Mac chat


chest
 Share

Recommended Posts

Lo dico per esperienza diretta: la mancanza di Autocad per Mac frena lo switch di un numero considerevole di architetti che, apprezzando l'estetica e la stabilità della piattaforma, non trovano il software che, loro malgrado, è il più usato in Italia.

Su una trentina di architetti che conosco, almeno 7-8 sarebbero pronti a switchare domani... fate un po' i conti di quale mercato si priva (involontariamente o volontariamente) Apple...

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Bah, doppio bah, triplo bah. Io continuo sempre a sperare in una nuova fioritura, ma a crederci sempre meno. Aprire le porte a linux può essere un bene da un lato, ma è molto pericoloso dall'altro. Se si perdessero quelle caratteristiche uniche dell'essere mac, anche metter fuori un linux bello da vedere sarebbe comunque una cosa assai cattiva.

Che OS X sia un OS eccezionale lo sappiamo tutti, ma a questo punto, visto che le quote son ferme, mi chiedo se sia veramente valsa la pena buttare al mare il vecchio OS ed investire milioni e milioni di dollaroni in uno nuovo. So bene delle caratteristiche e potenzialità di OS X, ma alla fine, la quota di mercato è continuata inesorabilmente a scende Posted Image

Quello che è preoccupante è che fino a qualche anno fa, anche quando le cose andavano molto peggio, ancora ci credevano, oggi non lo so. Speriamo bene! Posted Image

Marco, vuoi sapere perché credo che non abbiano fatto prima gli aggiornamenti ovvi? Perché a differenza delle altre case costruttrici Apple non bassa il prezzo del vecchio modello all'introduzione del nuovo, Apple semplicemente aspetta che tutti i vecchi modelli siano venduti.

Se è un bene perché almeno il magazzino ha una coda molto corta, è un gran male, perché scoraggia gli utenti ad acquistare in periodi come questo, e delude chi ha aspettato tanto perché propone upgrade minori e dovuti.

Link to comment
Share on other sites

Gennaro hai ragione, però onestamente non credo che i magazzini fossero pieni di iMac...se non sbaglio ha venduto piuttosto bene nell'ultimo trimestre.

Steve Jobs ha dichiarato al MWSF che questo sarà un grande anno per il mac (vabbè, ne ha dette tante) e non posso fare a meno di pensare che l'ultimo appuntamento importante per il 2004, escludendo Parigi, è la WWDC.

Link to comment
Share on other sites

Un buon anno per Apple, al limite per il Macos (grazie a Panther) ma per il Macintosh no di certo, almeno per ora!

Tra l'altro quello a 2.5Ghz esce, se esce, a Luglio, per cui si tratta del solito annuncio.

Ed io sono convinto che se hanno messo quel sistema di raffreddamento è perchè nonostante le iVentole il calore o il frastuono erano troppi. Ho come la sensazione che la tecnologia a raffreddamento liquido non sia proprio rodatissima, infatti... Non escluderei il rischio che macchine da 5000 dollari tornino in assistenza perchè si inceppa qualche liquame in qualche condotto...

Link to comment
Share on other sites

Se leggete le news di Macity di oggi, vedrete che di iMac o di portatili con G5 non se ne parla... Almeno fino alla fine dell'anno, su queste macchine si resta con il G4, dobbiamo rassegnarci.

A questo punto, l'unica è sperare che Steve alla prossima WWDC o a Parigi tiri fuori dal cilindro qualche nuovo computer se non altro dotato di un case rivoluzionario e con delle soluzioni tecniche (cpu a parte) futuristiche. Una cosa che colpisca gli utenti come aveva fatto all'epoca il primo iMac Bondi Blue. Altrimenti, rischiamo che prima di arrivare ai PowerMac con G5 da 3 Ghz e agli iMac/PowerBook/iBook con G5 tout court, la quota di Apple vada sotto l'uno per cento. Mah, tra pochi giorni sapremo cos'ha in mente il maghetto di Cupertino..

Link to comment
Share on other sites

le news di Macity riportano semplicemente delle dichiarazioni, non molto chiare, che qui abbiamo già analizzato. l'unico prodotto che si può escludere è un portatile con G5.

Link to comment
Share on other sites

Comunque, non vorrei essere noioso, ma il fattore prezzo anche e sopratutto psicologicamente è troppo importante per fregarsene.

L'iMac, quando uscì, riusciva a comunicare l'immagine del computer ideale per casa o da mettere in rete ad un prezzo solo poco superiore ad un brutto pc.

Quando è uscito l'iMac lcd il superdrive era una novità da quasi un milioncino e un buon schermo lcd costava quasi altrettanto, il complesso risultava tuttosommato conveniente.

Adesso i SD te li tirano addosso e un lcd 17" costa circa 400€, NON E' GIUSTIFICABILE che un iMac costi quasi 2.000€! così come è folle il prezzo dei monitor apple (800 e passa € per il 17"????) ottimi quando sono usciti, ma assolutamente superati ora come spec e soprattutto come prezzo.

Per quanto riguarda i software è vero ciò che è stato detto sopra. Ad es. quando è uscito archicad 8 la versione mac, a detta dello stesso rappresentante, più che carbonizzata sembrava bruciacchiata, ed è vero (anche se va meglio) anche ora con l'8.1.

Mi chiedo: a questo punto tanto vale prendere qualcosa di economico e consumer per casa per continuare a divertirsi con foto, musica, immagini e filmini (insuperabile rispetto al pc), ma in studio ha senso spendere cifre così alte per fare funzionare (peggio) un sw che funziona (meglio) con un pc da 1.000€?

Link to comment
Share on other sites

è mio parere che i monitor verranno aggiornati martedì o mercoledì prossimo.

si parla dell'abbandono del connettore ADC a favore del più comune DVI (quindi apertura verso il mercato Windows), a causa del consumo di energia, elevato per il 30".

cambieranno anche i prezzi, ovviamente.

sono altresì dell'opinione che il G5 non possa stare nel case attuale dell'iMac, non che *non* possa stare nell'iMac... ;)

Link to comment
Share on other sites

Anche qui Windows, NON A CASO.

In Apple giocano sempre con la corda che strozza il pervertito. E' noto che i pervertiti si annodano una corda al collo durante le loro depravazioni perchè, dice, ciò arrecherebbe beneficio al loro godimento. Ogni tanto però se ne trova uno stecchito sull'impiantito perchè un amichetto o amichetta o addirittura un solitario si è spinto oltre la tolleranza della carotide.

Ebbene, Apple, fa lo stesso con noi. Propina connettori standard a prezzi fantozziani fino a che noi ci facciamo strozzare ma rimaniamo vivi. Poi, di colpo, scopre gli standard mondiali quando le fa comodo, cioè quando il suo mercato di riferimento è bluastro e rantolante e ricoperto di bava e sta per cambiare pusher o master che dir si voglia.

Link to comment
Share on other sites

10 stelle a Chest per la sua fervida immaginazione... :D

comunque, Chest, non vedo quale sia il problema... più volte si è letto, non solo qui, quanti monitor in più sarebbero stati venduti se non avessero avuto l'ADC... ora che lo tolgono, possono vendere più unità. pecunia non olet

detto questo, mi rammarico solo che l'ADC non sia diventato uno standard, perché era sicuramente un'evoluzione interessante dello stesso DVI.

inutile rammaricarsi però... il futuro è nei monitor senza fili.

Link to comment
Share on other sites

Tutto vero ma la questione è un'altra.

Qual'è il fattore più importante che può realisticamente aumentare la quota di mercato del Mac ?

Votate anche più di una opzione, ma domandiamoci cosa può convincere un utente win o un utente nuovo a comprare un Mac.

Prezzo ?

Design ?

Pubblicità ?

3 GHz ?

Os X ?

iPod e iTunes ?

Software aggiuntivo ?

Porting di Linux e AutoCAD ?

Giochi ?

Kerry ?

Korruzione ?

Kulo ?

Link to comment
Share on other sites

1) Pubblicità

2) Pubblicità

3) Pubblicità

4) Prodotti consumer competitivi dal punto di vista tecnico

5) Aggiustamento dei prezzi

6) Politica dei prezzi flessibile

7) Giochi

8) Software di settore (Autocad, per esempio)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share