Linux su MacBook


Il Cammello
 Share

Recommended Posts

Forse sto sbagliando sezione per il post...ma essendo questo il forum dei possessori di MB magari potrebbe interessare a qualche altro.

Be la mia domanda è semplice, vorrei installare Linux su MB naturalmente lasciando anche OSX

1)ho capito che la prima cosa da fare è partizionare l'hd, e che esiste un tool chiamato iPartition che permette di ripartizionare senza per forza riformattare tutto giusto?

2) altro dubbio devo creare una partizione di swap per linux, ma se OSX ne ha una sua posso usarla per linux, questa è più una curiosità, considerando che OSX è basato su kernel BSD, pensavo avesse la sua bella partizione di swap ?

Grazie epr le risp

Link to comment
Share on other sites

Se non vuoi creare una partizione apposita sul disco potresti

installare linux all'interno di una macchina virtuale.

Sul macbook pro, usando QEMU, ho installato sia linux che

windows e, tralasciando la generale lentezza dell'emulazione,

risultano tranquillamente usabili tranne che per i giochi.

Ciao

Link to comment
Share on other sites

Se non vuoi creare una partizione apposita sul disco potresti

installare linux all'interno di una macchina virtuale.

Sul macbook pro, usando QEMU, ho installato sia linux che

windows e, tralasciando la generale lentezza dell'emulazione,

risultano tranquillamente usabili tranne che per i giochi.

Ciao

Io non l'ho provato ma allora è meglio PARALLELS, meglio la Virtualizzazione che l'Emulazione (almeno tu hai parlato di questo) ;)

Link to comment
Share on other sites

Anch'io penso userò parallels senza partizionare.

Anche perchè è più comodo di riavviare la macchina ogni volta che serve un'altro sistema operativo...inoltre parallels sembra permetta anche il cut/Paste da un SO all'altro ;)

PS: che differenza cè tra Virtualizzazione ed Emulazione?

Link to comment
Share on other sites

....che differenza cè tra Virtualizzazione ed Emulazione?

Nella maggior parte dei casi, si parla di Emulazione, quando si traduce un codice scritto per un'altro hardware (tipo VirtualPC per PPC emulava un architettura x86).

La Virtualizzazione crea un'altra macchina "Virtuale" ma strutturalmente identica.

Nei confronti del boot diretto si ha una leggera perdita di prestazioni a causa della condivisione di memoria, scheda video ect.... in entrambi i sistemi operativi

Link to comment
Share on other sites

  • 2 years later...

Nella maggior parte dei casi, si parla di Emulazione, quando si traduce un codice scritto per un'altro hardware (tipo VirtualPC per PPC emulava un architettura x86).

La Virtualizzazione crea un'altra macchina "Virtuale" ma strutturalmente identica.

Nei confronti del boot diretto si ha una leggera perdita di prestazioni a causa della condivisione di memoria, scheda video ect.... in entrambi i sistemi operativi

Ciao,

mi sembra tu abbia le idee un po' confuse :)

si parla di emulazione software quando una caratteristica non disponibile nella configurazione standard e non studiata per un certo tipo di apparecchjo, viene fatta ugualmente funzionare utilizzando una specie di interprete. (Quello che hai scritto tu si chiama porting, si porta , o si traduce se preferisci, il codice di un X86 per farlo girare su un alpha, ad esempio)

Un emulatore hardware si comporta invece come un simulatore: interpreta e traduce i comandi estranei in comandi comprensibili al computer su cui si trova.

Wine, ad esempio, non si puo' definire ne un emulatore ne un simulatore perche' si appoggia direttamente alle API di winzoz per permettere il funzionamento dei programmi M$.

Sembra + un "adattatore" :)

La virtualizazzione, altro non e' che la struttura logica che ospita, ad esempio, un sistema di emulazione, come VirtualBox, qemu o vmware. Infatti questi ultimi 3 emulano un intero PC e non un sistema operativo!

Peraltro, uso Linux Slackware dal 1995, e anche la Slamd64, da quando e' nata, sul mio desktop di casa.

Ieri mi si e' bruciato il notebook HP e siccome avrei l'occasione di acquistare un macbook, forse pro, usato mi piacerebbe sapere se e' possibile installare solo Linux su un macbook rimuovendo completamente il mac, ma mi pare sia impossibile. A quanto ho capito e' possibile solo fare un dual boot tramite bootcamp o usare parallels. Amo sperimentare, ma stavolta dovrei prima pagare e non vorrei essere obbligato a usare il mac.

Grazie in anticipio a chi sara' tanto gentile da rispondermi

A presto!

The Simplicity is Better

--Slackin

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share