti rivolgi?

C'è qualche Production Music Libraries che mi sai consigliare o, meglio ancora, qualche studio economico e commerciale a cui, volta per volta, potrei rivolgermi? :o

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'è qualcuno del settore che saprebbe spiegarmi come si utilizzano in pratica queste "Production music" ?

Dove si scaricano? C'è un sito un po' meno frettoloso di quello della SIAE che spieghi la faccenda?

Grazie a chiunque vorrà schiarirmi un po' le idee. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quando si utilizza della musica registrata per abbinarla a un video (che sia per farci un DVD, per proiettare un video, o altro) bisogna ottenere 2 distinte autorizzazioni:

1) quella degli autori (e degli editori, che NON sono i discografici ma una volta chi stampava gli spartiti, ormai una sorta di manager degli utilizzi dei brani per conto degli autori), che hanno ideato l'opera;

2) quella dei produttori fonografici (o proprietari della registrazione), che (pagando esecutori e tecnici) si sono occupati di trasformare l'opera in registrazione concreta.

Ora, per i soggetti di cui al punto 1) si verificano 2 casi:

a) gli autori (e gli editori) non sono iscritti alla SIAE: ci si fa rilasciare una liberatoria o una licenza in cui sia esplicitamente scritto che tali soggetti non sono iscritti alla SIAE e autorizzano l'abbinamento della loro opera musicale alle immagini del video in questione, ovviamente tali soggetti possono richiedere un compenso per diritti d'autore;

b) gli autori (e gli editori) sono iscritti alla SIAE: bisognerà comunque ottenere la liberatoria in cui sia esplicitamente scritto che tali soggetti autorizzano l'abbinamento della loro opera musicale alle immagini del video in questione, con questa si andrà alla SIAE e si pagherà quanto dovuto alla SIAE (una parte di tutto ciò arriverà anche agli autori).

Tutto ciò non è dovuto ove gli autori siano morti da più di 70 anni o il brano sia per qualche motivo di pubblico dominio.

Il punto 2) riguarda il proprietario della registrazione (generalmente il produttore fonografico, la casa discografica): bisognerà contattarlo per avere l'autorizzazione all'utilizzo della registrazione, probabllmente dietro pagamento di quei diritti che si definiscono diritti di produzione o "diritti connessi" al diritto d'autore. I diritti connessi decadono dopo 50 anni dalla registrazione, in tal caso questa pratica non serve. Se la registrazione è stata effettuata da meno di 50 anni, questa autorizzazione va richiesta anche per musiche di autori scomparsi da oltre 70 anni, vedi il caso di Bach, Mozart ecc. perché pur essendo decaduti i loro diritti d’autore, esistono dei diritti connessi al fatto che la musica è stata registrata (con l’impiego di esecutori e tecnici).

Di questa seconda faccenda non si occupa la SIAE, tranne che per le librerie di Production Music che gestisce.

Un discorso in più riguarda i bollini o meglio contrassegni SIAE: i supporti (tranne in alcuni casi specifici) devono essere contrassegnati con i bollini, anche nel caso in cui gli autori non siano iscritti alla SIAE e che non dobbiate pagare diritti a nessuno. Quindi dovrete in ogni caso recarvi alla SIAE che controllerà che siate in possesso di tutte le autorizzazioni e vi attribuirà i seguenti costi:

- se non ci sono autori/editori iscritti SIAE: solo il puro costo del bollino;

- se ci sono autori/editori iscritti SIAE: costo del bollino + diritti d’autore;

- se utilizzate le librerie di Production Music della SIAE: costo del bollino + diritti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sono un compositore, mi occupo anche di comporre colonne sonore e tra l'altro ho in cantiere il progetto di produrre un cd di production music in tempi non lunghissimi.

Mi piacerebbe conoscere le esigenze di chi utilizzerà poi le musiche per "tarare" al meglio le mie composizioni per production music. Chiunque abbia qualcosa da dire è invitato a scrivermi.

Chi fosse interessato a colonne sonore sappia che io produco la maggior parte del lavoro a casa mia, i miei prezzi sono molto contenuti anche perché mi interessa farmi conoscere e ampliare il mio curriculum in questo settore. Visitate il mio sito www.suonimusicaidee.it, gli esempi musicali sono un po' datati e quindi invito chi è interessato a richiedermi ulteriore materiale dimostrativo.

Lorenzo Tempesti

www.suonimusicaidee.it

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti io ho da fare una cosa e mi sembra, leggendo la vostra conversazione, che mi toccherà chiedere una valanga di permessi.

Ho preparato uno spettacolo di lettura e recitazione accompagnate da musiche. il problema è che sia i pezzi letti che le musiche che ho usato (non le riproduco semplicemente ma le ho stagliuzzate per adattarle alla lettura) sono contemporanee e di autori molto famosi ed importanti.

Come faccio a contattare una casa editrice?

cioè voglio dire ... se mando una mail all'indirizzo che ho trovato su internet tra impiegati vari e ritardi burocratici posso pensare di avere i permessi per il 2013 ... non c'è modo di fare le cose un po' più velocemente?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chiedere il permesso alle case editrici è inutile perchè non ti risponderanno mai, per loro rappresenti solo una perdita di tempo.

A loro frega men che meno del tuo corso e, semmai gliene fregasse qualcosa, ti chiederebbero un partimonio per autorizzarti!

Quindi:

A) FREGATENE! (UN PO' DA SUPERFICIALE)

B) FALSIFICA LA DICHIARAZIONE CHE FAI ALLA S.I.A.E., INSERENDO NOMI DI PEZZI PER L'UTILIZZO DEI QUALI HAI LE LIBERATORIE (SCONSIGLIATO)

C) CAMBIA MUSICA CON PEZZI DI AUTORI O CASE DISCOGRAFICHE CHE PUOI RAGGIUNGERE PER FARTI AUTORIZZARE! (CONSIGLIATO)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti io ho da fare una cosa e mi sembra, leggendo la vostra conversazione, che mi toccherà chiedere una valanga di permessi.

Ho preparato uno spettacolo di lettura e recitazione accompagnate da musiche. il problema è che sia i pezzi letti che le musiche che ho usato (non le riproduco semplicemente ma le ho stagliuzzate per adattarle alla lettura) sono contemporanee e di autori molto famosi ed importanti.

Come faccio a contattare una casa editrice?

cioè voglio dire ... se mando una mail all'indirizzo che ho trovato su internet tra impiegati vari e ritardi burocratici posso pensare di avere i permessi per il 2013 ... non c'è modo di fare le cose un po' più velocemente?

Nel caso degli spettacoli dal vivo la prassi rende le cose molto più semplici, questo perché la SIAE, a cui pagherai i diritti sia per gli autori delle letture che per quelli delle musiche non pretende di verificare l'autorizzazione esplicita degli autori. Solo l'abbinamento immagini-musica crea questa necessità, negli altri casi non serve. Per lo spettacolo devi:

1. chiedere il permesso e versare i diritti alla SIAE sia per le musiche che per i testi (ricordati che per questi devi citare anche l'editore) - fossi in te non direi che le musiche sono tagliuzzate perché potresti incorrere in una rimostranza perché hai modificato l'opera;

2. in teoria, siccome usi delle produzioni discografiche, dovresti ottenere il permesso delle case discografiche e pagare i cosiddetti "diritti connessi". Nel caso degli spettacoli, cmq, raramente le case discografiche effettuano controlli, quindi è rarissimo che qualcuno versi questi diritti.

In bocca al lupo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this