Mac chat


chest
 Share

Recommended Posts

Infatti non ero ironico. Si veda anche il mio post su Panther. Sono davvero rimasto colpito dal progresso compiuto, anche sui vecchi hardware.

Quanto al 2% non dobbiamo svettare nell'onanismo cerebrale (leggasi "esagerare con le seghe mentali"). Ogni 100 computer venduti nel mondo nel 2003, 2 erano di Apple. Tutto qui. Poi se alcuni durano poco ed altri durano tanto io non lo so. Ma non è su questo che è stato calcolato il 2%.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Guastalla><FONT COLOR="ff0000">Temo di non avere capito bene... Apple è un'azienda CON scopo di lucro, fare profitti è quindi il suo scopo ultimo e finale, dunque se i profitti sono in crescita, non capisco quale possa essere questo "altro" che va a rotoli...</FONT>

Non hai capito? quello che va a rotoli è l'utenza, che non è più così legata. E il forum ne è la prova.

Sarà poi vero che la quota Apple è sempre la stessa, ma, come saprai, la quota è fatta sulle vendite... ebbene, dimmi quanti utenti pc hanno più di un pc e quanti utenti mac più di un mac...

Se contiamo le persone, Apple ha MENO MENO del 3-4%.

Comunque, è una legge di mercato: se il prezzo dei PC è giusto per ciò che danno e quello dei Mac pur (secondo me no, però facciamo questa ipotesi), allora la percentuale di gente che li usa, salvo altri aspetti (presenza i iPhoo e simili, ma iTunes è anche per PC - in questo momento ho avuto un deja vu: mi pare di aver già scritto un messaggio uguale).

Se Apple vuole espandere la quota di mercato, dovrà fare in modo che anche chi non è interessato agli aspetti secondari provi il Mac. Per fare questo è INDISPENSABILE che i sui computer costino MENO della concorrenza. Ma *significativamente* meno, non 50 euro come l'eMac vs un pc assemblato (quando poi un pc assemblato è espandibile e più versatile di un eMac, soprattutto dopo 3 anni quando il monitor è ok ed il resto lento).

Poiché ciò che ho detto mi pare abbastanza ovvio e poiché la Apple, nonostante la mancanza di debiti, mantiene sempre gli stessi prezzi, dico quindi che Jobs VUOLE far rimanere Apple una marca d'élite.

Per cui inutile discutere, appena la percentuale si dovesse alzare, Jobs farà qualcosa per abbassarla (io non ho esperienza, qualche utente Mac storico E critico troverà esempi nel passato di questo comportamento, ne sono sicuro). Purtroppo, l'opposto è assai più difficile (intrinsecamente, dico): se dovessero esserci problemi e la percentuale calare ulteriormente, beh... la situazione sarà CRITICA.

Già ora, con la necessità di tirare la cinghia e accorparsi, le ditte hanno meno tempo da dedicare alle piccole percentuali di mercato...

Chiariamo: non discuto sul fatto che il G5 sia una ottima macchina, così come l'iBook (del PB non so NULLA, eMac e iMac non mi piacciono perchè all-in-one, l'iPod è bellissimo, anche se costoso), è la politica aziendale che non mi piace.

Sarà la sindrome dell'italiano medio allenatore di calcio, però mi pare che non si stia facendo nulla per migliorare la situazione. Ovvio che io, dovessi scegliere, agirei di conseguenza. Ma non solo io...

Link to comment
Share on other sites

Olaf, io non credo che Apple debba (né possa) cercare una leadership di costo. Però hai ragione quando dici che l'utenza non è più così fidelizzata, e soprattutto è sconcertata dalle politiche aziendali di Apple. Ora come ora, io avrei dei grossi dubbi sull'acquisto di un G5 anche se dovesse uscire la revisione 2: non mi sembra il caso di investire tanto denaro in una macchina più potente del necessario quando il futuro della piattaforma è così incerto (non tanto se vi sia un futuro, ma quale futuro sarà).

Preferirei di gran lunga prendere una macchina di fascia bassa, ma i desktop economici Apple per me sono improponibili. Quindi resto alla finestra...

Link to comment
Share on other sites

Intendi al Win? un clonazzo!

O intendi senza nulla?

Comunque, basta chiedere e i rivenditori ci mettono un attimo a farti un clone di qualità pari a quella dell'eMac (non iMac, certo): case in alluminio e sospensioni per il disco fisso più alimentatore silenzioso. Alla fine si ha qualcosa di più silenzioso dell'eMac.

Ma espandibile...

[se questo è ciò che intendi per assemblaggio, non saprei cos'altro potrebbe essere]

Per quanto riguarda la leadership di costo, Camillo, io ho semplicemente esposto quella che secondo me (ma non solo secodo me) è una legge di mercato. È vero però anche ciò che dici tu, le conclusioni sono ovvie...

Link to comment
Share on other sites

Ma cos'è questa mania che avete tutti di paragonare i costi dei Mac con quelli dei pc assemblati? I Mac NON SONO assemblati, sono computer di marca (e che marca!!!!!), quindi paragonare i loro prezzi a pc assemblati è semplicemente ridicolo. Se volete paragonare i prezzi dei Mac con le macchine Wintel, allora paragonateli a HP/Compaq, Ibm, Dell e simili. Si possono paragonare i prezzi di una Mercedes con quelli di una Bmw, NON con quelli di una Fiat. E alcune Fiat sono anche più veloci di certe Mercedes, ma sulla qualità costruttiva non c'è paragone, per questo le Mercedes costeranno sempre molto di più. Apple, con una qualità costruttiva indiscutibilmente superiore a quella dei competitors e una velocità nominale delle sue macchine un po' inferiore (almeno, fino a oggi), ha dei prezzi che sono assolutamente allineati e in molti casi anche più bassi.

Quanto ai computer consumer di Apple (eMac e iMac), personalmente neanche a me piacciono molto, ma io (come buona parte di quelli che frequentano questo forum) sono un utente avanzato e quindi cerco una macchina che abbia certe caratteristiche... che però sono necessarie appunto solo per gli utenti avanzati. Il ragionamento di Apple, invece, secondo me è assolutamente corretto: agli utenti professionali, vende computer estreamamente espandibili e potenti con i quali possano eseguire compiti appunto "professionali". Agli utenti home, invece, vende macchine che siano estetiche e funzionali, facili da installare, configurare e adoperare e che stanno bene anche nel salotto di casa. Quanto al fatto che iMac ed eMac non siano per niente espandibili, non sono molto d'accordo: ram, hd, masterizzatore sono tutte componenti che possono essere tranquillamente sostituite, quanto all'upgrade del processore, Apple non lo prevede nemmeno per i computer di fascia Pro, bisogna rivolgersi a terze parti come Sonnet. L'unica cosa che manca ai compatti Apple sono gli slot pci: ma quante schede pci aggiungono funzioni per le quali non esiste un equivalente usb o firewire? Secondo me, pochissime e in genere non di fascia consumer!!!

Un'ultima cosa: Apple, malgrado quello che molti di voi pensano, è un'azienda che produce principalmente computer e software per computer ed è da questo settore che le vengono i maggiori introiti. Quindi, se Apple continua a fare profitti significa che i suoi computer si vendono abbastanza bene, indipendentemente dalla percentuale di mercato, dunque che in fondo gli utenti ne sono soddisfatti. Forse fanno fatica a catturare nuova utenza (beh, io, nel mio piccolo, un paio di amici li ho convinti a passare da pc a mac e ora ne sono felicissimi) ma chi usa Mac in genere ricompra sempre Mac.

Olaf, gli iPod sono cari solo se li paragoni a lettori MP3 usb da 128 o 256 mb, non certo se li paragoni ai pochi lettori di altri produttori (vedi Creative) che integrano hd da diversi gb.

Link to comment
Share on other sites

Dovrebbe ormai essere assodato che un assemblato non è assolutamente paragonabile ad un computer di marca, non come prestazioni, ma come costruzione.

Certo ti puoi far assemblare un PC con materiali di qualità, ma l'ingegnerizzazione? I sistemi di raffreddamento? La pulizia e il design interno? O sei un mago dell'assemblaggio (quanti ce ne sono in giro?)...o altrimenti il risultato sarà sempre inferiore...

Diciamo che i "maniaci" di overclock, modding e amenità simili sono sempre una nicchia, e gli assemblatori di cloni se ne fregano altamente di badare alla qualità...

Ecco perchè il paragone è ingiusto...

Riguardo l'iMac e l'eMac, c'è tanta gente che ha bisogno di espandibilità, e tanti altri a cui non frega nulla di cambiare scheda video ogni 3 mesi...se volete espandibilità senza spendere troppo per un G5 ci sono sempre i PM G4...

Link to comment
Share on other sites

Gli iPod sono cari...no che dite sono meno cari paragonati ai lettori da 128mb...ma dai che rispetto ai Creative sono in linea....

Insomma ragazzi hanno più del 30% del mercato, con i nuovi Mini iPod probabilmente tenderanno al 40%, in meno di 2anni dalla rpesentazione e meno di 1 dalla uniformità con Win...i risultati parlano chiari, il "Mercato" ha sentenziato che sono giusti, che per quello che offrono sono adeguati. Fine.

Facciamocene una ragione. Posted Image

Mickey

Link to comment
Share on other sites

il futuro di apple è legato a filo doppio con la pubblicità. henry ford diceva che chi risparmia in pubblicità è come se fermasse l'orologio per risparmiare tempo....

che li spendano pure qualcosina in reclame..o no?

avete visto "don matteo" su rai uno?

forse stanno spendendo qualcosina...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share