Mac chat


chest
 Share

Recommended Posts

Quanto alla mia, di scommessa, direi che sentirò di aver vinto se si verificano tutte le seguenti condizioni:

-minimac presentato al Keynote

-il prezzo USA è di 499 dollari, quello in euro sarà inferiore a 519 (giacché, con i listini vecchi sarebbe stato sicuramente oltre 550). Fra 519 e 500 posso considerarla pure patta. Ma se è 499 ho stravinto Posted Image

> <FONT COLOR="119911">ora aspetto che tu faccia ugualmente...</FONT>

Tu hai pagato in anticipo... se perdo te le dovrò restituire tutte... Posted Image

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Luca Nalin---->

Mirko: Ne deduco che ci sarà qualcosa d'importante oltre iPodFlash ( che già da solo..rimbalza sulle AAPL)

L'iPod Flash è proprio una delle grosse incognite dell'Expo.

Hai risposto..

http://www.macity.it/forum1/messages/39/477328.shtml?1104945551

Ormai mi sono giocato 5stelline, una pizza la taglio e ora ti giochi una koke che vedremo iPodFlash al MWSF?

http://www.macity.it/forum1/messages/39/477349.shtml?1104955085

Io credo che fino a Luglio niente Speed Imac... beh giochiamoci un caffè!

I tagli di prezzi sull'Applestore io dico che un ripoisizionamento con L'Euro e Cristiano invece deduceva che fosse strategico.

Cmq. anche io la vedo priva di significato...ma non credo che si discosterà da quella Imac..a meno che come scrive VITALI.. questo MINIMAC serve agli uffici.

Link to comment
Share on other sites

Las Vegas, 6 gennaio: l'Epifania digitale di Bill Gates che annuncia prodotti e sistemi a tutto campo nel mondo digitale è funestata ancora una volta da un crash e dal classico "schermo blu" di errore di Windows.

Mentre il patron di Microsoft si produceva sul palco di Chicago con Conan o'Brien in una sorta di Late Show in trasferta per presentare i suoi prodotti e i suoi progetti di colonizzazione di tutti gli aspetti della vita digitale, si è materializzato il peggior fantasma che disturba il perfetto piano di "Windowizzazione" dell'elettronica consumer: è bastato collegare una fotocamera digitale Nikon D2X ad un computer Windows Media Center e questo è andato in crash. Lo schermo blu è apparso più tardi con un poco simpatico "out of system memory" ad un product manager che mostrava la facilità d'uso dei giochi su piattaforma Microsoft...

Per mesi Microsoft insieme a tanti suoi convinti sostenitori si è affannata a ripetere che i Media Center non sono computer ma prodotti per la casa, facili da usare, esenti dai problemi che affliggono i computer e più simili al lettore DVD che avete in casa.

Sistemi da con prezzi da 1.200 a 5.000 Euro che riescono a fare tutto, ben organizzati, con una interfaccia coerente e che dovrebbero costituire il centro della vita digitale grazie alla progressiva riduzione dei costi delle memorie flash e degli hard disk.

Niente di errato, Windows Media Center è un notevole passo avanti in termini di configurabilità e l'immenso plotone di sviluppatori Microsoft ha fatto enormi sforzi per rendere compatibile la maggior parte delle periferiche in commercio e creare delle specifiche di compatibilità per i prodotti che arriveranno.

Ma il problema resta uno: sotto questo layer di driver, questa interfaccia "ripulita" c'e' sempre Windows, magari piu' efficiente e "certificato" ma è Windows: la conseguenza è che nel momento topico di una presentazione, con un sistema collaudato, di fronte a centinaia di milioni di consumatori che assisteranno in diretta o in differita, il sistema si blocca rivelando il suo cuore, quello che purtroppo molti utenti conoscono, funestato anche da virus, trojan, problemi di sicurezza e, come in questo caso, di instabilità.

Non sappiamo se questo evento funzionerà da deterrente anche per i più fiduciosi o per qualche major che sta per essere catturata nell'orbita del gigante di Redmond o diventerà, come nel caso della precedente gaffe (dovuta all'improvvido collegamento di uno scanner USB sul palco del Comdex di Chicago) un simpatico portafortuna per la compagnia di Bill Gates: ancora una volta però i derelitti utenti Mac o quelli di iPod che hanno il vento in poppa in questi mesi potranno andare in giro a gridare... "il re è nudo!" e forse su qualche peraltro autorevole rivista di elettronica consumer smetteremo di leggere che i Windows Media Center non sono computer.

Costano come e più di un PC Windows, quelli economici (relativamente economici - costano piu' di 1000-1200 Euro) fanno rumore come e più di un PC Windows, e purtroppo il fatto che abbiano un telecomando e una interfaccia semplificata per i media digitali non può salvarli da crash di sistema. Ora ne abbiamo avuta una dimostrazione ai massimi livelli.

La discussione continua su <a href="http://www.macity.it/forum1/messages/39/477384.shtml?1105078442">questa pagina del Forum di MacityNet</a>.

Link to comment
Share on other sites

>Si sei tu

e ora ti toccherà ricordarmi pure la scommessa.

>edit< ecco la buffonata:

http://www.appleinsider.com/article.php?id=813

"Meanwhile, sources say that Apple also holds a PowerBook G4 upgrade in the pipeline -- rumored to be the last G4 bump before the laptops acquire G5 processors in the second half of 2005.

Sources say Apple will increase the speed of its high-end 15-inch and 17-inch PowerBooks to 1.7GHz with 1.667GHz G4 processors from Motorola's freescale division. The models are also expect boast improved graphics processors."

Link to comment
Share on other sites

Posso aggiungere che questa mattina ho letto su CFNCnbc che Microsoft è vicina all'annunciare un accordo con Sony sulla musica digitale...

Hai hai hai...

Chest dove sei???

Mickey

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share