Mac chat


chest
 Share

Recommended Posts

Bravo Chest. Come al solito chiaro, puntuale e nel giusto.

Aggiungerei che forse il mercato asiatico e cinese in particolare potrebbe fare crescere un'alternativa a MS sia per motivi economici, ideologici e di competenza tecnica crescente.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

<FONT COLOR="ff6000">Aggiungerei che forse il mercato asiatico e cinese in particolare potrebbe fare crescere un'alternativa a MS sia per motivi economici, ideologici e di competenza tecnica crescente.</FONT>

Appunto.

Vedremo... vedremo... ;)

<FONT COLOR="ff0000">Da questa considerazione, non da vuoti proclami ideologici, deriva il mio spasmodico desiderio di leggi antitrust specifiche per l'IT.</FONT>

Spero tu non ti riferisca a me. Ti ho sempre detto che hai (molta) ragione su questo punto.

Però ho anche sempre pensato che senza conseguenti comportamenti dal lato della domanda, di per sé le leggi e le normative, vista la facilità con cui le si può aggirare, possono fare ben poco. O meglio: possono fare solo una parte del lavoro.

Ora, per la prima volta in tanti anni, forse davvero la domanda ha la possibilità di orientarsi (o di cominciare ad orientarsi) altrove.

Come dice Gennaro, è questo che (forse) intaccherà il dominio...

Link to comment
Share on other sites

Angel, non dicevo assolutamente a te. Ma tu non essere convinto che la domanda esista solo nel B2C (Business To Consumer). Esiste anche quella del B2B (Business To Business), che non va meno protetta della prima. E qui Microsoft ha tiranneggiato con accordi letteralmente mafiosi.

Ricordati che, almeno nell'IT, la domanda B2C è *fortemente* dipendente da ciò che la gli accordi B2B decidono di far trovare sul mercato.

Comunque, speriamo bene.

Link to comment
Share on other sites

Per quanto riguarda il mercato asiatico c'e' da considerare che pare siano gli stessi governi ad avere un certo interesse nell'open source.

E' stato dichiarato che esiste un progetto di collaborazione tra Cina, Korea e Giappone (storicamente nazioni non proprio amanti l'una dell'altra) per sviluppare, partendo da fondi governativi una versione di Linux piu' "asian languages compliant" visto che il problema degli alfabeti asiatici sui computer non e' da poco e che le soluzioni di Microsoft sono tutto meno che apprezzabili.

Se la cosa si realizzasse davvero, e c'e' una sperzanza se non altro per i fondi che i tre governi possono mettere in campo e per il fatto che non vedo proprio la Cina piegarsi ad un monopolio americano come M$, potrebbe essere un esempio notevole per il resto del mondo informatico. dimostrerebbe che una soluzione alternativa esiste e puo' essere implementata su larga scala.

In aggiunta a questo posso solo testimoniare come detto gia' sopra che i monopoli tendono a crollare rovinosamente e improvvisamente proprio quando il loro dominio diventa assoluto, o cosi' vicino al 100% da essere indistinguibile. Percio' puo' anche darsi che vedremo grandi cambiaementi prima di quanto ci si aspetti. O almeno questa e' sempre la speranza di chi apprezza avere piu' alternative.

Saluti

Link to comment
Share on other sites

Chest > <FONT COLOR="0000ff">Perchè alla fine dicono "Io ho *già* il programma, perchè devo tribolare per trovarne un altro?</FONT>

Già... un classico.

Se hai tempo da perderci, e se sanno l'inglese, prova a mandarli su browsehappy, oppure a fargli leggere uno dei tanti autorevoli peana anti-IE... magari alla fine qualcuno capisce.

Oppure prova a fargli vedere i report di secunia sulle vulnerabilità di IE 6 e Firefox 1.x.

Questi mostraglieli anche se non capiscono l'inglese, basta che gli fai notare il numerino in alto a sinistra, che indica la quantità di advisories riportati: 70 per IE, 0 per Firefox... (e se vuoi rincarare la dose traducigli i primi paragrafi della pagina su IE).

Se poi sai che il tizio in questione non ha un sistema aggiornatissimo, prova a fargli fare i test del browser challenge di Attivissimo. Alcune vulnerabilità non riguardano solo IE, e comunque ci vogliono combinazioni particolari di versioni di explorer e windows per cascarci, ma se per caso fallisce qualche prova di quelle specifiche di IE dovrebbe impressionarsi abbastanza... tipo se gli si spenge il computer cliccando su un link...

Ah, se puoi prenderti questa libertà, mettilo nei tuoi siti il bannerino che ti suggerisce squarz...

Oh, quasi dimenticavo, una nota di colore per chiudere: MS ha diffuso uno screenshot della beta del nuovo motore di ricerca... aguzzate la vista e notate con che browser l'hanno preso. B^D

Link to comment
Share on other sites

Fai un click, per interrompere lo stato di stand-by proprio del mouse, quando riattivi il portatile?

Non sono sicuro che la cosa riguardi anche il mouse della Apple, ma per altre marche e' cosi' che funziona.

Link to comment
Share on other sites

Questo è quanto ho trovato sulla mail mandatami da un mio amico...

http://www.apogeonline.com/webzine/2002/07...01/200207020102

http://www.apogeonline.com/webzine/2002/10...01/200210010102

Gli articoli ne parlano in maniera catastrofica, ma...

"Chi vuole evitare i processori Palladium potrà certo rifugiarsi nell'usato, nelle macchine Apple e nelle workstation non basate su chip Intel e AMD, ma dall'anno prossimo sarà estremamente difficile procurarsi un nuovo PC per Windows che non contenga i chip conformi al progetto Microsoft."

Sarebbe la fine di Microsoft. Si danno la zappa sui piedi... è troppo tardi per fare questo genere di cose... Mac OSX e Linux sono capaci di sostituire win. E lo faranno se andrà così... :D Quindi gioia e tripudio, non lettere di lamentele!!!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share