Pagine di formati diversi


harlock
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti e un ringraziamento anticipato a chi avrà la risposta;

il problema che mi arrovella è come si può riuscire in InDesign a creare un documento con formati di pagina diversi o almeno con abbondanze diverse; mi spiego meglio, dovendo fare un 3 ante formato chiuso A4 dovrò fare 6 pagine (3 affiancate per il fronte + 3 per il retro) ma per far sì che l'ultima pagina si pieghi all'interno dovrò farle di 3 misure diverse (la seconda qualche mm + piccola e la terza ancora di +), come posso fare? L'imposta pagina ha un valore globale per l'intero documento e non mi aiuta, come posso aggirare l'ostacolo?

Link to comment
Share on other sites

Secondo me il problema si può aggirare in questo modo: intanto è solo la pagina "interna" che deve essere più piccola, enon le altre due, ma il "trucco" sta nell'impostare un file nel quale le tre ante stanno affiancate, per cui avrai una pagina unica per il fronte e una per il retro. Per la misura fai 210+210+200 (o 199) x 297 e poi dividi il "paginone" in tre colonne e sposti la suddivisione delle colonne in modo che l'ultima porzione sia un po' più stretta.

Secondo me è un modo di lavorare anche più pratico perché "vedi" il pieghevole aperto come lo vedrà chi ce l'avrà tra le mani e se c'è della grafica che si estende da un'anta all'altra è più facile piazzarla così e non doversi preoccupare di farla combaciare su pagine diverse.

Link to comment
Share on other sites

Secondo me il problema si può aggirare in questo modo: intanto è solo la pagina "interna" che deve essere più piccola, enon le altre due, ma il "trucco" sta nell'impostare un file nel quale le tre ante stanno affiancate, per cui avrai una pagina unica per il fronte e una per il retro. Per la misura fai 210+210+200 (o 199) x 297 e poi dividi il "paginone" in tre colonne e sposti la suddivisione delle colonne in modo che l'ultima porzione sia un po' più stretta.

Secondo me è un modo di lavorare anche più pratico perché "vedi" il pieghevole aperto come lo vedrà chi ce l'avrà tra le mani e se c'è della grafica che si estende da un'anta all'altra è più facile piazzarla così e non doversi preoccupare di farla combaciare su pagine diverse.

Ok, questa potrebbe essere una soluzione se non fosse che dopo dovrò fare dei PDF a facciate singole da visualizzare a monitor, insomma mi confermate che non c'è modo di far coesistere due formati in un unico documento?

Link to comment
Share on other sites

Ok, questa potrebbe essere una soluzione se non fosse che dopo dovrò fare dei PDF a facciate singole da visualizzare a monitor, insomma mi confermate che non c'è modo di far coesistere due formati in un unico documento?

Se è così voto la soluzione proposta da Emanuele, che in effetti ha la sua praticità: in caso di stampa ci pensa il tipografo a tagliare via il pezzo che deve mancare per piegare in modo corretto (oppure a spostare di pochissimo la piega, il risultato non cambia);

in caso di visualizzazione a schermo non c'è bisogno che le pagine siano diverse.

Link to comment
Share on other sites

Se è così voto la soluzione proposta da Emanuele, che in effetti ha la sua praticità: in caso di stampa ci pensa il tipografo a tagliare via il pezzo che deve mancare per piegare in modo corretto (oppure a spostare di pochissimo la piega, il risultato non cambia);

in caso di visualizzazione a schermo non c'è bisogno che le pagine siano diverse.

A parte che il tipografo siamo sempre noi e vi assucuro che se facessimo come intendete voi consegneremmo un lavoro mal fatto, mi meraviglio anzi che vi accontentiate di farvi trattare in questo modo dai confezionatori, ma probabilmente da voi vige l'approssimazione, da noi no.

Per quanto riguarda il PDF mi sono espresso male, non è solo un problema di visualizzazione quanto di stampa, nel senso che il cliente vuole potersi stampare l'impaginato dal suo ufficio ed un 3 ante risulta molto scomodo da stampare se non lo divido in facciate

Link to comment
Share on other sites

A parte che il tipografo siamo sempre noi e vi assucuro che se facessimo come intendete voi consegneremmo un lavoro mal fatto, mi meraviglio anzi che vi accontentiate di farvi trattare in questo modo dai confezionatori, ma probabilmente da voi vige l'approssimazione, da noi no.

Per quanto riguarda il PDF mi sono espresso male, non è solo un problema di visualizzazione quanto di stampa, nel senso che il cliente vuole potersi stampare l'impaginato dal suo ufficio ed un 3 ante risulta molto scomodo da stampare se non lo divido in facciate

Allora spiegaci, a noi impiastri approssimativi e paciocconi, come hai fatto fino a questo momento a stampare un 3 ante in formato A4 in maniera "professionale" e non mi venire a dire che è la prima volta che lo fai, perché altrimenti ti chiedo sei hai cominciato a lavorare la settimana scorsa.

E poi il tuo cliente che stampante ha? che formati supporta? perché se può stampare solo su A4 e/o su A3 è inutile farsi le pippe su un millimetro o due che gli avanzano (con la precisione di presa della carta che hanno le stampanti - anche belle- da ufficio), che cosa fa stampa tre fogli e poi li mette insieme con il nastro adesivo? e quello più "piccolo" lo taglia prima di stamparlo o lo stampa e poi lo taglia? ma dài!!!

Link to comment
Share on other sites

Allora spiegaci, a noi impiastri approssimativi e paciocconi, come hai fatto fino a questo momento a stampare un 3 ante in formato A4 in maniera "professionale" e non mi venire a dire che è la prima volta che lo fai, perché altrimenti ti chiedo sei hai cominciato a lavorare la settimana scorsa.

E poi il tuo cliente che stampante ha? che formati supporta? perché se può stampare solo su A4 e/o su A3 è inutile farsi le pippe su un millimetro o due che gli avanzano (con la precisione di presa della carta che hanno le stampanti - anche belle- da ufficio), che cosa fa stampa tre fogli e poi li mette insieme con il nastro adesivo? e quello più "piccolo" lo taglia prima di stamparlo o lo stampa e poi lo taglia? ma dài!!!

I 3 ante li abbiamo sempre impaginati in Freehand, che è sempre stato utilissimo per impaginati di questo genere, supportando i formati diversi nello stesso documento e avendo la possibilità di affiancare le pagine, poi si crea un PDF ad alta risoluzione esattamente come si farebbe in InDesign, lo stesso viene usato per il CTP in seguito stampato dal tipografo, poi lo passa al confezionatore che non utilizza lo scotch e le forbici ma una taglierina (non manuale ma meccanica, se volete vi posto una foto) e una piegatrice (anche questa meccanica) e non taglia e piega dove gli pare MA SUI SEGNI che il bravo grafico gli ha messo, altrimenti nessuno dei due sa fare il proprio mestiere.

Caso a parte è il cliente (solito scassaballe, lo sappiamo) che vuole avere il pregiatissimo PDF (stavolta a bassa risoluzione) da stampare in ufficio e agganciare con l'agganciatrice, perchè non ha niente di meglio da fare.

A questo punto vi chiederete perchè voglio a tutti i costi usare InDesign se mio trovo così bene in Freehand, e io vi rispondo che amo complicarmi la vita e la Adobe è bravissima ad accontentarmi.

Link to comment
Share on other sites

I 3 ante li abbiamo sempre impaginati in Freehand, che è sempre stato utilissimo per impaginati di questo genere, supportando i formati diversi nello stesso documento e avendo la possibilità di affiancare le pagine, poi si crea un PDF ad alta risoluzione esattamente come si farebbe in InDesign, lo stesso viene usato per il CTP in seguito stampato dal tipografo, poi lo passa al confezionatore che non utilizza lo scotch e le forbici ma una taglierina (non manuale ma meccanica, se volete vi posto una foto) e una piegatrice (anche questa meccanica) e non taglia e piega dove gli pare MA SUI SEGNI che il bravo grafico gli ha messo, altrimenti nessuno dei due sa fare il proprio mestiere.

Caso a parte è il cliente (solito scassaballe, lo sappiamo) che vuole avere il pregiatissimo PDF (stavolta a bassa risoluzione) da stampare in ufficio e agganciare con l'agganciatrice, perchè non ha niente di meglio da fare.

A questo punto vi chiederete perchè voglio a tutti i costi usare InDesign se mio trovo così bene in Freehand, e io vi rispondo che amo complicarmi la vita e la Adobe è bravissima ad accontentarmi.

Credo che ci siano fondamentalmente due problemi: uno è legato al fatto che i software vengaono concepiti per un determinato scopo e noi a volte dobbiamo/vogliamo piegarli ad altri utilizzi per i quali non sono stati propriamente concepiti e allora non dobbiamo fare troppo gli schizzinosi.

L'altro è che quando un cliente fa delle richieste da pirl*a non dobbiamo scimunire per andargli appresso: tanto poi, nel caso del tuo cliente, è costrtto a "pasticciare" lo stesso.

In merito al problema n° 1 bisogna dire che InDesign non è stato concepito per i pieghevoli, ma per libri e riviste, per cui non hanno pensato alla necessità di avere pagine di dimensioni diverse; per certe cose FH è certamente insuperato. Se mastichi un po' di francese e vuoi accertarti che non ci sia nessun modo (o qualche plug-in) per far fare a InDesign quello che vuoi tu puoi andare a cercare sul sito e nel forum di Branislav Milic, una specie di guru dell'impaginatore di Adobe che collabora anche con la casa di San Jose per lo sviluppo del SW (http://www.milic.com/indesign/index.html)

In merito al secondo problema e alle taglierine, non ho bisogno (e credo neppure Emanuele) che ci posti delle fotografie o che faccia dell'ironia a buon mercato: le forbici e la colla erano riferite al tuo furbissimo cliente e non ai confezionatori...

Link to comment
Share on other sites

Quando mi capitano necessità di questo genere io le gestisco così: preparo un file composto da sole due pagine (per la bianca e per la volta), poi per il cliente faccio un file con 3 pagine affiancate e -dopo avere raggruppato tutto nel file x la stampa- con duue soli passaggi di copia incolla ho la versione per il cliente

Link to comment
Share on other sites

Quando mi capitano necessità di questo genere io le gestisco così: preparo un file composto da sole due pagine (per la bianca e per la volta), poi per il cliente faccio un file con 3 pagine affiancate e -dopo avere raggruppato tutto nel file x la stampa- con duue soli passaggi di copia incolla ho la versione per il cliente

Ma, nel file per il cliente, come fai a fare la terza pagina (quella che deve essere piegata allinterno) più piccola? Era questa la domanda di harlock.

Link to comment
Share on other sites

A parte che il tipografo siamo sempre noi e vi assucuro che se facessimo come intendete voi consegneremmo un lavoro mal fatto, mi meraviglio anzi che vi accontentiate di farvi trattare in questo modo dai confezionatori, ma probabilmente da voi vige l'approssimazione, da noi no.

Per quanto riguarda il PDF mi sono espresso male, non è solo un problema di visualizzazione quanto di stampa, nel senso che il cliente vuole potersi stampare l'impaginato dal suo ufficio ed un 3 ante risulta molto scomodo da stampare se non lo divido in facciate

Si bravo, molto sbroffa. Guarda che ti sta chiamando il cliente del depliant, vuole che porti a spasso il barboncino mentre si diverte a stampare i tuoi esperimenti, mago.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share