Mac chat


chest
 Share

Recommended Posts

Chest non mi hai confuso, sono io che non ho le conoscenze sufficienti per approfondire di più.

Sul discorso scienza-religione sfondi un aporta apertaPosted Image.

Sul discorso quantità (intendi il "bit"?)sono molto interessato. I parametri da valutare sono molti perchè molte sono le variabili. In fondo ci ostiniamo a dire computer e non sistema che è tutta un'altra faccenda. Giusto?

Dunque, nel 1994 percorrevo 50 km per andare al lavoro.

Eravamo 4 colleghi e ogni settimana ci turnavamo con la macchina. I modelli di auto andavano dalla Y10 alla Lancia Dedra1.8. Bhe vuoi sapere con quale macchina impiegavamo meno tempo? Nessuna. Il tempo era sempre di circa 55 minuti.

Ergo i Mhz (la cilindrata o potenza) non contano se il sistema (strada, traffico, etc..) è inefficace. Credo che l'analogia si sposi un pochino con la tua domanda!

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Cosimo,

in linea di massima credo che la distinzione che hai fatto tra Cisc e Risc sia abbastanza corretta.

Credo che a parità di clock la quantità di informazione elaborata sia maggiore per il Risc.

I link segnalati più sopra da Abundance sono molto interessanti al riguardo.

Sono comunque certo che non si possa, se non in via teorica, fare paragoni al di fuori di un sistema di elaborazione.

Intendiamoci, anche un chip è un sistema.

Link to comment
Share on other sites

bonera > <FONT COLOR="ff0000">Forse tali configurazioni non servono all'utente medio. Ma allo sviluppatore o a un docente d'aula sì. Sebbene non ne sia totalmente convinto, opterei per un'installazione ad hoc per tali servizi. O addirittura per una distribuzione orientata al mercato pro (anche l'education, ritengo, sarrebbe interessata).</FONT>

Sono d'accordo sulla necessità di avere la possibilità di un'installazione ad hoc per servizi aggiuntivi, oggi come oggi se si sceglie l'installazione personalizzata di Panther si può aggiugere praticamente solo X11. Sono invece contrarissimo (e mi sembra di non essere il solo) con l'idea di una versione Pro del sistema... solo Microsoft può fare una cosa così assurda senza essere linciata dai suoi utenti (e, comunque, sarei curioso di sapere quante versioni Home di XP sono state vendute rispetto alla versione Pro).

Link to comment
Share on other sites

Premessa: sapete che non sono un esperto! Fine premessa.

Già! Ma qual'è il confine tra le due?

Semplifico innanzitutto a me stesso con queste domande.

Cisc=elaborazione di lunghe catene (serie) di bit ad alta velocità?

Risc=elaborazione in parallelo di più catene corte di bit a velocità minore?

Link to comment
Share on other sites

Chest><FONT COLOR="ff0000">Mi limito a ricordare ad esempio che la relatività ristretta impedisce a Ram e processore di dialogare ad 1 Ghz se sono distanti più di 15 centimentri... </FONT>

Che tristezza.

Dopo tutte le discussioni che abbiamo fatto nel passato non hai ancora capito che questa tua idea è una vaccata assurda.

Semplificando: in un ciclo di clock (1/frequenza secondi) il segnale deve arrivare dall'ultimo transistor del controller della ram al primo transistor del chipset, non deve FARE AVANTI E INDIETRO!

Per cui tutto torna. I clock sono sincroni nel senso che in un periodo di clock il segnale deve fare il tratto di strada (pista metallica) più lunga che gli compete (nella cpu sarà la lunghezza in micron di una pipeline, per la ram sarà la distanza fra l'ultimo transistor del controller della ram al primo del chipset, o dall'ultimo del chipset al primo della cpu), non avanti e indietro.

Se non lo capisci nemmeno così non so più che fare.

Faccio poi notare che gli x86 ormai sono RISC: hanno una conversione delle istruzioni CISC all'esterno, poi tutto il resto è RISC.

Così come Altivec è, sostanzialmente, CISC: anziché ridurre il numero di istruzioni e aumentare la frequenza, sono istruzioni che fanno ciò che già la cpu poteva fare, solo con un comando unico da parte del software (e quindi lasciano all'ingegnere elettronico la possibilità di ottimizzare quel set di istruzioni).

Leggete su arstechnica.com, c'è un articolo sui processori post-CISC e post-RISC (cioè dal P2 e dal G4).

Leggete anche quello su Centrino, non vi fa male.

E SMETTETE CON LA STORIA DELLA RAM!

Link to comment
Share on other sites

Olaf, riserva la tua fiera tristezza ad argomenti più degni. Primo: "Dialogare ad 1Ghz" in fisica significa scambiarsi informazioni punto-punto in un miliardesimo di secondo. Su questo non posso farci niente. E nemmeno tu.

Il resto lo avevo capito quasi perfettamente, ma è un'altra faccenda!

Secondo me l'uomo della strada quando sente "bus dati" a 1Ghz pensa che i dati impieghino 1 miliardesimo di secondo ad andare dalla ram alla cpu o viceversa. Certo, questa è una *mia* interpretazione dell'uomo della strada. Su *questo* posso sbagliare.

Su quello che tu dici non ho nulla da contestare.

Link to comment
Share on other sites

Chest> <FONT COLOR="ff0000">Mi limito a ricordare ad esempio che la relatività ristretta impedisce a Ram e processore di dialogare ad 1 Ghz se sono distanti più di 15 centimentri... </FONT>

a parte che il bus delle memorie del G5 è a 400 MHZ (DDR400), ma la distanza tra banchi di memoria (o chipset di memoria?) e CPU potrebbe essere veramente di 15 cm...

Link to comment
Share on other sites

Comunque, per curiosità, prendi il seguente ciclo.

k[0] = 0

for i=0 to "1 milione" {

j = "random number tra 0 ed 1"

k[i+1] = k + j

}

Sarai d'accordo che

a) I k sono computati dalla CPU

b) I k sono poi salvati in Ram (peraltro occupando svariati mega), posto che nessun algoritmo predittivo può fare una emerita mazza.

Mi piacerebbe che tu provassi a fare una stima di quanto tempo occorre affinchè k[10], k[100], k[1000], k[10000], k[100000] e k[1 milione] vengano calcolati, ragionando nelle *tue* ipotesi ma immaginando che il bus dati sia a 32 bit e cpu e ram distino 15 cm.

Dai, proviamo, siamo empirici.

Link to comment
Share on other sites

Anzi, guarda, ti metto anche come ingrediente il tempo di sistema così poi lo compili e ti diverti a vedere cosa succede davvero.

k[0] = 0

for i=0 to "1 milione" {

j = "random number tra 0 ed 1"

k[i+1] = k + j

t = "Tempo di sistema (in millisecondi)"

}

Così i tempi te li dice il computer stesso, va.

Link to comment
Share on other sites

Se hai intenzione di rispondermi che ti mancano le dimensioni in byte delle variabili, non c'è problema. Prendiamo anche queste ipotesi

i = intero

j[ ] = array di floating numbers (scegli tu la dimensione in bit)

k[ ] = idem

t[ ] = idem

Bene. Ragioniamoci.

Link to comment
Share on other sites

I G5 stanno ritardando perchè saranno collegabili ai nuovi monitor con risoluzione superiore a 1920 in orizzontale. Useranno nuove schede video e forse una versione speciale di OSX.

Finalmente si è capito il motivo.

Questa affermazione ha il chest-code CC20040305_01

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share