Mac chat


chest
 Share

Recommended Posts

  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

non credo che questo sia solo un maquillage del vecchio WIN 2000, questa volta alla MS stanno facendo veramente qualche cosa di "innovativo", da quello che ho sentito questa volta niente piu' SO copiato, solo due installazioni e poi bisogna chiedere l'autorizzazione a loro, windows media player nuovo funzionera' solo su XP, ci sara' un nuovo sistema di messaggistica non compatibile con gli altri esistenti, iniziano a esserci siti che si possono vedere solo con explorer, stanno creando una specie di java proprietario etc.. se vanno avanti cosi' tra un po' sostituiranno anche i formati JPG, GIF, TXT con altri analoghi ma proprietari e utilizzabili solo con XP, insomma dopo aver occupato tutta la nicchia ecologica a loro disposizione facendo pensare che tutto era gratis adesso stanno passando alla cassa.

Link to comment
Share on other sites

Allora:

Giorni fà abbiamo installato la beta di Xp su un PII 400Mhz con 128Mb; a parte il fatto che il processo d'installazione dura, se possibile, ancora più che in w2k cioè circa 2 ore, il sistema occupa più di 1Gb di spazio su disco, dicono perchè ha una cartella piena di driver per il plug & play (peccato non abbia riconosciuto la scheda di rete Xircom pcmcia).

Il computer su cui è stato installato risultava essere lento come un bradipo, altro che il finder del nostro X!

La gui di Xp è tutt'altro che "ergonomica", colori saturi che dopo un po' ti fanno venire il mal di testa, per il resto mi sembra la solita zuppa mal riscaldata, anche se devo devo ammettere che l'ho provato poco e che si tratta di una beta.

Link to comment
Share on other sites

Beh, Pietro:

se e' vero - com'e' vero - che OSX non si limita a rimaneggiare il system della generazione precedente ma lo innova radicalmente, allora a M$ devono aver fatto un'operazione simile, volendo scopiazzare Apple fino in fondo. :-)

Ossia, non si devono essere limitati a rimestare la zuppa ma devono pur averci messo dentro qualche saporino sfizioso e innovativo.

Probabilmente, si sono precipitati a farlo perche' il vecchio zio Bill in cuor suo sente che ha ragione chi gli soffia all'orecchio che il giorno in cui finalmente, ad Apple e nei dintorni, saranno riusciti a sistemare tutti i "problemi di gioventu'" di X, a rendere X-native tutte le applicazioni attualmente disponibili solo per il Classic e poi magari anche a realizzare il benedetto G5....beh, come mi ha detto il mio concessionario, quel giorno per gli altri potrebbe davvero diventare acida.

Ecco perche' zio Bill reagisce come sa: lanciando l'offensiva degli standard proprietari, riesumando l'idea del computer di rete, e cosi' via. Il tutto da blindare indissolubilmante a XP.

Reagisce, cioe', come uno che domina si' il mercato dei sistemi operativi per utenza non professionale, ma che forse comincia davvero a sentire sul collo il fiato della concorrenza. E quindi, perde il controllo e sbraca.

E magari fa qualche mossa davvero avventata, o qualche passo un po' troppo lungo....;-)

Link to comment
Share on other sites

Andrea, mi dispiace ma non e` OSX che gli fa paura, tanto e` vero che ha rilasciato anche per noi Windows Media Player, Office, outlook e explorer, la paura invece gli viene da Linux, se andasse in porto il progetto dell`interfaccia amichevole allora si che sarebbero problemi grandi tanto piu` che ora anche PS2 supportera` linux, e probabilmente potra` essere usata per navigare in internet.

Link to comment
Share on other sites

Si', Pietro, probabilmente hai ragione.

Tieni presente che io sono: 1. abbastanza incompetente in materia e 2. un grande "wishful thinker" a cui piacerebbe un mondo non dico senza M$ ma con molta meno sua presenza...

Ti riportavo il pensiero del mio concessionario Apple, che probabilmente e' a sua volta un grande sognatore...;-))

Link to comment
Share on other sites

Ma come fa linux a far paura a microsoft? se già installare un dispositivo hardware nuovo su windows non è cosa da poco, figuriamoci sotto linux!

Se poi consideriamo che linux è usato praticamente solo dai grandi server e un pò nelle università, bene questo è un target non primarissimo per microsoft.

In fondo l'unica altarnativa a M$ continuiamo ad essere sempre e solo noi.

Solo su Mac e Win troviamo Photoshop, Illustrator, Word, Premier etc.... Questi sono programmi che si possono criticare quanto si vuole, ma certamente non esiste un'alternativa piena sotto linux.

Certo c'è GIMP, può esser veloce quanto volete, ma veramente è il concorrente di Photoshop?

E poi per rendere appetibile linux davvero basta un'interfaccia grafica coerente?Sarà, ma anche MacOS X che è un vero UNIX ci mette poco più di mezzora per installarsi su un iBook, mentre sulla stessa macchina ci mette più di due ore, per non parlare dell'installazione su PC!

Tralasciando il fatto che quando si usa un computer diverso dal macintosh, si ha sempre l'impressione di cliccare su qualcosa di sbagliato.

Link to comment
Share on other sites

Questo e` vero per ora, ma a linux basta veramente poco, una buona interfaccia (nautilus?)e un programma di installazione plugh and play per diventare un concorrente desktop pericolossissimo anche per Apple.

Se considerate poi che portare da uno Unix ad un altro dei programmi e` piuttosto semplice e che tutte le workstation: SUN, SGI e IBM usano programmi per unix, il numero e la qualita` dei programmi potenzialmente disponibili per linux (e ora anche per macOSX :-) ) diventa impressionante ed e` tutta roba professionale.

Link to comment
Share on other sites

Udine, 9/ 12/ 2000

Ciao, crew!

Ho ricevuto di recente una e-mail dal vecchio orso Caminiti, dalla vecchia Hannover - porto anseatico teutonico - dove vive.

Vive, appunto. Di recente ha passato un grosso guaio cardiaco e sono personalmente felice che me l’ abbia poi raccontata, ricordandosi di avere un ‘socio’ qui sul pianeta.

Il Giuseppe è (per capirci) la persona che mi richiese un ‘articolo’ per far conoscere il fenomeno “[email protected]†ai lettori della “Gazzetta del Sudâ€, (lui è originario di Messina).

Quello che adesso trovate su MacProf.

Con la “Gazzetta†andò male, su Mac Prof http://macprof.macity.it/archivi/seti/percheseti.html ed in Rete http://home.hccnet.nl/a.alfred/p-free-p1story.html invece andò meglio...

Gli ho richiesto, appena lo potrà, di aderire al nostro “Mac Dreamâ€. Se accadrà, sarà qualcosa di veramente significativo. Lui è per passione un astrofilo, categoria che ho imparato a evitare accuratamente (in genere) dopo averli frequentati via ML in Setiitalia.

Ma al Caminiti posso riconoscere una marcia in più (Think Different). Dopo non pochi battibecchi in ML e varie conferme che non possiamo pensarla allo stesso modo (in tema [email protected] e connessi), mi contattò per un obiettivo che evidentemente sentivamo condiviso.

E da quel piccolo punto di condivisione nacque poi quasi tutto il materiale che potete leggerVi oggi in tema [email protected] (questo compreso) sui vari siti che mi hanno pubblicato. Fosse stato per me solo, non so se avrei mai messo assieme tutto questo. Da cosa nasce cosa!

Il fattore più importante che vorrei sottolineare adesso è che nonostante egli sia un PC convinto e guardi con un certo fastidio (a volte) i Macchisti che prendono posizione (come mi capita spesso) sulla validità o meno di certe scelte, nondimeno ha intravisto a suo tempo un punto in comune sul quale lavorare. E si fece avanti. Il resto è storia.

Capite? Dove non arrivò la Simona, Il Giuseppe capì.

Vorrei poterVi trasmettere la sincera emozione che ho provato leggendolo dopo parecchio tempo nelle condizioni in cui si trova ora. E guardato a vista dal maresciallo (la moglie).

Guai se lo trova al PC!! Eheheh!! Povero! Alla sua età, rischiare ancora gli scapaccioni...

La morale è una sola: invece di concentrarci su quello che ci può dividere (opinioni, impegni, pregiudizi, ecc.), coltiviamo invece quello che ci può unire. Adesso (per chi vuole) un obiettivo c’è.

Si chiama “Mac Dream Teamâ€. E l’ appuntamento con la Storia è al 17 Maggio.

Muovetevi. Ogni giorno che passa senza veder concretamente aumentare il numero degli aderenti ci allontana sempre più dalla meta.

Spero di trovare in futuro tracce ANCHE del Giuseppe tra noi. Dipenderà (nel suo caso) dal ‘maresciallo’ e da un pò di fortuna. La stessa che auguro a tutto il nuovo Team.

In fin dei conti, dietro ad ogni ‘account’ del [email protected] c’è una persona!

Nel nostro caso (del Mac Dream) c’è la conferma che “il valore dell’ insieme†è superiore alla nuda somma numerica dei suoi ‘componenti’. Davvero!

Buone cose, Tiziano, UD.

Link to comment
Share on other sites

Udine, 11/12/2000

Salve, o popolo!!

Questa sera avrete trovato tra le e-mail questa:

>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Date: Mon, 11 Dec 2000 10:51:45 -0800 (PST)

From: Beta Test

Subject: 3.03 - It's done! (Mac/Windows/Solaris)

Some final tweaking was done to some flagging which will hopefully

prevent old clients from contacting our server when they are obsolete.

Everything else is still the same from the 3.02 build.

Thank you everybody for the bug reports and feedback! I am sorry if I

never contacted you personally - all comments were helpful. Most bugs

reported ended up being user configuration problems/conflicts rather than

[email protected] bugs.

We will force an upgrade to 3.03, so either get them now or get them when

they are official (i.e. linked to on the home page).

A (hopefully thorough) page describing the deltas between 3.0 and 3.03

will be up on the site when the download is official.

Macintosh:

http://setiathome.berkeley.edu/beta3/setiathome_mac_3_03.hqx

Happy Holidays!

The [email protected] Team

P.S. As always, what we think is final may not be final. Please send

any new bugs you may see.

>>>>>>>

Come vedete, è uscita una nuova versione del 'client'. L'ho già sul disco. Per il momento continuate con quella che state usando. Tempo un paio di giorni, provo questa su uno dei miei iMacs e vi so dire come va. In ogni caso, per non perdere la WU che avete in elaborazione, lanciate il nuovo installer solo DOPO aver inviato la WU terminata. Quando vi dice "Receiving data (e siete intorno a 40/50 Kb...)", quello e' il momento di 'quittare' [email protected] e di lanciare l' installer.

Poi lui preleverà una nuova WU e ...via come al solito.

Per quanto riguarda la Ns. prestazione complessiva, non registro nulla di realmente significativo. E tutto tace, sul fronte Mac italiano. Vorrei sapere che ne pensate voi circa la curiosa latitanza della mitica 'comunità Mac'. E' solo una mia impressione o è la 'bufala' del secolo?

O non leggono Internet, o sono tutti ipnotizzati dal Grande Fratello. O chissà.

Mah!

Intanto, il tempo lavora a Ns. sfavore. Peccato...

Passo & chiudo.

Tiziano, UD.

Link to comment
Share on other sites

Avviso ai Naviganti...

Ho provato la versione 3.03 del client "[email protected]". Lasciatela perdere, per il momento.

E' ancora più lenta della attuale. E non di poco.

Sapendo di poter disporre di una efficacissima (nel complesso) base di aderenti, a Berkeley hanno introdotto alcuni passaggi supplementari di calcolo che hanno come risultato un allungamento sensibile per completare una Work Unit.

Per cui, nell' ottica del nostro obiettivo, è per ora controproducente usare la 3.03.

Quando verrà il momento, il server di Berkeley vi avviserà di DOVER passare alla versione aggiornata, e cioè a questa 3.03. Fino ad allora (presumibilmente tra alcune settimane) dateci sotto con quella che avete.

Ultime dalle ML [email protected]:

Pare che nelle ML teoricamente dedicate al progetto ci si cominci a stufare di veder messaggi da un anno e mezzo dedicati ai problemi di Windows. Come appare da questo riassunto dell' ultimo arrivo presso la mia mailbox (e vi risparmio i contenuti) :

[email protected] List Digest Thursday, December 14 2000 Volume 01 : Number 290

In this issue:

Re: state.sah

ADMIN: mailing list problems

state.sah, fastfind, msconfig, file locking

test

StartUp Programs

unsubscribe

Re: W2K & Processing Stoppage

Spoke to soon, was state.sah

Re: upgrade, P4, and Rambus comments

RE: Spoke to soon, was state.sah

Re: upgrade, P4, and Rambus comments

unsubscribe

unsubscribe

unsubscribe

ADMIN: unsubscribing and list topics

new version 3.03

unsubscribe

Gli 'unsubscribe' sono un campanello d' allarme (o un canto di usignuoli, dipende dai punti di vista) di gente che ha maturato due tasche così di vedere qui trattati ogni giorno temi che molto poco o nulla hanno a che vedere con la vera essenza del [email protected] e delle sue tematiche.

Buona parte dei Mac Users e dei Linux aderenti hanno già mollato da tempo questa che sembra essere la maggiore ML mondiale sul tema. (Intendo ovviamente il tema 'bugs' di Win...)

Forse l' unico obbiettivo obiettivo - non è un errore di digitazione - è veramente a questo punto dimostrare la effettiva validità dei vari OS coinvolti in questa maratona di supercalcolo.

Vedi i Reggio Boys che stanno affermando fattivamente la superiorità di Linux.

La ectoplasmica comunità "Mac" italiana invece sta affermando (vedi adesioni al Dream Team ferme a 18) che non ha ancora capito un granchè di quello che sta facendosi sfuggire di mano...

Peccato.

Per limitare i danni servirebbe un "180". Per mangiarsi i Linux servirebbe un "300".

Server di Berkeley lento. Troppo!

Pare che qualcuno dall' Olanda abbia sottolineato il problema della recente lentezza esasperante da parte del server di Berkeley per effettuare lo scambio delle WU.

Qualcuno (americano) ha replicato dicendo di non incontrare nessun problema al riguardo.

Un altro americano e per di più abitante a pochi Km da Berkeley conferma invece la lentezza (spesso) del server in questione.

Io posso confermare che ieri non mi è stato possibile spedire la WU pronta del 400 ed ho dovuto spedirla oggi. Tutto questo per spiegarvi che se doveste incontrare delle difficoltà a connettervi, potete sospendere momentaneamente i tentativi di connessione e provare dopo qualche ora.

Anche i server della Sun Microelectronics possono toppare. Portate pazienza.

Usate invece queste pause (e non solo quelle) per diffondere questa nostra iniziativa tra i Vs. conoscenti. Inserite magari il link della sfida nelle 'firme' delle Vs. e-mail! Tutto aiuta...

Articolo in inglese (per chi coltiva interessi E.T.I.):

ADVANCED ALIENS: WHY ET WILL BE MORE ADVANCED THAN HUMANITY

Movie aliens are often like distant relatives: They resemble us in an unpleasant sort of way. This is hardly a surprise. Hollywood creates characters that audiences can identify with, and that is why its aliens are so anthropomorphic (and why Donald Duck looks more like a human than a duck): http://www.space.com/searchforlife/seti_shostak_001204.html

Tiziano Dal Farra, [email protected]

Auguri!!

Link to comment
Share on other sites

01 - 01 - 01!!

Ciao, popolo!!

Spero siate sopravvissuti ai vari cenoni & cenini.

Mentre aspettiamo notizie dal mondo informatico tipo fibrillazioni di NASDAQ, nuove generazioni di virus, nuovi Bug di inizio millennio, facciamo i punto della situazione.

Annoto con piacere che il server di Berkeley ha ripreso la ideale velocità di scambio delle WU.

La cosa è apparsa evidente nell' ultima settimana. Ora la procedura prende circa 30/40 secondi, qui da me.

Annoto con meno soddisfazione che brillano per la loro assenza i 150/200 nuovi Mac Users che avrebbero (nelle mie previsioni) fatto invertire la attuale tendenza all' oblio del Ns. Gruppetto di ardimentosi. Abbiamo come previsto - ahinoi - perso un' altra posizione nel rank italiano del [email protected]. La tendenza appare ora più chiara.

La cosa strana è che matematicamente dovrebbero arrivare quotidianamente circa 60/70 WU al database, ed invece pare ne arrivino circa la metà. Forse dipende dal fatto che non tutte le macchine vengono lasciate a macinare 24/24. Peccato. Fatto sta che al ritmo attuale se non arrivano consistenti rinforzi, ce lo scordiamo di finire a fine Maggio sul podio.

Probabilmente decine di potenziali aderenti non sono ancora al corrente della Ns. iniziativa. Perciò, vi invito a far conoscere maggiormente lo scopo e la posta del gioco che stiamo svolgendo presso conoscenti ed amici. Non si sa mai.

E ovviamente, ricordare loro di lasciare accese il più possibile le macchine su cui gira il client. Tranne che per numerosi 'blackout' della rete locale ENEL - ora risolti alla radice via gruppo di continuità http://www.tevac.com/team/dalfarra/macdialog.htm - uno dei miei iMac (il primo Bondi Blue originale) gira ininterrottamente sotto [email protected] dal 13 Giugno di due anni fa e non dà segni di inconvenienti, così come le relative bollette. Ergo, ...

Ciao!

Tiziano Dal Farra, UD.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share