Mac chat


chest
 Share

Recommended Posts

Dici che ci vogliano 9 mesi prima della pruduzione dei PB G5 :-|

Pensi che aspettare ne valga la pena ?? Di sicuro un non compera un PB all'anno.

Se compero il G4 ora non comperero' il G5 in novembre.Posted Image

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Primo: quelle persone hanno SOLO aggiunto un pezzo, non sostituito. Smettete di dire che si spende ad aggiornare: non tutti cercano l'estremo, molti si limitano a cambiare ciò che è insufficiente: aggiungono ram o disco fisso, non toccano il resto.

Alessio> infatti ti puoi prendere una ati 9600 a meno di 190 euro (molto buona, fa tutto, anche i giochi pesanti ultima generazione) oppure una 1ti 9200 a 120 euro (fa tutto, solo al limite per quanto riguarda gli ultimissimi giochi, cioè halflife2).

Ovvio poi che il monitor è la prima cosa da staccare.

Link to comment
Share on other sites

<FONT COLOR="ff0000">Olaf,

Primo: quelle persone hanno SOLO aggiunto un pezzo, non sostituito. Smettete di dire che si spende ad aggiornare: non tutti cercano l'estremo, molti si limitano a cambiare ciò che è insufficiente: aggiungono ram o disco fisso, non toccano il resto.</FONT>

Scusa ma questo lo si può fare anche sull'eMac dai... prima tu stesso hai parlato di schede video, schede madri, processori...su quelli il discorso è particolare, lo abbiamo già fatto decine di volte...

Poi capiamoci, anche io sarei contento se su di un eMac, o anche solo l'iMac fosse possibile sostituire la scheda video, ma sono scelte...

Mickey

Link to comment
Share on other sites

Riki, quando il powerbook G5 sarà uscito da abbastanza tempo per essere tanto maturo da venire acquistato senza temere i "difetti di gioventù" dei quali giustamente parlava Zann, molto probabilmente Apple starà per immettere sul mercato un Powerbook G5 più veloce, o con la firewire 1600, o con l'usb 3, oppure magari con un superdrive che masterizza i dvd a 80x e i cd a 240x, o con qualche altra nuova diavoleria tecnologica che manco ci immaginiamo. Quando si tratta di informatica, se si aspettasse che sia davvero il momento giusto (cioé quando sul mercato ci siano solo prodotti maturi e non sia attesa a breve nessuna grossa innovazione) non si acquisterebbe mai nulla, perché quel momento NON ESISTE e quindi non potrà mai arrivare!!! Ti piace il powerbook G4? E' sufficiente per le tue attuali esigenze? Hai i soldi per comprarlo? Se la risposta a tutte e 3 le domande è sì, allora acquistalo con serenità, sono certo che non te ne pentirai.

PS 1: Preciso che io non sono in alcun modo affiliato a Apple Computer Posted Image

PS 2: Da alcune voci che ho sentito, Apple potrebbe non fare uscire il Powerbook G5 prima della fine di quest'anno, in parte per motivi tecnologici (pare che scaldi troppo per un portatile, anche se ultimamente ho sentito che questo problema potrebbe essere già risolto) e molto per motivi politici (mettere i G5 anche sui portatili vorrebbe in pratica dire rompere definitivamente con Motorola, una cosa che per ora Apple sembra non volere).

Link to comment
Share on other sites

Boh, io ho un 15" Al che trovo eccellente.

In questo momento sto digitando su un 'vecchio' Ti 667:

ad un uso normale (internet, word processing) la differenza

di velocità con l'Al da 1250 non è percepibile.

Tieni conto che qualsiasi macchina compri dopo un anno

sarà stata ampiamente superata da un modello più recente,

più veloce e forse più economico.

Link to comment
Share on other sites

Se solo si potesse cambiare la scheda grafica l'eMac e l'iMac sarebbero due computer perfetti anche per l'utenza più smaliziata.

In fondo entrambi i computer offrono tutto i tipi di connettori immaginabili (sarebbe anche carina una porta PCMCIA ... permetterebbe una maggior capacità d'espansione ... ricordo che sull'Amiga 600 c'era), ma il fatto di non poter cambiare scheda grafica è troppo limitante, specialmente sui modelli più costosi.

Link to comment
Share on other sites

Ho dato un'occhiata alle pagine dedicate alle bufale sul sito di Attivissimo. Lì colpisce positivamente la preoccupazione di documentarsi; forse quando ha scritto quell'articolo, che trovo un po' sconclusionato, sul Mac non si è documentato altrettanto, e l'ha scritto un po' a braccio...

Link to comment
Share on other sites

Amo questi thread, ed ho apprezzato parecchio l'analisi comparata di Mickey.

Mi limito ad osservare che a dispetto di tutti i segnali Microsoft aumenta quote in tutti i settori. Nessuno degli altri cosiddetti "big" la sta minacciando nei tre settori che tirano la carretta: sistemi operativi, office e lobby alla camera dei deputati USA (specie il terzo è strepitoso).

Per parlare di OS in era moderna ci vuole un browser. NESSUNO sta scrivendo un browser degno di questo nome. La cosa è talmente clamorosa da risultare incredibile. E' come se un esercito fosse andato in battaglia ai tempi dei romani vestito di trino e con dei salamini come alabarda. Semplicemente NON SI INIZIA neppure a competere senza il browser.

Tocca dolorosamente prendere atto che nemmeno Apple ci crede, posto che io al loro posto avrei già sviluppato venti versioni per windows di safari e lo avrei diffuso anche coi preservativi, la carta igienica, i calzini, il prosciutto e, massì, anche con la pepsi-cola. Invece TAFAZZI SI E' ERTO, e con lui mi ci diverto, come dice Bill Gates. Avevamo Safari sullo 0.3% dei log. Adesso avremo safari di Jaguar sullo 0.2% e safari di Panther sullo 0.1%. Dolgono le palle anche alle statue quando le bottigliate sono così forti.

Anche sperare di lanciare Linux desktop senza il miglior browser è come presentarsi sul mercato delle TV con un modello da 14 pollici in bianco e nero e dire: "Ehi, raga, guardate che figata!". Conosco camionisti che potrebbero con pochi sguardi umiliare colui che in tal modo si proponesse da farlo andare in India a cercare un posto da Paria.

Ma passiamo innanzi.

L'altro vitello grasso (per non dire suino) è office. Pure qui tutti hanno paura di sbucciarsi i ginocchini. Rido come un babbeo sputazzante e sguaiato e legato dietro un inferriata quando leggo che "IBM vuol portare Office su Linux". I 38 mila avvocati di microsoft da quel momento hanno preso a salivare copiosamente il sangue di vergine con cui la mattina si nutrono. La causa avrebbe dimensioni tali che in altri sistemi solari sono preoccupati per il collasso dell'universo.

Basterebbe mettere qualche soldo negli applicativi da ufficio Open Source.

Ma passiamo innanzi.

Infine la questione politica. Sorprenderà molti astanti sapere che la pratica di alzare i prezzi delle divisioni monopolistiche per compensare le perdite di quelle ove si subisce la concorrenza è una pratica giudicata indegna nell'etica anglosassone e financo perseguita in qualche circostanza (ormai rara).

Da questo punto di vista nulla di nuovo sta accadendo sul fronte occidentale.

Anzi, siamo in attesa di vedere rotolare definitivamente la testa di Palm e di Real nel solito cesto delle pratiche del nerd dagli occhi di guano.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share