Mac chat


chest
 Share

Recommended Posts

scusate ma non vi sembra di esagerare un pò? Franco cerca di esprimere una sua opinione, più o meno condivisibile, e come rispondete voi??? mi sa che è qualcun'altro a doversi ripigliare qui, non Gennaro.

Luca (in risposta a Franco):

>Purtroppo devo dire che hai pienamente ragione. Il forum ha raggiunto dimensioni tali che è difficile da controllare e gestire, e un po' si vede...

concordo. se il moderatore non c'è, dovrebbe far si che il forum venga comunque controllato. non è un appunto Settimio, ma si dovrebbe trovare una soluzione.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Salve a tutti. La scena di Gennaro che va via è stata davero brutta: mi scuso con lui se ho dato l'impressione di attaccare le sue opinioni personali e il suo stesso profilo di pensiero.

In generale, vorrei dirvi che non mi pare il caso di sgomitare: non c'è niente da vincere, né alcuno di noi sta pisciandosi i calzoni prima degli altri.

Il fatto di costituire una minoranza, in genere, garantisce una maggior lucidità ed un senso critico delle cose alternativo alle linee d'andamento generale: è per questo che bisogna difendere, a mio avviso, il nostro discutere da cose estranee dalle nostre esigenze più strette. Questo, già da se, garantirà vivacità al dialogo, perché le esigenze sono varie. I problemi, inoltre, esistono e sono di varia natura - alcuni nemmeno così facilmente sintetizzabili.

A chi usa il Mac in ambiti domestici, chiederei di mantenere una maggiore esitazione prima di avventurarsi in esposizioni universali.

Anche ci ha esperienze solide: mostri un po' di pazienza e diffidenza per questa cultura dilagante del pestapiedi/vespa-biscardiano.

Spero che Gennaro Tangari torni nel forum e si riprenda a parlare seriamente di ciò che c'è di serio (il suo problema della diffondibilità di sw per MacOs - dicevo già ieri - è davvero forte; non lo è affatto il clock dei G4).

Link to comment
Share on other sites

Marco: <FONT COLOR="0000ff">scusate ma non vi sembra di esagerare un pò? Franco cerca di esprimere una sua opinione, più o meno condivisibile, e come rispondete voi??? mi sa che è qualcun'altro a doversi ripigliare qui, non Gennaro.</FONT>

Guarda Marco, sarei daccordo con te, se questa fosse la prima volta che Franco si lamenta, ma sinceramente dopo la millionesima volta che uno ti dice che "Venderebbe tranquillamente i due portatili Apple rimasti in casa, e tanti saluti e baci", che fai?

Io lo saluto e lo bacio e spero tanto che si trovi meglio in altri lidi.

Tutto qui.

Franco dice di non avere problemi a cambiare piattaforma, meglio per lui.

A fronte di un Franco che se ne va, io ho notato tante persone che arrivano...ma intanto Apple é "doomed" ;)

Io comunque aspetto ancora che quancuno risponda alla mia domanda:

<FONT COLOR="ff0000">se fino a ieri Apple vendeva 2 milioni di computer e questi 2 milioni di computer erano un mercato redditizio per Adobe, Macromedia o chicchessia...perché oggi non dovrebbe essere più così?</FONT>

Link to comment
Share on other sites

<FONT COLOR="808080">ziodiavle > se fino a ieri Apple vendeva 2 milioni di computer e questi 2 milioni di computer erano un mercato redditizio per Adobe, Macromedia o chicchessia...perché oggi non dovrebbe essere più così?</FONT>

Forse perché da ieri ad oggi l'incremento della qualità e delle prestazioni dei sistemi Windows è stato superiore all'incremento della qualità e delle prestazioni dei sistemi Mac (quando dico sistema voglio dire binomio [computer, OS]).

Ma la mia è solo una supposizione…

Link to comment
Share on other sites

I miei due centesimi telegraficamente:

- Quote di mercato

Provo a trasporre in altro ambito. La quota di mercato della Ferrari nell'intero mondo dell'automobile e' crollata negli ultimi dieci anni. La Ferrari continua a vendere qualche centinaio di macchine l'anno, mentre il mercato si allarga di parecchi milioni di auto ogni anno (grazie alle tigri asiatiche, ai paesi dell'est europeo che si stanno lentamente occidentalizzando, ecc...).

Questo vuol dire che la Ferrari e' destinata a chiudere?

Non mi sembra.

- Mercati

Molto bene nel video. In calo nell'Education e questo e' molto grave; tanto e' vero che Apple sta compiendo un grosso sforzo per chiudere la falla. Pubblica Amministrazione: non c'e' mai stata in questo settore. L'avvento di Linux porta via mercato a Microsoft, non ad Apple. E' un'occasione mancata? Mah! Certo i numeri sono interessanti, pero' bisognerebbe pensare anche agli investimenti richiesti per entrare in questo mercato. Apple ha scelto mercati diversi. Non si puo' fare tutto nella vita.

- Il quesito di Ziodavle

Non ti rispondono perche' hai ragione.

Il problema non e' tanto di numeri quanto di concorrenza: Apple che produce Final Cut & Co. e' un avversario col quale e' molto difficile competere. I margini di guadagno credo che ci sarebbero: tanto e' vero che la Mac Business Unit di MS e' in netto attivo. Comunque qui ci sarebbero parecchie considerazioni da fare (Apple che butta fuori dal mercato grosse case produttrici di sw fa del bene o del male alla piattaforma?)

- SW

Magari ce ne fosse stato cosi' tanto 5 anni fa.

- Qualita' del forum

Di gente che parla a vanvera ce n'e' e ce n'e' sempre stata, pero' non la butterei sul drammatico. Forse si era abituati troppo male... il vantaggio del virtuale sul reale e' che se qualcuno comincia a delirare o insultare posso tranquillamente ignorarlo. Magari potessi farlo sempre anche nella dimensione reale... :-(

Mi spiace che Gennaro abbia sbattuto la porta, anche se mi sembra che abbia reagito in maniera un po' esagerata... dopo tanto tempo che ci si "conosce" nel forum, ormai si dovrebbe aver imparato a interpretare gli stili... non mi sembra che Ziodavle volesse essere cattivo... e' che lo disegnano cosi' :-)

Comunque questo forum nel suo complesso e' tuttora una grossa risorsa per chi usa il Mac.

Il mio grosso cruccio e' di non avere molto tempo per contribuire piu' spesso (ma magari voi siete piu' contenti cosi' :-)

Link to comment
Share on other sites

Cari Amici.

Questo e' un forum aperto a tutte le opinioni.

Esistono i talebani, gli scettici, quelli che parlano a vanvera, quelli che danno sempre una mano e quelli che chiedono sempre le stesse cose.

Certo che è piu' complesso gestirlo rispetto ad 1 anno fa quando gli iscritti erano meno della metà (ora siamo quasi 5.000)

Questo raddoppio e' merito di Apple o magari anche merito nostro che abbiamo aumentato la visibilità del sito?

E in ogni caso non direi di considerarlo un fattore negativo di per se.

ch{BR}I vecchi non sopportano l'entusiasmo dei giovani e le loro faccine.

I giovani non capisco il pessimismo disfattista dei vecchi.

E' uno specchio della società. Come i discorsi su matrimoni tra "pervertiti" e la sfiducia nel futuro che pero' sono confinati negli off-topic, in fondo, dove sono sempre stati.

Essendo un forum libero non e' stato mai bannato nessuno. Ne folli talebani, nè totali disfattisti.

Abbiamo solo cancellato alcune offese e controoffese personali.

Semplicemente qualcuno se ne e' andato, perche' non usava piu' il Mac o perchè ha trovato altri lidi più adatti alle sue esigenze.

Succede anche questo.

Il moderatore cosa puo' fare?

Nella mia idea soltanto governare e organizzare il flusso delle domande e delle risposte.

Purtroppo il moderatore fa anche il webmaster, si occupa dei test e ha pure un lavoro ed un famiglia numerosa e può dedicarsi al forum soltanto in orari "extra lavoro".

Quindi può solo promettere che nelle prossime settimane riorganizzerà alcune sezioni per avere meno "rumore" o argomenti fuori tema.

Per il resto si affida all'esperienza dei piu' "anziani" per creare meno "rumore" possibile (ricordando loro che magari il rumore a suo tempo l'avevano prodotto in abbondanza) e si affida tutti per una maggiore tolleranza nei confronti delle opinioni e delle scelte degli altri.

Link to comment
Share on other sites

A me sembra che siate tutti un po' stanchi (me compreso...) giuro che non ho notato niente di sconvolgente nè nelle mie parole, nelle parole di Zio, di jovenale e di tutti gli altri....Le reazioni di Gennaro lo devo dire, mi sono sembrate esagerate...

Non capisco neanche Marco v. 4.6 che definisce esagerate le reazioni al post di Franco...

Franco è stato deliberatamente provocatorio (come sempre) nel suo post, ed è giusto che ne paghi le conseguenze (vedi risposte...che poi NON sono state affatte esagerate, anzi...)

Per il resto standing ovation a Paolo Russo

Link to comment
Share on other sites

Per quanto riguarda l'argomento del contendere.

Le statistiche sono semplicemente una particolare categoria di bugie.

Abbiamo visto che la quota parte del mercato di Apple diminuisce e che i computer venduti da Apple aumentano.

Abbiamo visto che Apple fa profitti, fa ricerca e ottiene ottimi risultati nel campo del software, dei servizi e inventa nuovi prodotti che contribuiscono alla salute dell'azienda.

Abbiamo visto che alcune applicazioni sono scomparse grazie a MAc OS 9 ed altre sono ricomparse grazie a Mac OS X e ne sono arrivate di nuove.

Essere ottimisti o pessimisti?

Forse il tipo di utente Mac e' cambiato. Qualche utente vecchio si guarda allo specchio e non si vede riflesso come vorrebbe, qualche utente nuovo non capisce il pessimismo ora che finalmente ha, un sistema operativo efficiente e tutte le applicazioni che gli servono o comprese nel prezzo o facilmente reperibili sul mercato a prezzi accessibili oppure freeware e shareware.

Poi dipende dagli scopi per cui si usa il computer.

Io da quando uso il Mac e i computer Apple (circa 20 anni) ho trovato solamente una scusa per usare un PC, un software di calcolo agli elementi finiti. Ora che e' scomparso l'unico pacchetto per Mac che assolveva al compito sono dispiaciutissimo ma non per questo rinuncio ad usare il Mac per tutti i compiti che non sono il calcolo ad elementi finiti.

I computer sono uno strumento. Vanno scelti senza condizionamenti ideologici. Possibilmente avendo la possibilita' di confrontare vari sistemi e di capire cosa accade nell'uso a lungo termine.

Io ho usato System 1.0 e DOS, System 7 e Windows 95, uso Mac OS X 10.3 e Windows XP, potete dire che sono uguali o equivalenti. Continuo a preferire il Mac. E per questo sono ottimista.

Link to comment
Share on other sites

Settimio> <FONT COLOR="ff0000">I vecchi non sopportano l'entusiasmo dei giovani e le loro faccine.

I giovani non capisco il pessimismo disfattista dei vecchi. </FONT>

Ehi! vecchio a chi??? ;)

Scherzi a parte, sottoscrivo in toto quanto detto da Settimio a parte questa frase:

<FONT COLOR="0077aa">I computer sono uno strumento. Vanno scelti senza condizionamenti ideologici. </FONT>

Assolutamente no!

Scegliete qualsiasi cosa purché sia un Mac! ;)

Link to comment
Share on other sites

Settimio afferma che: <FONT COLOR="ff0000">"Le statistiche sono semplicemente una particolare categoria di bugie"</FONT>

Forse ha ragione, in quanto andrebbe considerato che in alcuni post precedenti è stata confrontata la % di computer Apple venduti (1,7% nell'ultimo quarto), con la % detenuta da Microsoft nel campo degli OS (oltre il 90%) ...

Andrebbe considerato che, la classifica di Merryl Lynch vede in testa HP con il 15%, seguita da Dell (14%) ed <FONT COLOR="0000ff">IBM (5%!!!)</FONT>, in questo contesto Apple ha la metà della quota di IBM, e questo non andrebbe visto come un dato su cui cullarsi, ma data la crisi del settore andrebbe visto come un motivo per diversificare i settori d'interesse, in maniera tale da non precipitare in un buco nero nel caso la crisi del mondo dell'IT proseguisse .....

Settimio prosegue: <FONT COLOR="ff0000">"Abbiamo visto che Apple fa profitti, fa ricerca e ottiene ottimi risultati nel campo del software, dei servizi e inventa nuovi prodotti che contribuiscono alla salute dell'azienda."</FONT>

In questo Apple sembra essere costantemente un passo avanti rispetto alle altre (gli analisti sono ottimisti sul futuro di Apple!); poi 'smadonnare' contro il marketing di Apple proprio quando, dopo quasi 15 anni riappaiono pubblicità Apple sui muri di Milano ed in alcune riviste non specializzate (IO Donna, Urban, etc...) .....

<FONT COLOR="ff0000">Essere ottimisti o pessimisti?

Forse il tipo di utente Mac e' cambiato. Qualche utente vecchio si guarda allo specchio e non si vede riflesso come vorrebbe, qualche utente nuovo non capisce il pessimismo ora che finalmente ha, un sistema operativo efficiente e tutte le applicazioni che gli servono o comprese nel prezzo o facilmente reperibili sul mercato a prezzi accessibili oppure freeware e shareware.</FONT>

Va notato che, ora in Italia c'è una forte domanda di sistemisti Linux, quindi, essere ottimi conoscitori del mondo Mac potrebbe non essere utile ai fini lavorativi, ma il fatto che per lavorare debba usare un Wintel non implica che io possa trovare più confortevole (riassunto di comodo, economico, gratificante etc ...) avere a casa una rete di Mac.

Io ho usato System 7, e per le mie esigenze non ho cambiato computer fino al 2001, poi mi sono trovato Mac OS X 10.1, e siccome le mie esigenze sono aumentate con il crescere dell'OS non ritengo di lamentarmi di Mac OSX, che tuttavia continua ad essere sviluppato.

Non ho studiato Economia approfonditamente, ma sicuramente mi ritengo ottimista per il futuro di Apple, in quanto ad oggi le scelte di Jobs degli ultimi anni si stanno dimostrando vincenti, e più tempo passa più rimango a bocca aperta per come uno come lui, spiazzando tutti (utenti, vecchi e nuovi, concorrenti ed analisti finanziari) sappia indicare la retta via!

Vincenzo

Link to comment
Share on other sites

So di non essere un esperto, come del resto la maggioranza di noi qui (premessa onesta e doverosa di questi tempi tempestosi...), ma volevo sottolineare un paio di cose.

La diatriba tra importanza delle percentuali "contro" i numeri assoluti in un mercato è assai spinosa. E' vero che se la quota di mercato di Apple si avvicina ancora di più allo zero c'è il rischio di abbandono totale della piattaforma da parte dei produttori di software, ma un produttore non ragiona mai in termini di <U>pura percentuale</U> bensì di <U>redditività</U> (ROI, insomma quella roba là). Finché lo sviluppo di un prodotto (l'investimento) è redditizio il prodotto viene mantenuto (nel caso del software viene quindi sviluppato e aggiornato), quando i costi superano i ricavi una gestione aziendale sana "termina" il prodotto. Se qualcuno di noi fosse in grado di portare dati concreti su costi e ricavi delle software house per i prodotti Mac, allora potremmo fare diagnosi molto prossime alla realtà futura. In mancanza di questo, mi spiace, ma possiamo solo elucubrare e mettere in piazza le nostre idee come contributi modesti ad una discussione civile...

Altra cosa: le software house sono molto diverse tra loro. La struttura di un gigante come Adobe è radicalmente diversa da quella di una piccola SH composta magari da due soci. Chi di noi conosce il modello produttivo ad esempio di Adobe? Come facciamo noi a sapere qual è il loro "punto di pareggio" per i prodotti Mac, sotto il quale loro cesseranno di svilupparli?

Certo, se una versione tira di più (per esempio, quella Win invece di quella Mac), Adobe ne aumenta il numero degli sviluppatori, altrimenti lo diminuisce per abbassare i costi. Oppure cambia la "direzione" del porting. Ma di sicuro non rinuncia ad un ricavo. Ad Adobe non importa che i Mac siano il 2% a livello mondiale. Non gli importa nemmeno che utenti Apple comprino il 35% del suo software. E non gli importa neppure che il numero di unità Mac vendute sia aumentato (anche se lo è). L'unica cosa che gli importa sono i ricavi. Finché i Mac saranno redditizi per Adobe, avremo programmi Adobe. Magari arriveranno dopo la versione per Windows (questo sì dipende dal non essere i leader di mercato).

Per i piccoli sviluppatori invece possono essere guai grossi. Per loro si pone il problema di come utilizzare risorse limitate (le stesse 4 o 5 persone). Se 5 persone sviluppano per Mac e non vendono, le stesse 5 verranno spostate a programmare per PC, e questo sarà un nuovo abbandono della nostra piattaforma. Certo non è detto che la semplice disponibilità di un mercato più ampio basti a vendere (ma questo è un altro discorso)...

L'amarezza di Gennaro mi pare fosse dovuta più che altro a questo.

Paolo faceva notare che la Mac BU di M$ è redditizia, di conseguenza Bill si guarda bene dal chiuderla. E può anche usarla come spada di Damocle contro Apple. A sua volta Adobe non va a dire che Win è meglio perché ci crede, o perché gli faccia schifo guadagnare dalle vendite agli utenti Apple; molto probabilmente è un avvertimento contro la nuova politica di Apple di allargarsi nel software (a spese di Premiere, eccetera). E oramai ha bisogno di M$. Il rischio è cannibalizzare software house che guadagnano da questa piattaforma ma che in cambio fanno vivere la piattaforma. E qui il management di Apple dovrà essere molto bravo nelle scelte.

Secondo me quello di Paolo è un ottimo post, equilibrato e intelligente. Cinque stelle.

Io sono uno switcher recente, non sono un mac-talebano, ma il mio PB 15" Alu SD mi piace un sacco, e poi ci lavoro benissimo (pensate che non uso MAI iTunes e iPhoto).

E voglio dirvi un'altra cosa: venerdì ero in aeroporto a Francoforte, lo avevo acceso per lavorare un po' mentre aspettavo, e tutti intorno mi guardavano con gli occhi spalancati, compresi 4 signori con portatili PC. Beh, un pochino di orgoglio lasciatemelo provare. Come quando ti dicono: che bella macchina!, oppure, che bella moglie!... [sottintendono: che uomo fortunato!] Posted Image

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share