E se Windows fosse meglio?


Recommended Posts

Premetto che parlo da mancato switcher frustrato percui non fustigatemi per le mie opinioni (criticabilissime).

Il nocciolo del problema non è quale sia il migliore sistmema operativo (non certo Windows) ma capire se esistono alternative a Windows.

Per la mia esperienza personale sono costretto a dire che non ci sono: sono studente d'ingeneria meccanica a Pisa e devo dare gli esami con i seguenti programmi: Ansys, ProE, Adams e Matlab ma esiste la versione per Mac solo di Matlab per cui non ho la possibilità di passare al Mac, Potrei passare a Linux ma non ho le nozioni di programmazione necessarie per gestirlo ed eventualmete le utilizzerei per fare il porting su X11.

Purtroppo esistono moltissime altre persone nelle mie stesse condizioni.

Spero che la tanto decantata potenza di calcolo dei nuovi processori G5 smuova le cose alla svelta perché non ne posso proprio più di Windows, Bill Gates, Microsoft e dei loro bugs, crash eccetera.

Se qualcuno di voi può aiutarmi (resto speranzoso nonostante tutto) mi scriva sulla mia discussione: "Mac ed ingegneria meccanica". (Chiedo scusa per la pubblicità che mi faccio) :o

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 928
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Premetto che parlo da mancato switcher frustrato percui non fustigatemi per le mie opinioni (criticabilissime).

Il nocciolo del problema non è quale sia il migliore sistmema operativo (non certo Windows) ma capire se esistono alternative a Windows.

Per applicazioni specialistiche non ne esistono, per ora. La nuova base Unix del Mac consente di far girare tutte le applicazioni Unix, e si immagina che Unix nel mondo prenderà sempre più campo perché soprattutto i paesi emergenti (Cina e India in primis) non hanno nessuna intenzione di pagare soldi a Bill Gates. Quindi aspettiamoci presto una riduzione del mondo Windows . Sia noi che Redmond dobbiamo comunque fare i conti con una base di installazioni planetaria e quindi aspettiamoci di tutto.

Un mio amico matematico disprezzava Mac perché non gli consentiva di usare Latex. Bé, ora deve trovare qualche altra scusa, Latex gira anche su Mac.

Presto chi dice che una applicazione scientifica non gira su Mac, dovrà documentarsi su quello che è successo la notte prima.

Per quanto ti riguarda però non puoi attendere il futuro, e quindi devi continuare ad usare Windows per quelle tre applicazioni che hai citato e per qualche altra.

Questo non ti impedisce di usare Mac per tutto il resto. Trovo ingiusto che un matematico che è costretto ad usare tutto il giorno Windows per lavoro, al momento della ricreazione debba usare Mediaplayer, non possa vedersi una bella proiezione con iPhoto, non possa montarsi un film con iMovie, non possa sentirsi le canzoni che gli piacciono con iTunes (che c'è anche per Win, ma se vuoi mettera la canzone sulla proiezione di foto o come musica del film come fai ?)

La soluzione c'è, ed abbastanza economica: prenditi un Mac mini, attaccalo alla tastiere e al monitor del PC, e quando ne hai piene le scatole di Windows, mettiti a giocare col Mac. Se devi scrivere una tesi usa Latex per Mac e via via che aumentano le applicazioni per Mac-Unix, lascia sempre di più Window a dormire. A lui fa bene, e per te è rilassante. Per Il cavo swicht (48 €) cerca su questo foro.

Link to comment
Share on other sites

Per Mac cad meccanici decenti non ne esistono :(

Pro E, Catia, SolidWorks, SolidEdge,Unigraphics, think3 ... sismao letteralmente tagliati fuori ed è uno scandalo.

Emiliano, so però che hanno fatto il porting di parasolid 16 per Mac OS X che non è altro che il motore matematico 3D che sta alla base di molte applicazioni (UG, SW ...) speriamo che a breve portino almento sulla nostra piattaforma Unigraphics NX.

Non immaginate quanto il mio Mac sgolosi SolidWorks che tra l'altro trovo sia molto Mac Like.

Non tanto per quanto riguarda l'interfaccia grafica ma per quanto riguarda la coerenza e chiarezza logica che sta alla base della GUI... veramente ben fatto.

Link to comment
Share on other sites

Guest gennaro_mac

Giulio, il tuo amico matematico evidentemente era di vedute un attimino ristrette. Io sono un matematico (qualcuno direbbe ex :P) ed ho sempre usato con grande soddisfazione il Mac per scrivere in LaTeX. Dapprima con il meraviglioso Textures, poi con Alpha+OzTeX ai tempi di OS 7-8-9 e poi Tetex con OS X. Per la matematica il Mac e' sempre stato all'avanguardia (tranne per un triennio in cui praticamente non c'era Matlab) ... purtroppo e' vero che in altri settori a volte manchi del software

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Salve a tutti, sono nuovo del forum e vorrei dire la mia a proposito della eterna questione "windows contro mac".

Chi parla possiede 14 macchine Mac (dal LC475 al G5 dual 2Ghz) e 15 PC (da pentium 75Mhz a P.IV 3400 MhZ passando per celeron, k6, duron e athlon), e sono state usate dal sottoscritto indifferentemente per studio, per lavoro, e per diletto, ovviamente in relazione all'anno di produzione (le più recenti sono utilizzate anche adesso, quindi, mentre le precedenti vengono accese ed usate periodicamente per conservarne l'integrità).

Adoro i computer, ed è per questo che non li ho mai venduti.... :D

Non sono un "fissato", ne' un "ricco spendaccione", ne' un "esibizionista": sono una persona normalissima, sono povero :cool: , e quando compro una macchina nuova non chiamo gli amici a vederla. La totale soddisfazione rimane privata e personale, quindi.

Mi sentirei almeno autorizzato a parlare per esperienza personale. Posso? penso di si...

1) 10 anni fa esistevano due mondi: il mondo Mac, che era pieno di oggetti (bellissimi) funzionali ed indistruttibili, ed il mondo Pc, che era pieno di problemi.

Purtroppo la massa si muoveva verso il pc, che era più economico, che si acquistava anche dal biciclettaio, che si poteva "potenziare" quasi con gli spiccioli che ci trovavamo in tasca. Si tollerava anche il fatto che potesse rompersi, o perdere informazioni, o che dovesse essere formattato!

Il Mac era invece l'"inarrivabile": prezzi proibitivi, ma assolutamente affidabile....

Ora, in un contesto nazionale (parlo di Italia) dove il 99% delle persone di allora (che rimane ancora un 80% di oggi!) non sa che "acquistare il computer" è diverso dall'acquistare un qualsiasi elettrodomestico, è ovvio che si scelga per "marca conosciuta" e "prezzo". Il risultato: vendite per Olivetti, Olidata, Ibm, Compaq.... (Apple? Boh.... ma prendiamo questo pc, vah, che ce l'ha anche il mio amico...)

2) Oggi questa differenza c'è ancora. Il problema principale è sempre il prezzo. Facciamo un piccolo ragionamento:

- acquistare un computer per persone da 8 a 20 anni (idealmente) significa convincere i genitori a spendere dei soldi. La "media reddituale nazionale" risponde da sola con un coro di "PC! PC!".

- le persone da 8 a 20 anni giocano e vanno su internet: virus! E' naturale e lecito: sia per chi li prende, sia per chi li fa. Per chi li prende è ovvio: sono bambini o ragazzi e come tali hanno ragione ad essere curiosi. Per chi li fa: ditemi chi sarebbe quel pazzo da mettersi a programmare virus per "togliere funzionalità" al 2% degli utenti informatici (Mac) quando ce n'è il 98% a disposizione (Pc)!

- le prestazioni dei computer negli ultimi anni sono aumentate in modo esponenziale. Badiamo bene: il processo non è stato innescato a seguito di effettive "necessità degli utenti", ma è stato pilotato a puro scopo commerciale, sia per Pc, sia per Mac. In questo modo si incrementano i fatturati dei singoli produttori, sia software sia hardware, e tutto va a scapito dell'utente finale, che dopo 1/2 anni (3/4 per il Mac) è costretto invariabilmente a cambiare macchina.... o almeno a spendere cifre assurde (soprattutto Mac) per migliorare quella che ha.

Soprattutto in riferimento a quest'ultimo concetto: una persona che ha bisogno di un computer (qualunque sia il suo scopo) ha necessità ben inferiori a quelle offerte dai "mostri di potenza" in vendita nei negozi. Inoltre i PC hanno gradatamente aumentato la loro affidabilità, sia software, sia hardware (senza equiparare l'impareggiabile Mac, ma si stanno producendo prodotti di qualità discreta)

Non sono quindi così convinto della necessità di un Mac, oggi: può essere che le prestazioni siano più elevate, rispetto al pc, ma in quante occasioni possono essere VERAMENTE riscontrati questi vantaggi? Su autocad (o altro) o per masterizzare?.... allora: tempo=soldi. Chi lavora con autocad guadagna. Chi masterizza (a parte i fuorilegge) non guadagna. Li vogliamo considerare tutti gli aspetti prima di acquistare o no?!?

Garanzia. Tutti i prodotti oggi sono garantiti 2 anni. Il che significa che se entro 2 anni il computer si rompe (sia mac sia pc) puoi ripararlo gratis.

Sistema operativo. Ci sono patch di aggiornamento continue sia su osx sia su windows. I produttori o ci amano, o si vergognino. Sia Gates, sia Jobs, però. L'utilizzo del sysop è oggi per fortuna un dettaglio trascurabile: è questione di "mano"...

Software. La differenza sostanziale sta nell'installazione dell'antivirus. Per i pc è (purtroppo) obbligatorio.

Prestigio. Mac vince in tutte le situazioni. Ma costa. In media il Mac costa il 150%-200% di un Pc equiparabile.

Ed adesso fate voi. Spero di aver aperto gli occhi a qualcuno... :D

Link to comment
Share on other sites

verissimo tutto.va anche detto che se l'utente dagli 8 ai 20(e mi includo)sa quello che vuole,per cosa gli serve,e non vuole per forza il top della gamma,esistono anche ibook e mac mini,decisamente economici.

esempio:il mio prossimo pc(a questo punto dubito ci sarà mai,ma non importa...)sarebbe costato 780 euro,un lavoro d'artigianato per assemblare il tutto,e il riciclagio di alcune componenti.a metà maggio è il mio compleanno,e sono riuscito a convincere i miei che mi serve un computer nuovo(mi SERVE????bella sul serio,spero non ci credano davvero...)e visto che un ibook costa molto...semplice,metà lo pago io.risultato finale,anche se è un caso,l'ibook costa meno di un pc studiato per giocare(cioè bello pompato).purtroppo non tutti sanno fare il ragionamento che gli apple siono migliori,o possono permettersene uno(vero....il mac mini è troppo piccolo per ispirare fiducia,e quindi è sicuro che "c'è la fregatura").

nel mio caso,è andata benissimo,visto che mi arriverà un ibook serie nuova.... :-) con Tiger,lol

Link to comment
Share on other sites

Ed adesso fate voi. Spero di aver aperto gli occhi a qualcuno... :D

Dici che il Mac non ha problemi di virus, che ha prestazioni più elevate, che il Mac è utilizzabile per il doppio del tempo di un PC e poi, più o meno velatamente, consigli un PC?

Possiedi 14 Mac e non sai che Autocad per Mac non esiste?

Le Patch di aggiornamento a volte lasciano a desiderare anche su Mac (vedi 10.3.9 ad esempio), ma i problemi di windows crea con gli aggiornamenti sono ben lontani...

Software: un pacchetto come iLife, da solo, vale il prezzo di Mac OS X. In XP te lo sogni...

Prezzi: 150-200% di rapporto lo hai con gli assemblati, sui quali voglio vedere chi ti da reali garanzie di riparazione...

In conclusione, io penso che tu sia un PCiotto con la voglia di provocare... se mi sbaglio vuol dire che 14 Mac non ti hanno insegnato un ... bel niente (per essere educati, altrimenti avrei detto un [email protected]).

Link to comment
Share on other sites

Software: un pacchetto come iLife, da solo, vale il prezzo di Mac OS X. In XP te lo sogni...

piiiiiccolo off topic:io ancora mi sento poco convinto da iLife....musica non ne faccio,quindi garageband non mi interessa...iMovie credevo fosse incluso con Mac os,come in mac os 9.....mi sbaglio,o quello di iLife è "più bello"?iPhoto......pare tanto una cosa complicata.ma una cazzatina tipo IrfanView,o al massimo Acdsee si trova?

grazie,e spero di non aver creato un off topic troppo grande!

Link to comment
Share on other sites

Premetto che parlo da mancato switcher frustrato percui non fustigatemi per le mie opinioni (criticabilissime).

Il nocciolo del problema non è quale sia il migliore sistmema operativo (non certo Windows) ma capire se esistono alternative a Windows.

Per la mia esperienza personale sono costretto a dire che non ci sono: sono studente d'ingeneria meccanica a Pisa e devo dare gli esami con i seguenti programmi: Ansys, ProE, Adams e Matlab ma esiste la versione per Mac solo di Matlab per cui non ho la possibilità di passare al Mac, Potrei passare a Linux ma non ho le nozioni di programmazione necessarie per gestirlo ed eventualmete le utilizzerei per fare il porting su X11.

Purtroppo esistono moltissime altre persone nelle mie stesse condizioni.

Spero che la tanto decantata potenza di calcolo dei nuovi processori G5 smuova le cose alla svelta perché non ne posso proprio più di Windows, Bill Gates, Microsoft e dei loro bugs, crash eccetera.

Se qualcuno di voi può aiutarmi (resto speranzoso nonostante tutto) mi scriva sulla mia discussione: "Mac ed ingegneria meccanica". (Chiedo scusa per la pubblicità che mi faccio) :o

Spero che Emiliano mi permettera' di sfruttare il suo post per porre una domanda che mi frulla in testa da tempo. Non e' la prima volta che sento di persone che vorrebbero prendere un Mac ma non lo fanno perche' nel loro corso universitario si deve usare il programma x o y che su mac non c'e'. Io mi chiedo ma nei corsi universitari non vi dovrebbero insegnare a creare e realizzare dei progetti invece che ad usare un programma piuttosto che un altro?
Link to comment
Share on other sites

Ciao Francesco.

Ti rispondo, perchè mi sento "chiamato in causa":

1) Il mio riferimento ad autocad era assolutamente esemplificativo: non sono ne' un ingegnere, ne' un architetto, e non ho mai usato autocad. Se ci fai caso preciso "o altro". L'esempio si riferiva solo ad un software che impegnasse particolarmente il computer. I miei mac sono serviti ad "altro" :D .

2) ILife (se non sei un fotografo) serve solo a giocare: conservare ricordi, o arrangiare una canzone come può fare GarageBand per me è "giocare". Non mi fa alcun testo... ho parlato chiaro, nel mio precedente post: "Chi lavora con autocad guadagna. Chi masterizza (a parte i fuorilegge) non guadagna. Li vogliamo considerare tutti gli aspetti prima di acquistare o no?!? ".

3) Gli aggiornamenti: windows crea problemi più che altro con i sysop piratati. E francamente ne sono felice.

4) Gli assemblati: certo, per fortuna non compro quelli di marca. Almeno scelgo l'azienda che produce la periferica più adatta alla mia necessità, e scelgo anche da chi farmi garantire (da non sottovalutare: sostituzione periferica pc tempi medi prossimi all'immediato, sostituzione periferica mac tempi medi AUFF... ma quanto costa tenere fermo un computer un giorno, ad una azienda? Ci hai mai pensato?).

Forse mi sono espresso male: "non velatamente" dico che quando uno è a scegliere, è bene che scelga valutando tutti gli aspetti. Io ho avuto la fortuna e l'interesse di conoscere concretamente entrambi i mondi, ed ho valutato certe cose, che ho reso pubbliche affinchè ognuno ne facesse tesoro. Se vuoi chiudere gli occhi e acquistare Mac fai pure. Ricordati che il computer la mente dovrebbe aprirla, e non chiuderla.

Ah.... non sono un picciotto... sono di Firenze. E saluto tutti gli amici picciotti (ho cari ricordi :)).

Link to comment
Share on other sites

Ciao Francesco.

Ti rispondo, perchè mi sento "chiamato in causa":

1) Il mio riferimento ad autocad era assolutamente esemplificativo: non sono ne' un ingegnere, ne' un architetto, e non ho mai usato autocad. Se ci fai caso preciso "o altro". L'esempio si riferiva solo ad un software che impegnasse particolarmente il computer. I miei mac sono serviti ad "altro" :D .

2) ILife (se non sei un fotografo) serve solo a giocare: conservare ricordi, o arrangiare una canzone come può fare GarageBand per me è "giocare". Non mi fa alcun testo... ho parlato chiaro, nel mio precedente post: "Chi lavora con autocad guadagna. Chi masterizza (a parte i fuorilegge) non guadagna. Li vogliamo considerare tutti gli aspetti prima di acquistare o no?!? ".

3) Gli aggiornamenti: windows crea problemi più che altro con i sysop piratati. E francamente ne sono felice.

4) Gli assemblati: certo, per fortuna non compro quelli di marca. Almeno scelgo l'azienda che produce la periferica più adatta alla mia necessità, e scelgo anche da chi farmi garantire (da non sottovalutare: sostituzione periferica pc tempi medi prossimi all'immediato, sostituzione periferica mac tempi medi AUFF... ma quanto costa tenere fermo un computer un giorno, ad una azienda? Ci hai mai pensato?).

Forse mi sono espresso male: "non velatamente" dico che quando uno è a scegliere, è bene che scelga valutando tutti gli aspetti. Io ho avuto la fortuna e l'interesse di conoscere concretamente entrambi i mondi, ed ho valutato certe cose, che ho reso pubbliche affinchè ognuno ne facesse tesoro. Se vuoi chiudere gli occhi e acquistare Mac fai pure. Ricordati che il computer la mente dovrebbe aprirla, e non chiuderla.

Ah.... non sono un picciotto... sono di Firenze. E saluto tutti gli amici picciotti (ho cari ricordi :)).

Inizio a risponderti dalla fine

Io ho scritto PCiotto (uno dei termini semi-dispregiativi utilizzati dagli utenti Mac per gli utenti PC). Oltretutto sono del profondo sud, quindi non mi sarei mai permesso di dare a qualcuno del picciotto

Un utente con 14 Mac che dice "Se vuoi chiudere gli occhi e acquistare Mac fai pure. Ricordati che il computer la mente dovrebbe aprirla, e non chiuderla" :eek:

Ma di quale Mac stai parlando, di MacDonald's?

4) Gli assemblati: e quanto costa farsi assistere +/- una volta al mese per reinstallazioni e casini vari, e reinstallare tutto o quasi ad ogni sostituzione di periferica? E vogliamo parlare della componentistica che dura qualche plenilunio? Ma hai mai sentito parlare dell'assistenza Apple? (tra l'altro, per la stragrande maggioranza di utenti Mac si tratta di conoscenza virtuale dell'assistenza, visto che le macchine sono fatte a modo).

3) Gli aggiornamenti windows creano problemi a tantissime periferiche, driver, plugin e via discorrendo (e parlo di cose acquistate regolarmente).

2)Se sei un fotografo, iLife non fa per te. Esistono programmi professionali per quel tipo di professionisti (la Production Suite: 1399 €, per la produzione professionale di filmati di matrimoni o persino di postproduzione cinematografica) e soprattutto Photoshop...

iLife serve soprattutto all'utenza domestica, quella che rappresenta la stragrande maggioranza del mercato, che su piattaforma windows, per fare le stesse cose di iLife è costretta ad ACQUISTARE software di terze parti (e la gente vuole archiviare i propri ricordi, i ragazzi vogliono "giocare" con la musica e chissà che, con tanti ragazzi in più che ci giocano non migliori anche il livello attuale della musica :))

1) Davo per scontato che un utente con 14 Mac sapesse della mancanza di Autocad su Mac...

guarda caso hai citato proprio il programma con cui si riempiono la bocca gli utenti PC

Per me tu rimani un PCiotto che non conosce il mondo Mac (e dopo questa tua risposta chiarificatrice, ne sono ancora più convinto).

Ho voluto risponderti prima e dopo soprattutto ad uso e consumo di altri PCsti... perché non vengano deviati dalla tua disinformazione (voluta o non).

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share