Mac chat


chest
 Share

Recommended Posts

<FONT COLOR="119911">Alberto>...perche' mi fate sempre dei paragoni con le versioni di Windows precedenti a XP?</FONT>

Perchè, personalmente, l'ho usato (poco) per un paio di settimane sul portatile di una mia amica (Toshiba PIII 1000) e non mi ha fatto una grande impressione: esaspera la wizard-intrusion, per fare una qualsiasi cosa devi leggerti 20 righe a lato della finestra, oppure parte il wizard per chiederti cosa vuoi fare...

In più era lento, davvero lento, anche e soprattutto nella gestione dello schermo (finestre che si muovono a scatti, dissolvenze...).

Win2000 lo uso (sic!) tutti i giorni e quindi ho più esperienza su questo sistema operativo (ri-sic!)

<FONT COLOR="aa00aa">Alberto>Il Toshiba ha il floppy, il combo-drive e il salva-peso inclusi nella confezione.</FONT>

A parte il floppy, anche il Pismo (ok c'era il DVD, all'epoca non c'era il combo)... ma il salva peso non l'ho mai usato... caso pratico: ho cambiato l'hd del Pismo, mi "avanza" quello vecchio, alcuni mi hanno consigliato di prendere il bay-porta HD, ma preferisco il case firewire 2,5" (se lo trovo a prezzo interessante), almeno lo uso con più computer ed è anche più compatto del bay... idem per il masterizzatore.

<FONT COLOR="0000ff">Alberto>...in Italia non e' permessa la pubblicita' comparativa</FONT>

Non è vero, guarda gli spot di Tele2...

Il senso del depliant, anzi della frase incriminata e che "nonostante WinXP sia il loro prodotto migliore, potete notare quanto fa schifo e quindi non avete scuse per preferire MacOS X", ma io sono un pasdaran del MacOS e quindi posso aver travisato Posted Image

<FONT COLOR="ff0000">Olaf>Linux lo installi in (max) 40 minuti. Sul primo computer ci metti 3 giorni a fare la configurazione (se sei a zero di conoscenze), sugli altri 3 minuti.</FONT>

Se avessi potuto scegliere quale OS installare indovina quale scelta avrei fatto? Posted Image Purtroppo il server è Win (questo non l'ho re-installato io, mi hanno detto che ci sono volute più di 2 ore...), il software è Autocad, MS Office, ecc... Ah, su un pc non si riesce più a installare alcun OS, neanche W98 o W95...trova file danneggiati su tutti i cd... sarà colpa delle partizioni primarie DOS? Posted Image

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

I ragazzi di Mediaworld mi hanno autorizzato a dire che ora il Mac ha 2 anni di garanzia espandibile a 4(con 11 Euro)...

Buona giornata!

- Mattea

Link to comment
Share on other sites

Matteo,

la tua notizia è una grande notizia, mi piacerebbe vederla scritta sullo store online di Apple...solo allora mi sentirei "sicuro", perchè probabilmente non acqusterò da Mediaworld ma bens' da un semplice rivenditore Apple della mia zona...

Mickey

Link to comment
Share on other sites

Beh allora visto che ci siamo, cosa presenteranno il 14Maggio oltre ovviamente al ServerRack?

Premesso che secondo il mio modesto parere, anche solo l'entrata nei ServerRack da parte di Apple è un passo enorme, perchè punta in una direzione quanto mai sconosciuta da parte di Apple.

Avrei preferito l'acquisto di Sun, ma tantè va bene lo stesso...

Mickey

Link to comment
Share on other sites

Ecco un altro 'caso' su cui discutere: la garanzia di Mediaworld e quella di Apple. Mio cognato aveva comprato un Compaq Presario (Pentium IV, WinME) in un centro Mediaworld: ...la settimana scorsa il disco rigido si e' danneggiato irreparabilmente. A parte le madonne che ha cacciato per non aver fatto regolarmente il backup - gliel'avevo detto: con i PC ci vuole cautela -, si e' trovato alle prese con le due garanzie. Poi non so come se l'e' cavata... Vi faro' sapere. Tornero', riferiro'...

Per quanto riguarda le novita' prossime venture, spero sia la volta buona per il tuner TV (magari esterno in versione 'scatolotto' Firewire, che e' meglio di USB), altrimenti Apple affiderebbe il destino di QuickTime 6 ai pochi fortunati che possono permettersi l'acquisto di una bella videocamera DV. L'occasione e' propizia per la televisione nel 'digital-hub': ...ci sono i Mondiali di Calcio alle porte.

Link to comment
Share on other sites

Anche quest'anno MacityNet sara' al Digital Culture di Bellaria...

Complice la vicinanza di alcuni redattori alla sede della manifestazione e soprattutto l'importanza dell'evento che e' ormai la manifestazione Apple / Mondo Digitale per eccellenza vi invitiamo a partecipare numerosi, sia per la messe di seminari gratuiti sia per l'occasione di vedere tutte insieme le soluzioni cad- audio-video e foto digitale di cui parliamo spesso anche sulle

nostre pagine.

Avremo un nostro stand dovete potrete venirci a trovare per conoscersi di persona e, perche' no, per fare qualche progetto insieme.

E' un'ottima occasione per fare "community"!

Abbiamo in previsione anche una Pizzata/o Cena di pesce il venerdi' sera 31 Maggio insieme agli amici di Musimac: per prenotarsi basta inviare un messaggio a [email protected]

con soggetto: Pizzata Digital Culture e il vostro nome.

Per chi non sapesse cos'e' il Digital Culture ecco un breve sunto del comunicato stampa.

2Nato tre anni fa dall’incontro “fatale” tra digitale e creatività, Digital Culture è oggi un appuntamento “cult” irrinunciabile per tutti i creativi e gli appassionati di digitale. Per questo anche quest’anno dal 30 maggio al 1 giugno, Bellaria (Rimini) si trasformerà nella capitale della creatività digitale e ospiterà migliaia di persone che usano le tecnologie per comunicare, per vivere la musica, il video la fotografia, il cinema, il design e il Web.

Alla base di questo successo è un approccio inedito e propositivo. Digital Culture non è una fiera, un pretesto per mettere in mostra tecnologie d’avanguardia o software sofisticati, ma è un momento di confronto, approfondimento, di aggiornamento professionale, un’occasione per scambiarsi esperienze, consigli, storie ‘digitali’. E’ già fittissima l’agenda degli incontri e dei seminari di approfondimento su temi che vanno dal color management all’architettura virtuale, dall’animazione 3D alla realizzazione di colonne sonore, dal video authoring alle strategie per la vendita e distribuzione di beni digitali, tutti tenuti da professionisti e a cura delle più prestigiose riviste del settore. Sarà inoltre possibile mettere alla prova il proprio talento facendo esaminare i propri lavori da esperti di fotografia e agenzie e partecipando ad iniziative come iMusic.

Questo è il valore di Digital Culture: ognuno è protagonista, chi con la sua professionalità ed esperienza, chi con la sua passione o semplicemente con la sua curiosità. L’evento è organizzato e promosso da Wise, struttura specializzata nella creazione e gestione di manifestazioni, seminari, roadshow nel campo dell’Information Technology, con il supporto di Apple e delle più dinamiche aziende del settore, ovvero quelle che hanno capito che per sviluppare questo mercato non basta mettere in mostra i prodotti, ma che debbono creare un dialogo ed un’interazione con coloro che questa rivoluzione digitale ce l’hanno nel sangue e nel cuore. Digital Culture è una risposta a quanti, in un settore che viaggia alla velocità della luce, sentono l’esigenza di punti d’incontro e momenti di approfondimento.

Gli spazi espositivi, raccolti nel Foyer e nel Teatro del Centro Congressi Europeo di Bellaria, ospiteranno le aziende leader nelle soluzioni per i protagonisti della rivoluzione digitale tra le quali Adobe, Apple, Canon, Epson, FileMaker, Iomega, Macromedia, Videocom.

Oltre all’area espositiva Digital Culture si articola in diversi momenti di incontro e di interazione che rappresentano il fulcro della manifestazione:

CAMPUS

Anche quest’anno Digital Culture offre un’agenda densa di incontri e seminari su soluzioni verticali per i settori Fotografia&Immagine, Musica&Audio, Video, Grafica&Stampa, Internet, Design&3DModelling. Gli incontri, a cui è possibile accedere gratuitamente, sono organizzati e tenuti con la collaborazione di alcune tra le più autorevoli aziende e testate del settore.

iMUSIC

Una preziosa opportunità per mettersi alla prova in un campo che sembra riservato a pochi: quello del videoclip musicale. I giovani creativi che aderiranno all’iniziativa, sviluppata con la collaborazione di RedFrog, struttura che si occupa di strategie di Visual Communication e del sito jumper.it, creeranno un videoclip, una presentazione multimediale o una “Flash Intro” per un brano tratto dall'ultimo album dei Gazosa o per altri artisti dell’etichetta Sugar. Il migliore degli elaborati, che verranno esaminati da una giuria della quale faranno parte gli organizzatori di Digital Culture, esperti di comunicazione e di montaggio video ed esponenti della casa discografica dei Gazosa, la Sugar, potrebbe diventare anche un videoclip che verrà trasmesso sui canali televisivi dedicati alla musica.

CREATIVE EYES

6 creativi rinchiusi sottovetro, 6 giorni alla ricerca dell'esamedialita' 6 discipline creative in una sola opera. Le più moderne tecnologie e gli strumenti hardware e software più attuali a disposizione di sei giovani e fervide menti creative per esplorare nuovi linguaggi di comunicazione. Una settimana di lavoro interamente ripresa e trasmessa live su Internet. Risultato ovviamente imprevedibile. Iniziativa organizzata con la collaborazione tecnica di Apple, Multigram e Nokia.

FESTIVAL FOTO - PORTFOLIO DIGITALE

Portfolio in Piazza in versione "digitale", con fotografi, agenzie ed esperti pronti a visionare i book digitali dei visitatori, naturalmente su cd o con stampe digitali. Iniziativa organizzata in collaborazione con la città di Savignano sul Rubicone insieme a esponenti della critica e della cultura fotografica.

RASSEGNA DIGITALE

Non poteva mancare il cinema. Verranno proiettati film, cortometraggi, spot, documentari nella cui produzione si sia fatto uso delle più innovative tecniche di ripresa o montaggio digitale. Iniziativa organizzata col patrocinio di Cinecittà e la collaborazione della rivista Videotecnica.

Per saperne di più invitiamo a visitare il sito della manifestazione www.digitalculture.it sul quale sono disponibili il programma dettagliato e le istruzioni per partecipare. L’invito è rivolto tutti coloro che percepiscono l’enorme potere comunicativo della tecnologia, che hanno passione per il mondo in movimento, che non si spaventano ma, affascinati dal futuro, si lasciano travolgere dal cambiamento e lo trasformano in ricchezza.Se vi abbiamo incuriosito vi invitiamo vivere l’evento in prima persona: a maggio. A Bellaria. A Digital Culture."

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share