Mac chat


chest
 Share

Recommended Posts

  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Chest>

"Se a questo "sommi" il fatto che il personal computer si sta diffondendo sempre più, che ormai non esistono più cloni MacOs e che i possessori di Mac non raramente ne hanno 2 o più, capisci bene come la percentuale di persone che usano di Mac sia precipitata."

Non sono d'accordo.

A me interessa lo share, non le macchine vendute.

Intendiamoci, preferirei che Apple vendesse di più, ma io preferisco ragionare a lungo termine e quello che voglio è che amuentino gli utenti Mac in primis, poi le vendite.

Il fatto è che un Mac invecchia più lentamente di un PC.

Perché?

Beh, un po' "grazie" a Motorola.

Comprai un G4 450 appena uscito. Apple mi rapinò 50Mhz per la nota storia (non li ho ancora perdonati).

Dopo quattro anni l'ho venduto quest'estate e, confrontando le sue prestazioni con quelle di un G4 di quest'estate si trattava di una macchina del tutto onesta e assolutamente usabile.

Un PC di quattro anni fa è un catorcio paragonato a un PC di oggi.

E quì subentrano i giochi.

Il Mac ha pochi giochi e questo è un male (per le vendite).

Quindi l'utenza Mac, anche casalinga, è diversa nella media da quella Win.

C'è più gente che col PC ci gioca di quanto crediate e i giochi fanno sembrare vecchio un computer molto di più di un word processor, o di un programma per impaginare.

Quindi il Mac, altamente riciclabile e longevo, paga questi difetti in un ricambio più lento (compensando però con recuperi molto più sostanziosi quando si rivende l'usato).

Tutto questo, ed altri motivi minori, portano a una calo di vendite Mac.

Ma lo share come si misura?

Non ci sono metodi infallibili. Nessuno sa con esattezza quanti computer Win e quanti Mac vengano accesi ogni giorno nel mondo.

Non potendo saperlo molti si basano sulle vendite, sbagliando.

Io guardo invece altri indici. Chi non usa Internet oggi? Pochi.

Google è uno dei più giovani motori di riecerca e zitto zitto ha fatto le scarpe a tutti, non conosco una persona che non lo usi come motore principale.

Ebbene gugol ci ha dato il 5% e io ne sono estremamente soddisfatto.

Ricordiamo infine che l'Italia è uno dei peggiori mercati per Apple.

Quando andai a Parigi (ne è passato di tempo) rimasi sorpreso nel vedere Mac dappertutto. Ma nel Bel Paese c'era Oliv...ehm...

"Io però non sono del tutto pessimista. Ormai l'impatto di OSX si sta stabilizzando. I software arrivano e molti di nuovi stanno per arrivare dal mondo Unix/Linux/Open Source."

Io sono del tutto ottimista.

Chest già lo sa e sono riuscito in parte a trasmettergli parte del mio entusiasmo.

O forse ricorda i tempi passati in cui ero la Cassandra del forum e ci ho azzeccato più volte a prevedere il successo dei prodotti.

E spera mi sia rimasta un po' di veggenza... ;)

(chi mi ha spiazzato è stato iPod. Che vendesse lo sospettavo ma non così).

"Sul mouse a 2 o 3 tasti ho scritto anche io tante di quelle volte... Ci sono cose che a Cupertino ancora non entrano nella zucca alla gente."

E' un punto d'onore per MS. Non so se molleranno.

Del resto nessuno non comprerebbe un Mac per non dover spendere 15 euro (o meno) per un mouse USB.

rivers>

"bastava, come hanno fatto in molti , aggiungere il puntatore in mezzo alla tastiera per dare più libertà all'utente!!!"

Il "clito mouse"? Naaa è terribboli...

Link to comment
Share on other sites

Chest>

"Se a questo "sommi" il fatto che il personal computer si sta diffondendo sempre più, che ormai non esistono più cloni MacOs e che i possessori di Mac non raramente ne hanno 2 o più, capisci bene come la percentuale di persone che usano di Mac sia precipitata."

Non sono d'accordo.

A me interessa lo share, non le macchine vendute.

Intendiamoci, preferirei che Apple vendesse di più, ma io preferisco ragionare a lungo termine e quello che voglio è che amuentino gli utenti Mac in primis, poi le vendite.

Il fatto è che un Mac invecchia più lentamente di un PC.

Perché?

Beh, un po' "grazie" a Motorola.

Comprai un G4 450 appena uscito. Apple mi rapinò 50Mhz per la nota storia (non li ho ancora perdonati).

Dopo quattro anni l'ho venduto quest'estate e, confrontando le sue prestazioni con quelle di un G4 di quest'estate si trattava di una macchina del tutto onesta e assolutamente usabile.

Un PC di quattro anni fa è un catorcio paragonato a un PC di oggi.

E quì subentrano i giochi.

Il Mac ha pochi giochi e questo è un male (per le vendite).

Quindi l'utenza Mac, anche casalinga, è diversa nella media da quella Win.

C'è più gente che col PC ci gioca di quanto crediate e i giochi fanno sembrare vecchio un computer molto di più di un word processor, o di un programma per impaginare.

Quindi il Mac, altamente riciclabile e longevo, paga questi difetti in un ricambio più lento (compensando però con recuperi molto più sostanziosi quando si rivende l'usato).

Tutto questo, ed altri motivi minori, portano a una calo di vendite Mac.

Ma lo share come si misura?

Non ci sono metodi infallibili. Nessuno sa con esattezza quanti computer Win e quanti Mac vengano accesi ogni giorno nel mondo.

Non potendo saperlo molti si basano sulle vendite, sbagliando.

Io guardo invece altri indici. Chi non usa Internet oggi? Pochi.

Google è uno dei più giovani motori di riecerca e zitto zitto ha fatto le scarpe a tutti, non conosco una persona che non lo usi come motore principale.

Ebbene gugol ci ha dato il 5% e io ne sono estremamente soddisfatto.

Ricordiamo infine che l'Italia è uno dei peggiori mercati per Apple.

Quando andai a Parigi (ne è passato di tempo) rimasi sorpreso nel vedere Mac dappertutto. Ma nel Bel Paese c'era Oliv...ehm...

"Io però non sono del tutto pessimista. Ormai l'impatto di OSX si sta stabilizzando. I software arrivano e molti di nuovi stanno per arrivare dal mondo Unix/Linux/Open Source."

Io sono del tutto ottimista.

Chest già lo sa e sono riuscito in parte a trasmettergli parte del mio entusiasmo.

O forse ricorda i tempi passati in cui ero la Cassandra del forum e ci ho azzeccato più volte a prevedere il successo dei prodotti.

E spera mi sia rimasta un po' di veggenza... ;)

(chi mi ha spiazzato è stato iPod. Che vendesse lo sospettavo ma non così).

"Sul mouse a 2 o 3 tasti ho scritto anche io tante di quelle volte... Ci sono cose che a Cupertino ancora non entrano nella zucca alla gente."

E' un punto d'onore per MS. Non so se molleranno.

Del resto nessuno non comprerebbe un Mac per non dover spendere 15 euro (o meno) per un mouse USB.

rivers>

"bastava, come hanno fatto in molti , aggiungere il puntatore in mezzo alla tastiera per dare più libertà all'utente!!!"

Il "clito mouse"? Naaa è terribboli...

Link to comment
Share on other sites

Chest>

"Se a questo "sommi" il fatto che il personal computer si sta diffondendo sempre più, che ormai non esistono più cloni MacOs e che i possessori di Mac non raramente ne hanno 2 o più, capisci bene come la percentuale di persone che usano di Mac sia precipitata."

Non sono d'accordo.

A me interessa lo share, non le macchine vendute.

Intendiamoci, preferirei che Apple vendesse di più, ma io preferisco ragionare a lungo termine e quello che voglio è che amuentino gli utenti Mac in primis, poi le vendite.

Il fatto è che un Mac invecchia più lentamente di un PC.

Perché?

Beh, un po' "grazie" a Motorola.

Comprai un G4 450 appena uscito. Apple mi rapinò 50Mhz per la nota storia (non li ho ancora perdonati).

Dopo quattro anni l'ho venduto quest'estate e, confrontando le sue prestazioni con quelle di un G4 di quest'estate si trattava di una macchina del tutto onesta e assolutamente usabile.

Un PC di quattro anni fa è un catorcio paragonato a un PC di oggi.

E quì subentrano i giochi.

Il Mac ha pochi giochi e questo è un male (per le vendite).

Quindi l'utenza Mac, anche casalinga, è diversa nella media da quella Win.

C'è più gente che col PC ci gioca di quanto crediate e i giochi fanno sembrare vecchio un computer molto di più di un word processor, o di un programma per impaginare.

Quindi il Mac, altamente riciclabile e longevo, paga questi difetti in un ricambio più lento (compensando però con recuperi molto più sostanziosi quando si rivende l'usato).

Tutto questo, ed altri motivi minori, portano a una calo di vendite Mac.

Ma lo share come si misura?

Non ci sono metodi infallibili. Nessuno sa con esattezza quanti computer Win e quanti Mac vengano accesi ogni giorno nel mondo.

Non potendo saperlo molti si basano sulle vendite, sbagliando.

Io guardo invece altri indici. Chi non usa Internet oggi? Pochi.

Google è uno dei più giovani motori di riecerca e zitto zitto ha fatto le scarpe a tutti, non conosco una persona che non lo usi come motore principale.

Ebbene gugol ci ha dato il 5% e io ne sono estremamente soddisfatto.

Ricordiamo infine che l'Italia è uno dei peggiori mercati per Apple.

Quando andai a Parigi (ne è passato di tempo) rimasi sorpreso nel vedere Mac dappertutto. Ma nel Bel Paese c'era Oliv...ehm...

"Io però non sono del tutto pessimista. Ormai l'impatto di OSX si sta stabilizzando. I software arrivano e molti di nuovi stanno per arrivare dal mondo Unix/Linux/Open Source."

Io sono del tutto ottimista.

Chest già lo sa e sono riuscito in parte a trasmettergli parte del mio entusiasmo.

O forse ricorda i tempi passati in cui ero la Cassandra del forum e ci ho azzeccato più volte a prevedere il successo dei prodotti.

E spera mi sia rimasta un po' di veggenza... ;)

(chi mi ha spiazzato è stato iPod. Che vendesse lo sospettavo ma non così).

"Sul mouse a 2 o 3 tasti ho scritto anche io tante di quelle volte... Ci sono cose che a Cupertino ancora non entrano nella zucca alla gente."

E' un punto d'onore per MS. Non so se molleranno.

Del resto nessuno non comprerebbe un Mac per non dover spendere 15 euro (o meno) per un mouse USB.

rivers>

"bastava, come hanno fatto in molti , aggiungere il puntatore in mezzo alla tastiera per dare più libertà all'utente!!!"

Il "clito mouse"? Naaa è terribboli...

Link to comment
Share on other sites

Caro Diego, certamente mi hai trasmesso un po' di ottimismo per l'arrivo del software unix/linux.

Sul numero di macchine però ribatto ancora. Lo "share" si può misurare in vari modi obbiettivi.

1) Numero di macchine vendute da Apple nell'anno solare. Siamo sotto i 4 milioni. A fronte di vendite di tutti gli altri parecchio sopra i 100 milioni. Che importa se ci metto i cloni? Loro li hanno, noi no.

2) Numero di ore che una persona passa davanti ad un computer, una sorte di misuratore di "utilità". Anche qui temo che il Mac NOn sia messo bene. Winsozz serve per lavorare ad un sacco di gente. Molti mac languono a casa fino a sera

3) Numero di persone fisiche che hanno un Mac. A causa o no della propri longevità, è un dato di fatto che gli utenti Mac tendono ad averne più di uno. La cosa accade anche nel mondo winsozz ma credo in misura minore

4) Percentuale sui fatturati, anzichè sulle unità vendute. Qui Apple si ripiglia sempre un po' perchè le macchine sono più care.

5) Navigazione web. Lungi da me voler attaccare il dato fornito da Google, però i dati forniti da servizi specializzati in questo genere di rilevazioni sono molto diversi. Vedi The Counter che ci mette al 2%.

6) Percentuale sui fatturati di software. Anche qui secondo me Apple si tira un po' su.

Però francamente non credo che in nessuna di queste 6 categorie ormai Apple arrivi al 5%!!!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share