Mac chat


chest
 Share

Recommended Posts

Probabilmente una opzione BTO per una Geffo5200Fx a 128mb o una Geffo5600FX a 128mb avrebbe aiutato anche i gamers...che cmq difficilmente opterebbero per un Mac...

Ad oggi la Geffo5200FX con 64mb di ram ti permette di lavovare degnamente su quasi tutto, certo nell'ottica di almeno 2anni di utilizzo è un poco desolante...se allunghiamo a 3 anche peggio...

Se poi consideriamo che il motore grafico di Doom3 sarà la base per molti giochi futuri...ahi ahi ahi...

Anche ID ha detto che sta lavorando all'ottimizzazione i Doom3 per OSX, in quanto per le configurazioni di basso livello la giocabilità NON è buona, mente con le schede moderne (??ok quali??) è a buon punto...

Insomma il problema della gicoabilità di Doom3 esiste, è sentito e si cercano soluzioni...

Immagino che la prossima revisione dell'iMac sarà completa, e per completa intendo proprio quelle piccole lacune che l'attuale, nel complesso ottimo, modello ha evidenziato...

Ma è sempre la stessa storia, quando esce un nuovo modello, Apple attua quasi sempre una via di mezzo, fra il nuovo nuovo ed vecchio...ricordate il "Titanium G4"??

G4 ma su scheda madre ereditata in parte dal Pismo...come la scheda video ed altre piccole cose...

Mickey

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Ok lo dico...pugliese anche io...

Giuseppe, come pensi di poter fare pratica sotto Mac con un Mac di 6anni fa???

L'iBook che ti ho segnalato è un 933mhz a 899€, praticamente il MidLevel della precedente produzione, è nuovo ed ok...

Se vuoi spendere meno di 500€ puoi trovare qualcosa negli iMac 500mhz con CDR...ma non molto...già sui 600/700€ vai sugli eMac...o iMac Lcd prima serie...

Mickey

Link to comment
Share on other sites

data la natura della scheda madre, la scheda video potrebbe avere solamente 64 MB in più come opzione BTO... non un chipset diverso...

per questo motivo avrei gradito una scheda grafica superiore... anche se per come viene presentato l'iMac G5 (guardate il video), andrà più che bene.

Link to comment
Share on other sites

Giuseppe è ancora legato agli schemi mentali di Wintel, dove dopo tre anni un PC è un dinosauro: invece c'è chi si diverte e lavora bene anche con Mac di tre anni fa.

Bisogna superare il blocco psicologico. Posted Image

Cmq i consigli di Mickey sono oro colato, Giuseppe dagli retta.

Link to comment
Share on other sites

non sono affatto legato agli schemi di wintel visto che reputo l'iBook g3 della mia ragazza una macchina fantastica a cui manca solo un masterizzatore ed un po' di ram in più.

comunque a casa ho:

1) un amd 2600+ desktop con scheda video 128 mb e tante altre cose belline che è inputtanatissimo e praticamente non mi permette mai di lavorare sereno, mi concedeva solo il lusso della visione di qualche film ma ultimamente il mio lettoredvd si è rotto;

2) un portatilone dell p4 2.8 gh con sc video 128 mb che va ottimamente per la multimedialità e un po' meno per i programmi un po' troppo invadenti... xp è una chiavica

3) un mini portetile ACER PENTIUM 3 466 mhertz che gira una favola con windows 98 ed'è il computer più stabile che ho, solo che purtroppo non ha il masterizzatore altrimenti sarebbe il pc che userei di più.

Morale della favola:

nel mio piccolo mondo casalingo wintel gallina vecchia fa buon brodo e comunque il mondo wintel come lo chiamate voi non ha affatto schemi, anzi è senza schemi, ognuno fa come li pare e non ci sono affetti particolari per marchi o caxxate varie.

p.s.

a proposito del discorso sulle macchine nuove:

tolti i videogiochi che si evolvono rapidamente o calcoli matematici particolarmente pesanti e che pero' utilizzano parecchio solo la cpu(mio padre è un matematico e ne so qualcosa) e che rappresentano comunque casi particolari si può LAVORARE tranquillamente con macchne anche di 7-8 anni fa senza troppe fisime e senza andare troppo dietro a cose come os avanzati etc che poi si rivelano spesso grandi boiate.

A parte la rivoluzione di internet, mi sapete dire che cosa ci faccio in più con win xp rispetto a 98? ocon os x rispetto a os 9?

Nella stragrande maggioranza dei casi un emerito caxxo di niente! ma le case produttrici di software ci cucinano ben bene per farci comprare os più pesanti che su macchine vecchie non girano e così poi ci compriamo anche il computer nuovo e via all'infinito.

Scusate lo sfogo e l'OT

Link to comment
Share on other sites

continuo un altro po'...

<FONT COLOR="ff0000">dove dopo tre anni un PC è un dinosauro)

nella mia università gli impiegati usano quasi esclusivamente office e programmini gestionali stupidi stupidi.

Bene: un file di testo con office xp salvo particolarissime eccezioni è la stessa cosa che un file di testo con office 98 e un programmino gestionale per la prenotazione degli appelli non è altro che un database con una gui particolarmente cretina per renderla comprensibile all'idiota dietro lo sportello.

Un catalogo di libri con l'ultimo excell è la stessa cosa che con axcell 98.

Mi spiegate per quale boia di motivo si debbano sprecare soldi a comprare macchine nuove(vedi p4 nuovi fiammanti) e programmi nuovi per applicazioni del genere?

Il mio portatile vetusto con un mezzo hd esterno supporterebbe il tutto e la mia università avrebbe più soldi per pagare qualche libro in più a qualche studente non abbiente e Bill gates se ne andrebbe a F A N <FONT COLOR="ff0000"></FONT><FONT COLOR="ff0000"></FONT><FONT COLOR="ff0000"></FONT><FONT COLOR="ff0000"></FONT><FONT COLOR="ff0000"></FONT><FONT COLOR="ff0000"></FONT><FONT COLOR="ff0000"></FONT> lui e tutti i suoi miliardi rubati</FONT>

Link to comment
Share on other sites

Giuseppe> lo sfogo è comprensibile... non preoccuparti.

posso, se può servirti, semplicemente dirti che MacOS X è un'evoluzione del sistema precedente maggiore di quanto non lo sia stato XP...

sarà per la struttura decisamente diversa, sarà per le scelte effettuate da Apple, però MacOS X, oltre a portare con sé tecnologie sperimentate da anni in campo unix e assenti o parzialmente implementate in OS 9, ha permesso di focalizzarsi su una visione del computer definita e su cui sono state sviluppate nuove tecnologie: l'hub digitale. In funzione di esso, il Mac è il nodo di distribuzione e di contatto tra diversi oggetti e persone, dalla videocamera, alla macchina fotografica, al cellulare e alla comunicazione, sia essa vocale, sonora o visiva...

poi, è vero, tutte le aziende devono campare e allora si progettano computer che possano essere considerati validi e 'attuali' per non più di due anni... un po' per marketing, un po' per strategie aziendali, un po' per reale obsolescenza delle componenti in un mercato che ogni 6 mesi si rinnova.

se può consolarti, il Mac sopravvive ancora oltre i fatidici due anni perché nasce da un progetto integrato, in cui il sistema (hardware+software) viene sfruttato al meglio... e questo è un altro piccolo vantaggio che vedo nei confronti della controparte, ove la ricerca dell'assoluta potenza ed espandibilità porta a dimenticare che è l'utente il centro del mondo informatico e digitale, non la macchina.

Link to comment
Share on other sites

Abundance,

I sistemi per passare dal colore al Bianco e nero sono molti. Il più veloce, con risultati quasi sempre buoni, è prelevare il contenuto del canale della luminosità nello spazio LAB. Altrimenti è solo una questione di variare la percentuale di influenza che ogni canale RGB ha nella formazione dell'immagine. In scala di grigio due colori con la stessa densità risultano uguali anche se sono l'uno il contrario dell'altro, perciò - per distinguerli, bisogna 'filtrare' l'immagine affinché uno venga trattenuto più dell'altro, risultando perciò più scuro (chiaro sulla pellicola:-)

Ti riporto quanto scrive Caponigro nel suo libro 'Adobe Photoshop Master class' perchè un ragionevole sunto dei sistemi più diffusi per la conversione. Ce n'è un altro, più sofisticato, che coinvolge la trasformazione in Due (o tre) toni per le ombre, le luci ed eventualmente un psaudo viraggio: per esempio Pantone warm grey 10 CVC per simulare l'effetto sepia (attenzione a non incrociare le curve degli inchiostri). Ci sono poi diversi plug-in, a volte anche sistemi integrati di stampa comprensivi di profili per la stampante dedicati ed inchiostri speciali. Oppure carte di altissima qualità che non so neppure se possano essere acquistate in Italia, quindi aggiungo anche qualche link.

ah... io ho usato il channel mixer così come descrive anche Caponigro.

http://www.theimagingfactory.com/

http://www.silveroxide.com/

http://www.piezography.com/

http://www.lumijet.com/mainframe.htm

http://www.bergger.com/introusa.htm

http://www.archesinfinity.com/flash_index.htm

http://www.hahnemuhle.com/icm11be.nsf/(html)/FramesetFineArt

http://www.moabpaper.com/site/index.shtm

1) Change mode selectively (one channel):

a. in Photoshop open an RGB file and look at the channels individualy. In the channel palette click on one chennel and then another. The eye (what you see) and black bar (what you're affecting) will be on that channel only: Compare the varying tonal distribution between channels;

b. highlight the channel with the most pleasing distribution of tones and convert to greyscale (image > mode > Greyscale).

2) Calculations:

a. in Photoshop open an RGB file and use calculation to blend two channels into one (Image > Calculation);

b. specify one channel in the first source and another in the second source and blend the two using normal mode and a desidered pecentage of the first channel, creating a new file by specifying Result > New Document;

c. if results are not optimal, repeat and modify the percentage appropriately.

3) Channel Mixer (all Channels):

a. in Photoshop open an RGB file and use the channel mixer to blend two or more channels into one (Image > Adjust > Channel Mixer);

b. check Monochrome. Specify a combined percentage of all three channels that equals 100%. For greater control use a curve afterwards to lighten and darken the image rather than a percentage higher or lower than 100% or increasing and decreasing the costant percentage;.

c. convert the B&W RGB file into greyscale (Image > Mode > Greyscale).

4) Turns channels into layers (three channels selectively):

a. open an RGB file and highlight the first channel (Select All | Edit > Copy). Create a new document (File > New > OK - Photoshop automatically create a document the same size as the information copied into the clipboard). Paste the copied information into the new document (Edit > Paste) and the new layer will be created. Name the layer appropriately. If you copied the red channel name it 'red'. To change a layer's name hold the Option key and double click the name on the palette;

b. Repeat step one for the second channel;

c. Repeat step one for the third channel;

d. using the opacity slider turn down the opacity of the top two layers until a desidered percentage is achieved. This works just like the Channel Mixer only with layers instead of channels.

e. refine this further by adding layer masks to the top two channels (Layers > Add Layer Mask > Reveal All) and use a black paintbrush to paint away select areas. To reduce the effect of the mask turn down the opacity of the paintbrush . Make sure you are painting on the layer mask and not the image - you will see a mask icon not the paintbrush icon on the targeted layer (if you paint on the image you will replace photographic information with the newly painted marks, whwreas, if you paint on the layer mask you'll simply hide or reveal the image where the marks are made). Layer masks are extremely flexible as changes can be made at any time. Create a mask by painting with black, remove a mask by painting with white. You can use brushes with varying opacities. You can even apply corrections to masks either locally or globally.

-f

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share