Sign in to follow this  
admin

BootCamp: le vostre opinioni

Che effetto avrà BootCamp sugli utenti Mac e Win  

423 members have voted

  1. 1.

    • Fantastico: aumenterà gli switcher e la diffusione dei Mac
      182
    • Buono: sarà più semplice per chi ha un Mac utilizzare software solo per PC
      173
    • Non cambierà i rapporti di forza
      23
    • Negativo: non farà passare al Mac più switcher di ora ed Apple ha venduto l'anima al diavolo
      26
    • Disastroso: nessuno svilupperà più per Mac
      40


Recommended Posts

A mio modesto modo di vedere la situazione, sul lungo periodo, rientra nei classici canoni di imprevedibilità.

Boot Camp (ma soprattutto la coesistenza semplificata con Windows introdotta dai processori Intel) porta con se' chiari profitti e chiare perdite, ma azzardarsi in previsioni stavolta è quanto mai complicato.

Credo però che si debba doverosamente ricordare la realtà: il Macintosh - da anni - non è più uno standard professionale di alto livello, salvo che in pochissime nicchie legate al video, ove comunque esistono validissime alternative.

La percezione urbi et orbi dei Mac è che siano "giocattoli" di lusso con alcune features eccellenti (esempio: la sicurezza), ma con lacune pazzesche in termini di parco software.

Ciò, persino prima della transizione verso Universal Binary. Figuratevi adesso!

Quello che voglio dire è che l'ecosistema Mac è in crisi già da anni, e che lo swtich verso UB potrebbe essere quello mortale (vi sorprenderà, ma i produttori di software odiano riscrivere i programmi). Per cui in definitiva Boot Camp è almeno una ancora di salvezza per l'hardware, un modo di continuare a vivere, di prendere tempo, di aspettare momenti migliori.

Tutto sommato io credo che una vera compatibilità con Windows non scoraggerà poi troppo gli sviluppatori, o quantomeno non quelli che si sono già abbondamente scoraggiati finora.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho letto attentamente le varie impressioni al lancio del nuovo BootCamp. Ma come sono invece le prove? Chi ha tentato il "sacrilegio" che esperienza d'uso ha avuto? Sarebbe interessante vedere come viaggia... Bene o male secondo me è un modo per sopperire la mancanza di Virtual PC su MacIntel, e per l'uso degli applicativi non disponibili sotto OSX (e forse per i giochi, molto + numerosi e performanti sotto win). Per tutto il resto è solo una feature in +. Non credo che installerei mai Photoshop su win avendo la possibilità di farlo su OSX: l'ho fatto e ho provato a lavorarci e ammetto che è impossibile, sono due programmi diversi!

Una curiosità: si legge che BootCamp è una beta a tempo, che poi scade... ma dove è scritto sul sito Apple e soprattutto quanto dovrebbe durare? Poi quando scade che fa, mi brasa la partizione FAT32?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non credo che installerei mai Photoshop su win avendo la possibilità di farlo su OSX: l'ho fatto e ho provato a lavorarci e ammetto che è impossibile, sono due programmi diversi

Intanto però Photoshop Universal Binary non esiste, e Adobe non sembra farsi commuovere troppo dalle sorti di Mac OSX.

Apple fa bene a non rischiare troppo ed è giusto che si apra alternative anche drastiche. Quando si tratta di sopravvivere è bene non guardare in faccia a nessuno.

Ripeto: Boot Camp non è la panacea, ma una banale mossa difensiva di una azienda che in ambito professionale rappresenta sì e no un 1%.

Share this post


Link to post
Share on other sites

A mio modesto modo di vedere la situazione, sul lungo periodo, rientra nei classici canoni di imprevedibilità.

Boot Camp (ma soprattutto la coesistenza semplificata con Windows introdotta dai processori Intel) porta con se' chiari profitti e chiare perdite, ma azzardarsi in previsioni stavolta è quanto mai complicato.

Credo però che si debba doverosamente ricordare la realtà: il Macintosh - da anni - non è più uno standard professionale di alto livello, salvo che in pochissime nicchie legate al video, ove comunque esistono validissime alternative.

La percezione urbi et orbi dei Mac è che siano "giocattoli" di lusso con alcune features eccellenti (esempio: la sicurezza), ma con lacune pazzesche in termini di parco software.

Ciò, persino prima della transizione verso Universal Binary. Figuratevi adesso!

Quello che voglio dire è che l'ecosistema Mac è in crisi già da anni, e che lo swtich verso UB potrebbe essere quello mortale (vi sorprenderà, ma i produttori di software odiano riscrivere i programmi). Per cui in definitiva Boot Camp è almeno una ancora di salvezza per l'hardware, un modo di continuare a vivere, di prendere tempo, di aspettare momenti migliori.

Tutto sommato io credo che una vera compatibilità con Windows non scoraggerà poi troppo gli sviluppatori, o quantomeno non quelli che si sono già abbondamente scoraggiati finora.

dimentichi 2 cose:

1) dopo un periodo di crisi coinciso con il passaggio da OS9 a OSX Apple si sta riprendendo nel DTP.

2) questi hanno 9 billion di cash, quindi non capisco quali momenti migliori debbano attendere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ripeto: Boot Camp non è la panacea, ma una banale mossa difensiva di una azienda che in ambito professionale rappresenta sì e no un 1%.

non credo che le percantuali siano queste. e comunque dimentichi anche l'audio professionale, dominato da Apple.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Apple fa bene a non rischiare troppo ed è giusto che si apra alternative anche drastiche. Quando si tratta di sopravvivere è bene non guardare in faccia a nessuno.

Mah, io non la vedo così tragica e sinceramente penso che apple non sia stata così bene da parecchio tempo. Sicuramente le questioni di mercato e la sopravvivenza sono un punto chiave, ma questo ad ogni nuovo sw/hw che viene rilasciato. Io credo che rilasciare ufficialmente bootcamp sia un assaggio di qualcosa di ancor + innovativo che vedremo in Leopard, una semplice feature fra le molte rivoluzionarie (chissà, magari davvero la virtualizzazione). Tanto era già possibile con hack&crack installare XP on MacIntel, o no? questa è solo una maniera facile, pulita e "ufficiale" per farlo, in pieno stile Apple...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo con Chest.

Tutto sommato si sa che Apple ha sempre guadagnato dalla vendita di hardware e non di Sw.

Le previsioni sono complesse, ma non è così peregrino pensare ad un futuro nel quale Apple produrrà ancora belle macchine che girano con Windows. E bye bye a MacOsx.

Sarebbero contenti tutti.

Microsoft che non avrebbe più uno degli ultimi micro concorrenti e venderebbe altre copie di windows. Inoltre non dovrebbe fare due versioni di Office.

I produttori di sw che non dovrebbero più raddoppiare i costi per creare due versioni del medesimo sw.

Gli utenti (quelli nuovi) che non avrebbero più problemi di incompatibilità.

Siamo proprio sicuri che se Apple dismettesse MacOsx venderebbe di meno?

Siamo poprio sicuri che i MAC con WIndows non riuscirebbero a superare la soglia del 2 per cento del mercato dell'hardware?

Forse a Cupertino si son fatti ben bene i contie han capito pensare diverso fa figo ma non è poi così remunerativo. Ipod insegna no?

E infatti i in borsa i titoli apple (e microsoft) son saliti subito!

Gli unici delusi saremo soltanto noi. Ma a quel punto saremo dei dinosauri. E chi si preoccupa di che cosa pensano i dinosauri?

Share this post


Link to post
Share on other sites

non credo che le percantuali siano queste. e comunque dimentichi anche l'audio professionale, dominato da Apple.

Scusa, ma te come lo definisci "professionale"? Io da questo settore escludo gli iMac ed anche i portatili (okkei, questa può essere una ipotesi forte). Con questa definizione Apple sta sotto l'1%, perchè i Power Mac praticamente non vendono più.

Il 2006 per la linea professionale dei desktop sarà un bagno di sangue senza precedenti, di questo passo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gli unici delusi saremo soltanto noi. Ma a quel punto saremo dei dinosauri. E chi si preoccupa di che cosa pensano i dinosauri?

Esatto, esatto. Questo è possibile. Ma almeno ci sarebbe la consolazione che Apple non è diventata a sua volta un dinosauro estintosi assieme a noi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusa, ma te come lo definisci "professionale"? Io da questo settore escludo gli iMac ed anche i portatili (okkei, questa può essere una ipotesi forte). Con questa definizione Apple sta sotto l'1%, perchè i Power Mac praticamente non vendono più.

Il 2006 per la linea professionale dei desktop sarà un bagno di sangue senza precedenti, di questo passo.

io non parlo di PowerMac, ma di settori. ed è innegabile che il 90% degli studi di registrazione professionali (e dei musicisti) usino mac, i modelli non importano.

passiamo a DTP / fotografia:

_ Adobe ha più richieste di prima per i prodotti mac e addirittura propone Ligthroom beta in cocoa e per ora mac-only;

- Linotype scrive FontexplorerX solo per OSX;

- M$ ha promesso Office per 5 anni e sta lavorando con Apple a VPc (a me frega nulla);

- tutte le maggiori software house e i maggiori produttori di periferiche hanno aderito all'UB e non solo a parole;

- tu cosa trovi in tutti i service di prestampa/stampa? io solo PowerMac.

quando vedrai Leopard cambierai opinione Chest! :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this