UTENTI ALLE PRIME ARMI


Guest
 Share

Recommended Posts

non sono superate....

- il dvd ram lo leggono non tutti i computer e non tutti i lettori di casa...

- la videocamera costa ancora il doppio almeno di una minidv

non mettere il mini dvd nel mac se ha il lettore a "mangiadisco" non vanno i mini dvd. Rischi di spaccare tutto il drive.

-il dvdram costa tra il doppio e il triplo confronto al nastro minidv e meno facile da trovare se sei in una vacanza

-le camere con minidv hanno batterie che durano molto di più del dvd= meno durata = meno uso = meno immagini riprese

-Il dvdram è un casino in caso di montaggio devi fare almeno 4 passaggi

dvdram--->dv--> montaggio-->dv--->dvdram

non supporta compressioni standard

-le dvdram camera faranno anche le foto dici... le foto delle videocamere sono una ciofeca, le batta qualungue compatta da 2 megapixel da meno di 100 euro

tecnologia ancora giovane

-tecnologia costosa

-non sempre hanno la FW ed non le puoi usare per fare da webcam o collegamento con altri apparecchi standard...

insomma i contro sono ancora troppi....

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 4.8k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

francesca: <FONT COLOR="119911">oggi sono state suparate da quelle con dvd?</FONT>

No, no. Le mini-DV sono ancora di molto superiori alle telecamere DVD-R.

Link to comment
Share on other sites

Premetto che ritengo assolutamente ingiustificati molti prezzi di prodotti commerciali e che questo può contribuire alla pirateria informatica (così come i prezzi assurdi dei CD audio contribuisce in maniera determinante alla pirateria musicale). Ed anche che le software house potrebbero tranquillamente vendere a prezzo più o meno simbolico i prodotti più obsoleti non più quindi destinati al mercato professionale.

Detto questo concordo sulla linea espressa da Vincenzo (sottolineando come caso aggravante, quando l'uso di tale software è destinato all'attività professionale svolta), aggiungendo anche l'osservazione che di solito nessuno va su forum a chiedere come e dove prelevare libri, magliette, penne ecc. ecc.

Aggiungo infine, che se non si ha la voglia o la disponibilità di spendere soldi in acquisto di software, è sempre possibile dare un'occhiata al mondo dell'opensource, dove molte volte si trovano delle risposte efficaci alla propria necessità di software.

Link to comment
Share on other sites

Vorrei utilizzare l'ingresso audio del powerbook "Pismo" con un microfono.

Ho provato a collegare una di quelle cuffie tipo PC ma non funziona, il sistema non la vede. Ho letto un po' in giro ed ho capito che ci vuole un mic particolare di tipo plaintalk.

Ma qual'é la differenza?

Link to comment
Share on other sites

Prima prova GIMP 2. Fa pena, ma fa praticamente tutto ciò che serve. Io uso quello.

Solo, non so mai che formato usare (lossless) per i salvataggi intermedi... con Photoshop si va bene, si usa il psd.

Probabilmente dovrei usare il tiff.

Link to comment
Share on other sites

Gennaro:

<FONT COLOR="aa00aa">...aggiungendo anche l'osservazione che di solito nessuno va su forum a chiedere come e dove prelevare libri, magliette, penne ecc. ecc.</FONT>

Ottima osservazione, Gennaro! Se me la concedi "in Licenza d'Uso" Posted Image , la faccio mia e la riferirò a chi so io, tra persone a me care...

Ciò è probabilmente dovuto a un senso di "onnipotenza" che deriva, in qualche modo, dall'uso dell'informatica.

Altrimenti non si spiega...

Secondo la logica del: "Costa troppo! me lo prendo a forza" avremmo continui furti d'auto, d'orologi, telefonini, eccetera se non, addirittura, una vera e propria rivoluzione sociale tra chi ha e chi non può avere.

A questo punto, io ci vedo pure una grande contraddizione col fatto che, attualmente, in Europa e nel mondo si mandino a governarci persone che hanno tutto e a cui la vita "sembra" non costar niente.

Dico "sembra" perché, guardando aldilà, ossia non misurando in termini di soldi o di ricchezze materiali, a tali ricchezze conseguono, solitamente, infelicità familiari e/o personali, depressioni, stress, pessima salute, tradimenti, eccetera,)...

Per coerenza, dovremmo far in modo che ci sia un'equa ridistribuzione sociale, preoccuparci che l'Informatica da insegnare nelle Scuole sia prettamente aderente agli standard della Programmazione libera, sin dalle Scuole Elementari, eccetera, eccetera.

Non trasformarci in Robin Hood a nostro esclusivo favore...

Ma... come si dice?....

Chi è senza peccato... scagli la prima pietra!

E non sarò certo io a iniziare...

Ciao

Vincenzo

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share