Mac chat


chest
 Share

Recommended Posts

Da Wired del 1993:

"Most of today's operating systems, including DOS, Unix, and OS/2, are based on twenty- year-old technology created for mainframes and minicomputers. The Macintosh represented the first major commercial break from this tradition by developing ideas from Xerox PARC and other research labs into products that were marketed in 1984. But even Macintosh technology is more than ten years old.

During the last half of the 1980s, while most of the microcomputer industry was cashing in on the pre-existing design of the IBM PC and devoting shockingly little money to research and development, Apple poured hundreds of millions of dollars into fundamental research. Much of Apple's research centered on this basic theme: Given what we know now about the Macintosh, what would we do if we had it all to do over again? This strategy, although it appeared risky at the time, ultimately proved correct.

By 1990, the fruits of Apple's investment in research and development and new personnel (including a whole new crop of whiz kids just out of high school) began to pay off big. The results were new multimedia technologies, user interface designs, and operating systems technology that were superior to anything on the market at the time. "

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Da Wired del 1993:

"Most of today's operating systems, including DOS, Unix, and OS/2, are based on twenty- year-old technology created for mainframes and minicomputers. The Macintosh represented the first major commercial break from this tradition by developing ideas from Xerox PARC and other research labs into products that were marketed in 1984. But even Macintosh technology is more than ten years old.

During the last half of the 1980s, while most of the microcomputer industry was cashing in on the pre-existing design of the IBM PC and devoting shockingly little money to research and development, Apple poured hundreds of millions of dollars into fundamental research. Much of Apple's research centered on this basic theme: Given what we know now about the Macintosh, what would we do if we had it all to do over again? This strategy, although it appeared risky at the time, ultimately proved correct.

By 1990, the fruits of Apple's investment in research and development and new personnel (including a whole new crop of whiz kids just out of high school) began to pay off big. The results were new multimedia technologies, user interface designs, and operating systems technology that were superior to anything on the market at the time. "

Link to comment
Share on other sites

Da Wired del 1993:

"Most of today's operating systems, including DOS, Unix, and OS/2, are based on twenty- year-old technology created for mainframes and minicomputers. The Macintosh represented the first major commercial break from this tradition by developing ideas from Xerox PARC and other research labs into products that were marketed in 1984. But even Macintosh technology is more than ten years old.

During the last half of the 1980s, while most of the microcomputer industry was cashing in on the pre-existing design of the IBM PC and devoting shockingly little money to research and development, Apple poured hundreds of millions of dollars into fundamental research. Much of Apple's research centered on this basic theme: Given what we know now about the Macintosh, what would we do if we had it all to do over again? This strategy, although it appeared risky at the time, ultimately proved correct.

By 1990, the fruits of Apple's investment in research and development and new personnel (including a whole new crop of whiz kids just out of high school) began to pay off big. The results were new multimedia technologies, user interface designs, and operating systems technology that were superior to anything on the market at the time. "

Link to comment
Share on other sites

daniele

<font color="ff0000">Non è più fuori luogo di certe critiche insensate (o di certe "difese" parimenti insensate). Anche con OSX (e anche con Windows, in realtà) si può fare. Parti in modalità console (c'è anche in Windows 2000/Xp, si chiama Repair Mode) e ripristini il file corrotto.

In OS9 non lo so, ma immagino che in caso di blocco totale (id est: non parte più il sistema) fosse più o meno la stessa cosa. </font>

il fatto è che con os9 la modalità "terminale" proprio non esisteva. e la riparazione di alcuni casini era molto più semplice.

ti faccio un esempio, estremizzato, quindi prendilo appunto come caso limite.

che fai se "casualmente" cancelli la cartella system?

con osx, correggimi se sbaglio, devi reinstallare. con os 9 e precedenti che fai? parti con il cd sul quale trovi l'immagine disco della cartella sistema e la copi sull'hard disk. riavvii e tutto torna ok, poi ti ricostruisci il resto similmente.

se con osx "perdi" un'estensione o qualcosa si simile, che so, perdi il modulo che gestisce la scheda grafica... col mac os classico riavvi da cd, entri nella cartella sistema e ti riprendi l'estensione...

con questo intendo che il vecchio mac era più semplice da gestire.

per il resto è pacifico che il nuovo os x è superiore in tutto.

Link to comment
Share on other sites

1991:

Microsoft: After, in fact the failure of MS-DOS 4.0, Microsoft introduces MS-DOS 5.0 to the market. This version can only be used optimally on machines with a CPU of 80386 or higher. The new version has a limited task swapping, a GUI users surface and does use completely an expanded and extended memory. In principle, all drivers -xx386 and higher- can be stored in the higher part of the memory (high mem). Tools which were acquired by other manufacturers (such as recover, unformat etc.) are now an integrated part of the new DOS version, however in a more simple form.

Apple: After a long wait for the users, Apple launches OS7. Herewith a big leap has been made. Similar to MS-DOS many optional which had to bought before separately, are now included.

Link to comment
Share on other sites

1991:

Microsoft: After, in fact the failure of MS-DOS 4.0, Microsoft introduces MS-DOS 5.0 to the market. This version can only be used optimally on machines with a CPU of 80386 or higher. The new version has a limited task swapping, a GUI users surface and does use completely an expanded and extended memory. In principle, all drivers -xx386 and higher- can be stored in the higher part of the memory (high mem). Tools which were acquired by other manufacturers (such as recover, unformat etc.) are now an integrated part of the new DOS version, however in a more simple form.

Apple: After a long wait for the users, Apple launches OS7. Herewith a big leap has been made. Similar to MS-DOS many optional which had to bought before separately, are now included.

Link to comment
Share on other sites

1991:

Microsoft: After, in fact the failure of MS-DOS 4.0, Microsoft introduces MS-DOS 5.0 to the market. This version can only be used optimally on machines with a CPU of 80386 or higher. The new version has a limited task swapping, a GUI users surface and does use completely an expanded and extended memory. In principle, all drivers -xx386 and higher- can be stored in the higher part of the memory (high mem). Tools which were acquired by other manufacturers (such as recover, unformat etc.) are now an integrated part of the new DOS version, however in a more simple form.

Apple: After a long wait for the users, Apple launches OS7. Herewith a big leap has been made. Similar to MS-DOS many optional which had to bought before separately, are now included.

Link to comment
Share on other sites

Daniele e' una forzatura credere che i fattori tecnici, perche' tecnici siano oggettivi mentre quelli di percezione del prodotto non lo siano.

Ci sono pagine e pagine di libri di marketing che spiegano come si realizzi una mappa di percezione di un prodotto (fisico o no) e come la si possa condurre a uno spazio dimensionale e quindi misurabile. Su di esse si appoggia la differenziazione di prodotto che e' uno dei cardini del marketing.

Dal lato del cliente conta la percezione, mentre gli aspetti tecnici riguardano il progettista e/o una piccola nicchia di consumatori tecno fan che abbondano forse nel mondo di windows e sicuramente di linux ma non nel mondo mac.

Link to comment
Share on other sites

Scusate ma non si tratta di essere tecno fan per capire che avere il preemptive multitaksing è meglio di non averlo.

Con MacOSX posso lanciare una codifica MPEG2 sfruttando i due processori e magari scrivermi un documento word e scaricarmi da internet un file, visto che gli ultimi due task consumano poca cpu, è possibile farlo senza rallentamenti di sorta (con una produttività decisamente maggiore)...credete che con l'OS classico si potesse fare? NO...

E via discorrendo...non si tratta di caratteristiche prive di impatto, tutt'altro...

La GUI di Classic era meglio? OK...OSX è migliorabile ma non c'è dubbio alcuno che il core del sistema sia superiore e negare questo vuol dire mancare di obbiettività...

Link to comment
Share on other sites

<font color="ff0000">che fai se "casualmente" cancelli la cartella system? </font>

Sai bene che OSX, grazie alla struttura di Unix, non ti permette questi errori. Non ci puoi manco scrivere nella cartella di sistema. Certo, può capitare che si corrompa, ma è un caso talmente limite che cmq rientra nei problemi fisiologici di un sistema. Preoccuparsi di una cosa del genere può essere sensato, ma secondo me è un po' da estremisti. Quella volta nella vita che succede, reinstalli, cosa che può fare chiunque. Capisco le tue critiche rivolte al fatto che OS9 era più versatile da questo punto di vista, hai ragione, però è solo un dato.

<font color="ff0000">Daniele e' una forzatura credere che i fattori tecnici, perche' tecnici siano oggettivi mentre quelli di percezione del prodotto non lo siano. </font>

Un fattore tecnico lo puoi "misurare". Stabilità, performance, tutte queste cose si possono misurare. Il resto, come i trattati di marketing che tu citi, non sono scienze esatte. Non si può affermare scientificamente "questa interfaccia è migliore di quell'altra". Per cui è sempre un discorso soggettivo. Che poi come dice gennaro, i più grandi esperti dicano che la GUI di OSX sia inferiore a quella di OS9, ok avranno anche ragione, sono esperti. E dopotutto, sappiamo bene che OSX ha delle lacune rispetto a OS9 in questo senso che è difficile non vedere.

<font color="ff0000">Dal lato del cliente conta la percezione, mentre gli aspetti tecnici riguardano il progettista e/o una piccola nicchia di consumatori tecno fan che abbondano forse nel mondo di windows e sicuramente di linux ma non nel mondo mac.</font>

E' questa concezione, caro Massimo, che è completamente sbagliata, senza offesa. Voi "utenti mac" guardate solo agli aspetti di usabilità, ok importantissimi. Ma un sistema si basa sugli aspetti tecnici, anche se voi non li vedete. Un sistema con un kernel pessimo, è un pessimo sistema, può anche avere la più bella interfaccia del mondo. Stabilità, velocità (e qui OSX non brilla), performance nell'esecuzione delle istruzioni, etc... un utente le vede eccome. Se hai un sistema con un filesistem schifoso, per esempio, si frammenterà facilmente (come windows) e dopo poco avrai un sistema lentissimo. Come vedi gli aspetti tecnici non sono importanti, sono fondamentali, e Apple nel creare il suo nuovo sistema sta puntando su questo. Come dire, quando si costruisce una casa, si parte da solide fondamenta, poi si fa il resto. L'unica pecca di Apple, è che ci sta mettendo tanto a fare il resto, ma almeno quando avrà finito avremo un sistema davvero innovativo, potente, moderno e nessuno penserà più a OS9. Sempre che Franco risolva i suoi casini Posted Image

Ciao,

Daniele

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share