Sign in to follow this  
zeitblom

esportazione pdf (problemi)

Recommended Posts

Intendo semplicemente dire che e' un programma che va bene solo per impaginazioni non si dovrebbe usare per packaging e fustellature varie con sagomature complesse, anche perche' ci sono strumenti piu' adatti alla bisogna, sarebbe come impaginare la divina commedia con excel, non e' impossibile, ma senz'altro poco pratico... Comunque preferisco Indesign...

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao a tutti, spero che mi possiate aiutare.

Ho creato un copertina di un libro e oltre a immagini in CYMK ho usato in un'altra immagine un pantone. Quando creo il pdf alla sezione Output cosa devo mettere ? ...un mio collega mi ha detto "Nessuna conversione colore" e poi sotto "non includere profili"....io non ne sono convinta...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Calabrone, benvenuta nel Forum.

Per favore, non riesumare discussioni così vecchie, ha poco senso.

Apri una nuova discussione.

Poi indica che sistema usi e che applicazione hai in quale versione.

Intanto ti dico, in attesa di rileggerti in una nuova discussione, di usare elementi omogenei nei documenti.

O ti ritrovi dei colori che spesso non sono quelli che ti aspettavi

Share this post


Link to post
Share on other sites

anche perchè a rileggere quel che scriveva Ciopa vengono le convulsioni…

per rispondere alla calabrona: va in stampa offset? digitale? sarebbe buona cosa interpellare chi stamperà i files… converti il pantone in cmyk,usa qualità tipografica, e vivi felice…

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho iniziato ad usare FreeHand 3 e pensavo che fosse il miglior software e non avrei mai imparato ad usarne altri, era praticamente perfetto alla versione 5.5 e poi alla 9. Quando gli idioti di Adobe comprano Macromedia x flash (ora abbandonato) da lì ho capito che dovevo per forza imparare illustrator, purtroppo. Diciamo che è nettamente superiore, più pesante (divora la ram più velocemente), più ostico ma a tutt'oggi rimane l'unica alternativa. Rispondo a Ciopa, ci sono alcuni illustri grafici (che a me fan morir dal ridere) che ci forniscono scatole in inDesign o XPress, meno male che ArtPro ci viene in aiuto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ognuno usa ciò che ritiene meglio per il suo lavoro. Ritengo quindi che se uno usa un super mega giga programma da 200.000 euro e il risultato che ne ottiene è una continua ciofeca...

Mi associo dunque ad albertocchio "non ha importanza con cosa li fai ma COME".

E comunque penso che ormai la polemica Freehand / Illustrator debba chiudersi definitivamente. Io ancora ce l'ho e tutt'ora per alcune lavorazioni lo uso, consapevole del fatto che una volta che passerò a Lion dovrò giocoforza seppellirlo. Sono passato ad Illustrator e Indesign già da più di un anno senza i temuti traumi, anzi. Ho smanettato fino a capirne le funzioni che, inutile nasconderlo, per la stragrande maggior parte sono superiori al buon FH. Per ora ne sono soddisfatto anche se, come tutti i programmi, ha la sue pecche. Ma è una mera questione di abitudine.

Freehand ha fatto la storia della grafica vettoriale, la miglior versione era senz'altro la 9 (io ho iniziato con la 3.1), ma ormai fa parte del passato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho iniziato ad usare FreeHand 3 e pensavo che fosse il miglior software e non avrei mai imparato ad usarne altri, era praticamente perfetto alla versione 5.5 e poi alla 9. Quando gli idioti di Adobe comprano Macromedia x flash (ora abbandonato) da lì ho capito che dovevo per forza imparare illustrator, purtroppo. Diciamo che è nettamente superiore, più pesante (divora la ram più velocemente), più ostico ma a tutt'oggi rimane l'unica alternativa. Rispondo a Ciopa, ci sono alcuni illustri grafici (che a me fan morir dal ridere) che ci forniscono scatole in inDesign o XPress, meno male che ArtPro ci viene in aiuto.

Son d'accordo con Albertocchio, quelli di Adobe sono deleteri per la cultura in questo campo, ma hanno anche dei meriti.

Hanno realizzato un monopolio con metodi discutibili, ma non sono degli idioti e comunque hanno scritto buona parte delle storia moderna della grafica.

Invece Savik, in quello che dici rilevo un errore grossolano e nello stesso stile dell'affermazione superficiale su Adobe.

La vera alternativa a FreeHand non è Illustrator e non è l'unica.

C'è come alternativa a Illustrator anche Corel Draw, abbastanza simile, ed anche altre vector app meno conosciute.

invece l'erede, e a mio parere anche migliore di FH, è solo ed unicamente InkScape.

Bisognerebbe fare affermazioni simili con un po' di cautela e maggiore informazione

Share this post


Link to post
Share on other sites

discussioni trite & ritrite e senza nemmeno un po' di cognizione di causa… qualcuno pensa ancora che la morte di FH sia colpa dell'Adobe…

Xpress un aborto, Illustrator un deficente, idioti quelli che l'hanno inventato… il problema è che non si sanno usare…

se improvvisamente InDesign non viene più sviluppato ci saranno dei grafici preparati a riprendere in mano xpress?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quello è il vero problema.

Ho usato Xpress dalla 1.0 (1989 se non ricordo male), era l'unico ed era veramente impossibile da usare per chiunque non fosse veramente pratico di tipografia.

Ed era assolutamente insufficienze per fare impaginazioni avanzate, bisognava comunque intervenire al tavolo di montaggio in fase di prestampa, per tutti gli elaborati complessi.

Aveva problemi con la giustificazione, con le vedove ed orfani, con l'allineamento delle righe alla griglia, con i bordi delle immagini, ed altre decine di cose del genere.

Era abbastanza comune riallineare le colonne a mano e dividere aggiungendo spaziature, fare le correzioni significava normalmente ribattere la colonna singola incollando il testo e giocando sui quarti di punto o i quarti di interlinea, era pratica comune inserire foto un po' più grandi e rifilare in fase di prestampa con la lancetta o con lo scotch rosso sulle lastre pronte per dare degli allineamenti almeno ad occhio.

Era normale vedere a video delle cose e ritrovarsi in stampa delle altre.

Per sicurezza le titolazioni venivano spesso lasciate in bianco e composte e stampate a parte.

Poi si evolse, raggiunse il meglio con le 3.x, che a mio parere rimangono il meglio dell'impaginazione nel "mondo antico".

Ma per usarle ci voleva un manico spropositato e grande esperienza.

Dopo, il diluvio, al momento in cui si dovette rifare tutto sbagliarono in pieno e divenne inusabile, per un po' di tempo continuai ad usare le vecchie edizioni, poi intervenne la grande falciatrice delle imprese del settore.

Io come tanti altri, alla crisi del golfo, chiusi i battenti e cambiai mestiere, cioè tornai a fare grafica creativa e non applicata.

Da allora uso quasi mai mai fare impaginazione.

Se capita uso, ma aggrottando le sopracciglia e facendo un sospirone, Scribus.

Per me, nell'ottica di quanto detto da Albertocchio, è facile (per modo di dire...).

Metti, però, in mano Scribus ad uno abituato ad Indesign e simili e diventa pazzo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

discussioni trite & ritrite e senza nemmeno un po' di cognizione di causa… qualcuno pensa ancora che la morte di FH sia colpa dell'Adobe…

Xpress un aborto, Illustrator un deficente, idioti quelli che l'hanno inventato… il problema è che non si sanno usare…

se improvvisamente InDesign non viene più sviluppato ci saranno dei grafici preparati a riprendere in mano xpress?

Tutti quelli che bazzicano da un pò nell'ambiente sanno che FH non è morto per colpa di Adobe. Evidentemente a Macromedia è convenuto, dal punto di vista commerciale strategico, concentrarsi sugli altri prodotti quali Dreamwaver, Flash eccetera.

I problemi e i timori nel passare ad Illustrator da parte di chi ha usato per anni FH (tra cui io) credo che siano durati lo spazio di qualche tempo. E comunque non era obbligatorio passare necessariamente a Illustrator, come suggerisce faxus esiste anche InkSpace che è pure gratuito.

Ogni programma poi ha le sue peculiarità. Io non ho mai fatto nessuna scuola di informatica eppure nel giro di poco tempo ho imparato ad usare FH 3.1. Quando decisi di interessarmi a Xpress 3.1 ricordo che la notte sognavo i floppy d'installazione che mi inseguivano. Per non parlare di Photoshop 3... in inglese!!!

Stessa cosa quando ho dovuto per forza passare al pacchetto Adobe. Ebbene, dopo un bel pò di tempo posso tranquillamente dire che erano paure esagerate e stupide.

E se per caso InDesign non verrà più sviluppato... :-) beh... ho ancora Xpress 3.1... peccato non ho più il lettore per i floppy! :-) :-) :-D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this