Mac chat


chest
 Share

Recommended Posts

  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Luca

<FONT COLOR="ff0000">Hai ragione, ma a metà. Se un aggiornamento introducesse funzioni nuove e fondamentali, insomma se fosse veramente innovativo verrebbe comprato. Questo ragionamento di Gennaro obbligherebbe le SW House a rilasciare software sempre migliore!</FONT>

Hai centrato il problema. Il software d'oggi nel 90% dei casi non fa assolutamente niente di più della release di 5-6 anni prima, semplicemente aggiungono qualche colore, cambiano un menu e magari ci mettono una letterina per fare sembrare qualcosa di realmente nuovo (Photoshopt CS tanto per intenderci). Un altro 9% non solo non aggiunge funzionalità, ma pure peggiora notevolmente il software (uno per tutti AppleWorks 6) e magari la casa madre lo pubblicizza tanto da farlo sembrare quasi insostituibile.

In giro c'è veramente tanto poco software ben fatto.

Link to comment
Share on other sites

Non è questione di dare una definizione corretta (furto, uso illecito, o altro), quanto di capire che si sta usando una cosa su cui altri hanno lavorato.

Nel mio lavoro il vero guadagno non è progettazione o la fase esecutiva di un progetto, è l'uso di una campagna per un tot di tempo, su una serie di media e con una data diffusione: sulla base di questi parametri si calcola il diritto di riproduzione ed utilizzo delle opere d'ingegno.

Ma questo SOLO nei casi in cui il budget media è superiori a certi limiti.

Altrimenti si viene pagati con una tariffa concordata comprendente PROGETTO+ESECUZIONE+USO. E questo è ciò che, sostanzialmente, avviene per il software.

E non mi sembra sbagliato.

Link to comment
Share on other sites

Innanzitutto sottolineo una cosa scontata: c'è una differenza abissale tra il vendere un OS quasi nudo (Windows) e quindi costringere l'utente ad acquistare ulteriore SW e OS X, comprensivo di programmi con i quali si può già essere operativi ( iLife, AW, ecc.).

Riguardo alla pirateria, è risaputo che essa sia funzionale alla diffusione del prodotto e successiva fidelizzazione del soggetto. E' ovvio che, avendo imparato ad illustrare con "Illustrator" o "Freehand", una volta divenuto grafico, per la mia attività comprerò un programma che so già utilizzare.

Più che rendere gratuite le versioni precendenti (sarebbe un modo per avere prodotti realmente nuovi e non semplici maquillage, come già affermato) che comunque non soffocherebbe la voglia di poter utilizzare i nuovi strumenti dell'ultima release, vorrei prezzi sensibilmente diversi per l'utilizzo amatoriale del SW da quelli per uso commerciale/professionale.

Il ragazzo che, dopo tanta insistenza, è riuscito a farsi comprare il computer non può pretendere dai genitori altre migliaia di Euro per il SW (le Demo sono adatte solo a chi ha già intenzione di acquistare e vuole essere certo che il prodotto faccia al suo caso, per imparare bisogna poter salvare, stampare ecc.) e quindi se lo procura come può.

Un esempio di diversificazione dei prezzi a seconda dell'utilizzo è la TV a pagamento: i prezzi per il privato sono molto diversi da quelli per locali pubblici.

Link to comment
Share on other sites

Bel thread!

Devo sostanzialmente dare ragione a Fabio: dietro la produzione del software c'e' del lavoro che deve essere retribuito economicamente. Usare un software fuori delle condizioni di licenza e' comunque un atto illegale. Questo deve essere chiaro per tutti. Poi ci puo' essere (e spesso c'e') una differenza tra cio' che e' legale e cio' che e' giusto o etico.

Sono d'accordo anche con chi piu' o meno esplicitamente afferma che le modalita' di commercializzazione di molti sofware di fatto rappresentano una forma di frode legalizzata. Pero', in questo caso ritengo che la risposta piu' giusta non sia l'utilizzo di una copia di quel software, ma la ricerca di sw alternativi spesso ben fatti. Insoddisfatto del rapporto qualita'/prezzo di MS Office ho cominciato a cercare in giro e ho provato parecchi prodotti. Alla fine ora uso OpenOffice (gratuito) e per scrivere Mellel, un bellissimo ed economico WP che ho regolarmente pagato (20 o 30 euro). Se mi fossi messo ad usare una copia pirata di Word piu' che a Microsoft avrei fatto un gran danno alla Redlers che produce Mellel e in definitiva a me stesso. Infatti, per Microsoft avrei comunque contribuito alla definizione di Word come standard di fatto ineludibile grazie alla quale "fa i soldi veri" con i grandi clienti. La Redlers l'avrei privata di una acquisto per loro importante per continuare a lavorare ed offrire un'alternativa valida a Word. Io, non pagando prodotti alternativi, avrei contribuito a ridurre la competizione sul mercato e avrei contestualmente ridotto la mia possibilita' di scelta.

Non credo sia un caso che, proporzionalmente, sulla piattaforma Mac ci sia un'infinita' di sw alternativo a disposizione rispetto a Windows. Su Windows per scrivere non ho ancora conosciuto una persona che non usi Word. Su Mac posso rammentare facilmente persone che conosco e che usano Word, Nisus Writer, Mariner Write, Mellel, Appleworks, OpenOffice, NeoOffice...

Io sono d'accordo che c'e' da distinguere tra la sistematica attivita' criminale e l'atto veniale, ma, attenzione, la legge italiana per il software NON lo fa. Grazie ad un intervento lobbistico potete immaginare di chi in Italia e' molto diverso possedere un CD con brani musicali copiati ed un CD con software copiato. Nel primo caso se non "spacciate" non rischiate praticamente nulla, nel secondo il solo possesso vi mette a rischio di 2 anni di carcere!

Link to comment
Share on other sites

-Perfettamente d'accordo che ciò che è legale non è necessariamente etico

-Perfettamente d'accordo che ciò che è illegale non va fatto

-Perfettamente d'accordo che il lavoro della gente va retribuito

ma

-Non si può rubare ciò che non si possiede: il software è dato in licenza e quindi parliamo non di furto ma semmai di uso illecito. Nessuno di noi ha Photoshop, ce lo ha la Adobe. Non lo hanno nemmeno i programmatori che lo hanno sviluppato, paradossalmente.

-Non stiamo parlando di beni materiali ma di beni assolutamente immateriali.

quindi per entrambi i motivi non reggono i paragoni con le macchine e le moto.

A questo punto, visto che si paga l'uso e non il possesso, ripeto, l'unico modo per evitare la pirateria se ciò fosse nelle intenzioni dei produttori di software sarebbe proporzionare all'uso il prezzo della licenza. Con iTunes qualcosa in campo musicale cominciano a capire (tardi), se volessero dovrebbero trovare soluzioni simili anche per il software. Ma secondo me alla fine facendo due conti gli va bene così.

Link to comment
Share on other sites

Paolo Russo> <FONT COLOR="0000ff">Se mi fossi messo ad usare una copia pirata di Word piu' che a Microsoft avrei fatto un gran danno alla Redlers che produce Mellel e in definitiva a me stesso

...

Su Windows per scrivere non ho ancora conosciuto una persona che non usi Word. Su Mac posso rammentare facilmente persone che conosco e che usano Word, Nisus Writer, Mariner Write, Mellel, Appleworks, OpenOffice, NeoOffice...</FONT>

Questo messaggio è da stampare ed appendere al muro davanti alla scrivania.

Link to comment
Share on other sites

>>-Perfettamente d'accordo che ciò che è legale non è necessariamente etico

-Perfettamente d'accordo che ciò che è illegale non va fatto <<

Non e' quello che volevi dire, credo. Se qualcosa illegale e' morale, o viceversa se qualcosa legale e' immorale probabilmente intendi che si deve comunque seguire la morale. O no?

M

Link to comment
Share on other sites

> <FONT COLOR="ff0000">Non e' quello che volevi dire, credo. Se qualcosa illegale e' morale, o viceversa se qualcosa legale e' immorale probabilmente intendi che si deve comunque seguire la morale. O no?</FONT>

Eh, su altri forum o altre mailing list potremmo dare inizio ad una bellissima discussione su questo... Qui andrei veramente troppo OT...

Posted Image

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share