Il prossimo lavoro di Bill Gates: salvare il mondo


Recommended Posts

Beh, in generale la notizia di Buffett è veramente eccezionale...

in ogni caso, sono in accordo con chi dice che è sbagliato criticare Bill per ste cose...i suoi sistemi operativi fanno cagare, ma con tutti i soldi che ha puo cambiare il mondo in meglio e se decide di farlo, onore a lui!

cioè che mi fa pensare è che con quelle cifre potrebbero far cose davvero rivoluzionarie e sarebbe davvero una gran coa per il mondo...chissa...staremo a vedere.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 32
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

... chissà quali prodotti (intendo software, anche se il progetto è a più ampio respiro) useranno per perseguire tal nobile scopo....

MS? non è detto: potrebbe pensare di acquistare prodotti concorrenti e regalare quelli...

Bill_Melinda_Gates_Foundation

non ho capito del tutto però sembra che sia roba seria

deve essere sembrato così anche a Mr. Buffett (il quale a sua volta non sembra uno sprovveduto) o non avrebbe versato nelle casse dell'ente una cifra simile...
Link to comment
Share on other sites

Ho parlato con chi mi manda, ed hanno detto che non posso essere così buonista. Per cui debbo aggiungere una nota velenosa: è fuori di dubbio che le iniziative caritatevoli siano tali, ma nel caso specifico c'è un disegno politico più ampio. Chi mi manda ritiene infatti che Zio Bill si candiderà alla presidenza degli Stati Uniti, o presto o tardi. E che quel giorno le attività filantropiche daranno un ritorno in termini di popolarità.

Oltre a questo c'è un piccolo braccio di ferro "ideologico" tra l'imprenditore filantropico e la burocrazia della filantropia, che seppur su un prato di fiori profumati, riproduce il braccio di ferro tra capitalismo dal volto umano e socialismo.

E' una contesa a fin di bene, ma una contesa.

Link to comment
Share on other sites

MS? non è detto: potrebbe pensare di acquistare prodotti concorrenti e regalare quelli.

entrando nello specifico .....

il progetto è inteso in questa maniera: fornitura hw e sw, costruzione reti interne ed esterne per collegare le varie biblioteche e il mondo esterno, formazione del personale.

ora spero che per la gestione dei libri non usino una maschera di access, però permettimi di credere che i pc donati siano dei dell latitude vista-capable.... almeno quello.... e che le reti siano rette da hw cisco (partner microsoft).

o secondo te usano degli emac ?

http://www.gatesfoundation.org/Libraries/USLibraryProgram/

cmq io non discuto sulla bontà del progetto, anzi lo lodo.

e cmq questo è solo uno dei progetti dela fondazione.

e non ci vedrei niente di male se nelle biblioteche pubbliche partecipanti al progetto ci fosse sw microsoft.

Link to comment
Share on other sites

Ho parlato con chi mi manda, ed hanno detto che non posso essere così buonista. Per cui debbo aggiungere una nota velenosa: è fuori di dubbio che le iniziative caritatevoli siano tali, ma nel caso specifico c'è un disegno politico più ampio. Chi mi manda ritiene infatti che Zio Bill si candiderà alla presidenza degli Stati Uniti, o presto o tardi. E che quel giorno le attività filantropiche daranno un ritorno in termini di popolarità.

Mah, non mi par sto' gran veleno.

In fin dei conti, c'è chi pur di cavalcare l'onda delle elezioni s'inventa delle guerre.

Link to comment
Share on other sites

Chest sei forse ancora troppo buono, io ho una tendenza a diffidare forse eccessiva, ma il comportamento di zio Bill é troppo schizofrenico per convincermi. La fondazione é una cosa bellissima e utile ma

http://italy.indymedia.org/news/2006/03/1021384.php

appropriarsi dei diritti su beni culturali dell'umanitá é simile ad appropriarsi dei diritti dell'acqua nel terzo mondo. Alcune multinazionali (tra cui MS chiaramente) sono quasi arrivate all’acquisizione dei diritti di riproduzione di parti essenziali delle grandi biblioteche europee

http://www.lemonde.fr/cgi-bin/ACHATS/acheter.cgi?offre=ARCHIVES&type_item=ART_ARCH_30J&objet_id=922266

ma ben piú grave è quello che segue, citazione da Amnesty:

Cina - diritti umani Data di pubblicazione dell'appello: 23.05.2006

Internet costituisce l'ultima frontiera della lotta per i diritti umani. Le sue potenzialità comunicative permettono di amplificare al massimo la libertà di chiunque abbia voglia di esprimere la propria opinione, permettendo che questa possa essere raccolta da una platea di milioni di potenziali ascoltatori. Per questi motivi, negli ultimi tempi la rete è stata oggetto dell'attività censoria di governi repressivi, che attraverso regolamentazioni sempre più feroci dell'accesso ai contenuti e della possibilità di realizzare pubblicazioni on line, tentano di eliminare tutte le voci “scomode”. Questo, il più delle volte avviene con la complicità delle aziende del settore, che alla ricerca di nuovi e più lucrativi mercati, accettano di rendersi complici di violazioni dei diritti umani. È il caso della Cina, dove Microsoft, Yahoo e Google hanno accettato di cooperare alla censura della rete messa in atto dal governo. In particolare, le versioni cinesi dei motori di ricerca forniti dalle tre aziende, non offrono alcun risultato se si inseriscono parole chiave come “democrazia”, “diritti umani” “Piazza Tian An Man”; agli utenti del servizio Msn Spaces, poi, è impedito di utilizzare termini simili nei loro blog. E’ emblematico il caso di Shi Tao, il giornalista cyberdissidente condannato a 10 anni di prigione grazie alle informazioni sul suo account di posta elettronica, fornite da Yahoo, Hong Kong. Urge dunque che Microsoft, Yahoo e Google cessino di rendersi complici di violazioni dei diritti e adottino una politica che invece ne assicuri il godimento, conformemente a quanto previsto dalle Norme delle Nazioni Unite sulla responsabilità delle imprese.

Ecco, ora diventa piú difficile interpretare il tutto… :(

Link to comment
Share on other sites

sinceramente se uno decide di spendere 29 MILIARDI di dollari per aiutare le persone,

beh, non posso fare a meno di ammirarlo.

La cosa positiva è che si tratta di beneficienza gestita da una persona indubbiamente capace, non sono soldi buttati a caso.

La cosa vergognosa è che si debbano muovere dei privati per iniziative del genere. Ho letto da qualche parte che lo scorso anno sono stati spesi in armi circa 170 dollari PER OGNI UOMO DELLA TERRA (e queste sono solo le spese note!). Contando che una buona fetta della popolazione vive con meno di 1 dollaro al giorno, ditemi voi se non è uno schifo!

Link to comment
Share on other sites

quoto [email protected] ma

fatti differenti? sto dicendo che c'é quello che va a messa poi arriva a casa e picchia i bambini, certo sará pure un pre-giudizio, ma visti i fatti é piú che lecito, oltretutto la filantropia avrebbe potuto praticarla giá da tempo anche senza aprire il portafoglio.

post scriptum ad un intervento precedente: Steve Jobs é la sesta persona piú ricca al mondo

Link to comment
Share on other sites

quoto [email protected] ma

fatti differenti?

Confondi il paradigma commerciale-economico con quello etico-umanitario.

Un'azienda non è una fondazione umanitaria, in quanto si muove su principi differenti.

E' semplice giudicare una persona sulla base di ciò fa la sua azienda (e qui mi sembra sport diffuso): che sia sempre corretto è tutto da verificare.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share