Mac chat


Recommended Posts

Secondo me il problema prezzo/prestazioni non è poi tanto rilevante.

Ok, è vero che su alcuni prodotti Apple tiene un prezzo troppo alto rispetto alle prestazioni (soprattutto sul mercato europeo) e finisce per non centrare in pieno il proprio target, ma è anche vero che certi prodotti sono convenienti se teniamo in considerazione hw,sw e design.

UTENTE MEDIO

Il discorso principale è che il mac non si diffonde perchè.. non è diffuso, e perchè non ha visibilità reale....

E' vero che tramite Limewire & c. il software piratato si trova, ma è anche vero che l'utente medio NON SA nemmeno che esiste limewire. Al massimo conosce roba tipo kazaa e imesh e (se li usa) li usa principalmente per scaricare canzoni.

Insomma, non è il fatto di trovare software pirata in qualche modo, ma con quale facilità trovarlo.

Stessa cosa per l'assistenza. Tutti conoscono qualcuno che ha un PC e quindi questo qualcuno, come è stato detto, di solito fornisce una "prima assistenza" in caso di bisogno. E questa stessa persona fornisce spesso anche i vari software.

C'è una bella differenza per le gente comune fra prendere la suite di office copiata su un cd e scaricarla da internet senza adsl e senza sapere dove cercare.

Poi il Mac non ha visibilità. Giustissimo che Apple si faccia dei partners commerciali tipo mediaworld & c. per far vedere i propri prodotti.. ma non è abbastanza.

Apple dovrebbe puntare anche agli spot televisivi, ai giornali & c. Lo so che non ha le risorse per farlo qui in Italia, ma credo sia un passo necessario.

Le persone comuni si fanno condizionare velocemente da uno spot tv. Trasmettere l'idea che il Mac sia un oggetto figo, un po' come il cellulare cromato mms o cose del genere (so che fa schifo da dirsi, ma forse potrebbe essere la via giusta), ma anche un sistema per fare tutto quello che ci pare come su Windows, meglio di Windows, senza l'aiuto di nessuno, potrebbe innescare una specie di "moda Apple" un po' sulla strada del vecchio iMac.

UTENTE CHE CAPISCE QUALCOSA

Per l'utente che conosce un minimo di computer invece c'è il fatto, importante secondo me, che oggi come oggi il Mac non rappresenta questa così grande "evoluzione" rispetto ai PC.

Voglio dire, anni fa questa differenza c'era. Prima di w2000 ed XP Windows era instabile a palla. Prima di W95 c'era il Dos ed allora si sentiva la differenza: un sistema grafico ad icone semplice e potente o un coso in cui pigiare comandi astrusi tipo copy e dir ?

Apple dovrebbe inventare, inventare, inventare.

Ok che il design importante (sono uno sfegatato per il design), ma quello che manca ad apple è una vera e propria rivoluzione.

Il famoso vecchio iMac non è la versione ridisegnata della geniale idea Mac del 1984 ? (lasciando perdere altri mac ancora più vecchi con queste caratteristiche..) Unire monitor a computer in modo compatto. Eccezionale idea. Ma del 1984. Possibile non trovare qualcosa del genere al giorno d'oggi? Una rivoluzione di pari entità?

Il sistema operativo.. Mac os era avanti anni luce, il dos era quello che era, nemmeno un cieco rischiava di confondersi.

Per l'utente medio oggi Windows e os X sono più o meno la stessa cosa, non cambia di molto.

Se Apple, anche a livello di OS riuscisse a rivoluzionare qualcosa, a creare un sistema per interagire con il computer in modo diverso, allora potrebbe crearsi un nuovo gap tecnologico fra le due piattaforme. Che ne so, un sistema per interagire con le finestre in uno spazio 3d (non semplici effetti ma qualcosa che rivoluzioni e renda più produttivo l'uso del computer), una tecnologia a comando vocale che funzioni bene in tutte le lingue.

Apple DEVE necessariamente inventare qualcosa di RIVOLUZIONARIO. Non semplicemente cambiare design e mettere i processori che gli passa motorola ogni morte di papa.

Link to post
Share on other sites
  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Secondo me il problema prezzo/prestazioni non è poi tanto rilevante.

Ok, è vero che su alcuni prodotti Apple tiene un prezzo troppo alto rispetto alle prestazioni (soprattutto sul mercato europeo) e finisce per non centrare in pieno il proprio target, ma è anche vero che certi prodotti sono convenienti se teniamo in considerazione hw,sw e design.

UTENTE MEDIO

Il discorso principale è che il mac non si diffonde perchè.. non è diffuso, e perchè non ha visibilità reale....

E' vero che tramite Limewire & c. il software piratato si trova, ma è anche vero che l'utente medio NON SA nemmeno che esiste limewire. Al massimo conosce roba tipo kazaa e imesh e (se li usa) li usa principalmente per scaricare canzoni.

Insomma, non è il fatto di trovare software pirata in qualche modo, ma con quale facilità trovarlo.

Stessa cosa per l'assistenza. Tutti conoscono qualcuno che ha un PC e quindi questo qualcuno, come è stato detto, di solito fornisce una "prima assistenza" in caso di bisogno. E questa stessa persona fornisce spesso anche i vari software.

C'è una bella differenza per le gente comune fra prendere la suite di office copiata su un cd e scaricarla da internet senza adsl e senza sapere dove cercare.

Poi il Mac non ha visibilità. Giustissimo che Apple si faccia dei partners commerciali tipo mediaworld & c. per far vedere i propri prodotti.. ma non è abbastanza.

Apple dovrebbe puntare anche agli spot televisivi, ai giornali & c. Lo so che non ha le risorse per farlo qui in Italia, ma credo sia un passo necessario.

Le persone comuni si fanno condizionare velocemente da uno spot tv. Trasmettere l'idea che il Mac sia un oggetto figo, un po' come il cellulare cromato mms o cose del genere (so che fa schifo da dirsi, ma forse potrebbe essere la via giusta), ma anche un sistema per fare tutto quello che ci pare come su Windows, meglio di Windows, senza l'aiuto di nessuno, potrebbe innescare una specie di "moda Apple" un po' sulla strada del vecchio iMac.

UTENTE CHE CAPISCE QUALCOSA

Per l'utente che conosce un minimo di computer invece c'è il fatto, importante secondo me, che oggi come oggi il Mac non rappresenta questa così grande "evoluzione" rispetto ai PC.

Voglio dire, anni fa questa differenza c'era. Prima di w2000 ed XP Windows era instabile a palla. Prima di W95 c'era il Dos ed allora si sentiva la differenza: un sistema grafico ad icone semplice e potente o un coso in cui pigiare comandi astrusi tipo copy e dir ?

Apple dovrebbe inventare, inventare, inventare.

Ok che il design importante (sono uno sfegatato per il design), ma quello che manca ad apple è una vera e propria rivoluzione.

Il famoso vecchio iMac non è la versione ridisegnata della geniale idea Mac del 1984 ? (lasciando perdere altri mac ancora più vecchi con queste caratteristiche..) Unire monitor a computer in modo compatto. Eccezionale idea. Ma del 1984. Possibile non trovare qualcosa del genere al giorno d'oggi? Una rivoluzione di pari entità?

Il sistema operativo.. Mac os era avanti anni luce, il dos era quello che era, nemmeno un cieco rischiava di confondersi.

Per l'utente medio oggi Windows e os X sono più o meno la stessa cosa, non cambia di molto.

Se Apple, anche a livello di OS riuscisse a rivoluzionare qualcosa, a creare un sistema per interagire con il computer in modo diverso, allora potrebbe crearsi un nuovo gap tecnologico fra le due piattaforme. Che ne so, un sistema per interagire con le finestre in uno spazio 3d (non semplici effetti ma qualcosa che rivoluzioni e renda più produttivo l'uso del computer), una tecnologia a comando vocale che funzioni bene in tutte le lingue.

Apple DEVE necessariamente inventare qualcosa di RIVOLUZIONARIO. Non semplicemente cambiare design e mettere i processori che gli passa motorola ogni morte di papa.

Link to post
Share on other sites

A proposito della proposta di legge sul pluralismo informatico, la Commissione affari Costituzionali ne ha già discusso ed ha rinviato la discussione al termine dei lavori della commissione di esperti che il governo ha istituito in proposito. Se volete conoscere i dettagli della discussione, il resoconto è quì:

http://www.senato.it/Commissioni/Comm01/home_lavori.htm

Link to post
Share on other sites

A proposito della proposta di legge sul pluralismo informatico, la Commissione affari Costituzionali ne ha già discusso ed ha rinviato la discussione al termine dei lavori della commissione di esperti che il governo ha istituito in proposito. Se volete conoscere i dettagli della discussione, il resoconto è quì:

http://www.senato.it/Commissioni/Comm01/home_lavori.htm

Link to post
Share on other sites

A proposito della proposta di legge sul pluralismo informatico, la Commissione affari Costituzionali ne ha già discusso ed ha rinviato la discussione al termine dei lavori della commissione di esperti che il governo ha istituito in proposito. Se volete conoscere i dettagli della discussione, il resoconto è quì:

http://www.senato.it/Commissioni/Comm01/home_lavori.htm

Link to post
Share on other sites

Piu' che un Davide contro Golia la Zucchetti è un'azienda che cerca di difendere il proprio orticello. Conosco bene i meccanismi di questa azienda, e delle sue simili, e non credo che la lettera si stata scritta sotto l'impulso della filantropia o della filosofia dell'Open Source. Non c'è un solo prodotto Zucchetti che sia free, forse qualcosina Open.

A mio avviso la Zucchetti (e le sue due o tre concorrenti) sono delle MS in miniatura, fossilizzate tecnologicamente e che fino a ieri non si facevano problemi a vendere soluzioni SOLO per prodotti MS. Trovatemi un gestionale italiano di un certo peso che giri su Lunix, neanche free, solo Open.

Mandare in giro una distribuzione della RedHat non significa essere diventati dei fautori delle pari opportunità informatiche! Avere formati propietari non aperti significa basare il proprio sviluppo di mercato sullo zoccolo di utenti già acquisiti, che non potendo portare i propri dati su gestionali concorrenti in modo facile, continuano a comprare sempre lo stesso prodotto, a causa dell compatibilità e non dalla libera scelta. Non voglio assolutamente dire che i prodotti della Zucchetti siano di scarso livello, che siano peggio o meglio dei concorrenti, sono sicuro che sono ottimi prodotti. Quello che sto criticando è la filosofia della lettera: non si può criticare la MS quando, fino al giorno prima, si facevano le stesse politiche aziendali e la si prendeva ad esempio.

A me sempra più un lupo travestito da agnello.

Link to post
Share on other sites

Piu' che un Davide contro Golia la Zucchetti è un'azienda che cerca di difendere il proprio orticello. Conosco bene i meccanismi di questa azienda, e delle sue simili, e non credo che la lettera si stata scritta sotto l'impulso della filantropia o della filosofia dell'Open Source. Non c'è un solo prodotto Zucchetti che sia free, forse qualcosina Open.

A mio avviso la Zucchetti (e le sue due o tre concorrenti) sono delle MS in miniatura, fossilizzate tecnologicamente e che fino a ieri non si facevano problemi a vendere soluzioni SOLO per prodotti MS. Trovatemi un gestionale italiano di un certo peso che giri su Lunix, neanche free, solo Open.

Mandare in giro una distribuzione della RedHat non significa essere diventati dei fautori delle pari opportunità informatiche! Avere formati propietari non aperti significa basare il proprio sviluppo di mercato sullo zoccolo di utenti già acquisiti, che non potendo portare i propri dati su gestionali concorrenti in modo facile, continuano a comprare sempre lo stesso prodotto, a causa dell compatibilità e non dalla libera scelta. Non voglio assolutamente dire che i prodotti della Zucchetti siano di scarso livello, che siano peggio o meglio dei concorrenti, sono sicuro che sono ottimi prodotti. Quello che sto criticando è la filosofia della lettera: non si può criticare la MS quando, fino al giorno prima, si facevano le stesse politiche aziendali e la si prendeva ad esempio.

A me sempra più un lupo travestito da agnello.

Link to post
Share on other sites

Piu' che un Davide contro Golia la Zucchetti è un'azienda che cerca di difendere il proprio orticello. Conosco bene i meccanismi di questa azienda, e delle sue simili, e non credo che la lettera si stata scritta sotto l'impulso della filantropia o della filosofia dell'Open Source. Non c'è un solo prodotto Zucchetti che sia free, forse qualcosina Open.

A mio avviso la Zucchetti (e le sue due o tre concorrenti) sono delle MS in miniatura, fossilizzate tecnologicamente e che fino a ieri non si facevano problemi a vendere soluzioni SOLO per prodotti MS. Trovatemi un gestionale italiano di un certo peso che giri su Lunix, neanche free, solo Open.

Mandare in giro una distribuzione della RedHat non significa essere diventati dei fautori delle pari opportunità informatiche! Avere formati propietari non aperti significa basare il proprio sviluppo di mercato sullo zoccolo di utenti già acquisiti, che non potendo portare i propri dati su gestionali concorrenti in modo facile, continuano a comprare sempre lo stesso prodotto, a causa dell compatibilità e non dalla libera scelta. Non voglio assolutamente dire che i prodotti della Zucchetti siano di scarso livello, che siano peggio o meglio dei concorrenti, sono sicuro che sono ottimi prodotti. Quello che sto criticando è la filosofia della lettera: non si può criticare la MS quando, fino al giorno prima, si facevano le stesse politiche aziendali e la si prendeva ad esempio.

A me sempra più un lupo travestito da agnello.

Link to post
Share on other sites

Condivido in pieno le preoccupazioni espresse da Zucchetti.

Non mi interessa fare del moralismo sul fatto che pesce mangia altro pesce che alla fine mangia noi.

Basta che nel mare non resti un pesce solo che alla fine mangia noi. Perchè i pesci piccoli mordono con meno violenza.

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now