Mac chat


chest
 Share

Recommended Posts

>non c'è dubbio alcuno che il core del sistema sia superiore e negare questo vuol dire mancare di obbiettività...

scusami, ma forse mi sono perso dei pezzi per strada: chi l'ha negato? mi sembra che qui si stia parlando prevalentemente di GUI, argomento che ha poco da spartire con multitasking, core & c.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 22.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Non soltanto, perchè quì si stava affermando che se un sistema ha una GUI migliore di un altro allora è superiore...e che ogni altra considerazione è "puro tecnicismo" solo perchè "non si vede"...

Come dire che un'auto è buona solo perchè ha degli interni comodi ed è esteticamente bella, poi se il motore, il telaio, e il resto fanno schifo, siccome sono cose che non si vedono poco importa...

Link to comment
Share on other sites

Daniele> chiedo a Franco (senza intenti polemici o canzonatori, ma proprio per capire) perchè usa OSX se ha così tanti casini

Mi sembra chiara la risposta, non ci sono alternative, e me lo sono ritrovato.

Nessuna macchina nuova booterà con altro, e ormai il software che uso è aggiornato - e poi il 9.2 non mancava di problemi di stabilità e di altro genere, ed era primo intuitivo e poi ufficialmente dichiarato il suo abbandono da parte di Apple.

L'unica alternativa è lo switch, che peraltro alcuni miei colleghi con "anzianità di mac" poco inferiore alla mia hanno fatto proprio nei mesi scorsi. Incontro uno di questi a una visita collegiale, vede l'AlBook nuovo di zecca, grazioso, mi fa, se vuoi passare a qualcosa di serio ti faccio provare il mio, non dico il modello, con Dragon e i moduli di riconoscimento vocale dedicati al lessico medico risparmio ore di lavoro. Non ho avuto il coraggio di dirgli che per usare ViaVoice dal mac dovrei passare da un VirtualPC così malconcio che è meglio lasciar stare.

Ho già in batteria un athlon con xp pro, e in oltre un anno non mi ha dato il benché minimo problema. Tuttavia non fa testo, perché è stato usato solo per due-tre mansioni specifiche e part-time, non con il carico complessivo e casuale di lavoro e nonlavoro che è rimasto su mac.

Non sapendo nemmeno se il comportamento di xp sia diverso su un portatile (ne ho avuti due in prova, ma per pochi giorni), meglio evitare esperimenti, almeno per ora.

Ho avuto un atteggiamento attendista prima di Jaguar, visto che imho i 10.0.x e 10.1.x erano inutilizzabili - sai com'è, mi fa un po' senso un sistema operativo in cui se sposti una finestra te ne rimane mezza qui e mezza là, poi si sposta l'altra mezza e resta un quadratone bianco, tanto per il refresh c'è tempo, oppure clicchi e stai lì ad aspettare che venga giù la tendina.

Ma basta essere di bocca buona - ora tutti ammettono che le precedenti erano versioni lente, ma a suo tempo chi, come me e cixxo e qualcun'altro, tornò subito al 9 fu oggetto di cori da stadio.

Il problema reale non è a X manchino features, come il menu mela, o un miglior box open/save, o il driver dello scanner taldeitali.

Quelle si aggiungono, e poi si dimentica la vecchia versione.

Il problema è che è sfuggente, si comporta in modo anomalo e imprevedibile.

Come se, nell'esempio della lavatrice che qualcuno ha riportato, tu imposti la lana a 20° e ti fa il biologico, oppure se rifiuta di farti la centrifuga perché non hai i privilegi necessari.

Come un circuito elettrico con falsi contatti: stai meno a buttarlo e rifarlo che cercare il guasto.

Poi scusa neh, ma se hai un crash di sistema di quelli belli duri fa qualche differenza disporre di un cd-rom d'avvio da cui accedere ai contenuti o no?

Fa differenza, in termini di rapidità di eventuale assistenza, avere un sistema unix o un sistema con una diffusione trenta volte maggiore? Se offri un sistema più complesso e di difficile gestione nelle emergenze, perché devi abbandonare il cliente in balia di se stesso?

Con il 9 non era impossibile far da sé nell'uscita da un disastro; con X, per esperienza diretta su un iMac non è bastata una settimana presso un Apple Centre.

Ruben e stampante>

La Epson EPL-5800 ha sempre stampato sotto X, tranne lo scorso autunno in cui i driver proprio non c'erano (GimpPrint era una tale robaccia che lo cestinai subito), ma con mansioni limitate e una lentezza esasperante (anche da classic), al punto da dover passare i file al pc per avere velocità accettabili.

Con il driver epson beta, non era possibile selezionare più di una scelta di stampa, per esempio le pagine da 2 a 4 con risoluzione 1200 dpi in 3 copie. Dovevi stamparne una, poi la seconda, poi la terza. A volte perdeva la memoria dei comandi e dovevi aprire il centro stampa per vedere se c'era qualcosa in attesa.

Ogni tanto decideva di sospendere la stampa, e dovevi riattivarla a manina dal suo pulsantino nel menu del centro stampa.

Come spararsi in un piede.

Con l'arrivo del driver epson definitivo, che feci l'errore di installare ed è quello tuttora disponibile in download, è semplicemente scomparsa l'opzione di stampa ad alta risoluzione, e la 5800 è diventata una stampante a 1200 dpi che da OS X stampa a 600 dpi. Fullstop.

Provalo anche tu, ma conserva l'immagine del vecchio driver.

Circa la connessione LAN, è interessante il commento, qualche post più in su, che basta inserire l'IP per vedere subito un altro mac in rete.

Quindi, basta che dall'altra parte del cavo, sull'altro computer si digiti, per esempio, 192.168.1.1 , badando bene a ricordare quello giusto, a non sbagliare la digitazione neanche di una cifra e a non dimenticare nemmeno un punto, e il problema è risolto.

Della serie, c'era una volta il macintosh.

Link to comment
Share on other sites

Credo che il 90% di noi non si renda conto di quello che Apple è riuscita a fare...

MacOSX è un BSD cavolo!!! Ma avete idea di come usare un BSD classico tipo FreeBSD sia gratificante per la potenza ma frustrante per la complessità?

Apple ha reso alla portata di tutti FreeBSD, ha dimostrato che UNIX può essere facile da usare, e questo è un traguardo incredibile.

Come dire la potenza di UNIX in mano a tutti, non è poco credetemi...

A suo modo una piccola rivoluzione, non paragonabile a quella del primo Mac come impatto, ma sicuramente non trascurabile...

Link to comment
Share on other sites

daniele

<font color="ff0000">Sai bene che OSX, grazie alla struttura di Unix, non ti permette questi errori. Non ci puoi manco scrivere nella cartella di sistema. Certo, può capitare che si corrompa, ma è un caso talmente limite che cmq rientra nei problemi fisiologici di un sistema. Preoccuparsi di una cosa del genere può essere sensato, ma secondo me è un po' da estremisti. Quella volta nella vita che succede, reinstalli, cosa che può fare chiunque. Capisco le tue critiche rivolte al fatto che OS9 era più versatile da questo punto di vista, hai ragione, però è solo un dato. </font>

io invece ti posso dire che ho fatto un grosso casino che teoricamente sarebbe stato impossibile fare.

l'ho raccontato più volte.

mi sono comparsi gli alias (alias mac, non link unix) alle cartelle etc, usr, bin ed altre. tra l'altro l'icona degli alias era un foglietto bianco.

bene, io come amministratore normale, le ho cestinate (ho fatto questo perché l'indomani avrei formattato), me l'ha fatto fare, mi ha fatto svuotare il cestino. ma se riavviavi, mi compariva la shell sh.

Link to comment
Share on other sites

hocico

<font color="ff0000">MacOSX è un BSD cavolo!!! Ma avete idea di come usare un BSD classico tipo FreeBSD sia gratificante per la potenza ma frustrante per la complessità?

Apple ha reso alla portata di tutti FreeBSD, ha dimostrato che UNIX può essere facile da usare, e questo è un traguardo incredibile.

Come dire la potenza di UNIX in mano a tutti, non è poco credetemi... </font>

vedi, in parte quello che dici non è vero. a parte che nessuno nega i meriti di apple in quella direzione, ma si chiede tuttavia un approccio più maclike ad alcune cose. in ogni caso, osx più o meno come lo conosciamo attualmente, se si esclude la barra alta dei menu, i volumi sulla scrivania e carbon, esiste dal 1988 e si chiamava NeXT.

il miracolo fatto da apple è stato creare carbon, perché è bene ricordare che senza quello, rhapsody morì, e perché senza quello non si avrebbero oggi il 90% dei software storici del mac su OSX.

quello che avrebbe dovuto fare (a mio modesta parere) era smussare il sistema e dare il la sensazione di continuità.

in questo in parte è riuscita, ma in parte no. se ci fosse riuscita completamente d'altra parte non ci sarebbero così tante persone a lamentarsi.

poi è chiaro che chi ha intenzione comunque di rimanere sulla piattaforma apple, deve usare os x, ma questo naturalmente non impedisce di criticare quello che si ritiene non andare bene.

Link to comment
Share on other sites

>Scusate ma non si tratta di essere tecno fan per capire che avere il preemptive multitaksing è meglio di non averlo.

--- attenzione: e' una questione molto sottile.

Il Mac originale era avanzatissimo riguardo alle questioni tecniche (leggi un altro thread sul futuro di Apple da me iniziato oggi), ma aveva interposto un enorme strato di astrazione tra utente e macchina.

In sostanza: la tecnologia c'era, ma era invisibile.

Il multitasking preimpositivo e' uno di quei casi in cui una buona tecnologia e' indistinguibile dalla magia (citazione), visto che non occorre saperlo usare, leggendo un manuale o osservando gli altri farlo.

Semplicemente, piu' applicazioni funzionano assieme senza intervento umano (assegnare la memoria correttamente, evitare certi usi ecc.)

Altri tipi di tecnologia sono altrettanto utili, ma per essere usati con profitto richiedono fatica (leggere i manuali, esercitarsi, avere certe nozioni di background ecc.).

L'idea vincente di apple era di riuscire a "mascherare" tutta la tecnica che esiste dentro ad un computer, e di servirla ad un utente gia' digerita, pronta all'uso senza sforzo.

In questo senso, alcune migliorie tecniche come ad esempio la multiutenza, sono utilissime, ma troppo *complesse* se proposte nella maniera attuale.

Quante persone sono *confuse* dal fatto di non poter scrivere in tutte le zone del proprio disco fisso? O dal non poter condividere qualsiasi cartella?

[una soluzione semplice potrebbe essere quella di limitare la vista e la esplorazione del filesystem alle sole parti che sono di proprieta' dell'utente, un po' come fa la GUI di OSX, che occulta la reale struttura sottostante, e lasciare al solo root la vista completa].

In sostanza, i vantaggi tecnologici sono una buona cosa, ma devono essere adeguatamente oscurati e ripresentati all'utente finale, altrimenti sono percepiti come una complicazione indesiderata.

>che fai se "casualmente" cancelli la cartella system?

>Sai bene che OSX, grazie alla struttura di Unix, non ti permette questi errori

--- non te lo permette finche' non sbagli una operazione: un sudo o una spunta ad un lucchetto. O finche' il system stesso non decide di cambiare i privilegi di qualche cartella...

> fattori tecnici, perche' tecnici siano oggettivi mentre quelli di percezione del prodotto non lo siano.

...

Un fattore tecnico lo puoi "misurare". Stabilità, performance

--- anche la semplicita' e intuitivita' del sistema e' misurabile. Prendi campioni statisticamente rilevanti di utenti di varia tipologia e li metti al lavoro osservandoli.

Allo stesso tempo anche sulle questioni tecniche puoi discutere all'infinito: vedi ad esempio su questo stesso forum le discussioni infinite sulle performance delle macchine apple (lente, non e' vero, e' colpa dell'os, no e' colpa dei processori, no e' colpa delle applicazioni non ottimizate, non e' vero ceh sono lente ecc.)

>Voi "utenti mac" guardate solo agli aspetti di usabilità

--- se non guardi a quello, dove e' il vantagio di hw apple + osx risppetto a hw intel + linux, ad esempio?

Link to comment
Share on other sites

>tu hai mai fatto visita ai ragazzi di allaboutapple? mi sa che quest'estate io ci faccio un salto!

--- non ci sono mai stato, ma in effetti sono tentato... se passi di qui...

Link to comment
Share on other sites

<font color="ff0000">--- se non guardi a quello, dove e' il vantagio di hw apple + osx risppetto a hw intel + linux, ad esempio?</font>

Nel fatto, che per esempio OSX è usabile da tutti, mentre Linux è ancora ancorato ai suoi dogmi di "nerdismo" Posted Image Nel fatto, che con OSX ho un sistema stabile come un unix, ma semplice come Windows, e con un parco software che Linux si sogna. Pensi che io userei Mac, se non fosse così ? Non ho nessuna difficoltà a usare Linux, lo uso da anni, ma l'esperienza di lavoro che sto avendo con il mac non l'ho mai avuta in anni di uso del pc. Guarda che condivido perfettamente quello che tu dici sull'usabilità di un sistema. E' vero, più features si hanno più un sistema diventa confuso per "l'utonto", ma questo non significa che eliminarle sia la soluzione giusta. Potrebbero essere nascoste, attivabili dalle preferenze, per esempio. Io prediligo un sistema versatile, perchè mi da più scelta.

Cmq la vediamo diversamente Posted Image E non è necessariamente un male, anzi Posted Image

Ciao,

Daniele

p.s. non ho proprio un mazzo da fare oggi Posted Image Ma tra poco vado a vedere Matrix Reloaded, quello sì è un bel "sistema operativo" Posted Image

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share