Perché il 90% della popolazione mondiale preferisce Win a Mac?Non me lo so spiegare..


Recommended Posts

Guest gennaro_mac

Guass il collegamento sta nella distribuzione dell'OS. Apple non può imporre OS X a tutto il mondo perché non è in grado di soddisfare le richieste del mercato intero. Microsoft ci riesce perché s'appoggia a 2 milioni di produttori diversi.

Infatti t'ho detto che la strategia vincente è quella seguita da Microsoft ... percorrere la strada del dominio via software, che è l'unica percorribile. L'HW semmai viene dopo.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 904
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Gennaro, allora mi sa che non ci siamo capiti... Io non ho mai voluto dire che Apple potrebbe imporre OS X a tutto in mondo e non credo nemmeno che la cosa le interessi. Ho invece detto che secondo me è oggi in grado di diventare uno dei maggiori produttori di computer al mondo, andando a fare concorrenza direttamente a Dell e HP... Ti ricordo, infatti, che tutto il discorso è nato parlando della possibilità che Intel privilegi Apple rispetto ad altri produttori hardware e la mia posizione è che potrebbe farlo grazie al prestigio del brand Apple e alla capacità di quest'ultima in un prossimo futuro di fare crescere esponenzialmente il proprio market share nei personal computer. Il software non è mai rientrato nel mio discorso, semplicemente perché Apple NON E' una software house bensì un produttore di computer, quindi è con i produttori di computer e non con le software house che si deve misurare!!!

Scusa ma mi sa che, discutendo discutendo, hai un po' perso il filo del discorso!!!

Link to comment
Share on other sites

soprattutto se sarà possibile installare anche windows xp, così da convincere i più titubanti o coloro che vogliono mantenere in un unico prodotto la compatibilità maggiore garantita da win..!

Anche se credo sarebbe poco rilevante... pagare di più per poi usare win sarebbe uno spreco, senza contare i possbili svantaggi (minor sviluppo per osx)

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Difficile elencare tutte le motivazioni per cui il mondo usa per il 90% Windows e solo il 4% Mac. Quando Steve Jobs rientrò alla Apple disse che nell'education avevano ancora il 60% dell'installato e addirittura l'80% nel campo della grafica (l'ho letto non mi ricordo dove... scusate). Credo che ora le percentuali siano mooolto più basse. Mi ricordo che a metà degli anni '90 comprammo un Performa a casa. Era dotato di MacOS 7.5 e, nonostante mi piacesse molto, si piantava spesso, troppo spesso. Contando poi quello che costava... posso capire che molti decisero di passare a Win 95 visto che in quegli anni uscì la prima versione (se non erro) di Photoshop per Win e tutti i programmi tipici del mondo Mac vennero portati anche su Windows che sembrava sfruttare meglio le potenzialità dei processori moderni rispetto a MacOS 7.5.

Sono sicuro che se Apple avesse voluto ora MacOS X avrebbe una base di installato nettamente superiore: rilasciando infatti Tiger anche per Intel e permettendo a Dell (che l'aveva richiesto) e forse anche a altri di proporlo in alternativa a Windows molti avrebbero deciso di passare a MacOS (anche se non a un computer Apple). Ma come ha appunto detto Guass, Apple è una produttrice prima di tutto di Hardware e quindi vuole evitare di dare una mano agli altri produttori di Hardware concedendogli in licenza il migliore sistema operativo sul mercato. Apple potrà anche diventare la prima produttrice di computer al mondo, ma credo che non potrà, conservando questa politica, superare il 10-12% nel caso la sua offerta Hardware/Software si rivelasse di gran lunga superiore a quella dei rivali su entrambi i campi.

Link to comment
Share on other sites

Difficile elencare tutte le motivazioni per cui il mondo usa per il 90% Windows e solo il 4% Mac. Quando Steve Jobs rientrò alla Apple disse che nell'education avevano ancora il 60% dell'installato e addirittura l'80% nel campo della grafica (l'ho letto non mi ricordo dove... scusate). Credo che ora le percentuali siano mooolto più basse. Mi ricordo che a metà degli anni '90 comprammo un Performa a casa. Era dotato di MacOS 7.5 e, nonostante mi piacesse molto, si piantava spesso, troppo spesso. Contando poi quello che costava... posso capire che molti decisero di passare a Win 95 visto che in quegli anni uscì la prima versione (se non erro) di Photoshop per Win e tutti i programmi tipici del mondo Mac vennero portati anche su Windows che sembrava sfruttare meglio le potenzialità dei processori moderni rispetto a MacOS 7.5.

Sono sicuro che se Apple avesse voluto ora MacOS X avrebbe una base di installato nettamente superiore: rilasciando infatti Tiger anche per Intel e permettendo a Dell (che l'aveva richiesto) e forse anche a altri di proporlo in alternativa a Windows molti avrebbero deciso di passare a MacOS (anche se non a un computer Apple). Ma come ha appunto detto Guass, Apple è una produttrice prima di tutto di Hardware e quindi vuole evitare di dare una mano agli altri produttori di Hardware concedendogli in licenza il migliore sistema operativo sul mercato. Apple potrà anche diventare la prima produttrice di computer al mondo, ma credo che non potrà, conservando questa politica, superare il 10-12% nel caso la sua offerta Hardware/Software si rivelasse di gran lunga superiore a quella dei rivali su entrambi i campi.

E' tutto vero. Va detto però che la Apple dell'era iPod è una azienda diversa, che ha ripreso a osservare il mercato senza rassegnarsi ad essere perpetuamente di nicchia (anche perchè come in tantissimi abbiamo sostenuto, nel mercato IT o fai pressione o subisci pressione, e nel caso di Apple la nicchia stava tendendo a zero, checchè ne dicano gli amici pasdaran qui del forum).

Non eslcuderei perciò che una volta che abbia risolidificato i fondamentali tecnologici (diciamo quindi compiuta definitivamente la transizione ad Intel), possa anche decidere di fare mosse inedite, come alleanze con altri distributori di hardware (nb: definire Dell "produttore" è un autentico insulto agli operai di Taiwan, Singapore, Malesia, Cina Popolare, Messico).

Link to comment
Share on other sites

Secondo i produttori Taiwanesi, Apple Computer potrebbe vendere 10 milioni di Mac nel corso del 2006. Un dato spaventoso, riportato in un articolo del Digitimes che a sua volta fa riferimento al giornale economico Economic Daily News, perchè rappresenta il doppio delle vendite dell'anno 2005! Conoscendo gli assemblatori che sono sempre precisi sugli ordinativi inoltrati da Apple, c'è da aspettarsi un vero trionfo per Cupertino.

Non solo la percentuale di utenti Mac domestici sta aumentando, ma sopratutto quello scolastico, tra cui in Italia Apple ora ha raggiunto il terzo posto!

e.........

Apple sorpassa Dell: la mela vale di più: http://www.macitynet.it/macity/aA23588/index.shtml

Nel 1997 il geniale e ricchissimo Michael Dell, l'imprenditore che negli anni Novanta ha rivoluzionato il modo di vendere computer diventando il primo operatore del settore, aveva risposto a chi gli chiedeva come avrebbe risolto la crisi di Apple se avesse guidato lui l'azienda: "la chiuderei e restituirei i soldi ai suoi azionisti". Come dire: Apple, non vali una cicca.

Erano i tempi della massima crisi a Cupertino, che aveva appena riavvicinato Steve Jobs come "consulente esterno" dopo l'acquisizione di Next e poi come Ceo ad interim. Adesso, le cose sono cambiate.

Già da qualche mese, seguendo la cavalcata del titolo Apple in Borsa, c'era chi ha iniziato a guardare nella direzione della market cap, cioè la capitalizzazione di mercato delle azioni delle due aziende (un modo per misurare il valore di una impresa, moltiplicando il numero delle azioni emesse per il loro valore attuale in Borsa). E ha cominciato un silenzioso conto alla rovescia.

Oggi, Apple vale 72 miliardi, 132 milioni, 428mila 843 dollari (nel momento in cui leggerete queste righe, ovviamente, il valore non sarà più esattamente quello), mentre Dell vale "solo" 71 miliardi, 970 milioni, 702mila 760 dollari. Ciao ciao, Michael...

Link to comment
Share on other sites

Salve ragazzi, sono un nuovissimo utente da sempre estimatore della mela, ma da mai utente di questa....

Dopo averne provato le qualita' vitaminiche tempo fa in ufficio di mio fratello (che possiede una allegra famigliola di 12 mac uno piu' bello dell'altro, una specie di museo), sono rimasto folgorato da tanta "saggezza" estetica e, pur usando e scrivendovi da una diabolica macchina di zio Bill, non ho mai dimenticato il canto delle sirene di quegli oggetti....

La domanda che vi faccio e' la solita stupida, ovvia, scontata domanda di chi, come me, arde dal desiderio di abbandonare zio Bill a se stesso, dopo anni di esperienze belle (tante da win98 in avanti..) e brutte (altrettante, da win98 in avanti... :rolleyes: ).... non vi chiedo di ammazzarmi di consigli, ma forse sono nella classica situazione di chi vive sul baratro, e non sa se saltare dall'altra sponda o girare i tacchi e tornarsene indietro. E non e' detto che un vostro consiglio (ho visto che ci sono molti esperti qui) non sia decisivo per la recisione definitiva del cordone ombelicale dallo Zio....

Il punto e' questo: mi sono perdutamente innamorato dell' iMac intelCoreDuo da 17", e non faccio che pensare a lei... chi di voi puo' farmi cambiare idea?

Grazie per l'attenzione, un ex-zioBillista ;)

Link to comment
Share on other sites

Ciao lolindir

bel dilemma !!! MAC o non MAC !!!!!

questo è problema.

Arrivo subito al dunque....

il mio 1° computer è stato un Mac, portatile nel 1989 consigliato dal mio insegnate di musica, da allora sono sempre rimasto fedele ma soprattutto contento di essere uno dei THINK DIFFERENT.

purtroppo non avendo aggiornato il software ad X nel 2000 sul mio imac dv 400mz con OS 9 sono rimasto un pò fuori dalle ultime novità quasi volutamente, perchè usavo poco il computer.

Finchè nel 2004 ho deciso acquistare un nuovo computer......

Al lavoro uso un PC, gli amici e conoscenti usano PC ecc. ecc.

Tutti che mi dicono ma lascia perdere il MAC, è bello ma non ci fai quasi niente, non c'è software,

soprattutto come dicono i Billini non trovi niente gratis via P2P......

poi questo non lo fai , quest'altro se non trovi chi te lo passa te lo devi comprare, poi costa anche un occhio della testa ecc. ecc.

Devo ammettere che......... per un pò di tempo stavo seriamente pensando allo swich, anche perchè avevo varie spese da affrontare.

In vacanza a Los Angeles il 1° giorno che sono entrato in un centro Apple, ho capito cosa dovevo fare !!!!!

Dopo 6 mesi ho acquistato un IMAC 20" .

E sono senza parole...... non sò........ NON CI SONO PARAGONI DA FARE E' NETTAMENTE SUPERIORE IN TUTTO !!!!! almeno per me !!!

CIAO !!!!

Link to comment
Share on other sites

Lolindir, ti è capitata la stessa cosa che mi è successa a me ucirca un anno fa: da sempre utente Win, li monto, li smonto, li assemblo e li riparo (con i pc si improvvisano tutti ingegneri...), un giorno di Gennaio 2005, scopro quasi per caso su una rivista di post-produzione video acquistata regolarmente da mio padre, che la Apple aveva lanciato il Mac più economico della storia, e che questo era anche il computer più piccolo che fosse mai esistito. Da allora per una settimana non me lo sono riuscito a toglere dalla testa, ogni giorno sfogliavo le pagine di quel giornale solo per rivederlo, finché dopo qualche giorno mi sono venduto il pc (l'ultimo che avevo...) e con i soldi recuperati sono andato di corsa a prendermi il Mini! E da allora eccomi qui! Il prossimo sarà di certo un iMac, ma nel frattempo voglio sfruttarlo ancora per un bel pò...C'era una pubblicità in tv che faceva vedere i rischi di chi ci pensa troppo su prima di fare un'acquisto, in questo caso ne vale la pena...

Link to comment
Share on other sites

non vi chiedo di ammazzarmi di consigli, ma forse sono nella classica situazione di chi vive sul baratro, e non sa se saltare dall'altra sponda o girare i tacchi e tornarsene indietro

L'unico consiglio che ti posso dare è questo: considera bene l'uso che fai del computer, i programmi che usi. Se vedi che tutto quello che fai ora lo riuscirai a fare anche sul Mac (soprattutto ora che c'è la transizione a Intel) allora non avere dubbi.

Magari il tuo modo di lavorare non cambierà molto, guarderai sempre gli stessi siti internet, continuerai a usare Office o Photoshop, qualcosa sarà più veloce, qualcos'altro più lento, ma il vero motivo per cui ti consiglio di fare lo switch è che a usare un Mac si prova piacere e soddisfazione. Questo è quello che non troverai mai in una rivista specializzata, perché è un parametro che non si può quantificare.

Buona fortuna e goditi il tuo futuro iMac!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share