Sign in to follow this  
andhaka

Windows sul vostro Mac?

Installerete Windows sul vostro Mac-Intel?  

159 members have voted

  1. 1.

    • Non vedevo l'ora di poterlo fare, datemi Windows che butto OsX nel cestino!!
      2
    • No, non metterò mai Windows sul mio Mac!
      56
    • Sì, sarà il vero valore aggiunto dei nuovi Mac grazie al Dual Boot
      36
    • Non lo so, ci penserò quando avrò un Mac Intel e solo per necessità
      49
    • Lo installerò, ma solo in emulazione o virtualizzazione
      24


Recommended Posts

Dico anch'io la mia.

Windows non è gratis. Mac osx è preintallato sui Mac.

Mi spiegate come un utente "normale" che compra un Mac perchè è un Mac potrebbe gestire l'uso di un altro sistema operativo che va pagato, installato e configurato se non avendo una necessità impellente?

E' chiaro che il power user (gennaro, mc100 e altri) avrebbe interesse ad avere una macchina bifronte, ma non lo vedo come una necessità della maggioranza..

l'utente normale fatica a gestire un solo os, figurati due :-)

Io altri che con i computer ci lavoriamo, abbiamo gia (come giustamente dice rikibo) affiancato un pc al mac.

Peraltro in casa farei volentieri a meno di un ennesimo aggeggio.

Come me immagino i professionisti del multimedia / web, che potranno fare sviluppo e testing su una sola macchina.

Resta un buona fetta di utenti professionisti che hanno necessita' di windows per uno o due programmi specifici ma che non vogliono mettersi a manipolare partizioni: sono certo che MS proporra' il solito bundle VPC + windows.

Ovviamente ci saranno i soliti stormi di download selvaggio di windows, che verra' poi installato e lasciato ad ammuffire...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le vendite dei mac-intel porteranno sicuramente apple a percentuali doppie rispetto a quelle attuali, se non di più,

io ho un solo dubbio: tutto il ragionamento funziona se osx non è facilmente installabile ovunque.

Se lo è (ma in modo davvero facile, non come il dev kit), una valanga di utenti pro (ai quali poco interessa del design) non compra apple, ma il dell o l'assemblato di turno.

Devo fare (una volta tanto) i miei complimenti a jobs: l'aver mentito riguardo la reale agenda del passggio a intel (evidentemente la data di gennaio era ben programmata) ha permesso di mantere vive le vendite dei g4-g5 fino ad oggi.

Onestamente potevamo immaginarlo, ma ben pochi lo hanno fatto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per fortuna nemmeno io sono obbligato da esigenze lavorative ad usare Windows... in ufficio ci provano, ma ormai si sono rassegnati che continuerò ad usare il mio Mac senza avere tutti i problemi dei miei colleghi.

Per il resto ho la fortuna di non avere nessun tipo di interazione con quei servizi Windows only (piuttosto che piegarmi ad dover passare tramite windows per un servizio ne faccio a meno) e quindi posso rimanere nel mio piccolo paradiso Mac only...

Speriamo cmnq che la possibilità di avere Windows su Mac non pregiudichi il lavoro di terze parti sulle apps per Os x...

Cheers

Io avrei bisogno di usare windows per certe applicazioni. Come hobby faccio trasmissioni radiofoniche e molti siti di download legali italiani musicali usano quella ciofeca di WindowsMediaPlayer come unico software per poter ascoltare e masterizzare le canzoni. A parte il fatto che l'assurdità di poter far girare solo in un pc il file wma (con iTunes puoi fino a 5 computer!!!), a volte capita che la licenza venga persa per qualche motivo (tipo "WindowsMediaPlayer ha eseguito una operazione non valida e verrà terminato") e così ti viene da bestemmiare contro Bill Gates e il suo Winzozz di M.... (ops, che scurrile!)

Così giammai, se non trovo un file musicale su iTunes, pazienza, non lo scarico da nessuna parte!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io dico che può rappresentare la vera svolta per Apple, a patto che gli emulatori/virtualizzatori siano abbastanza veloci (e le premesse ci sono tutte).

Raddoppiare o triplicare il numero di Mac venduti nel giro di un paio di anni rappresenterebbe una montagna di dollari in più da investire in ricerca, sviluppo, acquisizione di SH, creazione di nuovo SW.

A quel punto, peggio per chi non volesse continuare lo sviluppo per Mac...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me l'ipotesi che il software Win cannibalizzi il software Mac è purtroppo più realistica che mai, seppur ovviamente non certa.

Se infatti uscisse qualche software di terze parti (ovviamente reperibile anche pirata) o freeware (tipo Wine) che consentisse con un semplice click di avviare applicazioni Windows con la stessa semplicità con cui oggi (ieri?) si aprono le applicazioni Classic, le software house si troverebbero veramente davanti ad un bivio.

Da parte mia posso riportare l'esperienza che ho accumulato in 10 anni di lavoro in una società che si occupa da sempre di multimedialità.

Attualmente il 90% dei prodotti che sviluppiamo sono per Windows, e appena il 10% anche per Mac. Questo significa che tutti i prodotti Mac che sviluppiamo, escono anche per Windows, ma solo un prodotto Windows su 10 esce anche per Mac.

Personalmente seguo sia lo sviluppo di alcuni prodotti Windows che quello di tutti i prodotti per Mac.

La nostra azienda rilascia prodotti per Mac sono quando è veramente indispensabile. Considerate che da tempo non guadagnamo più sulle copie vendute, ma sviluppiamo solo su commissione di clienti che a loro volta mettono sul mercato i prodotti che realizziamo (quindi ci importa poco delle copie effettivamente vendute). Rilasciare un prodotto anche per Mac significa banalmente aumentare i costi di sviluppo tra il 15% e il 30% (ore uomo da sommare a quelle per sviluppare il software sotto Win + convertire filmati in QT e roba del genere) e quasi mai questo costo viene riconosciuto dal cliente.

Se il cliente non sa nemmeno cosa sia un Mac, non ci chiede nessuna versione Mac e rilasciamo solo per Windows. Se il cliente sa cosa è il Mac (magari li usano in azienda) allora ci chiede Mac + Windows, ma di norma vuole pagare lo stesso degli altri (o poco più)

Conoscendo "i miei polli" questo significa che non appena ci sarà una possibilità alla portata di tutti (non proprio per tutti, ma quasi) di far funzionare le nostre applicazioni Windows su Mac (vedi discorso simil-classic di cui sopra) i nostri commerciali faranno 2+2 e convinceranno i clienti a non rilasciare più versioni specifiche per Mac (tanto non serve!)... Magari all'interno del Cd-Rom per Win, potrà addirittura essere incluso il software per farlo girare su Mac.

Ovviamente noi siamo un pesciolino microscopico, in un oceano di sviluppatori... ma conosco molte aziende che ragionano in questo modo.

Vederemo cosa succederà...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me l'ipotesi che il software Win cannibalizzi il software Mac è purtroppo più realistica che mai, seppur ovviamente non certa.

La nostra azienda rilascia prodotti per Mac sono quando è veramente indispensabile. Se il cliente non sa nemmeno cosa sia un Mac, non ci chiede nessuna versione Mac e rilasciamo solo per Windows. Se il cliente sa cosa è il Mac (magari li usano in azienda) allora ci chiede Mac + Windows, ma di norma vuole pagare lo stesso degli altri (o poco più)

Conoscendo "i miei polli" questo significa che non appena ci sarà una possibilità alla portata di tutti (non proprio per tutti, ma quasi) di far funzionare le nostre applicazioni Windows su Mac (vedi discorso simil-classic di cui sopra) i nostri commerciali faranno 2+2 e convinceranno i clienti a non rilasciare più versioni specifiche per Mac (tanto non serve!)... Magari all'interno del Cd-Rom per Win, potrà addirittura essere incluso il software per farlo girare su Mac.

Ovviamente noi siamo un pesciolino microscopico, in un oceano di sviluppatori... ma conosco molte aziende che ragionano in questo modo.

Vederemo cosa succederà...

Io dico che spesso sono piccole realtà software sul territorio a far indirettamente o meno opera di persuasione a favore di win e pc. E proprio per la loro poca voglia (già adesso come confermi) di sviluppare per mac rassegnandosi al farlo solo dietro pressione del cliente (il quala ad oggi per il sol fatto di preferire mac dobbiamo considerare quantomeno "informato"). In particolare quando avvicinano piccole realtà aziendali e spesso quando contattano con programmi specifici i liberi professionisti (es. avvocati) e artigiani in via di informatizzazione...

Ma anche i poco esperti tra loro che però hanno colto alcuni segnali incerti e riportati (il mac non ha virus, è bello, semplice da usare con meno problemi di "blocco"...) è allontanato ad approfondire il discorso se la risposta per quello che gli serve è "mi spiace non c'è" "il mac è poco diffuso" "compri dei pc come tutti e noi siamo anche in grado di farle assistenza".

Se il solo fatto di poter bypassare tutti gli altri discorsi e avviare win (virtualizzato meglio) per la eventuale singola applicazione (es. Autocad e il casi come hai illustrato tu dove la versione mac non esiste), significhi un incremento possibile e notevole dell' hardware mac venduto la situazione potrebbe mutare.

I nuovi utenti mac "allargati" potrebbero essere oggetto di interesse per sviluppatori mac only, e comunque rappresentare una categoria che cresce e spinge per avere le versioni mac dei programmi visto che le troverebbe meglio fatte più facili da avviare probabilmente più performanti...

Insomma più mac user non credo significhi alla lunga meno software come apparentemente sembra ora col passaggio ad intel e la inevitabile attesa della conversione dei programmi ( con qualche di conseguenza incertezza...).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest gennaro_mac

le aziende ormai dovrebbero prendere in considerazione anche la possibilita' di fare sw per Linux, anzi fare ws non dipendente dalla piattaforma.

Già, moralmente sarebbe giusto così, ma in pratica così come Apple non è una società no profit non lo sono neanche le altre aziende... ognuno guarda solo al suo guadagno (e credo giustamente, in questo mondo!)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Win preinstallato, o installabile, aumenterebbe sicuramente la base mac, questo creerebbe un mercato potenziale più ampio, ed economicamente più vantaggioso per molte sw house, meno concorrenza, minori costi di sviluppo, il mac ha una configurazione unica da testare; efettivamente i grandi marchi potrebbero snobbarla, ma rischierebbero di lasciare campo libero ad altri, in quest' ottica il rinnovo dell' accordo sullo sviluppo di office m$ per mac dovrebbe indurre ad un maggior otttimismo sul futuro della piattaforma mac lato sw.

Fermo restando che io vedo Apple promuovere sempre più l' hw, invece che lo spingere su un maggiore sviluppo sw, può anche essere che per timore di un eventuale ostracismo Apple tenga un basso profilo per ora, ma con una maggiore diffusione le cose potrebbero cambiare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Effettivamente la disponibilità di applicazioni Windows per Mac potrebbe far aumentare la base di installato e questo è il lato più positivo di tutta la faccenda in quanto potrebbe essere l'origine di un circolo virtuoso (software Win su Mac = + mac = + software mac = + mac ....)

Rimane però sempre il lato oscuro, al quale il mercato sembra spesso orientarsi (fortunatamente con qualche eccezione).. la storia infatti dice che: tutte le piattaforme alternative passate a Intel sono morte. (grattiamoci!!!)

Share this post


Link to post
Share on other sites

le aziende ormai dovrebbero prendere in considerazione anche la possibilita' di fare sw per Linux, anzi fare ws non dipendente dalla piattaforma.

Non vorrei finire OT e non voglio aprire una diatriba Linux-Mac-Win (per quello rivolgersi a punto-informatico.it :D ), ma ti disegno lo scenario che ravvedo nel settore dove lavoro:

1) NESSUN cliente istituzionale o commerciale ci ha ancora mai chiesto 1 solo software per linux (siamo piccoli, ok, ma era solo per dare un'idea)

2) Gli utenti Linux per quello che li conosco (ho alcuni colleghi appassionati, e lo usiamo anche internamente per alcune attività) non sono "abituati" a pagare per il software. Non perchè siano pirati, ma perchè ce n'è tantissimo gratis (un po' come i servizi on-line nei tempi della new economy

3) I commerciali (che non capiscono un tubo di informatica) quando sentono Linux fanno questo ragionameno: Linux = PC = Windows... quindi se ad uno con linux gli diamo un software Win alla fine riuscirà a vederlo ("avrà una partizione con Win" è il succo del discorso, anche se per un commerciale il concetto di partizione è arabo)

Ora il problema è che non vorrei si cominciasse a fare Mac = PC = Windows... :eek:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Personalmente credo che sia un bene avere la possibilità di installare quanti più sistemi operativi è possibile su una macchina e questo indipendentemente dalla qualità del S.O.. Se Winzozz esiste ed è tanto diffuso non lo si può ignorare, quindi la possibilità di affiancarlo al nostro amato OSX e, personalmente, a Linux, credo sia una buona cosa. Ovviamente se la cosa serve a qualcosa. E penso ci siano mille motivi per cui la cosa possa servire. Per tante diverse esigenze. Per quanto mi riguarda odio Winzozz ma o per un motivo o per un altro sono costretto ad averci a che fare. In ogni caso sono daccordo con chi sostiene che la cosa farà bene alla Apple ed ai Mac ... e forse anche a Winzozz...sapete come si dice chi va con lo zoppo impara a zoppicare.....può essere che la vicinanza di OSX gli faccia bene!!!! :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this