Mac chat


chest
 Share

Recommended Posts

Cisco,

sì, ora ho capito in quali termini intendevi dire a proposito di Linus.

Cisco non sono degli appunti a te, non ti preoccupare ;-) ci mancherebbe altro!

Per i termini che ha usato, ti invito a pensarli comunque come due uomini diversi e per 2 motivi: l'età, molto giovane uno e scapestrato, un po' meno l'altro, e molto più famoso (in positivo o negativo) anche per il suo rapporto con il danaro..

Linus è tagliente in quanto nerds.. ed in quanto programmatore, tanto bravo quanto forse orso, quello sì. Jobs invece ha una immagine impressionante, ma è dedito al successo ed al danaro (almeno per quanto ho letto e visto in tanti anni di Apple).

Ecco perchè la metafora buono/non buono, non per altri motivi..

Nemmeno io ho le conoscenze necessarie per rompere le palle a Jobs per il Mach 3.0, ma di una cosa sono certo come te, non sono imbecilli, è che hanno fondato il loro prodotto per il marketing, per danaro e non per pura sfida o per migliorare qualche cosa o per farci spendere poco; è un prodotto, non una invenzione affascinante.

Non prestarti ad alcun gioco, anche perchè ripeto, non è una sfida, è solo un punto di vista e purtroppo è solo il mio punto di vista che qualitativamente il kernel monolitico sia migliore e che Linux abbia un futuro più prospero, non è una gara e non prenderla come tale.

Linus ne riderebbe, e forse anche Jobs, che forse già se la ride per la 'questione' Giaguaro/.Mac

Riguardo alla tua frase "ok, sei un mostro (in senso buono), ma non sei il solo..."

Ogni volta che incontro o vedo un mostro, mi piace pensare che la terra è talmente vasta che da qualche parte c'è sempre uno migliore di noi o di altri, è l'evoluzione e quindi ri-chiudo come prima (anche se oramai è fortemente OT), vincerà il migliore (basta che non sia Win) e ci vorrà del tempo per vederne i risultati.

Ciao e Grazie

D.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

<FONT COLOR="ff0000">Jobs è un invasato, Stalmann un fondamentalista...</FONT>

Perchè, non è evero? per Stallmann poi!

<FONT COLOR="119911">Con 50.000 lirette ho registrato un dominio www.mionome.it (facile da ricordare) su Tiscali e me lo hanno linkato a 20 mega di spazio web (con 10 alias di posta, ecc.).</FONT>

Ma hai la pubblicità o no?

<FONT COLOR="ff0000">Leggevo poco fa su Panorama le tariffe delle ragazze squillo che la davano ai calciatori - mica a noi poveracci - in un vulcanico 'centro estetico' della gaudente Torino: ...con 160 Euro quelli della Juve si spupazzavano tre-gnocche-tre nella Iacuzzi.</FONT>

Tsk. Le "signorine" di classe chiedono ben di più, non scendi sotto al cinquecentone a notte. Queste dovevano essere dilettanti o in tempi di magra (?) facevano sconti per comitive (orrida battuta).

Link to comment
Share on other sites

Olaf > il mio sito lo avevi visto (per pochi giorni) prima di chiuderlo per i lavori in corso: ...non ci sono banner, assolutamente.

Se iDisk fosse ancora gratis, gli utenti di questo Forum potrebbero metterci dentro - ad esempio - dei messaggi vocali mp3 (al minimo della qualita' audio, naturalmente, per non ingigantirli troppo) e dialogare attraverso dei link appositamente predisposti che aprono questi archivi con iTunes come Helper Application.

Oppure chi ha iMic - visto che il microfono degli altri Mac non funziona - e Macromedia Flash puo' registrare un messaggio vocale e salvarlo in streaming su iDisk, incorporando questo file in una pagina HTML di .Mac che gli utenti del Forum possono aprire a scelta come finestra popup (per poi chiuderla e proseguire la navigazione nel Forum cliccando su un altro link per ascoltare un altro messaggio vocale, e cosi' via...)

Link to comment
Share on other sites

Forse avevo capito male: ma con .Mac danno anche dei software per la macchina tipo Virex 7.1 ed il software di backup???

Perchè se è così le cose cambiano parecchio. Almeno il primo anno 49$ sono pochi, specie se questi sw funzionano...

Link to comment
Share on other sites

Davide, sul fatto che siano presenti in tutta Italia comincio ad avere i miei dubbi: sono riportati solo dei nominativi con l'indicazione della citta' di residenza... un po' poco per contattare il mio referente UPEI di Roma, per esempio.

Poi, e' vero che danno un numero di fax di Roma, ma sul modulo di adesione e' data una casella postale incompleta di Catania.

Credo che provero' a contattarli al loro indirizzo di e-mail e poi vedremo.

Link to comment
Share on other sites

Davide ... dovevi spremere di + le tue facolta' logico-deduttive Posted Image !!! quello che ho scritto in precedenza non implica quello che dici nel post!

C'hai messo pure un paio di contraddizioni (forse):

"hai sbagliato mira perche' la bravura NON e' la questione"

"Una persona e' piu' qualificata di me se sa fare di piu' o meglio di me"

Ho comunque capito quello che intendi dire e sono d'accordo te al 95%, non credere. Io NON sono un igegnere e l'idea dell'albo non mi piace molto. Pero', vedi, il tuo modo di porre le cose rende inutile l'esistenza delle universita' e di qualsiasi "grado" di titolo di studio ... e apre pure questioni + ampie, dei veri e propri problemi di ottimizzazione dell'occupazione (impossibili da risolvere): esistera' sempre una persona + adatta di te a svolgere la tua mansione! L'albo taglia le gambe a molti (neanche tanto pero') ma garantisce l'esistenza di un percorso formativo altrimenti impossibile da valutare. Puoi stare certo che presi 100 ingegneri informatici, 90 saranno cosi' cosi', 7 bravi, 2 ottimi, 1 un mostro. Prese 100 persone non ing. info. che si dichiarano brave in questo campo che previsioni puoi fare? Mettiti nei panni di chi deve assumere ... Ecco, allora, puo' non andarmi l'albo come idea in assoluto, ma posso capirne l'utilita'.

"Insomma, si tratta di una generazione successiva". Per avere la tua stessa dignita' uno studente deve reinventare l'informatica ogni volta? Mah ... anche Newton e Galileo avevano delle conoscenze di base prima di formulare nuove teorie, non sono certo partiti dal nulla. E' proprio il modus operandi che va riformulato e rivisto, tutto va messo in discussione! Pensa a come hai dovuto forzare nel tempo il tuo modo di pensare i modelli informatici e pensa invece come e' + naturale oggi fare la stessa cosa per le nuove generazioni! E' l'evoluzione!

"Ci sono degli ingegneri che non sanno usare Flash" Queste frasi sono inutili. Invece di denigrare le capacita' di tutti gli ing. del pianeta (tra l'altro e' quasi un vantaggio non conoscere Flash ...), sarebbe forse + utile riconoscere una qualifica di valore alle persone come te che hanno sicuramente enormi competenze e poco o nulla da imparare nel campo dell'informatica. Visto che e' nel tuo interesse devi fare tu il primo passo. Poi se c'e' da firmare qualche petizione (visto che va di moda ultimamante) io sono qua. Ciao, vado che e' tardi.

Link to comment
Share on other sites

Da che mondo e' mondo un albo non ha mai garantito la bravura di un suo iscritto. L'iscrizione all'albo certifica il possesso dei titoli (non inteso necessariamente nel senso di titoli di studio) ritenuti necessari per l'esercizio di quella professione nei termini in cui e' definita nello statuto. L'iscrizione all'albo certifica anche il rispetto dei criteri deontologici definiti dall'Ordine professionale. Ha valore da un punto di vista puramente legale. Es. come amministratore ho dato incarico di progettare un ponte che poi e' crollato. Se avevo dato incarico ad un geometra di passaggio, la responsabilita' del crollo e' anche mia. Se avevo dato l'incarico ad un ingegnere iscritto all'albo, la responsabilita' non e' mia. Punto.

Questioni di competenza vanno completamente al di fuori degli scopi e delle possibilita' di un Albo professionale.

Tra l'altro la proposta di legge prevede un recupero pressoche' totale dei "professionisti di fatto". I problemi mi sembrano altri, a partire dal senso dell'istituzione di un ennesimo albo nazionale nel momento in cui si tende ad una diffusa europeizzazione.

Link to comment
Share on other sites

Yup yup oggi Microsoft perde ben il 7%!!! Presto Bill Gates sarà soltanto il secondo o terzo uomo più ricco del mondo! E vai, tiè, ciapa questo! Gli passa davanti anche quel deficiente di Briatore (ti prego Briatore non denunciarmi è tutta invidia).

Chissà come ci si sente ad avere perso 50 milioni di euro in un giorno. O a guadagnarli. Li si conta in ville, aerei, prostitute di altissimo bordo, navi spaziali...? Boh. Sono diversi ordini di grandezza lontano da siffatti problemi.

Cmq Microsoft è ai minimi dell'anno. Peggio, molto peggio, che dopo l'11 Settembre.

Certo la borsa è il regno della più degradata delle manifestazioni cerebrali (l'irrazionalità isterica) applicata alla più squallida delle passioni umane (il denaro).

Link to comment
Share on other sites

E' finalmente arrivata l'era degli iServices a pagamento. Se da un lato questo costringe la gente a pagare, dall'altro inizia a misurarsi col mercato, e quindi è un ottimo indicatore della utilità. Del resto, finchè una cosa è gratis la posso anche provare. Se pago voglio un servizio.

Ma questi iServices sono una big bufala oppure un nuovo biznes? Ecco la domanda che vi giro.

I punti fermi, a mio giudizio, sono questi:

1) A differenza dei software tradizionali NON sono piratabili.

2) Si pagano a tempo e non a possesso ("abbonamento anzichè vendita")

3) Necessitano di una infrastruttura e non solo del computer (rete dall'utente e banda larghissima dal fornitore)

Per le case si tratta di prodotti che potenzialmente hanno un enorme margine di profitto (ne so qualcosa; pur essendo infinitesimi, le nostre web applications hanno margini più alti degli altri servizi aziendali; figuriamoci per i grandi colossi) perchè eliminano la pirateria, i passaggi della distribuzione (che drenano profitto) e perchè "tengono la carne al fuoco", nel senso che tengono gli utenti attorno al marchio molto di più di un pacchetto venduto in un negozio.

Per gli utenti però è una mezza incognita. Funzioneranno? Saranno veloci? Costano troppo comunque? Hanno davvero qualcosa da dare? Oppure Blockbuster va in fondo benissimo per vedere un film (tanto per fare un esempio)?

Io credo (e temo) che col tempo le applicazioni desktop pure spariranno, sostituite da degli ibridi che se non altro si collegheranno in continuazione (con la paranoia e l'ostinazione tipiche delle macchine calcolatrici) ai server poliziotto per verificare la licenza, altri che funzioneranno solo in simbiosi col server della casa produttrice, altri che saranno veri e propri iServices usabili col solo browser.

Sicuramente ci sarà un grande cambiamento, ma anche cadere nella brace dalla padella, lo è.

Si stava meglio quando si stava peggio?

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share